Luigi Pareyson

filosofo italiano
Luigi Pareyson nel 1968.

Luigi Pareyson[1] (Piasco, 4 febbraio 1918Milano, 8 settembre 1991) è stato un filosofo e accademico italiano.

BiografiaModifica

Nato il 4 febbraio 1918 a Piasco, in provincia di Cuneo, da genitori entrambi originari della Valle d'Aosta, si laureò in Filosofia all'Università degli Studi di Torino a soli ventun anni, nel 1939, con una tesi dal titolo Carlo Jaspers e la filosofia dell'esistenza, che poi venne pubblicata nel 1940 dall'editore Loffredo di Napoli. Durante l'università, compì spesso viaggi di studio in Francia e in Germania, dove ebbe modo di conoscere personalmente Jacques Maritain, Karl Jaspers e Martin Heidegger.[2]

Per la sua precocità, si fece notare dai più importanti filosofi del tempo, tra i quali Giovanni Gentile.

Allievo di Gioele Solari e Augusto Guzzo, dopo aver seguito in Germania i corsi di Karl Jaspers, insegnò filosofia al Ginnasio Liceo Camillo Benso di Cavour di Torino e al liceo classico di Cuneo, dove ebbe come allievi alcuni futuri esponenti della Resistenza italiana, tra i quali Uberto Revelli e Ildebrando Vivanti. Nel 1944 fu arrestato per alcuni giorni, in seguito agì egli stesso nella Resistenza, insieme con Norberto Bobbio, Leonardo Ferrero, Duccio Galimberti e Pietro Chiodi, continuando a pubblicare anonimamente articoli sui temi della scuola e dell'educazione.

Nel dopoguerra insegnò al liceo classico Vincenzo Gioberti e in vari atenei tra cui l'Università di Pavia e quella di Torino dove, conseguito l'ordinariato nel 1952, ebbe la prima cattedra di estetica, appositamente creata per lui. Nel 1964 passò alla cattedra di storia della filosofia che resse fino al pensionamento, nel 1984, quindi la nomina a professore emerito, nel 1988.

Fu accademico dei Lincei e membro dell'Institut international de philosophie, oltre che direttore della Rivista di estetica, succedendo a Luigi Stefanini che la fondò nel 1956 a Padova.

Ebbe molti allievi, fra cui Umberto Eco, Gianni Vattimo, Francesco Tomatis, Mario Perniola, Sergio Givone, Giuseppe Riconda, Diego Marconi, Giuseppe Massimino, Marco Ravera, Ugo Perone, Claudio Ciancio, Maurizio Pagano, Aldo Magris e Valerio Zanone, segretario del Partito Liberale Italiano, ministro della Repubblica e sindaco di Torino.

Morì nel 1991 a Milano.[3]

PensieroModifica

Cattolico, considerato tra i maggiori filosofi italiani del XX secolo, assieme a Nicola Abbagnano fu tra i primi a far conoscere in Italia l'esistenzialismo tedesco, facente capo principalmente ad Heidegger e Jaspers, e a riconoscersi in questa visione (La filosofia dell'esistenza e Carlo Jaspers, 1940), in un quadro dominato dal neoidealismo. Si dedicò anche a dare una nuova interpretazione dell'idealismo tedesco non più in chiave hegeliana (Fichte, 1950), individuando in Friedrich Schelling un precursore a cui l'esistenzialismo doveva la propria ascendenza, sostenendo che «gli esistenzialisti autentici, i soli veramente degni del nome, Heidegger, Jaspers e Marcel, si sono richiamati a Schelling o hanno inteso fare i conti con lui».[4]

Per Pareyson l'esistenzialismo tedesco andava ripreso in chiave ermeneutica: considerava la verità non un dato oggettivo, come avviene nella scienza, ma come interpretazione del singolo, che richiede una responsabilità soggettiva. Chiamava la propria posizione «personalismo ontologico».[5]

Si è dedicato anche a ricerche storiografiche, individuando nella filosofia tedesca post-hegeliana due correnti, riconducibili rispettivamente a Søren Kierkegaard e a Ludwig Feuerbach, e che sarebbero sfociate rispettivamente nell'esistenzialismo e nel marxismo.

Il suo percorso filosofico, da lui stesso sintetizzato,[6] ha attraversato principalmente tre fasi:[7]

  1. una più propriamente esistenzialista, attestata cioè su un esistenzialismo personalistico, in dialogo con Kierkegaard, che riconosca come la comprensione di sé stessi è resa possibile solo dalla propria relazione con l'Altro;[8]
  2. una seconda incentrata sull'ermeneutica, ossia nel farsi strumento di interpretazione della verità, volgendosi ad una comprensione ontologica delle condizioni inesauribili dell'esistenza, che ripercorrendo Heidegger si tramuta da angoscia del nulla in ascolto dell'Essere;[9]
  3. l'ultima che si richiama a un'ontologia della libertà, più vicina a Schelling, ritenuto un filosofo talmente attuale da essere persino «post-heideggeriano», la cui interpretazione «può essere innovata a partire da Heidegger proprio perché Heidegger ha avuto Schelling all'origine del suo pensiero».[10]

Pareyson reinterpreta le tre fasi del suo pensiero alla luce del passaggio dalla filosofia negativa a quella positiva di Schelling, ossia il momento in cui la ragione, prendendo atto della propria nullità, si apriva allo stupore dell'estasi, in una maniera non necessaria né automatica, bensì fondata su una libertà che non esclude tuttavia la continuità.[11] Solo ammettendo questa libertà si può approdare da una filosofia puramente critica, negativa, ad una comprensione dell'esistenza reale, oltre che della possibilità del male e della sofferenza.

«Il discorso sulla negatività non sarebbe affatto completo se non si parlasse della sofferenza, ma dato che la sofferenza è non solo negatività, ma è una tale svolta nella realtà che capovolge il negativo in positivo, [...] questo fa già parte di quella tragedia cosmoteandrica che è la vicenda universale.»

(Luigi Pareyson, Ontologia della libertà, Torino, Einaudi, 1995, p. 59)

NoteModifica

  1. ^ Il filosofo e la sua famiglia pronunciavano il cognome Pareyson con l'accento sull'ultima sillaba: IPA: /pareiˈzɔn/. Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Pareyson", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  2. ^ Per gli accenni biografici di questa sezione, si veda Gianni Vattimo, "Pareyson, Luigi", in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 81, Anno 2014, come anche la breve biografia presente in https://www.centrostudipareyson.it/Home.html
  3. ^ Luciano Regolo, A Torino Gadamer ricorda Pareyson, Repubblica, 16 marzo 1993. URL consultato il 14 giugno 2011.
  4. ^ Cfr. Federico Guglielmo Giuseppe Schelling, in «Grande antologia filosofica», Vol. XVIII, Milano, Marzorati, 1971, p. 56.
  5. ^ Palma Sgreccia, Il pensiero di Luigi Pareyson: una filosofia della libertà e della sofferenza, Milano, Vita e Pensiero, 2006, p. 19 e segg.
  6. ^ Egli stesso offrì un'interpretazione del proprio percorso filosofico nell'introduzione alla quarta edizione di Esistenza e persona, pubblicata nel 1985.
  7. ^ Francesco Tomatis, Escatologia della negazione, Roma, Città Nuova Editrice, 1999, p. 97.
  8. ^ F. Tomatis, op. cit., p. 98.
  9. ^ F. Tomatis, op. cit., p. 100.
  10. ^ L. Pareyson, cit. in: Roselena Di Napoli, Il problema del male nella filosofia di Luigi Pareyson, Roma, Editrice Pontificia Università Gregoriana, 2000, p. 130.
  11. ^ F. Tomatis, op. cit., p. 108.

Opere principaliModifica

  • La filosofia dell'esistenza e Karl Jaspers, Napoli, Loffredo Editore, 1940 (nuova ed., Karl Jaspers, Casale Monferrato (AL), Marietti, 1983).
  • Studi sull'esistenzialismo, Firenze, G.C. Sansoni, 1943.
  • Esistenza e persona, Torino, Edizioni Taylor, 1950 (IV ed., Genova, Il Melangolo, 1985).
  • L'estetica dell'idealismo tedesco, Torino, Edizioni di «Filosofia», 1950.
  • Fichte, Torino, Edizioni di «Filosofia», 1950 (nuova ed., Milano, Mursia, 2011, ISBN 9788842546184).
  • Estetica. Teoria della formatività, Torino, Edizioni di «Filosofia», 1954 (nuova ed., Milano, Bompiani, 1988).
  • Teoria dell'arte, Milano, Marzorati, 1965.
  • I problemi dell'estetica, Milano, Marzorati, 1966.
  • Conversazioni di estetica, Milano, Mursia, 1966, ISBN 9788842590972.
  • Il pensiero etico di Dostoevskij, Torino, Einaudi, 1967.
  • Verità e interpretazione, Milano, Mursia, 1971, ISBN 9788842534716.
  • L'esperienza artistica, Milano, Marzorati, 1974.
  • Federico Guglielmo Schelling, in Grande antologia filosofica, vol. XVIII, Milano, Marzorati, 1971 (pp. 1-340).
  • Dostoevskij: filosofia, romanzo ed esperienza religiosa, Torino, Einaudi, 1976; 1993.
  • La filosofia e il problema del male, in Annuario filosofico, 2 (1986) pp. 7-69.
  • Filosofia dell'interpretazione, Torino, Rosenberg & Sellier, 1988.
  • Kierkegaard e Pascal, a cura di Sergio Givone, Milano, Mursia Editore, 1998.
  • Filosofia della libertà, Genova, Il Melangolo, 1989.
  • Ontologia della libertà. Il male e la sofferenza, Torino, Einaudi, 1995 (postumo).

Le "Opere complete" sono pubblicate a cura del "Centro studi filosofico-religiosi Luigi Pareyson", Edizioni Mursia, Milano.

Interviste principaliModifica

  • Se muore il Dio della filosofia, a cura di Ciro Sbailò, “Il Sabato”, anno XII, n° 34 (26 agosto 1989).
  • Io, filosofo della libertà, a cura di Roberto Righetto, “Avvenire”, p. 15 (28 febbraio 1990).

BibliografiaModifica

  • Mario Perniola, "Un'estetica dell'eccesso: Luigi Pareyson", in Rivista di Estetica, 40-1, 1993.
  • Alberto Rosso, Ermeneutica come ontologia della libertà. Studio sulla teoria dell'interpretazione di Luigi Pareyson, Milano, Vita e Pensiero, 1980.
  • Francesco Russo, Esistenza e libertà. Il pensiero di Luigi Pareyson, Roma, A. Armando Editore, 1993.
  • Marianna Gensabella Furnari, I sentieri della libertà. Saggio su Luigi Pareyson, Milano, Guerini e associati, 1994.
  • Alessandro Di Chiara, L'iniziativa. Il pensiero etico di Luigi Pareyson, Genova, il melangolo, 1999.
  • Francesco Paolo Ciglia, Ermeneutica e libertà. L'itinerario filosofico di Luigi Pareyson, Roma, Bulzoni Editore, 1995.
  • Francesco Tomatis, Ontologia del male. L'ermeneutica di Pareyson, Roma, Città Nuova Editrice, 1995.
  • Claudio Ciancio, Pareyson e l'esistenzialismo, Milano, Mursia Editore, 1998.
  • Francesco Tomatis, Bibliografia pareysoniana, Torino, Trauben Edizioni, 1998.
  • AA.VV., Les Cent du Millénaire, Aosta, Counseil régional de la Vallée d'Aoste & Musumeci Éditeur, 2000.
  • Ermenegildo Conti, La verità nell'interpretazione. L'ontologia ermeneutica di Luigi Pareyson, Torino, Trauben Edizioni, 2000.
  • Francesco Tomatis, Pareyson. Vita, filosofia, bibliografia, Brescia, Editrice Morcelliana, 2003.
  • Marisa Musaio, Interpretare la persona. Sollecitazioni pedagogiche nel pensiero di Luigi Pareyson, Brescia, Editrice La Scuola, 2004.
  • Palma Sgreccia, Il pensiero di Luigi Pareyson. Una filosofia della libertà e della sofferenza, Milano, Vita e Pensiero, 2006.
  • Paolo Diego Bubbio, Piero Coda (a cura di), L'esistenza e il logos. Filosofia, esperienza religiosa, rivelazione, Roma, Città Nuova Editrice, 2007.
  • Gianpaolo Bartoli, Filosofia del diritto come ontologia della libertà. Formatività giuridica e personalità della relazione, a partire dall'opera di Luigi Pareyson, Roma, Nuova Cultura, 2008.
  • Santi Lo Giudice, "Verità e interpretazione in L. Pareyson", Atti dell'Accademia peloritana dei Pericolanti, 52 (1975) pp. 219-39.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29573838 · ISNI (EN0000 0001 1613 6859 · SBN IT\ICCU\CFIV\000301 · LCCN (ENn80040560 · GND (DE119190044 · BNF (FRcb12163313r (data) · BNE (ESXX4579497 (data) · BAV (EN495/126663 · NDL (ENJA00999610 · WorldCat Identities (ENlccn-n80040560