Panoramica di quella che un tempo era una parte della Cilicia

I Malloti (o Malli, singolare Mallota), furono gli abitanti dell'antica città di Mallo, della Cilicia piana (Cilicia Campestris).

OriginiModifica

Secondo Callimaco[1] furono di origini greche, discendenti di una colonia argiva.[2]

Strabone[3] ne confermò le origini raccontando l'episodio della visita di Alessandro Magno, all'oracolo di Anfiloco (fondatore di Mallo), che nell'offrire il sacrificio, risvegliò nella memoria dei Malloti il ricordo della "propria comune discendenza dagli Argivi".[4]

StoriaModifica

Le fontiModifica

Storici, come Callimaco, Lucano, Plinio il Vecchio, Appiano Alessandrino e Arriano di Nicomedia, nei loro scritti, riportarono interessanti frammenti sulla vita, la cultura e le abitudini degli abitanti di Mallo.

La rivoltà contro Antioco IVModifica

 
Moneta di Antioco IV. Il rovescio mostra Apollo seduto su di un onfalo. L'iscrizione in greco dice: ΑΝΤΙΟΧΟΥ ΘΕΟΥ ΕΠΙΦΑΝΟΥ ΝΙΚΗΦΟΡΟΥ (Antioco, immagine di Dio, Portatore di vittoria).

I Malloti vengono ricordati nella Bibbia per l'insurrezione contro Antioco IV Epifane, re seléucide, che decise di donare ad Antiochide, sua concubina, la loro città e quella della vicina di Tarso:

(LA)

«Et cum haec agerentur, contigit: Tharsenses, et Mallotas seditionem movere, eo quod Antiochidi regis concubinae dono dati essent.»

(IT)

«Mentre così stavano le cose, le città di Tarso e Mallo si ribellarono, perché erano state date in dono ad Antiochide, concubina del re.»

(Secondo libro dei Maccabei, cap. 4, v.30)

Tale era l'usanza dei re dell'Asia: assegnavano alle loro mogli delle città, ad esempio una per le scarpe, una per gli ornamenti del collo, un'altra per il velo, ecc.[5] 'Le città Greche non volevano essere soggette alle donne dei re',[6] ed è per questo motivo che i cittadini Malloti, unitamente a quelli di Tarso, protestarono contro il trasferimento delle loro entrate ad Antiochide, concubina di Antioco. Il re in persona dovette in tutta fretta partire per la Cilicia per riportare l'ordine nelle due città ribelli.[7]

L'accoglienza per AlessandroModifica

 
Testa di Alessandro Magno. Alessandro fu per i Malloti un liberatore

I Malloti furono invece molto benevoli e accoglienti all'arrivo di Alessandro Magno che li sottrasse all'oppressione oligarchica di Dario[8] e concesse loro l'autonomia del governo popolare. Li esentò dal pagamento del tributo dovuto al Gran Re e, con l'istituzione di una festa eroica, rinnovò la gloria del loro fondatore Anfiloco.[9]

I Malloti, per motivi ancora sconosciuti[10] abbandonarono la propria città, rendendola deserta fino a quando Pompeo, nel 67 a.C., la ripopolò con i prigionieri catturati nella guerra contro i pirati, ai quali assegnò le terre in Acaia e Cilicia.

«Quanto ai pirati, quelli che ne aveano l'arte
non per malvagità, ma per la indigenza, in che li avea messi la guerra
furono mandati ad abitare in Mallo, in Adana, in Epifania,
o tal altra città deserta…»

(Appiano, Storia Romana (Ρωμαικά), Vol I.)
 Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra piratica di Pompeo e terza guerra mitridatica.

Sempre secondo Lucano, i Malloti furono esperti nella costruzione di navi; come una eco risuonava nelle città dell'impero la loro abilità nella cantieristica navale.[11]

NoteModifica

  1. ^ Callimaco, Aitia αἴτιον Lib. I-IV.
  2. ^ Cfr. Georges Radet, Alexandre le Grand, 1998 RCS Libri ISBN 978-88-58-65822-2.
  3. ^ Strabone, Storia universale, 14,5,17.676
  4. ^ Cfr. Lorenzo Braccesi, Hesperìa, studi sulla grecità di Occidente, Roma «L'ERMA» di BRETSCHNEIDER 2000, ISBN 88-8265-074-X, pag. 280, cit. .
  5. ^ Cfr. Cicerone, Verrem V: "Uxoribus attribuunt civitates hoc modo: hoec eivitas mulieri in redimiculum prœbeat; hoec in collum; hoec in crines. Ita populos habent universos non solum conscios libidinis suoe, sed etiam administros."
  6. ^ Antonio Martini, Vecchio e Nuovo Testamento secondo la Volgata trad. in lingua italiana, Prato, Fratelli Giacchetti, Tomo IX, pag. 226, cit. in nota 30 a piè di pagina.
  7. ^ Secondo libro dei Maccabei, ibid. (v.31)
  8. ^ Arriano, Anab. II. 5.
  9. ^ Cfr. Georges Radet, ibid.
  10. ^ Forse una alluvione, molto comune in quei territori, di proporzioni straordinarie che causò la distruzione di gran parte della città, ma ciò è una deduzione degli storici.
  11. ^ Marco Anneo Lucano, Pharsalia, Lib. III.

BibliografiaModifica

AnticaModifica

  • Appiano di Alessandria, Storia romana (Ρωμαικά)
  • Arriano di Nicomedia, Anabasi
  • Callimaco, Aitia (αἴτιον)
  • Cicerone, Verrem V
  • Marco Anneo Lucano, Pharsalia
  • Plinio il Vecchio, Naturalis Historia
  • Strabone, Storia universale

ModernaModifica

  • Georges Radet, Alexandre le Grand, RCS Libri ISBN 978-88-58-65822-2.
  • Lorenzo Braccesi, Hesperìa, «L'ERMA» di BRETSCHNEIDERE 2000, ISBN 88-8265-074-X
  • Antonio Martini, Vecchio e Nuovo Testamento secondo la Volgata trad. in lingua italiana, Fratelli Giacchetti