Apri il menu principale
Coat of arms of the House of Este (1239).svg

Questa pagina elenca i luoghi di sepoltura conosciuti, documentati e utilizzati dalla famiglia d'Este nella loro storia.

Sala del Coro nel monastero del Corpus Domini, a Ferrara, dove sono sepolti molti esponenti della casata degli Estensi.

Indice

Monastero del Corpus Domini a FerraraModifica

 
Lapide che ricopre i resti mortali di vari membri della casata degli Estensi trasferiti da Santa Maria degli Angeli, chiesa scomparsa, in Corpus Domini, a Ferrara

Nel Monastero del Corpus Domini si conservano le tombe di:

Chiesa di San Francesco di FerraraModifica

Nella chiesa di San Francesco trovarono sepoltura:[4]

Certosa di FerraraModifica

 
Certosa di Ferrara, primo Gran Claustro, famedio e tomba di Borso d'Este

Nel Cimitero monumentale della Certosa di Ferrara sono sepolti:

Abbazia della VangadizzaModifica

L'abbazia della Vangadizza accoglie i resti di:

Chiesa di San Vincenzo di ModenaModifica

Nel 1836, il Francesco IV d'Este dedicò la chiesa di San Vincenzo (Modena) a luogo di sepoltura di quasi tutti i componenti della casa, già tumulati nelle diverse chiese della città.[10]

Cripta Imperiale di ViennaModifica

A Vienna vennero seppelliti i membri del ramo d'Austria-Este

In altri edifici religiosiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Tombe estensi, su elisabettagulino.it. URL consultato il 12 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2017).
  2. ^ a b c d e Comitato diocesano, p. 84.
  3. ^ a b Comitato diocesano, p. 85.
  4. ^ Commentarii della guerra di Ferrara tra 11 Viniziani ed il duca Ercole d'Este.
  5. ^ Annali della città di Bologna.
  6. ^ Teodosio Lombardi, I francescani a Ferrara: Il convento e la chiesa di S. Francesco dei Frati minori conventuali, 1974.
  7. ^ Dell'Istoria de Visconti.
  8. ^ Delle monete di Ferrara.
  9. ^ Abbazia della Vangadizza, Comune di Badia Polesine. Archiviato il 15 giugno 2012 in Internet Archive.
  10. ^ Musei di Modena. Chiesa di San Vincenzo.
  11. ^ Boiardo.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica