Apri il menu principale

Manuela Benelli

pallavolista e allenatrice di pallavolo italiana
Manuela Benelli
Manuela Benelli.JPG
Benelli alla Teodora Ravenna nel 1988
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatrice (ex palleggiatrice)
Carriera
Squadre di club
1979-1995Olimpia Ravenna
1995-1996Roma
1996-1999Reggio Emilia
1999-2000Olimpia Ravenna
Nazionale
1981-1994 Italia Italia 325
Carriera da allenatore
2000-2001 Olimpia Ravenna vice
2001-2002 Olimpia Ravenna
2003-2004 Roma
2004-2005 NSGP Sassuolo
2005-2008 Vicenza Volley
2008-2009 Pallavolo Cesena
2009-2010 Volley 2002 Forlì
2010-2012 Libertas Forlì
Palmarès
Transparent.png Campionato europeo
Bronzo Germania Ovest 1989
Statistiche aggiornate al 31 maggio 2012

Manuela Benelli (Ravenna, 10 marzo 1963) è un'ex pallavolista e allenatrice di pallavolo italiana.

Indice

CarrieraModifica

GiocatriceModifica

Considerata la più titolata giocatrice di pallavolo della storia italiana, inizia la sua carriera di palleggiatrice nell'Olimpia Teodora di Ravenna, formazione della sua città natale: con la squadra romagnola è protagonista della storica serie di undici scudetti consecutivi (dal 1980-81 al 1990-91), conquistando inoltre sei Coppe Italia, un Mondiale per Club e due Coppe dei Campioni (1987-88 e 1991-92).

Nel 1995 lascia Ravenna approdando alla Roma Pallavolo in Serie A2, tornando tuttavia nel massimo campionato italiano già nella stagione successiva, ingaggiata dalla Pallavolo Reggio Emilia, dove contribuisce alla vittoria della Coppa CEV 1997-98. Dopo un triennio in terra emiliana fa rientro a Ravenna dove conclude la propria carriera da atleta professionistica al termine del campionato 1999-00.

In seguito al ritiro dalla pallavolo professionistica, gioca ancora, a titolo puramente dilettantistico, nella società ravennate Mambo Cafè, che milita nei campionati organizzati dal Centro Sportivo Italiano, conseguendo ancora titoli provinciali, regionali e nazionali e conquistando nel 2007 il secondo posto nella finale nazionale svoltasi a Chianciano Terme, prima di ritirarsi definitivamente dall'attività agonistica nel 2010.

Esordisce nella Nazionale italiana nel 1981, diventandone poi capitana; nel 1989 vince la medaglia di bronzo agli Europei. Con la maglia azzurra scende in campo complessivamente 325 volte, che fanno di lei la quinta giocatrice per numero di presenze in nazionale.

Il 25 marzo 2019, entra nella Hall of Fame della Pallavolo Italiana con una cerimonia ufficiale nel salone d'onore del CONI

AllenatriceModifica

Al termine dell'ultima stagione da atleta, nel campionato 2000-01 passa nello staff tecnico della stessa Olimpia Teodora, nel ruolo di vice del suo ex compagno di classe[1] Marco Bonitta, prendendone il posto da primo allenatore nella stagione successiva. Nel corso dell'annata 2002-03 prende il posto di Paolo Collavini sulla panchina della Roma Pallavolo in Serie A2, categoria dove rimane per un biennio prima di passare, nel campionato 2004-05, alla Nuova San Giorgio Pallavolo Sassuolo.

Torna nel massimo campionato italiano nella stagione 2005-06, ingaggiata dal Vicenza Volley, restando alla guida della formazione berica per tre campionati, quindi viene ingaggiata dalla Pallavolo Cesena. Nel campionato 2009-10 diventa allenatrice del Volley 2002 Forlì, venendo tuttavia esonerata[2] nel dicembre 2009.

Ha collaborato dal 2012 al maggio 2014 con il Consorzio Vero Volley Monza per il quale ha allenato come prima allenatrice la serie B2 F, l'under 18 F l'under 16 F e il mini volley, Il 23 giugno 2013, Manù Benelli fonda, con 4 sue grandi amiche, la ASD Volley Academy Manù Benelli, la prima scuola, dedicata ai palleggiatori, in Italia e in Europa.

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Compagni di classe e avversari in finale Benelli contro Bonitta, 25 anni più tardi, su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 6-2-2017.
  2. ^ Volley, la Infotel Forlì esonera l'allenatrice Manuela Benelli, su romagnaoggi.it. URL consultato il 6-2-2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90192923 · ISNI (EN0000 0004 1964 5466 · SBN IT\ICCU\CFIV\207180 · WorldCat Identities (EN90192923