Apri il menu principale
MOA-2007-BLG-192Lb
MOA-2007-BLG-192L.jpg
Rappresentazione artistica del pianeta MOA-2007-BLG-192Lb
Stella madreMOA-2007-BLG-192L
Scoperta30 maggio 2008
ScopritoriDavid Bennett e altri
ClassificazionePianeta terrestre
Super Terra
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta18h 08m 04s
Declinazione-27° 09′ 00″
Parametri orbitali
Semiasse maggiore92 753 000 km
0,62 UA
Periodo orbitale129 giorni
(0,3535 anni)
Anellino
Dati fisici
Massa
3.3+4.9−1.6 M

Coordinate: Carta celeste 18h 08m 04s, -27° 09′ 00″

MOA-2007-BLG-192Lb (spesso abbreviato con MOA-192 b) è un pianeta extrasolare della costellazione del Sagittario che orbita intorno alla stella MOA-2007-BLG-192L.

ScopertaModifica

MOA-2007-BLG-192Lb venne scoperto il 30 maggio 2008 da David Bennett della Università di Notre Dame, in orbita intorno alla stella MOA-2007-BLG-192Lb. È stato individuato dopo la verifica di un evento di microlente gravitazionale, il 24 maggio 2007, rilevato dalla sonda MOA-II microlensing, dall'Università del Monte John, in Nuova Zelanda[1].

Parametri orbitaliModifica

MOA-2007-BLG-192Lb orbita intorno alla stella MOA-2007-BLG-192L alla distanza media di circa 93 milioni di chilometri, ed esegue una rivoluzione in circa 130 giorni, trovandosi più vicino alla stella madre rispetto alla distanza tra Venere e il Sole.

MOA-2007-BLG-192Lb è un pianeta avente circa 3,5 volte la massa della Terra, perciò viene classificato come un pianeta di categoria Super Terra, comprendente pianeti le cui masse variano tra 2 e 10 masse terrestri.

Al momento non è possibile scoprire dati quali il diametro e la magnitudine.

NoteModifica

  1. ^ Table 3, Bennett, D. P.; Bond, I. A.; Udalski, A.; Sumi, T.; Abe, F.; Fukui, A.; Furusawa, K.; Hearnshaw, J. B. et al., A Low‐Mass Planet with a Possible Sub‐Stellar‐Mass Host in Microlensing Event MOA‐2007‐BLG‐192, in The Astrophysical Journal, vol. 684, 2008, pp. 663–683.arΧiv:0806.0025

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica