Apri il menu principale

Mano (tessitura)

sensazione al tatto data da un tessuto

Mano in ambito tessile è il termine tecnico con cui si indica: sofficità, morbidezza e voluminosità valutate come la sensazione al tatto data da un tessuto[1], da una maglina o da un filato.

Nei tessuti aiuta a descrivere le caratteristiche peculiari date dalla combinazione di due fattori: le particolarità del filato (materiale impiegato e lavorazione) unite all'effetto dell'armatura (struttura con cui sono intrecciati i fili). Un terzo fattore che determina la mano è il finissaggio (trattamento supplementare di finitura), che una volta effettuato può modificare le caratteristiche della struttura e della superficie di un tessuto.

Definisce le caratteristiche, a volte difficili da catalogare, di morbidezza, calore, rigidità, compattezza, pelosità, scorrevolezza, che la mano sente toccando.

DefinizioniModifica

La mano può essere: soffice, increspata, voluminosa, dolce, liscia, pesante, pastosa, granulosa, molle, secca, dura, fine, serica, gonfia, scattante, ruvida, ondulata, rustica, levigata, sostenuta, nervosa, vetrosa, rotonda, grezza, calda, plasticosa (o plastica).

NoteModifica

  1. ^ LaMMA-Test: fibretessili caratteristiche, su lammatest.rete.toscana.it. URL consultato il 18 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2011).

Voci correlateModifica