Apri il menu principale
Magli Scarlatti
Nome originale Crimson Fists
Primarca Rogal Dorn
Grido di battaglia Cappellano: "Esiste solo l’Imperatore!"

Confratelli: "Lui è il nostro Scudo ed il nostro Protettore!"

Colori blu scuro e rosso
Altri capitoli

I Magli Scarlatti sono uno dei Capitoli degli Space Marine nell'universo fantastico di Warhammer 40.000. Sono uno dei Capitoli generati nel corso della Seconda Fondazione, derivati dalla Legione dei Magli Imperiali. Ormai il loro nome è stato aggiunto ai più grandi difensori dell'Imperium.

StoriaModifica

Fondazione e CrociataModifica

Le origini dei Magli Scarlatti risalgono al termine dell'Eresia di Horus sulla scia della catastrofica guerra civile che vide l'arcitraditore Horus, Primarca della Legione di Space Marine dei Lupi della Luna portare l'Imperium sul ciglio della rovina. Le Legioni di Space Marine ancora leali all'Imperatore intrapresero un'eroica resistenza contro le infinite armate del traditore Horus, combattendo contro orde di rinnegati, demoni e i loro stessi fratelli Space Marine delle Legioni Traditrici alleatesi ad Horus e alla causa dei malvagi dei del Caos. Alla fine trionfarono, ma la guerra aveva lasciato l'Imperium distrutto e logorato, un enorme ferita che probabilmente non si sarebbe mai rimarginata del tutto. Il processo di ricostruzione e riorganizzazione fu lento e difficoltoso e tra gli altri ricadde sulle spalle dei Primarchi lealisti sopravvissuti. Tra questi, il carismatico Roboute Guilliman, Primarca della Legione degli Ultramarine, presentò il Codex Astartes, un tomo di proporzioni epiche che stabilì il futuro delle Legioni di Space Marine. Il cambiamento principale consisteva nello smembrare le Legioni di Space Marine rimaste in unità più piccole chiamati Capitoli e forti ognuno di mille confratelli. Un Capitolo avrebbe mantenuto il nome e l'araldica della Legione originale gli altri avrebbero adottato nomi e araldiche nuove e sarebbero divenuti autonomi in ogni senso. In questo modo, nessun comandante avrebbe mai potuto controllare la forza di un'intera Legione di Space Marine, capace di annichilire qualunque impero. Non tutti i Primarchi accettarono di buon grado questo cambiamento. In particolare Leman Russ dei Lupi Siderali e Rogal Dorn dei Magli Imperiali si opposero ostinatamente al piano di Guilliman, bollandolo come deleterio per la sicurezza dell'Imperium e come grave insulto all'onore delle loro Legioni.

La questione raggiunse un punto critico. I nuovi Sommi Signori della Terra che avevano sostituito il ferito Imperatore al comando dell'Imperium appoggiarono Roboute Guilliman e quando l'Incrociatore leggero dei Magli Imperiali Angelo Terrificante subì il fuoco della Marina Imperiale sembrò che l'Imperium sarebbe ricaduto in un'altra sanguinosa guerra fratricida . A suo eterno credito va riconosciuto che il Primarca Rogal Dorn, pur di non gettare l'Imperium in un'altra aspra guerra interna che, nelle condizioni in cui si trovava lo avrebbe distrutto per sempre, cedette. Così come gli altri suoi fratelli Primarchi, egli divise la propria Legione in tre Capitoli: gli ostinati seguaci del Primarca mantennero la livrea e il titolo di Magli Imperiali, i confratelli più fanatici divennero i Templari Neri e i membri iniziati più recentemente e più pacati divennero i Magli Scarlatti.

I Capitoli appena formati vennero dotati di una nave da battaglia, di diversi incrociatori e vascelli d'attacco prelevati dalla vasta flotta dei Magli Imperiali e si allontanarono per forgiarsi un proprio destino. Nei dieci millenni successivi, i Magli Scarlatti avrebbero inciso il proprio nome negli annali dell'Imperium, mantenendo con orgoglio l'eredità di Rogal Dorn e dei Magli Imperiali.

Nell'Assimularum della fortezza monastero mobile del Capitolo si trova orgogliosa una maestosa incisione ololitica che ritrae il primo Gran Maestro del Capitolo: Alexis Polux. Polux era stato uno dei più grandi Capitani dei Magli Imperiali e un amico e consigliere del Primarca Rogal Dorn.

In questo capolavoro, Polux viene immortalato durante la prima azione del suo Capitolo Magli Scarlatti appena formato: la Purificazione di Uralek Primis. Durante questa battaglia i Magli Scarlatti affrontarono e sconfissero una vasta forza di Eldar Esoditi che stavano cercando di eliminare la piccola colonia Imperiale recentemente fondata sul mondo di Uralek Primis. Polux era un uomo gigantesco la cui forza fisica nascondeva una mente fredda, logica e totalmente razionale. Il suo carattere contribuì parecchio a modellare il futuro del nuovo Capitolo poiché il lascito del suo Primarca, Rogal Dorn, e la sua abilissima e stoica difesa della colonia costituiscono tutt'oggi un esempio tangibile per i nuovi iniziati del Capitolo.

Polux morì ottocento anni dopo la fondazione del Capitolo, durante una battaglia per un sistema tuttora sconosciuto, codificato come HR8518, combattendo una razza di monaci guerrieri noti come scythians (che poi si uniranno ad Abbdon in una delle sue Crociate Nere) che combattevano usando armi velenose. Venne colpito durante un raid in un tempio del pianeta e, viene tramandato, che Polux abbia combattuto fino all'ultimo istante prima di soccombere al veleno.

I Magli Scarlatti furono un Capitolo Crociato per novemila anni, come il Capitolo loro fratello, i Templari Neri. A differenza dei Templari Neri, i Magli Scarlatti esibiscono una più rigida aderenza al Codex Astartes, e tendono a mantenere stretti legami con il settore Loki. Fu solo dopo i primi ottocento anni del 40° millennio che i Magli Scarlatti ebbero il loro pianeta natio, il Mondo di Rynn nel settore Loki. La vicinanza del Mondo di Rynn ad uno dei principali pianeti di reclutamento dei Magli Scarlatti: Il Mondo di Acquanera, lo rendeva ideale, ed il Capitolo edificò il proprio Monastero al centro di un'inospitale catena montuosa.

L'incidente del Mondo di RynnModifica

Nella metà del 989.M41, il Grande Kapoguerra Orko Snagrod l'Arcipiromane di Charadon riunì le fazioni in lotta ai confini del settore Loki e lanciò la più grande Waaagh! che il Blocco Peryton 163 avesse mai visto in mille anni. Il primo bersaglio dell'Arcipiromane fu l'isolata colonia Imperiale di Malus Egressus.

I difensori di Malus Egressus erano totalmente impreparati all'invasione e in pochi giorni l'unica roccaforte della resistenza era la città di Krugerport, dove ciò che rimaneva del 18° Mordiano, del 24° Lammaniano e del 49° Borosiano organizzarono l'ultima difesa priva di speranze.

Sicuro di avere il mondo in pugno, Snagrod organizzò una trasmissione continua nella quale si boriava di conquistare subito dopo il Mondo di Rynn che si trovava solo a poche settimane di distanza di viaggio Warp da Malus Egressus. Il Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti Pedro Kantor rispose immediatamente, inviando a Malus Egressus la 3ª Compagnia agli ordini del Capitano Drakken per rallentare la Waaagh! degli Orki e determinarne la forza.

La battaglia di Krugerport fu una tragica sconfitta per i Magli Scarlatti che scoprirono che la Waaagh! di Snagrod era molto più vasta e aggressiva di quanto chiunque potesse prevedere. Alla battaglia sopravvisse solo una manciata di Space Marine che fu in grado di fuggire e riportare preziose osservazioni al Mondo di Rynn. Kantor ordinò l'immediato rientro di tutte le Compagnie dei Magli Scarlatti che combattevano lontano da Rynn, mobilitò la Forza di Difesa Planetaria (FDP) e si preparò per l'inevitabile invasione.

Quando la Waaagh! piombò sul Mondo di Rynn, lo fece con una forza senza precedenti rispetto a qualsiasi altra invasione orkesca sin dai tempi della Seconda Guerra di Armageddon. Mentre le navi d'atterraggio degli Orki e le rocce cadevano attraverso il cielo notturno di Rynn, Kantor e la sua squadra Comando, assieme a una guardia del corpo di dieci confratelli, stava ispezionando le difese esterne della fortezza monastero dei Magli Scarlatti. Vedendosi pressata dall'invasione, la piccola forza si preparò a tornare alla base, quando l'orizzonte si accese di calor bianco. La notte si fece giorno e un istante più tardi i Marine vennero colti dall'onda d'urto che li scaraventò a terra. Per lunghi istanti l'aria bruciò e sibilò come se i cancelli stessi dell'inferno fossero stati spalancati, prima di calmarsi, lasciando la notte illuminata dal rosso della distante conflagrazione.

La fortezza monastero dei Magli Scarlatti era stata annientata! Per un malefico caso, una singola testata lanciata dalla batteria Laculum della Forza di Difesa Planetaria aveva deviato dalla propria traiettoria, cadendo dai confini della stratosfera verso il terreno. Un unico missile si sarebbe dovuto rivelare inefficace contro le possenti mura di adamantio della fortezza monastero, ma non fu così. Il missile colpì un punto debole sconosciuto della fortezza, penetrando in profondità nella roccia sottostante. Il fuso era programmato per penetrare gli spessi metri delle paratie corazzate di una nave spaziale prima di detonare in profondità, la testata attraversò così decine di metri di roccia prima di colpire l'arsenale del Capitolo. La risultante esplosione distrusse gli scudi di stasi che proteggevano l'artiglieria in grado di danneggiare una nave principale, strappando il cuore della montagna sulla quale si ergeva la fortezza. L'arsenale, la fortezza monastero, la montagna e un'area di mezzo miglio quadrato vennero ridotte in atomi nel giro di un secondo.

Kantor assistette da lontano alla distruzione del proprio Capitolo, ma sopì il cordoglio per consolidare quelle poche forze ancora ai suoi ordini. Nascondendosi, Kantor decise di dirigersi a Nuova Rynn, la Capitale del pianeta, dove aveva precedentemente stanziato un contingente di 400 Magli Scarlatti per affiancare la milizia locale contro gli Orki.

Per raggiungere la città gli ci vollero dieci giorni e la piccola forza si nascose durante il giorno per evitare le sempre più frequenti pattuglie di Orki cacciatori-assassini-mangiatori. Essi marciarono durante la notte, senza mai fermarsi per mangiare o riposarsi. In diverse occasioni si imbatterono in invasori Orki e furono obbligati a combattere, ma il decimo giorno raggiunsero Nuova Rynn e la trovarono assediata da un'enorme forza dei barbarici alieni. Costeggiando le forze nemiche, Kantor guidò i propri uomini verso l'unico accesso intatto alla città, un sottopassaggio che attraversava il fiume Pakomac verso l'isola sulla quale si trovava Nuova Rynn. I cancelli del sottopassaggio erano barricati e la forza di Kantor li raggiunse poco prima che gli Orki lanciassero un assalto frontale praticamente suicida. Con gioia di Kantor, però, il contingente di Magli Scarlatti, che era stato inviato a difesa della Capitale, proteggeva ancora i cancelli. Assieme, le due forze combatterono per ore per respingere l'infinita marea di Orki che investiva le barricate, ma infine l'attacco fu fermato e il Maestro Capitolare si riunì ai suoi uomini e prese il comando delle difese della città.

L'Assedio di Nuova Rynn durò per diciotto mesi, ma sotto l'ispirata guida di Pedro Kantor, i Magli Scarlatti difesero la città contro tutti gli assalti. Infine l'Imperium riusì a raggiungere Mondo di Rynn con una forza cospicua di reggimenti di Guardia Imperiale e ben sei Capitoli di Space Marine (tra cui Angeli Oscuri e Grifoni Urlanti) e liberarono il mondo dagli Orki.

Passarono tuttavia altri due anni prima che la guerra venisse vinta. Anche se molti dei mondi del settore Loki conquistati dalla Waaagh! di Snagrod, incluso Malus Egressus, vennero perduti e solo pochi di questi riconquistati.

ConseguenzeModifica

L'Incidente del Mondo di Rynn causò perdite ingenti tra i Magli Scarlatti, il Capitolo venne quasi annientato. Di conseguenza, il primo obbiettivo di Kantor fu la ricostituzione del Capitolo, in questo periodo i Magli Scarlatti operarono solo come squadre da ricognizione infiltrate. La Waaagh! di Snagrod è all'origine dell'odio profondo per gli Orki da parte del Capitolo, e si dice che i Marine dei Magli Scarlatti sono pronti a percorrere qualsiasi distanza se si tratta di sterminare un'armata di Orki.

OrganizzazioneModifica

I Magli Scarlatti sono considerati un Capitolo fedele al Codex Astartes, essi sono devoti seguaci del Sacro Testo, con solo poche varianti minori. Dopo la battaglia del Mondo di Rynn, i Magli Scarlatti erano rimasti in 128 Confratelli. La stessa situazione era capitata durante l'Era dell'Apostasia, in cui dopo una lunga Crociata di guerra aveva lasciato il Capitolo a 128 superstiti. Visto come un segno del destino, Kantor ha deciso che dalla ricostituzione del Capitolo in poi la Compagnia Crociata (la Prima Compagnia)sarà composta da 128 Space Marine (anziché i consueti 100 previsti dal Codex Astartes).

Fedeli alle proprie origini come Capitolo crociato itinerante, i Magli Scarlatti hanno mantenuto come da tradizione una vasta flotta di navi, incrociatori e vascelli d'attacco rapido. Sebbene la Battaglia del Mondo di Rynn abbia visto la decimazione di tali risorse quando gli Inkrociatori degli Orki devastarono il sistema, i vascelli che sono sopravvissuti alle perdite iniziali della guerra si sono dimostrati indispensabili nel bloccare l'invasione degli Orki fino a quando la Marina Imperiale non fosse riuscita a organizzare una risposta, dandole rinforzo una volta giunta, e nello spostare nelle zone di guerra la piccola forza di Kantor per utilizzarne al meglio le abilità.

A seguito delle perdite subite nella campagna del Mondo di Rynn, il Capitolo si ritrova nell'insolita posizione di disporre di più specialisti rispetto ai confratelli guerrieri ordinari. I vascelli della flotta del Capitolo sono comandati dai Machinator agli ordini del Mastro della Flotta e trasportano anche diversi Apotecari. La presenza di tali confratelli esperti è vitale per la ricostruzione del Capitolo, poiché senza l'accurata conoscenza dei Machinator delle vie del Dio Macchina, i Magli Scarlatti non potrebbero continuare ad essere una forza operativa e senza la conoscenza degli Apotecari dei complessi processi di creazione di nuovi confratelli, il Capitolo sarebbe destinato ad estinguersi in una manciata di anni.

Al termine della Campagna del Mondo di Rynn, gli Apotecari hanno iniziato il lungo processo di reclutamento di nuovi confratelli. Il processo non può essere però affrettato, poiché i Magli Scarlatti hanno una lunga e onorevole tradizione da mantenere e compromettere la qualità e la predisposizione degli aspiranti in un momento così critico della storia capitolare potrebbe segnarne il destino per sempre. Nell'appena riformata Decima Compagnia sono state introdotte diverse squadre di Esploratori e questi individui forgiano il futuro dei Magli Scarlatti ad ogni combattimento a cui prendono parte. Si sono già distinti in azioni contro gli invasori Orki e stanno sviluppando un odio per la barbarica razza persino superiore a quello di un veterano di molte guerre contro gli tali xeno.

DOGMI

Come la stragrande maggioranza dei Capitoli di Space Marine, i Magli Scarlatti venerano l'Imperatore come padre genetico e fondatore degli Adeptus Astartes ma non come un Dio e Rogal Dorn come Primarca della Legione dei Magli Imperiali. Mantengono un preciso calendario di giorni santi e uno dei più sacri è il Giorno della Fondazione, durante il quale l'intero Capitolo si riunisce per celebrare la propria creazione. Durante la cerimonia vengono recitati estratti dalle opere di Alexis Polux e dello stesso Rogal Dorn. Vengono rimembrate le più grandi vittorie del Capitolo e vengono commemorati i sacrifici più gloriosi. In tale modo le lezioni di storia del Capitolo vengono tramandate negli anni, assicurando che i confratelli imparino dalle gesta dei predecessori. Questo genere di introspezione critica viene incoraggiata dal Codex Astartes, ma in realtà è praticata da pochissimi Capitoli di Space Marine il cui orgoglio spesso preclude l'ammissione di dover imparare qualsiasi cosa dagli errori passati o che in passato siano stati commessi degli errori.

Il Capitolo è sfuggito per un soffio all'estinzione durante la distruzione della propria fortezza monastero. Secondo i genoadepti dell'Adeptus Mechanicus, un Capitolo ridotto a meno di una Compagnia di confratelli ha solo una possibilità pari al 20-25% di riuscire a sopravvivere, poiché la proporzione di rigetto della ghiandola progenoide spesso preclude una raccolta positiva del nuovo seme genetico, avendo come risultato l'incapacità di reclutare nuovi confratelli. Solo grazie alla purezza superiore del seme genetico del Capitolo è stato possibile salvarlo dall'estinzione, poiché i Magli Scarlatti sono stati ridotti a meno di una Compagnia di confratelli, eppure sembrano più che in grado di ritornare alla quantità originale, anche se ci vorranno molte decadi prima che anche solo si avvicinino alla forza di un tempo.

Dottrina di CombattimentoModifica

Nel corso dei novemila anni della loro Crociata, i Magli Scarlatti sono diventati esperti nel combattere contro ogni specie aliena, in particolare contro gli Orki. Questa particolare specializzazione è ben conosciuta dall'Ordo Xenos dell'Inquisizione, e molti membri del Capitolo prestano servizio negli elitari ranghi del Guarnigione della Morte.

Dopo l'Incidente del Mondo di Rynn, la pura casualità degli eventi ha impedito al Capitolo di combattere seguendo alla lettera il Codex Astartes. Pertanto, Kantor ha impiegato i suoi Space Marine superstiti in infiltrazioni ed azioni di Guerriglia, attacchi mirati ed obbiettivi selezionati piuttosto che cercare lo scontro aperto con il nemico.

Grido di GuerraModifica

Prima della battaglia, il Cappellano grida " Esiste solo l'Imperatore!". I Magli Scarlatti rispondono " Lui è il nostro Scudo ed il nostro Protettore!".

AspettoModifica

Il colore di base del Capitolo è il blu scuro, con decorazioni scarlatte. Il simbolo del capitolo è identico a quello dei Magli dell'Imperatore, ma con il maglio rosso su sfondo blu scuro.

Quando un neofita si unisce ai ranghi del Capitolo, il suo guanto sinistro viene dipinto di rosso, simbolo della tradizione di Rogal Dorn di tagliare il palmo delle nuove reclute e mescolare il loro sangue, creando un legame tra di loro. Quando il Marine viene ammesso nella Compagnia Crociata, viene dipinto di rosso anche il suo guanto destro.

Membri conosciutiModifica

  • Pedro Kantor - Attuale Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti nel 41° millennio. È il 29º Maestro Capitolare nella storia del Capitolo.
  • Capitano Alessio Cortez - Cortez fu il Capitano della Quarta Compagnia dei Magli Scarlatti, era conusciuto per il suo valore, per la sua resistenza e per la sua incredibile capacità di sopravvivere ad ogni scontro. Si dice che solo due ossa in tutto il suo corpo non si siano rotte almeno una volta. Il Capitano Cortez scomparve in un'azione contro dei pirati Eldar e non si è saputo niente di lui fino ad ora. Il suo vecchio amico e confratello, l'attuale Maestro Capitolare Pedro Kantor, è convinto che Cortez sia ancora vivo, disperso nella Rete.
  • Capitano Argo-è attualmente il capitano della 3ª compagnia dei magli scarlatti e il suo contributo è stato decisivo alla resistenza di Nuova Rinn in attesa del Maestro Capitolare.

Elenco Maestri CapitolariModifica

Nella loro lunga e orgogliosa storia i Magli Scarlatti hanno avuto sino ado oggi 29 Maestri Capitolari. Di seguito sono elencati i nomi dei Maestri Capitolari conosciuti:

  • Alexis Polux – Fu il 1º Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti. Guidò il Capitolo nei primi 800 anni della sua storia e ne affermò la propria importanza tra i migliori Capitoli dell'Impeirum.
  • Algernon Traegus – Fu il Controverso 16º Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti.
  • Klede Sargo – 17º Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti.
  • Visidar – 28º Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti.
  • Pedro Kantor - È il 29° (e attuale) Maestro Capitolare dei Magli Scarlatti.

BibliografiaModifica

  • Rick Priestley, Rogue Trader, Eastwood, Games Workshop, 1992, ISBN 1-872372-27-9.
  • Andy Chambers, Warhammer 40,000 Codex: Space Marines, 4th Edition, Nottingham, Games Workshop, 2004, ISBN 1-84154-526-0.
  • Graham McNeil, Hoare, Andy, and Haines, Pete, Warhammer 40,000 Codex: Witchhunters, 1st Edition, Nottingham, Games Workshop, 2003, ISBN 1-84154-485-X.
  • Index Astartes – Crimson Fists, in White Dwarf: Australian Edition, nº 288, dicembre 2003, ISSN 0265-8712 (WC · ACNP).
  • Ben Counter, Crimson Tears, Nottingham, Black Library, 2005, ISBN 1-84416-160-9.
  Portale Giochi di ruolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi di ruolo