Apri il menu principale
Lusiana Conco
comune
Lusiana Conco – Veduta
Panorama del territorio comunale, con Lusiana (a sinistra) e Conco (a destra) tra le montagne delle Prealpi vicentine.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Amministrazione
CapoluogoConco
SindacoAntonella Corradin (lista civica) dal 27-5-2019
Data di istituzione20 febbraio 2019
Territorio
Coordinate
del capoluogo
45°48′03.24″N 11°36′29.16″E / 45.8009°N 11.6081°E45.8009; 11.6081 (Lusiana Conco)Coordinate: 45°48′03.24″N 11°36′29.16″E / 45.8009°N 11.6081°E45.8009; 11.6081 (Lusiana Conco)
Altitudine830 m s.l.m.
Superficie61,19 km²
Abitanti4 709[2] (31-12-2017)
Densità76,96 ab./km²
FrazioniFontanelle, Laverda, Rubbio, Santa Caterina, Valle[1]
Comuni confinantiAsiago, Bassano del Grappa, Lugo di Vicenza, Marostica, Salcedo, Valbrenta
Altre informazioni
Prefisso0424
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT024127
Cod. catastaleM427
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cartografia
Lusiana Conco – Mappa
Posizione del comune di Lusiana-Conco nella provincia di Vicenza

Lusiana Conco (Lusaan Kunken in cimbro) è un comune italiano sparso della provincia di Vicenza, in Veneto. Si trova sull'Altopiano dei Sette Comuni.

È stato istituito il 20 febbraio 2019, dalla fusione degli ex comuni di Conco (sede comunale di Lusiana Conco)[1] e di Lusiana (la sede di rappresentanza, degli organi elettivi e degli uffici per il pubblico del comune)[1].

Geografia fisicaModifica

Lusiana Conco si trova sul versante meridionale dell'altopiano dei Sette Comuni. Si estende su 61,19 km² (di questi, 34,34 km² appartenevano all'ex comune di Lusiana e 26,85 km² all'ex comune di Conco). La quota minima è di 229 m (presso Laverda), mentre la massima è di 1388 m (monte Gusella o Mosca) ma, considerando che la cima è di proprietà del comune di Lusiana Conco, si raggiungono anche i 2336 m di Cima XII[3], la montagna più alta della provincia e di tutte le prealpi vicentine.

 
Mappa del territorio dei Sette Comuni. In blu, il comune di Lusiana Conco e le due porzioni del "nuovo patrimonio"; in rosso, la linea di demarcazione del territorio dell'ex consorzio dei beni della Reggenza.

Dall'ex comune di Lusiana, Lusiana Conco ha infatti ereditato due vaste porzioni di territorio collocate a nord dell'altopiano, note come "nuovo patrimonio". Il comune ne è proprietario e sono soggette all'uso civico degli abitanti dell'ex comune di Lusiana; ma, dal punto di vista amministrativo, ricadono entro i confini di Asiago. Questa particolare situazione è dovuta alla spartizione dei beni collettivi che erano stati dell'antica Reggenza dei Sette Comuni: inizialmente furono compresi nel censuario di Asiago e gestiti attraverso un consorzio intercomunale, in seguito (per atto a rogito del 29 dicembre 1925) furono divisi (nonostante la contrarietà proprio di Lusiana oltre che di Asiago[4]) in porzioni che divennero proprietà dei vari enti[5]. L'assegnazione avvenne per sorteggio, e ciò spiega perché le due porzioni (a Lusiana, in qualità di "comune maggiore", spettarono due decimi della suddivisione[4]) si trovano nella zona nordovest dell'altopiano, mentre il territorio comunale è collocato a sudest. Le due fasce di territorio del nuovo patrimonio sono le zone Larici-Manazzo (4,38 km²) e Galmarara-Cima XII (20,22 km²)[6][3]. La proprietà dell'intero territorio comunale si estende così per 85,79 km². All'ex comune di Conco non furono assegnati territori poiché, all'epoca della Reggenza, costituiva una "contrada annessa".

Nel territorio sono presenti numerose valli generate dal fenomeno dell'erosione idrica, ma manca pressoché ovunque l'acqua in superficie (eccezione per la valle del Covolo) a causa del fenomeno del carsismo.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Altopiano dei Sette Comuni, Federazione dei Sette Comuni, Lusiana e Conco.

