Apri il menu principale

Maggi Hambling

scultrice e pittrice inglese
Maggi Hambling "The Scallop" (opera creata nel 2003) spiaggia di Aldeburgh.

Maggi Hambling (Suffolk, 23 ottobre 1945) è una scultrice e pittrice inglese.

BiografiaModifica

Dopo aver studiato con Cedric Morris la Hambling è riuscita ad esporre la sua serie di ritratti più volte in varie mostre, nella galleria internazionale di Londra (come quelli di George Melly cantante jazz inglese e Max Wall attore inglese).[1] Ha vinto alcuni premi come quello nel 1995 (il Jerwood Painting).

OpereModifica

Lavori più importantiModifica

 
"A Conversation with Oscar Wilde" - Statua - Adelaide Street, vicino a Trafalgar Square, Londra 1998

Fra i suoi lavori più conosciuti ritroviamo la costruzione in memoria di Oscar Wilde, commissionata nel 1997 e costruita l'anno successivo, che si trova a Londra nella Trafalgar Square, il titolo è "A Conversation with Oscar Wilde" (una conversazione con Oscar Wilde) e "The Scallop" una costruzione di 4 metri dedicata a Benjamin Britten su commissione nel 2003, che si può osservare sulla spiaggia di Aldeburgh, più volte vandalizzata già agli inizi del 2004 e oggetto di controversie.[2]

ScultureModifica

Create per lo più negli anni 1993 - 1994, la Hambling utilizza il bronzo come materiale per le proprie opere con rifacimento alle piccole costruzioni tipiche degli etruschi.

DipintiModifica

Oltre alla sua particolare attitudine per i ritratti (anche autoritratti) i suoi soggetti più frequenti sono a tema acquatico (onde marine e cascate) mentre alcuni ritraggono la luna.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Maggi Hambling (1945-), Pittrice, National Portrait Gallery, 2006. URL consultato il 1º ottobre 2006.
  2. ^ Caroline Davies, Battle of Britten rages on the beach, Dal The Observer, del 6 gennaio 2008
  3. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 54066, 17 giugno 1995, p. 11.
  4. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 59282, 31 dicembre 2009, p. 7.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Biografia di Maggi Hambling, su waterman.co.uk. URL consultato il 19 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2008).
Controllo di autoritàVIAF (EN17329660 · ISNI (EN0000 0000 7833 903X · LCCN (ENn88679272 · GND (DE119312808 · BNF (FRcb125129908 (data) · ULAN (EN500022921 · WorldCat Identities (ENn88-679272