Apri il menu principale

EtimologiaModifica

Non è ben chiara l'etimologia di questa famiglia; comunque è una coincidenza degna di nota l'omonimia fra il genere principale Malkara, descritto nel 1980 nella regione del Queensland in Australia, e il missile anticarro denominato appunto Hornet Malkara, che il Regno Unito, negli anni cinquanta del secolo scorso, diede da progettare e costruire proprio all'esercito australiano nella medesima regione.

DistribuzioneModifica

Diffuso in varie regioni dell'Australia, in Tasmania, Cile e Argentina[1].

 
Malkaridae, distribuzione

TassonomiaModifica

A seguito di un lavoro dell'aracnologo Dimitrov e altri del 2017 i generi dell'ex-famiglia Pararchaeidae sono confluiti in questa famiglia incrementandone il numero da 4 a 11[2].

Attualmente, a luglio 2017, si compone di 11 generi e 46 specie[1]:

  • Anarchaea Rix, 2006 - Tasmania, Australia (Nuovo Galles del Sud, Queensland)
  • Carathea Moran, 1986 - Tasmania
  • Chilenodes Platnick & Forster, 1987 - Cile, Argentina
  • Flavarchaea Rix, 2006 - Australia (Nuovo Galles del Sud, Queensland, Victoria, Australia meridionale e Australia occidentale), Tasmania, Nuova Caledonia
  • Forstrarchaea Rix, 2006 - Nuova Zelanda
  • Malkara Davies, 1980 - Queensland (Australia)
  • Nanarchaea Rix, 2006 - Australia (Nuovo Galles del Sud, Queensland, Victoria), Tasmania
  • Ozarchaea Rix, 2006 - Australia (Nuovo Galles del Sud, Australia occidentale, Queensland), Nuova Zelanda, Tasmania
  • Pararchaea Forster, 1955 - Nuova Zelanda
  • Perissopmeros Butler, 1932 - Nuovo Galles del Sud, Victoria (Australia)
  • Westrarchaea Rix, 2006 - Australia occidentale

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Dimitrov, D., Benavides Silva, L.R., Arnedo, M.A., Giribet, G., Griswold, C. E., Scharff, N. & Hormiga, G., 2017 - Rounding up the usual suspects: a standard target-gene approach for resolving the interfamilial phylogenetic relationships of ecribellate orb-weaving spiders with a new family-rank classification (Araneae, Araneoidea). Cladistics vol.33, n.(3), pp. 221–250 & Suppl. PDF

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi