Apri il menu principale

Manziana

comune italiano
Manziana
comune
Manziana – Stemma
Manziana – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
SindacoBruno Bruni[1] (lista civica Presenza e partecipazione) dal 12-06-2017
Territorio
Coordinate42°08′N 12°08′E / 42.133333°N 12.133333°E42.133333; 12.133333 (Manziana)Coordinate: 42°08′N 12°08′E / 42.133333°N 12.133333°E42.133333; 12.133333 (Manziana)
Altitudine374 m s.l.m.
Superficie23,8 km²
Abitanti7 753[2] (31-12-2018)
Densità325,76 ab./km²
FrazioniQuadroni
Comuni confinantiBracciano, Canale Monterano, Oriolo Romano (VT), Tolfa
Altre informazioni
Cod. postale00066
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT058054
Cod. catastaleE900
TargaRM
Cl. sismicazona 3B (sismicità bassa)
Cl. climaticazona D, 1 936 GG[3]
Nome abitantimanzianesi
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo29 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Manziana
Manziana
Manziana – Mappa
Posizione del comune di Manziana nella città metropolitana di Roma Capitale
Sito istituzionale

Manziana è un comune italiano di 7 753 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale nel Lazio.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Manziana si trova sulle alture dei monti Sabatini, sulle propaggini settentrionali dell'antico vulcano Sabatino, il cui collasso ha originato il lago di Bracciano. Questo paesaggio ispirò infatti il regista Sergio Corbucci per trovare lo scenario adatto ove girare gli esterni del suo film Il giorno più corto del 1963.

ClimaModifica

Un clima abbastanza mite durante i mesi estivi, e fresco nel periodo fra l'estate e l'autunno. Durante i mesi invernali le temperature possono scendere sotto lo zero, ma solo in casi rari ci sono precipitazioni nevose.

StoriaModifica

Sorta su un territorio anticamente consacrato dagli Etruschi al dio dell'oltretomba Manth, Manziana era nota sin dal XII secolo come Castrum Sanctae Pupae, uno dei principali possedimenti della famiglia dei Prefetti di Vico, insieme agli Orsini, che cedettero all'Arcispedale di Santo Spirito in Saxia sul finire del XIII secolo. Passata per un breve periodo agli Anguillara e contesa ancora dalla famiglia Orsini, signori del confinante castello di Bracciano, assunse l'attuale nome dalla circostante Silva Mantiana a partire dalla fine del XVI secolo, quando nei pressi della chiesa della Madonna della Fiora[4] il centro venne ripopolato a seguito di un lungo periodo di decadenza e spopolamento.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

 

EconomiaModifica

ArtigianatoModifica

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e rinomate vi sono quelle artigianali, come la lavorazione e l'arte del ferro.[6]

Infrastrutture e trasportiModifica

FerrovieModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Manziana-Canale Monterano.

Manziana è collegata dalla ferrovia regionale FL3.

Trasporto busModifica

Manziana è una delle città attraversata dai trasporti COTRAL e possiede anche un sistema di trasporti bus interno.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 1997 Mariano Augusto Ceciarelli FI - AN Sindaco [7]
16 novembre 1997 26 maggio 2007 Generoso Mancini Lista civica Sindaco [8][9]
27 maggio 2007 2011 Lucia Dutto Lista civica di Centro-sinistra Sindaco [10]
7 maggio 2012 in carica Bruno Bruni Lista civica Presenza e partecipazione Sindaco [1]

SportModifica

CalcioModifica

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Manziana Calcio che milita nel girone B laziale di 2ª Categoria. È nata il 28 aprile del 1928. Vi si trova lo stadio comunale Vincenzo Marcozzi della capienza di 4.524 posti.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Baldini, Mauro; Totteri, Mauro: Voci dalla Fiora - Lessico Manzianese, Manziana (Roma), Vecchiarelli, 2007, ISBN 8882472132
  • Carafa, Giovanni: Manoscritti Catastali riguardanti il territorio di Manziana tenimentum castri sanctae pupae dalla seconda metà del XVI alla metà del XIX Secolo, Manziana, 2005
  • Picciurro, Carla: Monumento Naturale della Caldara di Manziana, Regione Lazio, Manziana
  • Vecchiarelli, Livio: Gli Arcavoli - cronache manzianesi dal XVI al XIX secolo, Manziana (Roma), Vecchiarelli, 1994, ISBN 88-85316-46-8
  • Vecchiarelli Livio: Manziana: la terra, la gente - volume primo, 1988
  • Vecchiarelli, Livio: Manzianeide. Immagini ritrovate, 2002 ISBN 88-8247-086-5
  • Vecchiarelli, Livio: Storie Manzianesi, 2002 ISBN 88-8247-090-3
  • Vecchiarelli, Livio: Il bosco Macchia Grande di Manziana Università Agraria di Manziana 1994
  • Valletta, Giovanni: Manziana un lembo di Toscana nel Lazio, Roma, 1983
  • Carafa, Giovanni; Curcio, Vincenzo: Manziana evoluzione storico-sociale del "tenimentum castri sanctae pupae", 1979
  • Fiordispini, Biagio: Manziana e suoi dintorni: Roma - 1971
  • D'Alessandro, Alessandro: Note sull'economia del feudo di Manziana nel secolo 18., Milano, Giuffre, 1967
  • Binarelli, Pierina: Brevi cenni storici sul nome e sulle origini di Manziana; Roma, 1959
  • Anonimo: La festa degli alberi a Manziana: 24 novembre 1912, Roma, tip. Pistolesi, 1912
  • Fiordispini, Biagio: Manziana e suoi dintorni (Bracciano, Oriolo romano, canale Monterano). Gli usi civici. Le Universita agrarie in Italia. L'associazione agraria di Manziana; Roma; Tip. Bodoni, di G. Bolognesi, 1908
  • Zambonini, Ferruccio: Wavellite di Manziana (Provincia di Roma), nota di Ferruccio Zambonini; 1902

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN151427068 · WorldCat Identities (EN151427068