Luigi Travaglino

nunzio apostolico

Luigi Travaglino (Brusciano, 6 settembre 1939) è un arcivescovo cattolico e diplomatico italiano, dal 16 gennaio 2016 nunzio apostolico emerito nel Principato di Monaco.

Luigi Travaglino
arcivescovo della Chiesa cattolica
 
TitoloLettere
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato6 settembre 1939 (84 anni) a Brusciano
Ordinato presbitero15 agosto 1962
Nominato arcivescovo4 aprile 1992 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo26 aprile 1992 da papa Giovanni Paolo II
 

Biografia

modifica

Luigi Travaglino è nato il 6 settembre 1939 a Brusciano, provincia di Napoli. È stato ordinato sacerdote il 15 agosto 1962 nella diocesi di Nola. Ha poi conseguito il dottorato in diritto canonico.[1]

Ha proseguito gli studi presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica[2] ed è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede nel 1970. I suoi incarichi includevano Bolivia, Etiopia, Portogallo, Scandinavia e Islanda, Zaire, El Salvador, Paesi Bassi e Grecia. Nel 1989 è rientrato a Roma per lavorare nella Sezione Generale della Segreteria di Stato.[3]

Ministero episcopale

modifica

Papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo titolare di Lettere e delegato apostolico in Sierra Leone il 4 aprile 1992,[4][5] aggiungendo l'incarico di pro-nunzio apostolico in Guinea il 23 aprile,[5] e pro-nunzio apostolico in Gambia e Liberia il 7 novembre.[6]

È stato consacrato vescovo il 26 aprile 1992 nella Basilica di San Pietro da Giovanni Paolo II.[7]

Il 2 maggio 1995 Travaglino è stato nominato nunzio apostolico in Nicaragua.[8] Il 30 ottobre 2001 Papa Giovanni Paolo II lo ha trasferito nuovamente alla Segreteria di Stato a Roma.

Il 14 e il 15 dicembre 2006 ha partecipato come inviato speciale della Santa Sede al vertice di Nairobi.[9]

Papa Benedetto XVI lo ha nominato il 5 gennaio 2011 Osservatore Permanente della Santa Sede presso l'ONU per l'alimentazione e l'agricoltura, il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo e il Programma alimentare mondiale; l'8 settembre 2012 il Papa ha aggiunto l'incarico di nunzio apostolico a Monaco.[10]

Il 13 settembre 2014 papa Francesco lo ha nominato membro della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli.[11]

Il suo mandato di Nunzio a Monaco si è concluso il 15 gennaio 2016 con la nomina del suo successore.[12]

Genealogia episcopale

modifica

La genealogia episcopale è:

  1. ^ Rinunce e Nomine, 05.01.2011, su press.vatican.va, Ufficio Stampa della Santa Sede, 5 gennaio 2011.
  2. ^ vatican.va, https://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_academies/acdeccles/documents/1950-1999.htm. URL consultato l'11 luglio 2019.
  3. ^ Rinunce e Nomine, 05.01.2011, su press.vatican.va, Ufficio stampa della Santa Sede.
  4. ^ (FR) Sierra Leone: Le pape nomme un nouveau délégué apostolique, Portal Catholique Suisse, 5 aprile 1992. URL consultato l'11 luglio 2019.
  5. ^ a b Acta Apostolicae Sedis (PDF), LXXXIV, 1992, p. 470.
  6. ^ Acta Apostolicae Sedis (PDF), LXXXIV, 1992, p. 1196.
  7. ^ Santa Messa per L'Ordinazione di Sette Nuovi Vescovi ..., Libreria Editrice Vaticana, 26 aprile 1992. URL consultato l'11 luglio 2019.
  8. ^ Acta Apostolicae Sedis (PDF), LXXXVII, 1995, p. 599.
  9. ^ International conference on the Great Lakes Region, su fides.org. URL consultato il 24 luglio 2023.
  10. ^ RINUNCE E NOMINE, su press.vatican.va. URL consultato il 29 gennaio 2021.
  11. ^ Rinunce e Nomine, 13.09.2014, su press.vatican.va, Holy See Press Office, 13 settembre 2014.
  12. ^ Rinunce e nomine, 16.01.2016, su press.vatican.va, Holy See Press Office, 16 gennaio 2016.

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89531360 · ISNI (EN0000 0000 6269 9356 · SBN MILV352812 · WorldCat Identities (ENviaf-89531360