Magda Linette

tennista polacca
Magda Linette
Linette RG21 (31) (51376169766).jpg
Magda Linette nel 2021
Nazionalità Polonia Polonia
Altezza 171 cm
Peso 59 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 264 - 187
Titoli vinti 2 WTA, 1 WTA 125, 11 ITF
Miglior ranking 42ª (23 settembre 2019)
Ranking attuale 42ª (23 settembre 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2018)
Francia Roland Garros 3T (2017, 2021)
Regno Unito Wimbledon 3T (2019, 2021)
Stati Uniti US Open 3T (2020)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2016, 2021)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 117 - 97
Titoli vinti 0 WTA, 8 ITF
Miglior ranking 95ª (27 luglio 2015)
Ranking attuale 142ª (10 aprile 2017)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2017, 2018)
Francia Roland Garros SF (2021)
Regno Unito Wimbledon 1T (2015, 2017, 2019, 2021)
Stati Uniti US Open 3T (2018)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2021)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 23 settembre 2019

Magda Linette (Poznań, 12 febbraio 1992) è una tennista polacca.

Vita personaleModifica

Magda Linette è nata da Tomasz e Beata, e risiede attualmente a Poznań, in Polonia. Destrimane, gioca il rovescio a due mani ed è allenata da Kuba Rękoś. Le sue superfici preferite sono il cemento e la terra battuta.

CarrieraModifica

2010Modifica

Nel mese di maggio, Magda Linette ha ricevuto una wild card per le qualificazioni del Warsaw Open, un torneo WTA Premier. Ha battuto al primo turno la sua compagna di doppio Paula Kania in due set, ma ha perso da Anna Čakvetadze (4–6 6–4 1–6). Nel mese di giugno, ha vinto il suo primo torneo da professionista a Stettino come una wild card. A luglio, ha fatto la finale nel torneo ITF di Toruń ma ha perso dalla prima testa di serie Ksenija Pervak in due set.

Magda Linette ha vinto altri due tornei ITF nel mese di agosto, a Hechingen e a Versmold, entrambi in Germania. A Hechingen, come una qualificata, ha battuto la spagnola Sílvia Soler Espinosa, mentre a Versmold ha sconfitto la rumena Irina-Camelia Begu con il punteggio di 6–2, 7–5.

Ha continuato a giocare tornei ITF da 25 000 $ e ha vinto il suo quarto torneo della stagione a Katowice, dove ha battuto l'ex top 100 Eva Birnerová (3–6 6–2 6–2). La settimana dopo, ha raggiunto un'altra finale a Zagabria ma ha eventualmente perso dalla tennista ceca Renata Voráčová in tre set, fermando la sua striscia di vittorie consecutive a 21. Dopo molte settimane di pausa, non è stata in grado di vincere il suo primo match in un ITF da 50 000 $, ad Atene ed a Ismaning; tuttavia ha raggiunto con successo la finale ad Opole, ma ha perso da Sandra Záhlavová (7–5 6–7 4–6).

2011Modifica

Nell'inizio di febbraio, Magda Linette ha giocato per la prima volta come membro del team polacco in Fed Cup. Ha battuto facilmente Anne Kremer (6–1 6–1), ma ha perso le sue altre tre partite, inclusa una opposta alla Bielorussia contro la top 100 Vol'ha Havarcova in due set molto lottati (6–7 6–7).

 
Magda Linette agli Open di Francia 2011

Nel mese di maggio, ha disputato per la prima volta un torneo del Grande Slam, dove ha giocato nelle qualificazioni del Roland Garros e ha battuto Claire de Gubernatis (6–4 6–3) per raggiungere il secondo turno, dove è stata sconfitta da Mandy Minella. Il mese dopo ha giocato anche le qualificazioni del torneo di Wimbledon, ma è stata battuta al primo turno da Galina Voskoboeva.

 
Magda Linette in azione durante gli US Open 2011

Nel mese di settembre, Magda ha giocato le qualificazioni degli Open degli Stati Uniti, perdendo in tre set dalla russa Valerija Savinych, con il punteggio di 6–7(2), 6–4, 6–2.

Dopo molti mesi difficili senza incoraggianti risultati nei tornei ITF da 50 000 $ e 100 000 $ durante l'estate, Magda Linette ha battuto sorprendentemente Sorana Cîrstea al primo turno del torneo di Poitiers nel mese di ottobre, con il risultato finale di 3–6 6–4 6–2. Il mese dopo, ha raggiunto la semifinale del torneo ITF di Opole nella sua città natale, battendo durante il cammino anche la prima testa di serie Lesja Curenko.

2012Modifica

Nei primi quattro mesi della stagione non raggiunge buoni risultati, venendo quasi sempre eliminata al primo turno o nei turni di qualificazioni, risultati che le compromettono anche la classifica.

 
Magda Linette durante un match

Nel mese di maggio arriva la prima finale a Firenze dove è stata sconfitta dalla tennista francese Anaïs Laurendon. Dopo quattro sconfitte consecutive al primo turno, arriva un'altra finale a Kristinehamn, in Svezia, e subisce un'altrettante sconfitta per mano dell'australiana Sacha Jones.

Si riprende nel finale di stagione raggiungendo la semifinale del 25 000 $ di Dorbich persa contro Anne Schäfer. La settimana dopo vince il suo quinto torneo, che le mancava da più di due anni, a Praga battendo in finale la slovacca Zuzana Luknárová. Al torneo di Limoges batte a sorpresa al primo turno Eléni Daniilídou, per poi perdere al secondo. Al 50 000 $ di Nantes supera le qualificazioni e viene sconfitta al secondo turno da Karolína Plíšková, mentre al 25 000 $ perde nei quarti contro Julie Coin.

2013 - prima semifinale WTAModifica

Nel mese di marzo raggiunge la semifinale nel torneo ITF da 25 000 $ a Tallin, in Estonia, dove viene battuta dalla qualificata Aljaksandra Sasnovič. La settimana dopo gioca il torneo WTA International di Katowice dove parte dalle qualificazioni, ma viene sconfitta al secondo turno dalla veterana Jill Craybas.

Nel mese di maggio raggiunge la finale a Civitavecchia, torneo da 25 000 $, dove racimola solo un game contro Anna Karolína Schmiedlová. Poche settimane dopo, si qualifica per la prima volta ad un evento WTA al torneo di Strasburgo e raggiunge anche il secondo turno battendo la russa Ol'ga Pučkova (6-4 7-6), dove viene sconfitta dalla futura vincitrice Alizé Cornet per 3-6, 4-6.

A giugno gioca le qualificazioni del torneo di Wimbledon dove viene battuta al primo turno dalla francese Claire Feuerstein con il punteggio di 2-6, 7-6(9), 2-6. La settimana dopo, al 25 000 $ di Torun, perde nei quarti di finale contro la partner di doppio Katarzyna Piter.

Alla Baku Cup raggiunge la sua semifinale a livello WTA partendo dalle qualificazioni e battendo in serie Inés Ferrer Suárez, Iryna Burjačok, Julia Cohen, Kristýna Plíšková, Ons Jabeur, per poi essere sconfitta da Shahar Peer. Questo risultato le permette di scalare la classifica dal numero 226 al numero 159, suo best ranking.

Nell'ultima parte di anno, vince l'ITF di Pune (in finale su Kerimbayeva) e arriva in finale a Nantes e a Navi Mumbai. Termina l'annata al n. 143 del mondo, facendo registrare un best-ranking di n. 123.

2014 - primo titolo WTA 125KModifica

La prima parte di anno non regala buoni risultati a Linette, che non passa le qualificazioni a nessun evento WTA. A Katowice partecipa al primo main-draw WTA del 2014: perde immediatamente da Klara Koukalová (tds n. 5) per 4-6 3-6. Nell'International di Kuala Lumpur, ottiene il primo risultato di rilievo della stagione, centrando i quarti dopo aver battuto Alizé Lim e Lyudmyla Kichenok. Tra le ultime 8, viene sconfitta da Zhang Shuai in tre set.

In seguito, non passa le qualificazioni per i tre slam di Parigi, Wimbledon e New York.

Nel finale di anno, gioca solo in due tabelloni WTA: a Guangzhou, dove cede subito a Timea Bacsinszky e a Tianjin, dove si arrende immediatamente a Sorana Cirstea.

A ottobre vince l'ITF di Goyang e, soprattutto, il WTA 125K di Ningbo, battendo in finale Wang Qiang. Per Linette è il primo titolo colto in questa categoria.

Grazie ai buoni risultati colti a ottobre, risale nel ranking, piazzandosi 117º nella classifica di fine anno.

2015 - prima finale WTAModifica

Dopo non aver passato le qualificazioni a Shenzhen e agli Australian Open, vince l'ITF di Grenoble, battendo in finale Tereza Martincová. Replica la settimana successiva, vincendo l'ITF di New Delhi (in finale su Tadeja Majeric). A Kuala Lumpur, supera il tabellone cadetto contro Shapatava e Liu; nel main-draw, elimina Wang Qiang (prima vittoria su una top-100 nell'anno) prima di cedere a Kurumi Nara per 5-7 7-5 6(6)-7. Anche a Katowice passa le qualificazioni: nel main-draw, si impone su Anna-Lena Friedsam (7-6(5) 6-4) prima di arrendersi alla futura finalista Camila Giorgi in tre set. Non passa le qualificazioni a Stoccarda, mentre al Roland Garros gioca il primo tabellone slam della carriera: perde subito da Flavia Pennetta (tds n. 28), ma non senza combattere (3-6 7-5 1-6). A Nottingham, vince su Hantuchova al primo turno al tie-break del terzo set ma cede a Lauren Davis nel round successivo, al termine di una partita incredibile, in cui non sfrutta ben 8 match-point (7-5 6(13)-7 2-6). Grazie al risultato, entra in top-100 per la prima volta in carriera, proprio alla posizione n. 100. A Wimbledon gioca la prima partita della vita nel main-draw: è costretta al ritiro nell'esordio contro Nara.

