Manu (Induismo)

(Reindirizzamento da Manu (induismo))

Manu è il primo uomo nella mitologia induista, legato ai racconti dedicati al diluvio universale. La figura di Manu è comparabile a quella di Adamo nelle religione abramitiche[1].

Manu salvato da Matsya durante il Diluvio.

Il mitoModifica

Il mito di Manu è raccontato nel Mahābhārata e nei Purāṇa che, assieme al Rāmāyaṇa, costituiscono la base della letteratura mitologica dell'induismo, un'area culturale e religiosa che si sviluppò sulle rive dei fiumi Indo e Gange. Nei testi si racconta di Manu, che incontra il pesce mitico Matsya, avatar di Vishnu[2], nell'acqua che gli era stata portata per lavarsi. Esso gli promette di salvarlo se egli, a sua volta, lo salverà. Manu conserva il pesce in un vaso, poi lo porta al mare. Si costruisce un battello e, nell'anno predetto dal pesce, avviene il diluvio. Il pesce nuota verso il battello di Manu e aggancia il suo corno all'imbarcazione conducendola fino alla montagna del nord. Manu è l'unico essere umano sopravvissuto. Pratica l'ascesi e compie un sacrificio dal quale, dopo un anno, nasce una femmina e da lei egli procreò questa posterità, che è la posterità di Manu.

Secondo i Purāṇa, ogni kalpa (ciclo cosmico) consiste di quattordici Manvantara (ere), e ogni Manvantara è guidato da un diverso Manu[3]. Si afferma in questi testi che l'universo attuale sia governato dal 7° Manu chiamato Vaivasvata, in quanto figlio di Vivasvana, un epiteto del dio solare Surya, ma conosciuto anche come Sraddhadeva o Satyavrata Manu[4].

NoteModifica

  1. ^ Constance Jones, Encyclopedia of Hinduism, Checkmark Books, 2008, p. 278, ISBN 0-8160-7336-8, OCLC 153580625. URL consultato il 20 aprile 2019.
  2. ^ Bruce M. Sullivan, The A to Z of Hinduism, Vision Books, 2003, p. 129, ISBN 81-7094-521-6, OCLC 61283248. URL consultato il 20 aprile 2019.
  3. ^ Roshen Dalal, Hinduism: An Alphabetical Guide, Penguin Books, 2010, pp. 242, ISBN 978-0-14-341421-6.
  4. ^ Roshen Dalal, The Religions of India: A Concise Guide to Nine Major Faiths, Penguin Books, 2010, pp. 229, ISBN 978-0-14-341517-6.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN298796113 · ISNI (EN0000 0001 0797 8325 · LCCN (ENn81022816 · GND (DE118892037 · BNF (FRcb125731195 (data) · CERL cnp00139269 · WorldCat Identities (ENlccn-n81022816