Apri il menu principale

Luigi Lombardi Vallauri (Roma, 4 aprile 1936) è un filosofo e professore universitario italiano.

È stato professore ordinario di filosofia del diritto presso l'Università Cattolica di Milano e l'Università degli Studi di Firenze. Dal 2011 ha insegnato all'Università degli Studi dell'Insubria e all'Università degli Studi di Sassari, dalla quale è stato chiamato per "chiara fama".

BiografiaModifica

Nasce e cresce in contesto familiare profondamente cattolico. Nipote del predicatore gesuita Riccardo Lombardi[1], cugino del direttore della Sala stampa vaticana Federico Lombardi, nonché nipote di Gabrio Lombardi,[2] si avvia alla formazione teologica alla Gregoriana di Roma. Nello stesso periodo consegue la laurea in Giurisprudenza col massimo dei voti presso l'Università di Roma, suo maestro è stato Emilio Betti. Abbandonata la vocazione sacerdotale intorno a vent'anni, dopo la laurea perfeziona gli studi giuridici in Germania e vince molto presto il concorso per la Libera docenza.

Nel 1970 diviene professore ordinario in Filosofia del diritto all'Università di Firenze, dove ha insegnato anche Argomentazione giuridica e Filosofia del diritto avanzata. Nel 1976 ottiene la cattedra in Filosofia del diritto anche all'Università Cattolica di Milano. Dopo il collocamento a riposo insegnerà presso le Università di Como e Sassari.

Massimo esperto di teoria dell'interpretazione giuridica, già direttore dell'Istituto per la documentazione giuridica del CNR (dal 1973 al 1977) e presidente della Società italiana di filosofia giuridica e politica (dal 1996 al 2000), è autore di una vastissima serie di saggi filosofico-giuridici. Con il suo Terre: Terra del Nulla, Terra degli uomini, Terra dell'Oltre ha aperto un nuovo filone della sua ricerca, dedicato alla filosofia della religione e della spiritualità. Al saggio Nera Luce, apparso nel 2001, Lombardi Vallauri ha consegnato la sua critica serrata ai dogmi del cattolicesimo e l'approdo all'apofatismo. I suoi interessi recenti riguardano la tutela giuridica dei diritti degli animali[3]. È vegano[4].

Nel 1979 Lombardi Vallauri ha fondato, e tuttora conduce, un "gruppo di meditazione" teso a esplorare le possibilità di una vita contemplativa all'altezza del sapere moderno. Il suo ultimo libro - che traduce in scrittura il seguitissimo corso di meditazioni tenuto dall'autore per Radio Tre Rai nel 2004, 2005 e 2007 - propone una "mistica laica", ossia una mistica che prescinde da rivelazioni soprannaturali coniugando il pensiero scientifico occidentale con le tecniche di meditazione tipiche delle filosofie orientali.

Allontanamento dall'Università CattolicaModifica

Dal 1976 Lombardi Vallauri ha insegnato Filosofia del diritto presso l'Università cattolica di Milano.

Il 19 aprile 1996 tiene una conferenza a Bari e all'inizio decide di sedersi in terra, giustificandosi presso l'uditorio con la frase: «Del Dio che emoziona non mi sento di parlare seduto su una sedia, quindi, mentre parlerò di questo Dio, starò seduto in terra».[5]

Nel 1998 è stato sospeso dall'attività didattica a causa del suo insegnamento ritenuto eterodosso rispetto alla dottrina della Chiesa Cattolica.

Fra i punti problematici secondo le autorità ecclesiastiche, un giudizio di Lombardi Vallauri sul dogma dell'inferno, da lui definito:

«incostituzionale [in quanto] nessun atto per quanto grave può meritare una pena eterna [e perché] è contraria ai princìpi più avanzati del diritto, e specificamente del diritto influenzato dal cristianesimo, una pena che in nessun modo tenda alla rieducazione/riabilitazione del condannato.[6]»

Il professore ha affermato in seguito:

«Quando i giudici ecclesiastici mi hanno cacciato fuori dall'Università Cattolica non riuscivano a formulare l'accusa ed io ho detto: "Ve la do io, il papa è quasi infallibile nell'errare".[7]»

Dopo l'esito negativo dei ricorsi giudiziari interni, Lombardi Vallauri si è rivolto alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Nel 2009 la Corte si è pronunciata a favore del ricorrente, ritenendo che fossero stati lesi i suoi diritti alla libertà di espressione (per il provvedimento adottato dalla Cattolica senza contraddittorio) e a un equo processo (per il rifiuto a pronunciarsi opposto dagli organi giurisdizionali amministrativi), entrambi garantiti, rispettivamente, dagli articoli 10 e 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Opere principaliModifica

  • Saggio sul diritto giurisprudenziale, Milano, 1967
  • Amicizia, carità e diritto, Milano, 1969 (nuova edizione: 1974)
  • Corso di filosofia del diritto, Padova, 1981 (seconda edizione: 2012)
  • Cristianesimo, secolarizzazione e diritto moderno, Milano, 1981
  • Terre: Terra del Nulla, Terra degli uomini, Terra dell'Oltre, Milano, 1989
  • Il Meritevole di tutela, Milano, 1990
  • Logos dell'essere - Logos della norma, Bari, 1999
  • Nera luce, Firenze, 2001
  • Riduzionismo e oltre: Dispense di filosofia per il diritto, Padova, 2002
  • Trattato di Biodiritto. La questione animale, Milano, 2013
  • Meditare in Occidente. Corso di mistica laica, Firenze, 2015
  • Scritti animali. Per l'istituzione di corsi universitari di diritto animale, Gesualdo, 2018

NoteModifica

  1. ^ Sandro Magister, L'inferno? Una vergogna, L'Espresso, 19 novembre 1988.
  2. ^ Guadagnucci 2012, p. 150.
  3. ^ Luigi Lombardi Vallauri, Scritti Animali. Per l'istituzione di corsi universitari di diritto animale, in Visionari, Gesualdo (AV), Gesualdo Edizioni, 2018, ISBN 9788885498099.
  4. ^ Guadagnucci 2012, p. 161.
  5. ^ Roberto Dal Bosco, Cristo o l'India, Verona, Fede e Cultura, 2018, p. 119. ISBN 978-88-6409-621-6
  6. ^ Guadagnucci 2012, p. 151.
  7. ^ L. Lombardi Vallauri, Sullo scarso fondamento dei fondamentalismi, Nuovamente.org. URL consultato il 6 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2008).

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Interventi e trasmissioni radiofoniche
Interviste
Controllo di autoritàVIAF (EN100278350 · ISNI (EN0000 0001 1827 9247 · LCCN (ENn82066312 · GND (DE123492963 · BNF (FRcb12141940d (data) · WorldCat Identities (ENn82-066312