Apri il menu principale

Luisa Elisabetta di Württemberg-Oels

nobile tedesca
Luisa Elisabetta di Württemberg-Oels
Luise-Elisabeth-von-Sachsen.jpg
Duchessa consorte di Sassonia-Merseburg-Lauchstädt
In carica 1688-1690
Nascita Bernstadt, 22 febbraio 1673
Morte Forst, 28 aprile 1736
Casa reale Casato di Württemberg
Padre Cristiano Ulrico I, Duca di Württemberg-Oels
Madre Anna Elisabetta di Anhalt-Bernburg
Consorte Filippo, Duca di Sassonia-Merseburg-Lauchstädt
Figli Cristiano Luigi, principe ereditario di Sassonia-Merseburg-Lauchstädt

Luisa Elisabetta di Württemberg-Oels (22 febbraio 167328 aprile 1736) era una Duchessa di Württemberg-Oels per nascita e per matrimonio Duchessa di Sassonia-Merseburg-Lauchstädt. Nel 1709, ripristinò il ordine ducale di Württemberg-Oels del teschio come ordine cavalleresco per le signore.

Nata a Bernstadt (ora chiamata Bierutów), capitale del ducato di Bernstadt in Slesia, era la maggiore dei sette figli del Duca Cristiano Ulrico I di Württemberg-Oels e della sua prima moglie, Anna Elisabetta, una figlia del Principe Cristiano II di Anhalt-Bernburg.

Sua madre morì per le complicazioni del suo ultimo parto il 3 settembre 1680 e suo padre si risposò altre tre volte: a Doberlug il 27 ottobre 1683 con Sibilla Maria, una figlia del Duca Cristiano I di Sassonia-Merseburg; a Hamburg il 4 febbraio 1695 con Sofia Guglielmina, una figlia del Principe Enno Luigi Cirksena della Frisia orientale e a Güstrow il 6 dicembre 1700 con Sofia, una figlia del Duca Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow. Luisa Elisabetta e la sorella minore Sofia Angelica (per matrimonio Duchessa di Sassonia-Zeitz-Pegau-Neustadt) erano gli unici figli sopravvissuti del matrimonio dei loro genitori. Dai matrimoni successivi del padre ebbe otto fratellastri e sorellastre, di cui solo tre sopravvissero età adulta: Carlo Federico II di Württemberg-Oels, Cristiano Ulrico II di Württemberg-Wilhelminenort (entrambi figli di Sibilla Maria) e Augusta Luisa (figlia di Sofia Guglielmina; per matrimonio Duchessa di Sassonia-Weissenfels-Barby).

BiografiaModifica

 
Il Castello di Bernstadt nel 1860; Luisa Elisabetta nacque qui nel 1673.

Il 20 agosto 1688, all'età di 15 anni, Luisa Elisabetta sposò il Duca Filippo di Sassonia-Merseburg-Lauchstädt come sua seconda moglie. Lui aveva 31 anni ed era un fratello maggiore della sua matrigna Sibilla Maria. Una medaglia fu coniata per commemorare il loro matrimonio. Dopo le nozze, la coppia risiedette a Merseburg, dove il loro figlio Cristiano Luigi nacque il 21 luglio 1689. Un anno dopo (1690) nel giro di pochi giorni, perse suo figlio (6 giugno) e suo marito (caduto durante la battaglia di Fleurus il 1º luglio). Luisa Elisabetta seguì suo marito a Fleurus, e il campo dove soggiornò fu attaccato dai francesi. In seguito, ella ebbe difficoltà viaggiando ritorna Merseburg e di là a Lauchstädt.

Nel 1704, suo padre morì. Nello stesso anno, si trasferì dal Castello Lauchstädt alla sua sede vedovile di Forst. Il castello a Forst era disabitato da quando Ferdinando II di Bieberstein, suo ultimo abitante, era morto nel 1667. Lei lo fece rinnovare e ampliato e aggiunse una cappella. La grande sala al di sopra del cancello d'ingresso era utilizzata come cappella del castello. La sua corte era gestita dal suo alto Hofmeister Carl Gottlob von Goldstein auf Passendorf und Angersdorf e da sua moglie, Christiane Sibylle Marschall von Bierberstein assistiti dal due ulteriori Hofmeisters, Otto Heinrich von Vibra e Bodo Gottlieb von Koseritz. Il suo scudiero era Hans Günther von Bomsdorf auf Weissagk, e dopo la sua morte, un Barone von Lossow. Ella impiegò anche diversi cameriere, un bel paio di paggi, un diacono di corte, un cappellano, un medico personale, e dopo il 1710 un cantore di corte, che supervisionava anche i paggi, e un catechista, che assisteva il cappellano e educava i figli del suo staff. Assunse inoltre un direttore d'orchestra e vari musicisti, la maggior parte dei quali erano anche lacchè, un cantante da camera, un nano corte femminile, un gestore di corte, un timoniere, un giardiniere, e un numero di dipendenti con ogni sorta di titoli di lavoro.[1]

Nel 1709, ripristinò il ordine ducale di Württemberg-Oels del teschio come ordine cavalleresco per le signore. Inoltre nel 1709, aprì il primo ufficio postale a Forst, ospitato nel suo palazzo, a causa del suo impegno[2]

Tra il 1717 e il 1721, la sua piccola orchestra di corte fu diretta da Christian August Jacobi (1688 – dopo il 1725). Nel 1718, egli compose la sua cantata di Natale (DE) Der Himmel steht uns wieder offen per tenore solo, gruppo di archi, tromba e basso continuo, rappresentato per la prima volta il giorno di Natale del 1718 nella cappella di corte.[3] Questo cantata è considerata rappresentativa della musica barocca sassone e viene ancora eseguita occasionalmente nella Frauenkirche a Dresda.

Visse a Forst fino alla sua morte; morì il 28 aprile 1736. Fu sepolto nella cripta della chiesa di San Nicola a Forst (Lausitz).

EreditàModifica

La (DE) Elisabethstraße a Forst è stata chiamata in suo onore. È vicino alla localizzazione del suo palazzo, che non esiste più.[4] TLa posizione esatta della sua tomba nella chiesa di San Nicola è sconosciuta.

FigliModifica

Dal suo matrimonio, Luisa Elisabetta ebbe un figlio maschio:

  • Cristiano Luigi (21 luglio 1689 in Merseburg - 6 giugno 1690, ibid.), Principe Ereditario di Sassonia-Merseburg-Lauchstädt

NoteModifica

  1. ^ Johann Christoph Schneider: Chronik der Stadt und Standesherrschaft Forst vor und nach der Vereinigung mit der Standesherrschaft Pförten, Guben, 1846, p. 161
  2. ^ Jürgen Grumbt and Hans Kober: Vom Beginn der Post im sächsischen Forsta vor 300 Jahren. Ein Beitrag zur Geschichte der Stadt Forst (L.) von 1709 bis 1815, in: Forster Jahrbuch für Geschichte und Heimatkunde 2009, Forst (Lausitz), 2008, p. 51.
  3. ^ Wolfgang Hanke: Der Himmel steht uns wieder offen. Christian August Jacobi — eine geniale musikalische Begabung als Kapelldirektor im barocken Forst, in: Forster Jahrbuch für Geschichte und Heimatkunde 2008, Forst (Lausitz), 2007, p. 78
  4. ^ Richard Ihlo, Winfried Scholze: Forster Straßennamen und ihre Bedeutung, part 10, in: Forster Wochenblatt of 16 ottobre 1998, p. 9

BibliografiaModifica

  • Johann Christoph Schneider: Chronik der Stadt und Standesherrschaft Forst vor und nach der Vereinigung mit der Standesherrschaft Pförten, Guben 1846, p. 161, Online
  • Johann Samuel Ersch: Allgemeine encyclopädie der wissenschaften und künste in alphabetischer Folge, Leipzig 1832, p. 405, Online
  • Der Orden des Todtenkopfes. 1652, in: Joseph von Hormayr: Taschenbuch für die vaterländische Geschichte, vol. 9, Leipzig 1838, p. 289, Online
  • Die Ritter vom Todtenkopfe., in: Hermann Markgraf: Der schwarze Mann, Vienna, 1863, p. 19 ff, in particular p. 30, Online
  • Der Orden des Todtenkopfes, in: Archiv für Geschichte, Statistik, Literatur und Kunst, vol. 16, p. 752, Online
  • Andreas Lazarus von Imhof: Neu-Eröffneter Historien-Saal Das ist Kurtze, deutliche und unpartheyische Beschreibung der Allgemeinen Welt- und Kirchen-Geschichten: Von Anfang bis auf diese unsere Zeiten, in ordentliche Periodos oder Zeit-Begriffe eingetheilet. Enthaltend die Geschichten unter der Regierung Kaysers Josephi, bis auf die Regierung Kaysers Caroli VI. und das Jahr 1724, vol. 4, p. 245, Online
  • Der Orden des Todtenkopfes, in: Johann Hübner: Johann Hübners Neu-vermehrtes und verbessertes Reales Staats- Zeitungs- und Conversations-Lexicon: Darinnen so wohl Die Religionen und geistlichen Orden, die Reiche und Staaten... klar und deutlich beschrieben werden, Regensburg and Vienna, 1765, p. 941 Online
  • Würtemberg-Oelsischer Ritterorden des Todtenkopfs, in: Gustav Adolph Ackermann: Ordensbuch sämmtlicher in Europa blühender und erloschener Orden und Ehrenzeichen, Annaberg, 1855, p. 198, Online

Collegamenti esterniModifica

  • Birthday note for Louise Elisabeth from 1694, in VD17 (DE)
  • Edifying message[collegamento interrotto] from the life and death of Louse Elisabeth, born Duchess of Württemberg, by marriage Duchess of Saxe-Merseburg, and a believer in the truth of the gospel, from 1751
  • Poem, in memory of Louise Elisabeth of Saxe-Merseburg, from 28 April 1736
  • Commemorative Medal for the wedding of Duke Philipp of Saxe-Merseburg-Lauchstädt and Duchess Louise Elisabeth of Württemberg-Oels. It reads FLAMMAE SER. NEONYMPH. PHIL. D. S. J. C. & M. Louis& Elis. D. VV. T. & O. B. DICATE BEROLS 20 AUG. 1688.
Controllo di autoritàVIAF (EN54578707 · GND (DE104177098 · CERL cnp01050425 · WorldCat Identities (EN54578707
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie