Manu Chao

cantautore e chitarrista francese
Manu Chao
Manu Chau 141 (cropped).jpg
Manu Chao nel 2009 durante una conferenza stampa
NazionalitàFrancia Francia
GenerePatchanka
Reggae
Rock latino
World music
Folk
Periodo di attività musicale1984 – in attività
GruppiMano Negra
Album pubblicati8 (da solista)
Studio5
Live3
Sito ufficiale

Manu Chao, all'anagrafe José Manuel Arturo Tomás Chao Ortega (Parigi, 21 giugno 1961), è un cantautore e chitarrista francese, figlio di immigrati spagnoli. È interprete di musica folk, reggae e latinoamericana.

BiografiaModifica

Chao è nato a Parigi il 21 giugno 1961 figlio di Ramón Chao, giornalista spagnolo originario, e di Felisa Ortega, basca originaria di Bilbao. La coppia si trasferisce a Parigi per sfuggire alla dittatura di Francisco Franco, che durò fino alla morte del dittatore, nel 1975. Manu crebbe nella zona suburbana della capitale francese, tra Boulogne-Billancourt e Sèvres. La sua casa era molto pittoresca poiché il padre già ospitava molti rifugiati delle dittature sudamericane da cui poté ricavare esperienze dirette, anche di artisti.[1] Oggi vive a Barcellona dove possiede un locale, il Mariatchi, nel quartiere Barrio Gotico[2].

MusicaModifica

Esordì nella musica alternativa parigina con le band Hot Pants e Los Carayos in esibizioni underground gratuite nelle periferie. Nel 1987, Chao, il fratello Antoine Chao e il loro cugino Santiago Casariego fondarono la band Mano Negra. Manu assume lo pseudonimo di Oscar Tramor: il nome deriva da una vecchia canzone di Irma Serrano detta La Tigressa, regina della canzone messicana; ella cantava Busca otro amor, Manu traduce sbrigativamente Oscar Tramor, la canzone gli piace così tanto da assumere quello stesso nome per molti anni. La band ebbe subito successo in Francia con il singolo Mala vida. Dopo un tour in Sudamerica nel 1995, la band si divise causa "esaurimento delle motivazioni originarie", a detta dello stesso Manu, il quale a questo punto si dedica a viaggiare in Africa e poi in America Latina: da questi viaggi trae esperienze importantissime e svariati insegnamenti. Tre anni dopo inizia la sua promettente carriera da solista con i Radio Bemba Sound System.

Manu Chao canta in spagnolo, galiziano, francese, arabo, portoghese, italiano, inglese e wolof, mescolando inoltre spesso più lingue nella stessa canzone. Ha fatto parte del progetto Playing for Change.

La sua musica è caratterizzata oltre che dall'utilizzo delle diverse lingue anche dal confluire di diversi generi: reggae, punk, ska rock e tanti altri. Chiara e comprovata una spiccata influenza dei Clash, dal punto di vista stilistico, musicale ed ideologico. Nato a Parigi si è trasferito a Barcellona, città dalla quale ha acquisito la cultura della strada, dei baretti e delle ciabatte.

La sua musica ha subito molte influenze: il rock and roll, la chanson francese, la salsa spagnolo-americana, il reggae, lo ska e il raï algerino. Queste influenze derivano principalmente dalle sue relazioni con altri immigrati in Francia, dalle sue origini spagnole e dai viaggi in Mesoamerica come nomade. I testi trattano soprattutto di amore, di immigrazione, della vita nei ghetti e spesso portano un messaggio di sinistra.

Nonostante sia un artista molto noto nel mondo latino, non gode di grande considerazione nei paesi anglofoni in cui l'artista parigino non è mai riuscito a sfondare. Tuttavia la sua canzone King of the Jungle è diventata una hit mondiale nell'esecuzione di Robbie Williams

In Italia, all'apice del successo, è stato anche ospitato nella trasmissione di Adriano Celentano Francamente me ne infischio dell'anno 1999. Si esibì con la sua band e in un duetto con lo stesso Adriano Celentano. Ancora con il Molleggiato incise nel 2003 un brano intitolato La manifestazione, rimasto però diversi anni nel cassetto fino al 2011, quando Adriano lo riprese e lo reincise come Non so più cosa fare in collaborazione con Franco Battiato, Jovanotti e Giuliano Sangiorgi.

Si fece notare nel 2001 dopo la sua partecipazione al concerto contro il G8. Destò molto clamore la sua posizione anti-globalista, della quale la sua è diventata la musica simbolo.[3]

 
Manu Chao a Brooklyn

Assieme a Tonino Carotone ha suonato la sigla La Trampa della commedia Drew Carey's Green Screen Show.

Tra il 2003 e 2004 ha collaborato con gli artisti maliani Amadou & Mariam, producendo il loro album Dimanche à Bamako, nel quale ha anche partecipato come cantante.

Nel 2012 ha composto la canzone Let Me Come the River Flow per i Tokyo Ska Paradise Orchestra.

Nel 2012 ha iniziato una lunga tournée (La Ventura Tour), con concerti che toccano numerose località di tutto il mondo, sospesa nel 2020, a causa della pandemia di COVID-19.

Dal 2017, dopo quasi dieci anni di silenzio, Manu Chao torna a pubblicare delle canzoni inedite, in download gratuito sul suo sito. Tra questi No solo en China hay futuro e Words of Truth richiamano il classico stile musicale dell'artista; altre sono frutto della collaborazione con l'artista Chalart 58. Mentre cinque brani tra cui, Moonlight avenue, sono accreditati alla sigla Ti.po.ta., un nuovo duo formato dal musicista e dall’attrice greca Klelia Renesi.[4]

Nel 2019 esce l'album Clandestino/Bloody Border, ristampa dell'album del 1998 con l'aggiunta di tre brani inediti.[5]

DiscografiaModifica

 
Manu Chao in concerto

AlbumModifica

Con la Mano Negra
Solista

Altri albumModifica

  • 2001Próxima Estación: Esperanza Lado B
  • 2007La radiolina - B Sides
  • 2008Estación México (live registrato durante un concerto in Messico; distribuito solo in Messico e El Salvador)
  • 2009Radio La Colifata (registrato in radio in Argentina a fini benefici)

SingoliModifica

InternetModifica

Live bonus pubblicati su manuchao.net
  • Live Bruxelles (Belgio, 2003)
  • Live Tokyo (Giappone, 2010)

Cover in italianoModifica

  • 2015 – ClandestiNO è la versione in italiano di Clandestino, tradotta da Lorenzo Kruger e interpretata dai Nobraino in un videoclip, non pubblicato su album per problemi editoriali.

PremiModifica

VideografiaModifica

DVDModifica

  • 2002: Babylonia en Guagua
  • 2005: Mano Negra: Out of time
  • 2009: Baionarena

MediaModifica

TVModifica

Concerti trasmessi su canali televisivi
  • Estratti: "El viento", Tijuana, 2000
  • Estratti: "El viento", live à La Cigale, Paris, Francia, 2001
  • Estratti: "Machine gun", Paris, Francia 2001
  • Live glastonbury, UK 2002
  • Estratti: Live Marseille, Francia, 2002
  • Estratti: Live festival Son Latinos, Tenerife, España 2003
  • Estratti: "mr bobby", "welcome to tijuana" live Colmar, Francia 2003
  • Live Buenos aires, Argentina 2005
  • Live Caracas, Venezuela 2006
  • Estratti: "mr bobby" , werchter, belgique 2006
  • Live Mexico, Zocalo de la ciudad de México, D.F. 2006
  • Live festival coachella, USA 2007
  • Live festival tempo latino, Francia 2007
  • Live glastonbury, UK, 28 & 29 giugno 2008
  • Estratti: "la vida tombola", Paléo Festival Nyon, Swiss 2008
  • Live exit festival, Serbia 2008
  • Estratti: "Romerito verde", Perm, Russia 2011
  • Estratti: "mr bobby", "dia luna dia pena" , Paléo Festival Nyon, Swiss 2012
  • Estratti: live Bogota, Colombia 2012
Music TV show
  • Hora Prima, MTV Latino 1998
  • Nulle Part Ailleurs, Canal+ 1998
  • La Musicale, Canal+ 2005
  • Live concert privé, Canal+ 2007
  • Later... with Jools Holland, BBC 2007
  • The henry rollins show 2007
  • Live abbey road 2008
  • One shot not, arte 2008
  • Austin City Limits, 2008
  • Le Grand Journal, Canal+ 2008
  • Taratata, france télévision 2008
Documentario tv
  • Giramundo tour, arte 2000
  • Tracks, arte 2001
  • Envoyé special: "manu chao incognito", France 2, 2002
  • Voyage à Bamako, M6, 2005 (DVD Paris Bamako, Amadou & Mariam)
  • Malegria, 2007
  • 66 minutes: Le projet fou de Manu Chao, M6, 2008

RadioModifica

concerti trasmissione:

  • Live Roskilde festival, Danimarca 2001
  • Live, new york, USA 2001
  • estratti: Live Wiesen festival, Austria 2001
  • Live Gurtenfestival, Svizzera 2001
  • Live Paleo festival, Svizzera 2001
  • Live (+ intervista) Esperanzah festival, Belgio 2007
  • Live Way Out West Festival, Svezia 2007

emissioni radio:

  • live, Radio Nova, 1998
  • live, Radio Popolare, 1999
  • intervista, Ondes de choc, France inter, 2001
  • live, Club Lek, 3FM, 2002 (+ video streaming)
  • intervista, Paroles et musique, RTL, 2002
  • intervista, La bande passante, RFI, 2002
  • live, OÜI FM, 2002
  • live, RTL2, 2002
  • live, France Inter, 2002
  • intervista, rapporto, "le tambour de Manu Chao", radio têtard (webradio), 2004
  • live, KCRW, 2007
  • live à la boule noire, concert privé, OÜI FM, 2007
  • live studio 104, France inter, 2007
  • live, interview, "Le Contrôle Discal", Radio Nova, 2008 (+ video streaming)
  • live, interview, RTL, 2008
  • live, KCRW, 2010 (+ video streaming)
  • rapporto, Pop Etc, France Inter, 2013
  • live, NRK, 2016 (+ video streaming)

NoteModifica

  1. ^ Rockol com s.r.l, √ Signore e signori, Manu Chao e Mano Negra, su Rockol. URL consultato il 6 gennaio 2021.
  2. ^ Chi è Manu Chao, un cantautore globale, su Notizie Musica, 21 giugno 2020. URL consultato il 3 marzo 2021.
  3. ^ la Repubblica/politica: Si apre con una festa la contestazione al G8, su www.repubblica.it. URL consultato il 6 gennaio 2021.
  4. ^ Arriva Ti.Po.Ta., il nuovo progetto di Manu Chao [Video] :: News :, su OndaRock. URL consultato il 6 gennaio 2021.
  5. ^ rockon, MANU CHAO: è uscita la ristampa dell’album d’esordio “Clandestino / Bloody Border”, su rockon.it. URL consultato il 6 gennaio 2021.

Bibliografia di e su Manu ChaoModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74752836 · ISNI (EN0000 0001 1493 6588 · Europeana agent/base/60815 · LCCN (ENno99089219 · GND (DE123163498 · BNF (FRcb14027562r (data) · BNE (ESXX1409956 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no99089219