Apri il menu principale

Magis ter meus asinus est (traduzione: Il mio asino mangia più di tre volte) non è propriamente un detto latino, ma una frase scherzosa che può avere un'apparente traduzione sostanzialmente diversa da quella originale.

La traduzione errata si ottiene pronunciando le parole Magis ter come se fossero un'unica parola, cioè Magister (maestro), con il risultato di trasformarne il senso in: Il mio maestro è un asino.

È una frase trabocchetto spesso usata per indovinelli e scherzi dagli studenti di latino, analoga a quelle, di più difficile creazione, che si trovano componendo frasi che abbiano senso scritto compiuto sia in italiano che in latino, come: Cane Nero magna bella persica e I vitelli dei romani sono belli.

Diverso è il caso di quelle frasi "bilingui" che si possono leggere (col medesimo significato) tanto come frasi latine che come frasi italiane, come per esempio: In subita procella, invoco Te, nostra Divina Stella.

Voci correlateModifica

  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina