Maʿmūl
Naschmarkt Wien 2009 PD 20091008 065.JPG
Maʿmūl al Naschmarkt di Vienna
Origini
Luoghi d'origine  Giordania
  Libano
  Siria
  Palestina
DiffusioneMedio Oriente
Dettagli
Categoriadolce

Il Maʿmūl (in arabo: معمول‎, anche chiamato ma'amoul, m'aamoul, m'amul, m'aamul) è un dolce tradizionale della cucina araba composto da pasta frolla farcita di datteri, fichi o frutta secca (pistacchi, noci o mandorle) e cotto in forno.[1][2][3] Possono essere a forma di palle, biscotti a cupola o appiattiti.[4] Possono essere decorati a mano o tramite appositi stampi intagliati in legno. I maʿmūl riempiti di datteri sono anche conosciuti come menenas e sono a volte realizzati in forma di dattero.[5]

I maʿmūl sono spesso realizzati qualche giorno prima della festa dell'ʿĪd al-fiṭr che sancisce la fine del digiuno del mese lunare di Ramadan e serviti con caffè e cioccolato[1][6]. Sono popolari in tutto il mondo arabo,[7] soprattutto nel Levante.[8].

I maʿmūl derivano dal kahk, una specie di biscotto mangiato in Egitto per la ʿĪd al-fiṭr e a Pasqua. Il Kahk era mangiato in Egitto fin dalla XVIII dinastia, 3500 anni fa, e sono parte della festa della ʿĪd fin dal X secolo d.C.[9]

EtimologiaModifica

La parola araba maʿmūl (in arabo: معمول‎) deriva dal verbo arabo <ʿamala>, che significa “fare”.[10]

DiffusioneModifica

Molte famiglie ne tengono in casa tutto l'anno ma sono mangiati solitamente durante alcune feste religiose.

KarabiǧModifica

Ne esiste una versione più elaborata chiamata Karabiǧ (o Kerebiç in Turchia) che viene mangiata in particolari occasioni. Questa versione prevede che piccole sfere di maʿmūl ripiene di frutta secca siano impilate in piramidi e serviti con una crema di albumi chiamata naʿātife, sciroppo di zucchero e saponaria. Questa versione è popolare in Siria, Libano e altri paesi del Levante.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Maamoul: An Ancient Cookie That Ushers In Easter And Eid In The Middle East, su NPR.org, 6 febbraio 2019. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  2. ^ (EN) Maamoul Is Date Filled Arabian Cookies, su Munaty Cooking. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) Pistachio Maamoul, su May I Have That Recipe. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  4. ^ Maamoul (ma’-mul) Dates, su www.libanaissweets.com. URL consultato l'11 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Maamoul (ma’-mul) Dates, su libanaissweets.com. URL consultato il 6 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  6. ^ (EN) Maamoul: The Sweet Tradition of Eid, su The Irresistible Magazine by Al Rifai, 7 settembre 2016. URL consultato il 6 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  7. ^ (EN) Gloria Obayda, Sweets And Desserts Of The Middle East, 101 Middle Eastern Delights. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  8. ^ (EN) Jewish ma'amoul pie, su At the Immigrant's Table, 3 febbraio 2014. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  9. ^ (EN) Essam Fawzi, Kahk: Cookies with history - Egypt Independent, su Egypt Independent, 11 novembre 2009. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  10. ^ تعريف و معنى معمول بالعربي في معجم المعاني الجامع، المعجم الوسيط ،اللغة العربية المعاصر - معجم عربي عربي - صفحة Definition and meaning of the verb in Arabic language, su almaany.com. URL consultato il 28 maggio 2018.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina