Apri il menu principale

Mappa di Madaba

mappa a mosaico della Terrasanta
La mappa di Madaba

La Mappa di Madaba (conosciuta anche come Mappa a Mosaico di Madaba) fa parte di un mosaico pavimentale nella primitiva chiesa bizantina di San Giorgio a Madaba, in Giordania. La mappa di Madaba è una mappa del Medio Oriente. In parte contiene la più antica rappresentazione cartografica originale sopravvissuta della Terra Santa e in particolare di Gerusalemme. Risale al VI secolo d.C.

StoriaModifica

 
Riproduzione della Mappa di Madaba

La mappa del mosaico di Madaba raffigura Gerusalemme con la chiesa di Nea, che è stata dedicata il 20 novembre del 542 d.C. Gli edifici costruiti a Gerusalemme dopo il 570 sono assenti dalla rappresentazione, limitando così l'intervallo di date della sua creazione al periodo tra il 542 e il 570. Il mosaico è stato realizzato da artisti sconosciuti, probabilmente per la comunità cristiana di Madaba che, in quel momento, era la sede di un vescovo. Nel 614, Madaba fu conquistata dall'impero persiano. Nell'VIII secolo d.C. i governanti musulmani omayyadi fecero rimuovere dal mosaico alcuni motivi figurativi. Nel 746, Madaba fu in gran parte distrutta da un terremoto e successivamente abbandonata. Il mosaico è stato riscoperto nel 1884, durante la costruzione di una nuova chiesa greco-ortodossa sul sito del suo antico predecessore.[1] Il patriarca Nicodemo I di Gerusalemme fu informato, ma nessuna ricerca fu effettuata fino al 1896.[2][3]

Nei decenni successivi, vaste porzioni della mappa del mosaico furono danneggiate da incendi, attività nella nuova chiesa e dagli effetti dell'umidità. Nel dicembre del 1964, la Volkswagen Foundation diede al Deutscher Verein für die Erforschung Palästinas ("Società tedesca per l'esplorazione della Palestina") 90.000 Marchi per salvare il mosaico. Nel 1965, gli archeologi Heinz Cüppers e Herbert Donner intrapresero il restauro e la conservazione delle restanti parti del mosaico.

DescrizioneModifica

 
Luogo del battesimo di Giovanni Battista alla foce del Giordano e leone (quasi cancellato) alla caccia di una gazzella

Il mosaico del pavimento è situato nell'abside della chiesa di San Giorgio a Madaba. Non è orientato verso nord, come le mappe moderne, ma guarda verso est verso l'altare in modo tale che la posizione dei luoghi sulla mappa coincide con le direzioni della bussola. Originariamente, misurava 21 per 7 m e conteneva oltre due milioni tesserae.[4] Le sue dimensioni attuali sono 16 per 5 m.

Rappresentazione topograficaModifica

La mappa del mosaico raffigura un'area dal Libano al nord al delta del Nilo a sud, e dal Mar Mediterraneo a ovest al deserto orientale. Tra le altre caratteristiche, raffigura il Mar Morto con due barche da pesca, una varietà di ponti che collegano le rive del Giordano, pesci che nuotano nel fiume e si allontanano dal Mar Morto; un leone (reso quasi irriconoscibile dall'inserimento di tessere casuali durante un periodo di iconoclastia) alla caccia di una gazzella nel deserto del Moab, a Gerico con le palme, a Betlemme e in altri siti biblico-cristiani. La mappa potrebbe in parte essere servita per facilitare l'orientamento dei pellegrini in Terra Santa. Tutte le unità del paesaggio sono etichettate con spiegazioni in greco. Una combinazione di prospettiva pieghevole e vista aerea rappresenta circa 150 città e villaggi, tutti etichettati.

L'elemento più grande e dettagliato della rappresentazione topografica è Gerusalemme, al centro della mappa. Il mosaico mostra chiaramente una serie di strutture significative nella Città Vecchia di Gerusalemme: la Porta di Damasco, la Porta dei Leoni, la Porta d'Oro, la Porta di Sion, la Chiesa del Santo Sepolcro, la Nuova Chiesa della Theotokos, la Torre di Davide e il Cardo Maximus. La rappresentazione riconoscibile della topografia urbana rende il mosaico una fonte chiave sulla Gerusalemme bizantina. Anche uniche sono le raffigurazioni dettagliate di città come Neapolis, Ascalona, Gaza, Pelusium e Charachmoba, tutte abbastanza dettagliate per essere descritte come mappe stradali.

Significato scientificoModifica

La mappa a mosaico di Madaba è il più antico mosaico di pavimenti geografici conosciuto nella storia dell'arte. Veniva usato per la localizzazione e la verifica dei siti biblici. Lo studio della mappa ha svolto un ruolo importante nel rispondere alla domanda sulla posizione topografica di Askalon (Asqalan sulla mappa).[5] Nel 1967, gli scavi nel quartiere ebraico di Gerusalemme hanno rivelato la Chiesa di Nea e il Cardo Maximus nelle stesse località suggerite dalla Mappa di Madaba.[6]

Nel febbraio 2010, gli scavi hanno ulteriormente confermato la sua accuratezza con la scoperta di una strada raffigurata nella mappa che attraversa il centro di Gerusalemme.[7] Secondo la mappa, l'ingresso principale della città era attraversato da un grande cancello che si apriva su un'ampia strada centrale. Fino alla scoperta, gli archeologi non sono stati in grado di scavare questo sito a causa del traffico pedonale. Sulla scia del lavoro infrastrutturale nei pressi della Porta di Giaffa, sono stati scoperti grossi masselli ad una profondità di 4 metri sotto terra che dimostrano che esisteva una strada simile.[8]

Copie della mappa di MadabaModifica

Una copia della mappa è nella collezione dell'Istituto Archeologico dell'Università di Göttingen. Fu prodotta durante i lavori di conservazione a Madaba nel 1965 dagli archeologi del Rheinisches Landesmuseum di Treviri. Una copia prodotta dagli studenti della Scuola Mosaico Madaba si trova nel foyer dell'Akademisches Kunstmuseum di Bonn. La lobby dell'YMCA di Gerusalemme ha una replica della mappa incorporata nel pavimento.[9]

NoteModifica

  1. ^ Yiannis Meimaris, The Discovery of the Madaba Mosaic Map. Mythology and Reality, su christusrex.org. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2013).
  2. ^ Donner, 1992,  p.11.
  3. ^ Michele Piccirillo, The discovery of the mosaic map of madaba, in Jordan Times, 21 settembre 1995:

    «Fu solo Abuna Kleofas Kikilides a realizzare il vero significato, per la storia della regione, della mappa visitando Madaba nel dicembre del 1896. Un frate francescano di origine italo-croata nato a Costantinopoli, Frate Girolamo Golubovich, aiutò Abuna Kleofas a stampare un opuscolo in greco sulla mappa della tipografia francescana di Gerusalemme. Subito dopo, la Revue Biblique pubblicò un lungo e dettagliato studio storico-geografico della mappa da parte dei padri domenicani M.J. Lagrange e H. Vincent dopo aver visitato il sito stesso. Allo stesso tempo. Padre J. Germer-Durand dei Padri Assunzionisti ha pubblicato un album fotografico con le sue foto della mappa. A Parigi, C. Clermont-Gannau, un noto studioso orientale, annunciò la scoperta all'Academie des Sciences et belles Lettres

  4. ^ http://www.uni-bonn.de/Aktuelles/Publikationen/forsch/forsch_4_November_2005/bilder/Kultur.pdf[collegamento interrotto] Ute Friederich: Antike Kartographie
  5. ^ (DE) GRIN - Architekturmosaiken am Beispel der drei Jordanischen Städte Madaba, Umm al-Rasas und Gerasa, su www.grin.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  6. ^ Jerusalem- the Nea Church and the Cardo, su mfa.gov.il, 21 ottobre 2011. URL consultato il 23 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2011).
  7. ^ (EN) By Kevin Flower, CNN, Archaeologists find Byzantine era road - CNN.com. URL consultato il 23 agosto 2018.
  8. ^ Dig uncovers ancient Jerusalem street depicted on Byzantine map
  9. ^ (EN) Jerusalem Architecture in the British Mandate Period, su www.jewishvirtuallibrary.org. URL consultato il 23 agosto 2018.

BibliografiaModifica

  • M.-J. Lagrange, JÉRUSALEM D'APRÈS LA MOSAÏQUE DE MADABA, in Revue Biblique (1892-1940), vol. 6, nº 3, 1897, pp. 450–458. URL consultato il 23 agosto 2018.
  • Madden, Andrew M., A New Form of Evidence to Date the Madaba Map Mosaic, in Liber Annuus 62 (2012), 495-513.
  • Hepper, Nigel; Taylor, Joan, "Date Palms and Opobalsam in the Madaba Mosaic Map," Palestine Exploration Quarterly, 136,1 (April 2004), 35-44.
  • Herbert Donner, The Mosaic Map of Madaba, Kampen, Kok Pharos Publishing House, 1992, ISBN 90-390-0011-5.
  • (DE) Herbert Donner e Heinz Cüppers, Die Mosaikkarte von Madeba: Tafelband, Otto Harrassowitz Verlag, 1977, ISBN 978-3-447-01866-1. URL consultato il 23 agosto 2018.
  • Michael Avi-Yonah: The Madaba mosaic map. Israel Exploration Society, Jerusalem 1954
  • Michele Piccirillo: Chiese e mosaici di Madaba. Studium Biblicum Franciscanum, Collectio maior 34, Jerusalem 1989 (Arabische Edition: Madaba. Kana'is wa fusayfasa', Jerusalem 1993)
  • Kenneth Nebenzahl: Maps of the Holy Land, images of Terra Sancta through two millennia. Abbeville Press, New York 1986, ISBN 0-89659-658-3
  • Adolf Jacoby: Das geographische Mosaik von Madaba, Die älteste Karte des Heiligen Landes. Dieterich’sche Verlagsbuchhandlung, Leipzig 1905
  • Weitzmann, Kurt, ed., Age of spirituality: late antique and early Christian art, third to seventh century, no. 523, 1979, Metropolitan Museum of Art, New York, ISBN 9780870991790

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN201001328 · LCCN (ENn99016644 · GND (DE4163359-3 · WorldCat Identities (ENn99-016644
  Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia