Apri il menu principale

Maestro d'arte

Titolo professionale magistrale a carattere artistico
Figura riportata sul diploma italiano di Maestro d'arte.
Figura riportata sul diploma di Maestro d'arte rilasciato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca d'Italia,[1] raffigurante Polifilo con le cinque ninfe Aphea, Osfressia, Orassia, Achoe, Geussia.[2]

Maestro d'arte, anche abbreviato in , è il titolo professionale magistrale[3] dato alla persona che, in seguito allo specifico conseguimento del diploma di formazione artistica, è abilitata all’esercizio di arti o mestieri e al relativo insegnamento.

Pertanto viene definito maestro d'arte chi conosce pienamente una disciplina artistica professionale, così da possederla integralmente per poterla anche insegnare agli altri.[4]

Il diploma di maestro d'arte, chiamato anche licenza, è un titolo professionale avente valore legale in Italia, rilasciato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, per il tramite di un istituto d'arte,[5] che attesta il superamento dell'esame di Stato, con l'indicazione dello specifico settore artistico seguito dallo studente in una delle seguenti "sezioni":[5][6][7][8]

Le peculiarità dei settori artistici eterogenei del maestro d'arte risiedono nella vicenda costitutiva degli istituti d’arte che, nati ufficialmente nel 1923[9] a livello regionale, come regie scuole d'arte (primo grado di istruzione artistica), regie scuole artistico-industriali (secondo grado di istruzione artistica) e regi istituti d'arte (terzo grado di istruzione artistica),[10] avevano un’offerta formativa fortemente influenzata dal rapporto territoriale tra arte e mestiere.[11][12]

Il diploma di maestro d'arte abilita all'esercizio dell'attività professionale e consente l'accesso alle carriere del personale tecnico, educativo e formativo dei servizi di formazione e educazione.[13][9][14]

Nel lavoro, il maestro d'arte è chi opera nelle diverse arti applicate volte alla realizzazione di opere di consumo e industriale, ivi compreso l'artigianato artistico, e che, a capo di un laboratorio professionale, trasmette il suo insegnamento agli apprendisti;[15] nell'ambito di tale relazione educativa di apprendistato professionale, il Codice Civile Italiano attribuisce specificamente ai maestri d'arte, così come a tutti coloro che insegnano, la responsabilità del danno cagionato a persone o beni dagli apprendisti, limitatamente al tempo in cui sono sotto la loro vigilanza.[16]

In particolare, nelle attività economiche professionali dell'artigianato artistico, la figura professionale del maestro d'arte costituisce un ponte ideale fra la formazione professionale e il mondo del lavoro,[17] infatti il professionista, nell'ambito della formazione nelle arti presso gli istituti d'arte, acquisisce capacità trasversali derivanti dalla sperimentazione della peculiare metodologia educativa tipica della cosiddetta scuola-bottega,[12][17] che è stata poi ben definita come didattica dell'apprendistato cognitivo ("cognitive apprenticeship", con riguardo allo "scaffolding-fading"): il discente consegue conoscenze, competenze e abilità nei laboratori d'arte, attraverso un'esperienza tecnico-pratica-artistica sostenuta dal docente esperto d'arte fino al raggiungimento della completa autonomia nel lavoro.[18]

In questo contesto professionale, è utile anche richiamare la figura del maestro artigiano: colui che, anche in assenza del titolo di formazione per maestro d'arte, ha maturato una elevata esperienza professionale che gli consente la trasmissione del mestiere di artigiano. Il maestro artigiano come il maestro d'arte è idoneo all'esercizio della professione di formatore nel sistema di formazione professionale e di formazione-lavoro delle regioni italiane.[19][20]

Infine, il titolo di studio di maestro d'arte consente il proseguimento degli studi con ammissione diretta (senza esami) alle scuole di pittura, scultura, decorazione e scenografia delle accademie di belle arti[21] (mentre per l'accesso agli altri corsi di formazione universitaria è necessaria la frequenza di un corso di studi sperimentale in arte applicata[22][23]), così come l'aggiornamento mediante appositi corsi di perfezionamento professionale istituiti, con decreto del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca d'Italia del 25 luglio 1980, negli istituti d’arte di Firenze, Napoli, Palermo, Faenza, Urbino e Venezia.[24]

NoteModifica

  1. ^ Adriano Salvagno, Laboratorio d'arte orafa, Verona, Italia, su www.bombonatogioielli.it. URL consultato il 22 maggio 2017.
  2. ^ Sandra Álvarez Hernández, Paisajes oníricos: la búsqueda de Polifilo en los jardines del Renacimiento, in Anales del Instituto de Investigaciones Estéticas, vol. 36, nº 104, pp. 9–54. URL consultato il 22 maggio 2017.
  3. ^ Ottorino Pianigiani, Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana, Polaris, 1993.
  4. ^ Howard Gardner, Educare al comprendere. Stereotipi infantili e apprendimento scolastico, Feltrinelli Editore, 2002, p. 132.
  5. ^ a b Unione Europea e Ministero italiano del Lavoro e della Previdenza Sociale, Punto Nazionale di Riferimento (Italia) per la mobilità professionale dei cittadini europei, su ISFOL - Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori (a cura di), nrpitalia.it. URL consultato il 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 21/06/2018).
  6. ^ Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo, Fascicolo del personale docente (anagrafe delle professionalità) (PDF), 2011. URL consultato il 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2015).
  7. ^ Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo, Scheda Professionalità (Aspiranti Docenti) (PDF), 2012. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  8. ^ Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca, Direzione generale per gli Studi, Codici delle licenze di maestro d’arte (PDF), Modello per le operazioni di scrutinio scolastico, p. 6.
  9. ^ a b Regio decreto (Italia) del 31 dicembre 1923, numero 3123: Ordinamento dell'istruzione artistica, Gazzetta Ufficiale del 7 febbraio 1924, numero 3.
  10. ^ Regio decreto (Italia) del 21 gennaio 1935, numero 58: Classificazione dei regi istituti e delle regie scuole d'arte, Gazzetta Ufficiale del 18 febbraio 1935, numero 41.
  11. ^ Economia domestica: Servizi specializzati di Alimentazione e Ospitalità. Prendersi cura di sé, degli altri e dell'ambiente, Pisa, Università degli Studi di Pisa, 2014.
  12. ^ a b Giuseppe Campagnoli, Impara l’arte? L’istruzione artistica dopo la "riforma", su Education 2.0, Rizzoli Education (Rizzoli Libri S. p. A), 1º febbraio 2012.
  13. ^ Manifesto degli Studi dell'Istituto d'Arte di Salerno, Salerno, Pubblicazione istituzionale dell'Istituto d'Arte di Stato "Filiberto Menna" di Salerno, 2001.
  14. ^ Avviso pubblico per l'inserimento nell'albo degli insegnanti delle scuole d'arte e mestieri di Roma Capitale (PDF), su comune.roma.it. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  15. ^ Carl Stumpf e la fenomenologia dell'esperienza immediata, in Discipline Filosofiche, Anno XI, nº 2, p. 103.
  16. ^ Codice Civile Italiano, Articolo 2048: Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte, su Guida al Diritto, il Sole 24 ORE. URL consultato il 24 ottobre 2016 (permalink).
  17. ^ a b Carlo De Carli, Architettura, spazio primario, Milano, Hoepli, 1982, p. 769.
  18. ^ AA. VV., Apprendimenti e competenze. Dalla condivisione alla certificazione, Milano, FrancoAngeli, 2012.
  19. ^ Il maestro artigiano nella Provincia Autonoma del Trentino (Italia), su artigianato.provincia.tn.it. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  20. ^ Il maestro artigiano nella Provincia di Prato (Italia), su po.camcom.it. URL consultato il 25 ottobre 2016.
  21. ^ Decreto Legislativo del 16 aprile 1994, numero 297, articolo 207 (PDF), su archivio.pubblica.istruzione.it, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana numero 115 del 19 maggio 1994. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  22. ^ Nota del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Italia) del 1º luglio 2003 numero 10344: validità dei diplomi di istruzione secondaria superiore (PDF), su tesoro2.rdbcub.it. URL consultato il 24 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2016).
    «I diplomi di maestro d’arte sono rilasciati degli istituti d’arte [...]. Si tratta di titoli di studio di istruzione secondaria superiore, che, però, non danno accesso all’Università».
  23. ^ Nota del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Italia) del 1º febbraio 2008, numero 1338: richiesta di parere in ordine a procedure di progressione verticale, su snals.it. URL consultato il 24 ottobre 2016.
  24. ^ Corsi di perfezionamento dell'istituto d'arte di Firenze (Italia), su artisticoportaromanafirenze.gov.it. URL consultato il 25 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2016).