Sul cemento americano non rende bene: viene subito eliminata a Washington e non passa le qualificazioni a New Haven e Cincinnati. Agli US Open, tuttavia, ottiene il primo successo in carriera in un main-draw major, sconfiggendo all'esordio Urszula Radwanska (7-6(1) 6-1); curiosamente, al secondo turno, viene battuta dall'altra sorella Radwanska, Agnieszka, per 3-6 2-6.

A Tokyo gioca il suo 9° main-draw WTA dell'anno: al primo turno ha la meglio su Lauren Davis (6-3 6-2), mentre, al secondo turno, elimina la finalista in carica Zarina Dijas (6-2 7-5). Ai quarti, si impone su Hsieh per 6-3 6-3, accedendo alla seconda semifinale WTA della carriera. Nella circostanza, sconfigge la testa di serie n. 6 Christina McHale con lo score di 3-6 6-4 6-3, approdando così alla prima finale nel circuito maggiore. Affronta Yanina Wickmayer, n. 86 del mondo: Linette cede in tre set, per 6-4 3-6 3-6. Grazie all'ottimo risultato, si issa fino alla 64ª posizione, suo nuovo best-ranking.

Nel finale di anno non fa riscontrare grandi piazzamenti, ottenendo il secondo turno di Tianjin come miglior risultato.

Conclude l'anno al n. 89 del mondo, in discesa poiché non difende i punti colti nell'ottobre 2014 (vittoria nel WTA 125K di Ningbo e titolo ITF).

2016Modifica

Dopo non aver passato le qualificazioni a Sydney, all'Australian Open viene subito eliminata da Monica Puig, con un netto 3-6 0-6. Linette viene chiamata dalla Polonia per disputare il match valido per il Gruppo mondiale II contro gli Stati Uniti: Magda perde sia il singolare contro Venus Williams (1-6 2-6) che quello contro Sloane Stephens (2-6 4-6), condannando la nazionale polacca a giocarsi gli spareggi per evitare la retrocessione. Al Taiwan Open, ottiene la prima vittoria dell'anno nel circuito maggiore contro Wang Yafan (7-5 7-5) prima di cedere a Misaki Doi (2-6 3-6). A Dubai e Doha raccoglie due sconfitte nelle qualificazioni, mentre, a Kuala Lumpur, viene battuta all'esordio del main-draw da Sabine Lisicki, testa di serie n. 3. Non passa le quali a Indian Wells mentre riesce a farlo a Miami, estromettendo Paszek e Maria. Nel tabellone principale, Linette elimina Bethenie Mattek Sands in tre set (6-4 6(7)-7 6-3) e approfitta del ritiro di Jelena Jankovic al secondo turno. Agli ottavi, trova Viktoryja Azarenka, n. 8 del mondo: Magda si arrende in due set (3-6 0-6) a quella che diventerà la campionessa del torneo.

Sul cemento di Katowice, raggiunge i quarti di finale, miglior risultato della carriera nel torneo di casa: per raggiungerli, ha sconfitto la wild-card Anastasiya Shoshyna (6-1 7-6(5)) e Stefanie Voegele (1-6 7-5 6-2); tra le ultime 8, cede a Pauline Parmentier (2-6 4-6).

In maggio, vince il primo ITF stagionale a Cagnes-Sur-Mer, battendo in finale Carina Witthoeft per 6-3 7-5. All'Open di Francia, la polacca viene subito battuta da Johanna Larsson, con lo score di 3-6 6-4 5-7.

Sull'erba, non disputa una grande stagione: perde subito a Nottingham (da Christina McHale) mentre a Birmingham si ferma all'ultimo turno di qualificazioni, fermata nuovamente da McHale; viene ripescata come lucky loser, ma cede subito ad Andrea Petkovic in due set. Si ritira dalle qualificazioni di Eastbourne e, a Wimbledon, viene eliminata all'esordio da Samantha Stosur (5-7 3-6).

Sul cemento americano partecipa ai tornei di Stanford e Montréal: negli USA, batte Kristýna Plíšková per 7-5 al terzo ma perde al secondo turno da Venus Williams (3-6 7-6(6) 2-6). In Canada, passa il tabellone cadetto eliminando Lisicki (7-5 6-2); tuttavia, nel main-draw, cede subito a Petra Kvitová in due netti parziali. Dopo la breve parentesi olimpica brasiliana (perde all'esordio da Pavljučenkova), riprende la tournée americana con i tornei di New Haven e Cincinnati (dove non si qualifica per il tabellone principale) e lo US Open, dove si arrende immediatamente a Cibulková (2-6 3-6).

Comincia all'International di Tokyo lo swing asiatico di Linette: qui difende la finale colta l'anno scorso. Dopo aver vinto agevolmente sulla giapponese Sema (6-1 6-0), affronta la svizzera Viktorija Golubic. Linette viene eliminata in tre set, per 2-6 7-6(5) 3-6. A causa di questo risultato, scende nel ranking, uscendo dalla top-100. In seguito partecipa al Premier di Tokyo: passa indenne le qualificazioni, non perdendo set contro Chiang, Ninomiya e Hibino; nel main-draw, elimina la wild-card Olesya Pervushina per 4-6 6-2 6-3; al secondo turno, si impone sulla n. 38 del mondo Julija Putinceva, con lo score di 4-6 6-3 7-5. Arriva così ai quarti di finale, i primi in un evento di questa categoria: nella circostanza, viene sconfitta dalla futura campionessa Caroline Wozniacki (4-6 3-6). Chiude la stagione con il secondo turno al Tianjin Open in singolare e la finale in doppio, persa assieme a Xu Yifan.

Termina l'anno al n. 96 del mondo, a causa di una stagione in cui ha raggiunto pochi risultati di rilievo (solo due quarti di finale WTA e un titolo ITF).

2017Modifica

La trasferta oceanica non regala risultati importanti a Linette, che non passa le qualificazioni ad Auckland e a Sydney e si ferma al primo turno agli Australian Open.

Dopo un primo turno a Taipei e a Budapest, prende parte al WTA di Kuala Lumpur: ottiene la prima vittoria dell'anno contro l'ucraina Zavatska (6-1 3-6 6-3). Al secondo turno, approfitta del ritiro di Peng Shuai, sul punteggio di 5-2 per Magda. Ai quarti di finale, sconfigge un'altra cinese, Duan Yingying, con lo score di 7-6(3) 4-6 6-1. In semifinale (la prima a distanza di 1 anno e mezzo) trova la giapponese Nao Hibino: Linette cede in tre set, per 6-2 4-6 4-6. Prosegue il buon momento a Indian Wells e Miami: passa le qualificazioni ad entrambi i tornei e, in California, riesce a vincere anche la partita d'esordio su Taylor Townsend (6-4 6-2) prima di arrendersi a Caroline Wozniacki.

Sulla terra, ottiene il secondo turno a Charleston (battuta da Jabeur) e i quarti di finale a Bogotà, dove cede solo al tie-break del terzo set a Sorribes Tormo. Dopo dei mediocri risultati a Praga, Madrid e Strasburgo, gioca un ottimo torneo al Roland Garros: batte Alizé Lim e Ana Konjuh (tds n. 29) con il medesimo risultato, ovvero 6-0 7-5; raggiunge così il terzo turno in uno slam per la prima volta in carriera: nella circostanza, affronta Elina Svitolina, n. 6 del mondo: perde in due set, per 4-6 5-7.

Nella parte di stagione sull'erba, non trova risultati importanti, cogliendo il secondo turno a Nottingham come miglior risultato.

Sul cemento americano, il miglior piazzamento arriva a New Haven, dove passa i tre turni qualificatori e poi batte Roberta Vinci nel main-draw, fermandosi solo al 5° match consecutivo contro Zhang Shuai (3-6 7-6(4) 3-6).

Nello swing asiatico, la polacca raggiunge il secondo turno nell'International di Tokyo e anche nel Premier della città giapponese (partendo dalle qualificazioni). A Wuhan, supera Rodionova e Lu per accedere al main-draw: al primo turno batte Anett Kontaveit (n. 34 del mondo) per 7-5 6-4 mentre al secondo elimina Kateřina Siniaková per 6-1 6-2. Agli ottavi, si arrende alla n. 1 del mondo Garbine Muguruza, con lo score di 2-6 6-1 4-6. Chiude la stagione con il primo turno al China Open e il secondo a Tianjin.

Termina l'anno al n. 71 del mondo, in risalita rispetto al 2016.

2018Modifica

Linette inizia l'anno allo Shenzhen Open: dopo aver battuto Jana Čepelová per 7-5 2-6 6-4, viene eliminata da Timea Babos. Ad Hobart viene sconfitta subito dalla testa di serie n. 1 del torneo, Zhang Shuai (5-7 3-6). Agli Australian Open esordisce con una vittoria su Jennifer Brady per 2-6 6-4 6-3; replica anche al secondo turno, vincendo sulla 22ª testa di serie Darja Kasatkina, con il punteggio di 7-6(4) 6-2. Approda al terzo turno slam per la seconda volta in carriera: nella circostanza, affronta Denisa Allertová, da cui perde per 1-6 4-6. Grazie al buon risultato, risale nel ranking, portandosi al 60º posto in classifica.

Gioca, in seguito, il Taiwan Open: grazie ai due successi su Han e Larsson, arriva ai quarti di finale, dove si arrende a Timea Babos in due parziali. Dopo questo piazzamento, si issa fino al 55º posto in classifica, suo nuovo best-ranking. Magda disputa 4 tornei in America: tra i due di Indian Wells (il Premier Mandatory e il WTA 125K), Miami e Charleston, la polacca coglie appena un successo in cinque incontri disputati, portando comunque tutte le avversarie al terzo set.

A Bogotà, replica i quarti di finale ottenuti nel 2017 con le vittorie su Rodina e Herazo Gonzalez; tra le ultime 8, cede a Jakupovic in tre set. Il resto della stagione su terra è poco proficuo per la polacca, che non trova neppure il secondo turno in tutti gli impegni disputati. Si rifà però in quel di Bol (WTA 125K), dove elimina Kalinina, Kovinic, Golubic e approfitta del ritiro di Errani per approdare in finale: qui, si arrende a Tamara Zidansek in due set.

Dopo gli scarsi risultati avuti sull'erba, la polacca si presenta a Nanchang, dove è testa di serie n. 3: rispettando il suo status, giunge fino in semifinale, battendo Jang (6-4 6-0), Hozumi (6-3 7-5) e Liang (6-3 4-6 6-2). Nel penultimo atto, si arrene a Wang Qiang (2° forza del seeding) per 5-7 2-6.

Si trasferisce in America, per giocare lo swing sul cemento: parte bene a Washington, dove coglie i quarti di finale sconfiggendo Olivia Rogowska e, soprattutto, Naomi Ōsaka (n. 17 del mondo e campionessa di Indian Wells); nei quarti, perde dalla croata Vekic in due set. In seguito, non passa le qualificazioni a New Haven e Cincinnati. Agli US Open è sfortunata nel sorteggio, in quanto pesca subito Serena Williams: Linette si arrende alla futura finalista in due parziali, per 4-6 0-6.

Nella parte finale di stagione, gioca a Hiroshima: raggiunge i quarti, eliminando Larsson e Zidansek. Tra le ultime 8, cede nuovamente a Wang, questa volta più nettamente che in Cina (2-6 2-6). Non si qualifica, in seguito, ai main draw di Tokyo, Wuhan e Pechino. Chiude l'anno al Tianjin Open: batte Evgenija Rodina per 2-6 6-1 6-4 prima di perdere da Aryna Sabalenka (n. 11 del mondo) per 1-6 3-6.

Termina la stagione al n. 83 del mondo.

2019 - 1º titolo WTAModifica

Dopo un primo turno a Shenzhen, Linette passa le qualificazioni a Hobart, battendo Seone Mendez e Kateryna Kozlova; nel main-draw, elimina la 4° testa di serie Maria Sakkari (3-6 6-2 6-4) prima di essere sconfitta da Greet Minnen al tie-break del terzo set. Agli Australian Open, è la prima vittima di Naomi Ōsaka, che poi vincerà il torneo. Partecipa al WTA di Hua Hin: raggiunge la semifinale, battendo Hon e Niculescu in tre set e Wang Yafan in due partite; nel penultimo atto, cede a Dajana Jastremska, con lo score di 4-6 3-6. A Indian Wells, vince il suo match d'esordio contro Petra Martic al tie-break del terzo set; al secondo round, si arrende a Kiki Bertens (n. 7 del mondo) per 4-6 1-6. Dopo i quarti al WTA 125K di Guadalajara, non si qualifica per il tabellone principale di Miami.

A Charleston, inizia la parte di stagione dedicata alla terra: nel torneo americano, esce subito di scena per mano di Ajla Tomljanovic. A Bogotà, perde al secondo turno dalla futura finalista Astra Sharma (4-6 3-6). Il resto della parentesi sul mattone tritato non regala soddisfazioni a Linette, che coglie come miglior risultato il secondo turno al Roland Garros, dove cede a Simona Halep (4-6 7-5 3-6).

Sull'erba, vince l'ITF 100K di Manchester, sconfiggendo Dijas in finale. A Eastbourne, passa le qualificazioni battendo Radwanska e Stosur; nel main-draw, viene fermata da Pauline Parmentier (6(2)-7 6-2 4-6). A Wimbledon, raggiunge il terzo turno, estromettendo la qualificata Kalinskaja (6-0 7-6(9)) e la testa di serie n. 25 Amanda Anisimova (6-4 7-5); ai sedicesimi, cede alla 2 volte campionessa del torneo Petra Kvitová.

Sul cemento americano, non figura bene nei primi tre impegni di San Josè, Toronto e Cincinnati. Si presenta al Bronx Open, dove è costretta a partire dalle qualificazioni: le passa battendo Dabrowski, Chang e Blinkova; al primo turno, pesca un'altra qualificata, Kaia Kanepi: Linette ha la meglio, per 6-2 7-5. Al secondo turno, rifila un 6-1 6-4 ad Aliaksandra Sasnovich, 9° testa di seie. Ai quarti, elimina a fatica la ceca Karolína Muchová, con lo score di 6(4)-7 6-4 7-6(3), approdando in semifinale: qui trova un'altra tennista ceca, Kateřina Siniaková, testa di serie n. 5. Magda riesce a superare anche questo ostacolo, vincendo il match per 7-6(3) 6-2 e qualificandosi per la sua seconda finale in un WTA International della carriera: nella circostanza, trova l'italiana Camila Giorgi, n. 58 del ranking mondiale. Linette riesce a conquistare il suo primo titolo WTA della carriera, battendo l'avversaria in rimonta per 5-7 7-5 6-4. Linette diventa la seconda tennista polacca nella storia a trionfare in un evento WTA: unica altra ad esserci riuscita è stata Agnieszka Radwanska.

Si presenta poi allo US Open: sconfigge Astra Sharma per 6-3 6-4, approdando al secondo turno a New York per la seconda volta in carriera. Qui trova Naomi Osaka, n. 1 del mondo, che già le aveva sbarrato la strada all'Australian Open: anche questa volta, la polacca viene battuta dalla nipponica, con lo score di 2-6 4-6.

Nella tournée asiatica, Magda gioca, come primo torneo, lo Jiangxi Open di Nanchang: giunge ai quarti di finale, vincendo nettamente su Olmos e Liu; tra le ultime 8, cede alla futura campionessa Rebecca Peterson, con lo score di 3-6 7-6(3) 6(5)-7. Successivamente, partecipa all'international di Seoul, dove è 4° testa di serie: suepra Begu (6-1 6-4) e Potapova per 7-5 7-6(4). Nei qurti, estromette la belga Flipkens per 6-2 6-3, mentre, in semifinale, ha la meglio su Ekaterina Aleksandrova (tds n. 2) in due tie-break. Cogli così la sua seconda finale stagionale, dove affronta Karolína Muchová, già battuta nella corsa al titolo del Bronx Open: questa volta, la ceca lascia le briciole a Linette, imponendosi per 6-1 6-1. Chiude l'ottima stagione raggiungendo i quarti a Tianjin, dove perde da Heather Watson al termine di un match combattuto.

Termina l'anno al n. 42 del mondo, raggiungendo come best-ranking il n. 41.

2020 - 2º titolo WTAModifica

La stagione di Linette inizia a Shenzhen, dove perde immediatamente da Zhang in due set. A Hobart raggiunge il secondo turno, cedendo a Lauren Davis (4-6 4-6); agli Australian Open, si arrende a sorpresa ad Arantxa Rus (6-1 3-6 4-6). In febbraio, gioca l'international di Hua Hin, dove nel 2019 raggiunse la semifinale: supera agevolmente i primi due turni contro Bondarenko e Peng, entrambe sconfitte in due set. Ai quarti, rimonta un set di svantaggio a Wang Xiyu, chiudendo per 2-6 6-3 6-3. In semifinale, batte Patricia Maria Tig, con lo score di 7-5 6-4, accedendo alla 4ª finale WTA in carriera: nella circostanza, sconfigge Leonie Kung con il punteggio di 6-3 6-2, aggiudicandosi il 2º titolo in carriera. Inoltre, questo alloro, le consente di entrare tra le prime 35 del mondo, piazzandosi al 33º posto del ranking, nuovo best-ranking. In seguito, viene subito eliminata da Karolína Muchová in due parziali (3-6 1-6).

Tra marzo e agosto, il circuito WTA è costretto a bloccarsi per via dell'pandemia mondiale di COVID-19, che costringe all'annullamento di tutti i tornei previsti (compresi Miami, Indian Wells e Wimbledon) e al rinvio dei Giochi Olimpici di Tokyo al 2021.

La polacca riprende a giocare a Lexington: al primo turno, torna a vincere contro Lauren Davis (6-2 6-3). Al secondo turno, cede a Jennifer Brady, futura campionessa, con lo stesso punteggio con cui aveva sconfitto Davis all'esordio. Delude le aspettative al Western & Southern Open, dove si arrende subito alla qualificata Vera Zvonareva (6-1 3-6 1-6). Agli US Open, Linette raggiunge il terzo turno battendo Maddison Inglis (6-1 4-6 6-4) e Danka Kovinic (6-1 6(2)-7 7-6(4)); ai sedicesimi, la polacca cede a Anett Kontaveit, con lo score di 3-6 2-6.

In autunno, si sposta sulla terra europea, dove gioca a Roma, Strasburgo e Parigi: nei primi due tornei, raggiunge il secondo turno mentre, al Roland Garros cede subito a Fernandez (6-1 2-6 3-6). Conclude la stagione giocando il Premier di Ostrava: viene immediatamente eliminata da Sara Sorribes Tormo, per 1-6 3-6.

Termina l'anno al n. 41 del mondo.

2021 - prima semifinale slam in doppioModifica

Linette inizia la sua stagione a Miami in marzo: esordisce con una vittoria sulla wild-card locale Robin Montgomery (6-1 3-6 6-0) prima di cedere a Johanna Konta (tds n°17) in due set. Gioca poi i due tornei di Charleston su terra: nel WTA 500, esce di scena al primo turno contro Anisimova; nel WTA 250, dove era testa di serie n°2, cede subito per 7-5 al terzo alla colombiana Osorio Serrano, campionessa a Bogotà qualche settimana prima. Magda non trova nessuna vittoria tra Madrid e Roma mentre si riprende a Strasburgo, dove centra la prima semifinale dell'anno: da 8° testa di serie, lascia 2 game a Hibino per poi approfittare del ritiro di Alizé Cornet dopo aver vinto il tie-break del primo set. Ai quarti, rifila un doppio 6-3 alla 4ª forza del seeding Julija Putinceva mentre in semi viene eliminata da Sorana Cirstea (6-3 4-6 2-6). Al Roland Garros, replica il terzo turno raggiunto qui nel 2017, grazie alle vittorie su Paquet (6-3 6-3) e la n°1 del mondo Barty (6-1 2-2, ritiro); la sua avventura si ferma per mano di Ons Jabeur, che la batte in rimonta per 3-6 6-0 6-1. In doppio, assieme a Bernarda Pera, raggiunge la prima semifinale slam della carriera, dopo aver battuto al primo turno le finaliste in carica Guarachi/Krawczyk e al terzo turno le teste di serie n°10 Hradecká/Siegemund; l'avventura di Linette/Pera termina nel penultimo atto, dove cedono nettamente a Krejčíková/Siniaková. A Eastbourne, la polacca viene eliminata al primo turno qualificatorio da Camila Giorgi, che poi raggiungerà la semifinale. A Wimbledon, sconfigge in rimonta Amanda Anisimova (2-6 6-3 6-1) per poi battere la n°5 del mondo Elina Svitolina (6-3 6-4); questa è la prima vittoria su una top-10 in carriera senza il ritiro dell'avversaria. Al terzo turno viene fermata da Paula Badosa (7-5 2-6 4-6).

Statistiche WTAModifica

SingolareModifica

Vittorie (3)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (2)
WTA 125s (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 2 novembre 2014   Ningbo Challenger, Ningbo Cemento   Wang Qiang 3-6, 7-5, 6-1
2. 24 agosto 2019   NYJTL Bronx Open, New York Cemento   Camila Giorgi 5-7, 7-5, 6-4
3. 16 febbraio 2020   Thailand Open, Hua Hin Cemento   Leonie Küng 6-3, 6-2

Sconfitte (3)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (2)
WTA 125s (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 20 settembre 2015   Japan Women's Open Tennis, Tokyo Cemento   Yanina Wickmayer 6-4, 3-6, 3-6
2. 10 giugno 2018   Croatian Bol Ladies Open, Bol Terra rossa   Tamara Zidanšek 1-6, 3-6
3. 22 settembre 2019   Korea Open, Seul Cemento   Karolína Muchová 1-6, 1-6

DoppioModifica

Sconfitte (3)Modifica

Legenda
Grande Slam (0)
Argenti Olimpici (0)
WTA Finals (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (3)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversarie in finale Punteggio
1. 20 settembre 2014   Guangzhou International Women's Open, Canton Cemento   Alizé Cornet   Liang Chen
  Chuang Chia-jung
6-2, 6(3)-7, [7-10]
2. 16 ottobre 2016   Tianjin Open, Tianjin Cemento   Xu Yifan   Christina McHale
  Peng Shuai
6(8)-7, 0-6
3. 15 aprile 2017   Claro Open Colsanitas, Bogotà Terra rossa   Verónica Cepede Royg   Beatriz Haddad Maia
  Nadia Podoroska
3-6, 6(4)-7

Statistiche ITFModifica

SingolareModifica

Vittorie (11)Modifica

Torneo $100.000 (2)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (0)
Torneo $25.000 (8)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 13 giugno 2010   Szczecin Open, Stettino Terra rossa   Margit Rüütel 6-2, 6-0
2. 8 agosto 2010   Hechingen Ladies Open, Hechingen Terra rossa   Sílvia Soler Espinosa 7-5, 3-6, 6-2
3. 15 agosto 2010   Reinert Open, Versmold Terra rossa   Irina-Camelia Begu 6-2, 7-5
4. 12 settembre 2010   Katowice Open, Katowice Terra rossa   Eva Birnerová 3-6, 6-2, 6-2
5. 30 settembre 2012   ITF Women's Circuit Prague, Praga Terra rossa   Zuzana Luknárová 6-2, 7-6(7)
6. 2 dicembre 2013   LIC ITF Women's Tennis Championships, Pune Cemento   Kamila Kerimbayeva 7–5, 7–6(5)
7. 13 ottobre 2014   ITF NH NongHyup Women's Challenger, Goyang Cemento   Renata Voráčová 6–3, 3–6, 6–3
8. 2 febbraio 2015   Engie Open De L'Isere, Grenoble Cemento   Tereza Martincová 7–6(2), 4–6, 6–1
9. 16 febbraio 2015   Delhi Open, New Delhi Cemento   Tadeja Majerič 6–1, 6–1
10. 8 maggio 2016   Engie Open de Cagnes-sur-Mer Alpes-Maritimes, Cagnes-sur-Mer Terra rossa   Carina Witthöft 6–3, 7–5
11. 16 giugno 2019   Manchester Trophy, Manchester Erba   Zarina Dijas 7-6(1), 2-6, 6-3

Sconfitte (9)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (2)
Torneo $25.000 (6)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 4 luglio 2010   Bella Cup, Toruń Terra rossa   Ksenija Pervak 4-6, 1-6
2. 19 settembre 2010   Zagreb Ladies Open, Zagabria Terra rossa   Renata Voráčová 1-6, 6-4, 4-6
3. 21 novembre 2010   Hart Open, Opole Sintetico (i)   Sandra Záhlavová 7-5, 6(4)-7, 4-6
4. 13 maggio 2012   Città di Firenze, Firenze Terra rossa   Anaïs Laurendon 4-6, 4-6
5. 24 giugno 2012   Rolls Royce Women's Cup Kristinehamn, Kristinehamn Terra rossa   Sacha Jones 4-6, 4-6
6. 5 maggio 2013   Torneo Tirreno Power, Civitavecchia Terra rossa   Anna Karolína Schmiedlová 0-6, 1-6
7. 3 novembre 2013   Open GDF SUEZ Nantes Atlantique, Nantes Cemento (i)   Aljaksandra Sasnovič 6-4, 4-6, 2-6
8. 9 dicembre 2013   Ganesh Naik ITF Women's Tennis Tournament, Navi Mumbai Cemento   Rika Fujiwara 6–2, 6(5)–7, 6(4)–7
9. 15 giugno 2015   Aegon Ilkley Trophy, Ilkley Erba   Anna-Lena Friedsam 7–5, 3–6, 1–6

DoppioModifica

Vittorie (8)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (4)
Torneo $25.000 (4)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (0)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversaria in finale Punteggio
1. 1º luglio 2012   Swedish Ladies Ystad, Ystad Terra rossa   Katarzyna Piter   Oksana Kalašnikova
  Lenka Wienerová
6-3, 6-3
2. 21 ottobre 2012   Open GDF Suez Région Limousin, Limoges Cemento (i)   Sandra Zaniewska   Irena Pavlović
  Stefanie Vögele
6-1, 5-7, [10-5]
3. 11 novembre 2012   Open Feminin 50, Équeurdreville Cemento (i)   Katarzyna Piter   Amra Sadiković
  Ana Vrljić
6-4, 7-6(4)
4. 23 dicembre 2012   Ankara Cup, Ankara Cemento   Katarzyna Piter   Iryna Burjačok
  Valerija Solov'ëva
6-2, 6-2
5. 12 maggio 2013   Soweto Open, Johannesburg Cemento   Chanel Simmonds   Samantha Murray
  Jade Windley
6-1, 6-3
6. 2 giugno 2013   Infond Open, Maribor Terra rossa   Paula Kania   Mailen Auroux
  María Irigoyen
6-3, 6-0
7. 7 luglio 2013   Bella Cup, Toruń Terra rossa   Paula Kania   Julija Bejhel'zymer
  Elena Bogdan
6-2, 4-6, [10-5]
8. 14 ottobre 2013   Open GDF Suez Région Limousin, Limoges Cemento   Viktorija Golubic   Nicole Clerico
  Nikola Fraňková
6–4, 6–4

Sconfitte (9)Modifica

Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $75.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $50.000 (2)
Torneo $25.000 (6)
Torneo $15.000 (0)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversaria in finale Punteggio
1. 21 novembre 2010   Hart Open, Opole Sintetico (i)   Paula Kania   Oksana Kalašnikova
  Polina Pekhova
3-6, 4-6
2. 17 aprile 2011   Morocco Tennis Tour Casablanca, Casablanca Terra rossa   Katarzyna Piter   Sandra Klemenschits
  Kristina Mladenovic
3-6, 6-3, [8-10]
3. 5 giugno 2011   Torneo Internazionale Femminile Antico Tiro a Volo, Roma Terra rossa   Liana Ungur   Sophie Ferguson
  Sally Peers
w/o
4. 18 settembre 2011   Save Cup, Mestre Terra rossa   Tímea Babos   Valentina Ivachnenko
  Marina Mel'nikova
4-6, 5-7
5. 13 novembre 2011   Hart Open, Opole Sintetico (i)   Paula Kania   Naomi Broady
  Kristina Mladenovic
6(5)-7, 4-6
6. 30 settembre 2012   ITF Women's Circuit Prague, Praga Terra rossa   Kateřina Kramperová   Lucy Brown
  Angelica Moratelli
3-6, 7-5, [6-10]
7. 5 giugno 2013   Torneo Tirreno Power, Civitavecchia Terra rossa   Paula Kania   Stephanie Vogt
  Renata Voráčová
3-6, 4-6
8. 29 settembre 2013   AEGON Pro-Series Loughborough, Loughborough Cemento (i)   Tereza Smitková   Çağla Buyukakcay
  Pemra Özgen
2-6, 7-5, [6-10]
9. 31 marzo 2014   AEGON Pro Series Edgbaston, Edgbaston Cemento (i)   Amra Sadiković   Jocelyn Rae
  Anna Smith
6–3, 5–7, [4–10]

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN4580152381779401950008 · WorldCat Identities (ENviaf-4580152381779401950008