Ricerche archeologiche hanno portato alla luce i resti di un insediamento preistorico in Val Lastaro, risalente a circa 11 000 anni fa[7] mentre sul Monte Corgnon sono stati trovati numerosi reperti, conservati oggi in vari musei archeologici, che testimoniano la presenza di un importante sito di altura, forse un castelliere o un luogo di culto. Sul sito è stato ricostruito un "villaggio preistorico" dell'età del bronzo. Il territorio fu poi colonizzato da popolazioni cimbre per cui gran parte dei toponimi del comprensorio conservano un legame con la lingua cimbra.

Dal punto di vista politico, l'area prealpina che va dall'Astico al Brenta fu soggetta al vescovo di Padova a partire dalla donazione dell'imperatore Berengario I del 917. Successivamente fu legata al comune di Vicenza, agli Ezzelini e al comune di Padova sino al definitivo assoggettamento alla Repubblica di Venezia nel 1405. Nel frattempo, la popolazione dell'altopiano si era organizzata nella Federazione dei Sette Comuni: Lusiana ne era uno dei comuni maggiori, a cui era legato anche il territorio di Conco (una delle contrade annesse ai Sette Comuni)[7]. Caduta la Serenissima, la Federazione venne sciolta e venne in seguito istituito il comune di Conco che si separò quindi da Lusiana. A seguito di un referendum svoltosi il 16 dicembre 2018, a Lusiana con il 74% dei si[8] ed a Conco con il 50,5% dei si[9], si deciderà di fondere i due comuni con la nascita del nuovo comune di Lusiana Conco avvenuta istituzionalmente il 20 febbraio 2019[10].

Prima guerra mondialeModifica

Il territorio di Lusiana Conco è stato interessato da importanti eventi durante il primo conflitto mondiale: trovandosi l'altopiano dei Sette Comuni lungo la linea del vecchio confine di Stato, tutto il comprensorio venne infatti coinvolto negli eventi bellici. La zona settentrionale (comprensori di cima Larici e della valle di Galmarara) fu la prima ad essere coinvolta, con l'Offensiva di Primavera tale territorio cadde infatti in mano austroungarica e divenne in seguito importante settore di retrovia imperiale; la zona meridionale al contrario si trasformò in un importantissimo crocevia di soldati delle forze dell'Intesa, in particolar modo dopo la rotta di Caporetto quando anche sull'altopiano le truppe del REI furono costrette a retrocedere sino alle alture immediatamente a nord di Lusiana e di Conco. A Lusiana ebbe sede il comando del XIV Corpo d'Armata mentre a Conco del XIII C.d.A. e sul monte Bertiaga vi fu la sede del comando supremo (gen. Luigi Cadorna) durante la battaglia del monte Ortigara.

Seconda Guerra mondialeModifica

Lusiana e Conco furono teatro di scontri anche durante il secondo conflitto mondiale, in particolare tra truppe partigiane e reparti nazifascisti che tentavano di tenersi aperta la via per il Brennero. Proprio attorno ad alcune frazioni del comune nacquero le prime formazioni della Resistenza sull'altopiano, che a più riprese vennero coinvolte in pesanti rastrellamenti che poi sfociarono anche con rappresaglie sulla popolazione civile. Per questi fatti a Conco venne concessa la Croce di Guerra al Valor Militare.

Flora e faunaModifica

La maggior parte della superficie comunale è coperta da foreste che comprendono formazioni di orno-ostrieti ed ostrio-querceti, faggete ed abieteti a sud mentre a nord (entro cioè i confini del nuovo patrimonio) sono più diffuse le peccete e soprattutto le mughete, oltre alle praterie d'alta quota e alle zone di rupe. La funzione prevalente della struttura vegetazionale è di tipo ambientale e produttiva.

Tra la fauna vivono diverse specie di ungulati: il capriolo, il cervo, il camoscio, il muflone ed il cinghiale. È stato più volte avvistato l'orso mentre è presente il lupo. La zona ospita anche un'importante popolazione di uccelli: tra le specie forestali sono presenti il picchio nero, il picchio rosso maggiore, l'astore, lo sparviere, il francolino di monte ed il gallo cedrone, tra i tetraonidi sono presenti anche il gallo forcello e la pernice bianca oltre poi a numerose specie di passeriformi. La zona è frequentata dall'aquila reale e da molte specie di rapaci che sfruttano le correnti termiche generate dall'orografia del territorio, in particolare sul versante meridionale. Inoltre la zona è interessata dalle rotte migratorie di diverse specie ornitiche. Parte del territorio collocato a nord rappresenta l'habitat tipico della Salamandra atra aurorae, sottospecie di salamandra alpina che vive solo in una ristretta area dell'altopiano dei Sette Comuni.

Geografia antropicaModifica

Il territorio di Lusiana Conco è composto da 23 centri storici (nei quali si individuano 5 frazioni) e da 135 contrade[1], per un totale di 158 località, sparse tutte lungo i versanti sud dell'altopiano. La zona settentrionale è priva di insediamenti antropici, eccezion fatta per alcuni rifugi alpini e la presenza di malghe d'alpeggio.

La sede comunale è collocata a Conco mentre a Lusiana è ubicata la sede di rappresentanza del Comune e la sede degli organi elettivi[1].

Centri storiciModifica

Brazzale, Campana, Cenzi, Ciscati (Lusiana), Cobbaro, Coghi, Conco, Gomarolo, Lusiana, Maini, Marchi, Palazzo, Pernechele, Piazza, Sciessere, Tortima, Velo, Vitarolo.

FrazioniModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[11]

 

Fino al 2011 vengono accorpati i dati dei censimenti degli ex comuni di Lusiana e di Conco.

AmministrazioneModifica

Il comune è stato istituito il 20 febbraio 2019 a seguito del referendum consultivo del 18 dicembre 2018 che ha sancito la fusione dei due vecchi enti. Dall'istituzione del nuovo ente e sino alle nuove elezioni, un commissario prefettizio ha affiancato i sindaci dei due ex comuni.

Referendum consultivo
Stato  Italia
Regione  Veneto
Data16 dicembre 2018
Tipoconsultivo
Esito
  
62,51%
NO
  
37,49%
(affluenza: 46.86)
Comune Affluenza NO
Conco 46,22% 50,53% 49,47%
Lusiana 44,29% 74,11% 25,89%
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 febbraio 2019 26 maggio 2019 Riccardo Stabile - Commissario prefettizio Affiancato dai due sindaci[12] degli ex comuni
27 maggio 2019 in carica Antonella Corradin Lista civica Sindaco

SportModifica

Sul territorio comunale viene praticato lo sci nordico e lo sci alpinismo, le numerose strade militari risalenti alla prima guerra mondiale sono poi utilizzate come percorsi per la mountain bike. Grazie all'orografia del territorio, è assai diffusa durante tutto l'anno la pratica del volo libero, in particolare grazie alle zone di decollo localizzate tra gli abitati di Tortima e di Rubbio: tali aree di volo sono note a livello internazionale (qui si sono svolte anche alcune gare del campionato del mondo di parapendio e della coppa Italia di specialità).

 
Area decollo parapendio di Rubbio

La squadra di calcio locale è l' Union LC, nata dalla fusione delle vecchie squadre dei centri di Lusiana e di Conco, ben prima della nascita del comune unico.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Comune di Lusiana Conco - Statuto Comunale, su sac5.halleysac.it. URL consultato il 5 marzo 2019.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2017.
  3. ^ a b Municipio di Lusiana, su comune.lusiana.vi.it. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  4. ^ a b Maurizio Novello e Fabio Dallasega, Il patrimonio boschivo e le malghe, in Matteo Boscardin, Lusiana, natura ambiente paesaggio, Grafiche Fabris, Carré (Vi), 2001, pp. 69-81.
  5. ^ Ivone Cacciavillani, La proprietà collettiva nella montagna veneta sotto la Serenissima, Padova, 1988, p. 111.
  6. ^ Giancarlo Bortoli, Società ed economia (PDF), su giancarlobortoli.it. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  7. ^ a b Storia del territorio, Pro Loco Conco. URL consultato il 25 aprile 2017.
  8. ^ 870 voti favorevoli alla fusione e 306 contrari
  9. ^ 576 voti favorevoli alla fusione e 564 contrari
  10. ^ Istituzione del nuovo Comune denominato "Lusiana Conco" mediante fusione dei Comuni di Lusiana e Conco della provincia di Vicenza., Regione del Veneto. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Antonella Corradin e Graziella Stefani
  Portale Vicenza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicenza