Apri il menu principale

In araldica il maiale compare raramente. Si distingue dal cinghiale per essere privo delle caratteristiche zanne, oltre che per la forma. Talora compare anche la scrofa o troia. Può anche essere descritto come verro, ma quasi sempre solo nel caso di armi parlanti.

Indice

EsempiModifica

Posizione araldica ordinariaModifica

Il maiale è rappresentato di solito passante con la coda accerchiellata.

BibliografiaModifica

  • Luigi Volpicella, Dizionario del linguaggio araldico italiano, a cura di Girolamo Marcello del Majno, presentazioni di Luigi Michelini di San Martino et al., disegni dell'autore, Udine, Paolo Gaspari, 2008 [concluso negli anni 1940], p. 207, ISBN 88-7541-123-9, SBN IT\ICCU\MIL\0767647.

Altri progettiModifica

  Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica