Lurago d'Erba

comune italiano
Lurago d'Erba
comune
Lurago d'Erba – Stemma
Lurago d'Erba – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoFederico Bassani (lista civica Progetto Lurago) dal 26-5-2013
Territorio
Coordinate45°45′N 9°13′E / 45.75°N 9.216667°E45.75; 9.216667 (Lurago d'Erba)Coordinate: 45°45′N 9°13′E / 45.75°N 9.216667°E45.75; 9.216667 (Lurago d'Erba)
Altitudine351 m s.l.m.
Superficie4,7 km²
Abitanti5 298[1] (30-11-2020)
Densità1 127,23 ab./km²
FrazioniCalpuno, Careggia, Colciago, Piazza.
Comuni confinantiAlzate Brianza, Anzano del Parco, Inverigo, Lambrugo, Merone, Monguzzo
Altre informazioni
Cod. postale22040
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013136
Cod. catastaleE749
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 568 GG[3]
Nome abitantiluraghesi
Patronosan Giovanni Evangelista e san Rocco
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lurago d'Erba
Lurago d'Erba
Lurago d'Erba – Mappa
Posizione del comune di Lurago d'Erba nella provincia di Como
Sito istituzionale

Lurago d'Erba (Lüragh in dialetto brianzolo, pronuncia fonetica IPA: /lyˈrɑːk/, e semplicemente Lurago fino al 1863) è un comune italiano di 5 298 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Origini del nomeModifica

Sia toponimo Lauriacum sia quello della frazione Calpuno sarebbero di origini romana.[4] Quest'ultimo in particolare sarebbe da legare alla gens Calpurnia originata da Calpo, figlio del re di Roma Numa Pompilio. Alcune monete recanti l'effige di quest'ultimo sarebbero effettivamente emerse durante alcuni scavi archeologici effettuati nel territorio luraghese[4].

StoriaModifica

Da Lauriacum, nome latino di Lurago d'Erba, passava la via Mediolanum-Bellasium, strada romana che metteva in comunicazione Milano con Bellagio.

La più antica menzione storica di Lurago si ritrova nel testamento dell'arcivescovo milanese Ansperto, datato 879.[4] Posteriore di poco più che quattro decenni è invece la prima attestazione della corte di Calpuno, commenda affidata al Capitolo del Duomo di Monza[4].

Sotto la Signoria di Milano, gli “Statuti delle acque e delle strade del contado di Milano fatti nel 1346” riportano “el locho da Luyrago con le cassine de Montesello” tra le località che, all'interno della pieve di Incino, hanno il compito della manutenzione della “strata da Niguarda”[5].

Ai tempi del Ducato di Milano, in un primo momento Lurago seguì le sorti della pieve d'Incino, infeudata ai Dal Verme per concessione di Filippo Maria Visconti nel 1441[5].

A partire dal 1486 e fino al XVIII secolo una parte di Lurago finì ai Bentivoglio, feudatari anche di Colciago, Monticello e Monguzzo[5]. Nel XVII secolo il resto di Lurago fu in un primo momento concesso ai Giussani assieme a Lambrugo, Alserio, Anzano, Cassina Pugnaga Cassina Marcetta, Cassina Visconti, Nobile, Camisasca, Brenno e Centemero (1656), per poi tornare a disposizione della Regia Camera del Ducato di Milano per motivi di apprensione in un secondo momento (1682)[5].

Nel 1751 il territorio di Lurago si estendeva anche sui cassinaggi di “San Giorgio”, “la Casetta”, “la Cadè”, “li Ronchi”, Cabassa, Caregiola, Fornace, Monticello e sulla “Cavolta”[5]. Sei anni più tardi il comune è attestato con la dicitura "Lurago con porzione di Calpuno"[6].

Con la riorganizzazione amministrativa del Regno d'Italia napoleonico decretata nel 1807, il territorio di Lurago si estese ai comuni di Colciago ed uniti e di Lambrugo[7]. L'annessione di Lambrugo fu tuttavia abrogata dagli austro-ungarici, ritornati in possesso della Lombardia dopo la caduta di Napoleone[8].

Nel 1863 la denominazione del comune passò da "Lurago" a "Lurago d'Erba"[9].

Nel 1967 Lurago d'Erba cedette la frazione di Cadea al comune di Lambrugo[9][10].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

  • Chiesa di San Giovanni Evangelista[11] (a Lurago), elevata a sede parrocchiale nel 1529[12]. La chiesa fu costruita sulle base di un'omonima cappella attestata nella pieve di Incino già nel XIII secolo,[12] citata anche da Goffredo da Bussero[13]. Modificata nel Settecento, la struttura fu completamente ricostruita agli inizi del XX secolo[13] e riconsacrata nel 1913; di poco successivo è l'adiacente campanile, denominato "Torre dei Caduti".
  • Battistero (a Lurago), risalente al XVII secolo[14], in pieno centro storico.
  • Chiesa di San Giorgio (a Colciago), già Chiesa Parrocchiale menzionata da Goffredo da Bussero ma dal XVIII secolo sconsacrata e completamente inglobata nell'omonima cascina[13].
  • Chiesa di Santo Stefano[15] (a Careggia). Di origine antica - fu anch'essa citata da Goffredo da Bussero - venne più volte ampliata e rimaneggiata nel corso dei secoli[13].

Architetture civiliModifica

Villa SormaniModifica

Nelle vicinanze della parrocchiale di San Giovanni Battista si trova Villa Sormani[4], costruita nel 1783[4][13][16] sulla base di un precedente edificio, [16]all'interno di un parco che ospita anche un torrione del XVI secolo.[13]

Commissionata da Alessandro Sormani, erede dei Giussani già feudatari di Lurago,[13] la villa è anche nota come Villa Sormani Andreani Verri, dal nome delle famiglie che la possedettero nel 1831 (gli Andreani) e nel 1903 (i Verri)[13].

Esternamente in stile neoclassico, la villa conserva interni in stile rococò e dipinti del XVIII secolo.[16]

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[17]

Geografia antropicaModifica

Il Comune di Lurago d'Erba si può suddividere in 5 centri principali, che sorgono sulle diverse colline che fanno parte del territorio comunale:

  • Lurago (Luragh in dialetto), che sorge sulla collina orientale ed in cui si trovano i principali monumenti del paese, nonché il centro storico;
  • Calpuno (Calpugn in dialetto) si trova sulla collina nord-occidentale;
  • Colciago (Culciagh in dialetto) è sulla parte ovest del Comune;
  • Careggia (Carégia in dialetto) si trova a sud-ovest, al confine con il Comune di Inverigo ed in particolare con la sua frazione di Cremnago;
  • Careggiola (Caregioeula in dialetto) si trova a nord del paese, ai confini con Monguzzo e nelle vicinanze della ferrovia Como-Molteno-Lecco.

Le cascineModifica

Come in tutti i paesi della Brianza, anche a Lurago d'Erba sono presenti numerose cascine, per la maggior parte ristrutturate ed adibite oggi ad abitazione; tra queste, si possono citare:

  • Ca' Bassa (vicino a Careggiola), oggi in stato di abbandono;
  • Casalta (Ca' Vôlta in dialetto), tra Careggiola e Lurago;
  • Ca' Ronchi (Ca' di Runch in dialetto), posta su un'altura vicino alla Casalta;
  • Cascina San Rocco (Ca' de San Rocch in dialetto), alle pendici settentrionali della collina su cui sorge Lurago;
  • Cascina Monticello (Ca' Muntesèll in dialetto), sulla Statale Como-Bergamo in direzione Como;
  • Cascina San Giorgio (Ca' de San Giorg in dialetto), a Colciago, alla quale nel XVIII secolo fu annessa l'omonima chiesa, allora abbandonata ma già citata da Goffredo da Bussero[13];
  • Cascina Viganò, scendendo da via Pioppette, prima dell'incrocio con la Statale Como-Bergamo.

EconomiaModifica

Territorio di vocazione agricola Lurago d'Erba fu un centro dedito alla bachicoltura e, nel XIX secolo, divenne rinomato per la lavorazione artigianale del vimini finalizzata alla produzione di ceste e canestri[13].

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1883 1890 Conte Lorenzo Sormani Andreani Verri Sindaco
1890 1896 Cesare Marelli Sindaco
1896 1899 Dott. Amilcare Tacchini speziale Sindaco
1899 1910 Conte Lorenzo Sormani Andreani Verri Sindaco
1910 1922 Gaetano Carlo Colombo Sindaco
1922 1925 Battista Intraina Commissario prefettizio
1925 1926 Cav. Carlo Caspani Commissario prefettizio
1926 1936 Cav. Carlo Caspani Podestà
1936 1937 Conte Antonio Sormani Commissario prefettizio
1937 1943 idem podestà in sua assenza Bassani Giovanni Podestà
1943 1945 Francesco Molteni e Vanni Biraghi Commissario prefettizio
1945 1946 Vittorio Bonacina Sindaco
1946 1951 Michele Vitali Sindaco
1951 1952 Fiorello Cremona Sindaco Dimissionario
1952 1956 Piero Viganò Sindaco
1956 1970 Corrado Bertelè Sindaco
1970 1975 Luigi Panzeri Sindaco
1975 1980 Marco Consonni Sindaco
1980 1985 Piergiuseppe Panzeri Sindaco
1985 1990 Piergiuseppe Panzeri Sindaco
1990 1995 Piergiuseppe Panzeri Sindaco
1995 1999 Salvatore Colombo Sindaco
1999 2004 Rinaldo Mario Redaelli lista civica Uniti per Lurago d'Erba, centrodestra Sindaco
2004 2009 Rinaldo Mario Redaelli lista civica Uniti per Lurago d'Erba, centrodestra Sindaco
2009 2012 Carlo Cova lista civica Uniti per Lurago d'Erba, centrodestra Sindaco deceduto il 25/12/2012
2013 2018 Federico Bassani lista civica Progetto Lurago Sindaco
2018 in carica Federico Bassani lista civica Progetto Lurago Sindaco

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c d e f Villa Sormani - complesso, Via Mazzini, 16 - Lurago d'Erba (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  5. ^ a b c d e Comune di Lurago, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  6. ^ Comune di Lurago, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  7. ^ Comune di Lurago, 1798 - 1815 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  8. ^ Comune di Lambrugo, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  9. ^ a b Comune di Lurago d'Erba, 1859 - [1971] – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  10. ^ Decreto del presidente della Repubblica 12 gennaio 1967, n. 23, in materia di "Distacco della frazione Cadea dal comune di Lurago d'Erba e sua aggregazione al comune di Lambrugo (Como)."
  11. ^ Chiesa di S. Giovanni Evangelista - complesso, Piazza Vittorio Veneto - Lurago d'Erba (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  12. ^ a b SIUSA - Parrocchia di S. Giovanni evangelista in Lurago d'Erba, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  13. ^ a b c d e f g h i j Borghese, p.277.
  14. ^ Battistero, Via Cavour - Lurago d'Erba (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  15. ^ Chiesa di S. Stefano, Via S. Stefano - Lurago d'Erba (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 aprile 2020.
  16. ^ a b c Belloni et al., p. 242.
  17. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

BibliografiaModifica

  • Luigi Mario Belloni, Renato Besana e Oleg Zastrow, Castelli basiliche e ville - Tesori architettonici lariani nel tempo, a cura di Alberto Longatti, Como - Lecco, La Provincia S.p.A. Editoriale, 1991.
  • Annalisa Borghese, Lurago d'Erba, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 277.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN136186489 · GND (DE4305608-8 · WorldCat Identities (ENlccn-n92068421