Apri il menu principale

Marcantonio Maffei

cardinale italiano
Marcantonio Maffei
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato29 novembre 1521 a Roma
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato arcivescovo14 luglio 1553 da papa Giulio III
Consacrato arcivescovoin data sconosciuta
Creato cardinale17 maggio 1570 da papa Pio V
Deceduto22 agosto 1583 (61 anni) a Roma
 

Marcantonio Maffei (Roma, 29 novembre 1521Roma, 22 agosto 1583) è stato un cardinale italiano.

Indice

BiografiaModifica

Terzo degli otto figli di Girolamo Maffei ed Antonia Mattei, nacque nel 1521 da una famiglia del patriziato romano che diede numerosi cardinali alla Chiesa cattolica: furono elevati alla porpora anche il fratello maggiore di Marcantonio, Bernardino, e suo nipote Orazio; fu zio anche dei cardinali Marcello Lante della Rovere e Gregorio Naro.

Nel settembre del 1547 si addottorò in utroque jure presso l'Università di Ferrara e, ricevuti gli ordini minori, divenne un avvocato concistoriale e fu nominato Canonico del capitolo della basilica Lateranense: fu anche nominato da papa Giulio III vice-governatore di Viterbo nel 1552.

Il 14 luglio 1553 fu eletto arcivescovo e metropolita di Chieti succedendo al fratello Bernardino: delegò il governo della diocesi a degli ausiliari e rimase presso la Curia Romana, dove venne nominato Referendario del Supremo tribunale della segnatura apostolica e governatore di Viterbo; papa Pio V lo inviò come Nunzio apostolico in Polonia e lo nominò poi Datario di Sua Santità nel 1566, Prelato domestico e Canonico del capitolo della basilica Vaticana di San Pietro.

Si dimise da vescovo di Chieti il 14 gennaio 1568 e, il 17 maggio 1570, Pio V lo creò cardinale prete del titolo di San Callisto: partecipò al conclave del 1572, da cui uscì eletto papa Gregorio XIII che lo nominò Prefetto dei brevi apostolici.

Morì poco tempo dopo a Roma e venne sepolto nella cappella di famiglia nella chiesa di santa Maria sopra Minerva.

Genealogia episcopaleModifica

  • ...
  • Cardinale Marcantonio Maffei

Successione apostolicaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN70089962 · ISNI (EN0000 0000 1985 535X · GND (DE132417960 · CERL cnp01092909