Lycaena dispar

specie di farfalla

La licena delle paludi (Lycaena dispar (Haworth, 1803)), è una specie di farfalla europea della famiglia Lycaenidae.

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Lycaena dispar
Lycaena dispar maschio
Stato di conservazione
Classificazione scientifica
DominioEukaryota
RegnoAnimalia
SottoregnoEumetazoa
RamoBilateria
SuperphylumProtostomia
PhylumArthropoda
SubphylumTracheata
SuperclasseHexapoda
ClasseInsecta
SottoclassePterygota
CoorteEndopterygota
SuperordineOligoneoptera
SezionePanorpoidea
OrdineLepidoptera
SottordineGlossata
InfraordineHeteroneura
DivisioneDitrysia
SuperfamigliaPapilionoidea
FamigliaLycaenidae
SottofamigliaLycaeninae
GenereLycaena
SpecieL. dispar
Nomenclatura binomiale
Lycaena dispar
(Haworth, 1803)

Descrizione

modifica

La specie può essere distinta dalle specie simili Lycaena virgaureae e Lycaena hippothoe, più comuni in habitat più secchi, tramite la colorazione argentea della faccia inferiore delle ali posteriori.

 
Femmina

Conservazione

modifica

Nell'Europa occidentale, la bonifica delle zone umide, la cementificazione e l'attività agricola nelle aree di golena ha causato un forte declino di questa specie. Nell'Europa dell'est, le aree golenali non ancora sviluppate e i delta fluviali costituiscono habitat per questa specie, anche se è comunque minacciata dalla crescente attività dell'uomo in queste aree.

Viene deposto singolarmente od in gruppi di 3 o 4 sulle piante nutrici: Rumex hydrolapathum, Rumex obtusifolius ed aquaticus.

E' di colore verde con il corpo ricoperto di una fitta peluria. Testa marrone. All'ultimo stadio supera i 20 mm di lunghezza. Sverna alla terza muta (L3) cambiando la colorazione da verde in marrone.

Crisalide

modifica

Di colore grigio cenere, bruna sul dorso. E' quasi sempre attaccata alla pianta nutrice da un cremastere e da una sottile cintura.


  1. ^ (EN) Lycaena dispar, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.

Bibliografia

modifica
  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies, a cura di Kristensen, N. P., collana Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter, 1999 [1998], pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum, 2011 [1992], pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co., 1991 [1987], pp. ix, 754, ISBN 978-0-8403-3702-3, LCCN 85081922, OCLC 13784377.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi