Apri il menu principale
Marco Nanni
Marco Nanni.jpg
Marco Nanni
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Rock demenziale
Punk rock
Periodo di attività musicale1976 – 2003
Strumentobasso

Marco Nanni (Bologna, 21 luglio 1949) è un bassista italiano, tra i fondatori degli Stadio è noto anche per essere stato il bassista negli anni '70 e '80 di Lucio Dalla e, dal 1990 al 2003 degli Skiantos.

Indice

BiografiaModifica

Gli inizi con i Gulp e con Lucio DallaModifica

Comincia fin da giovanissimo a suonare la chitarra, successivamente passa al basso, negli anni sessanta entra nel gruppo dei Gulp, che nel 1973 sono in tour con Mia Martini, ma la svolta arriva quando nel 1974 entra a far parte del gruppo di musicisti di Lucio Dalla, insieme a Giovanni Pezzoli. Il primo album di Dalla in cui sono presenti Pezzoli e Nanni è Automobili del 1976. Il 1979 è l'anno di Banana Republic, e a Pezzoli e Nanni si aggiungono Gaetano Curreri, Ricky Portera e Fabio Liberatori, al termine di Banana Republic con la spinta propulsiva di Lucio Dalla si formano gli Stadio.

Con gli Stadio 1979-1990Modifica

Marco Nanni è il bassista di tutti i primi album degli Stadio, da Stadio contenente canzoni come "Chi te l'ha detto" e "Grande figlio di puttana" inserite nella colonna sonora di Borotalco di Carlo Verdone, a La faccia delle donne, da Chiedi chi erano i Beatles a Canzoni alla radio. Con gli Stadio, Nanni partecipa a due Festival di Sanremo, nel 1984 con "Allo stadio" e nel 1986 con Canzoni alla radio. Nel 1986 gli Stadio collaborano con Lucio Dalla in occasione di DallAmeriCaruso e nel 1988 in occasione di Dalla/Morandi. Nel 1985 Fabio Liberatori lascia gli Stadio seguito da Ricky Portera nel 1986, così da fine 1986 al 1990, Marco Nanni, Gaetano Curreri e Giovanni Pezzoli, rimangono gli unici componenti originali, a cui si aggiunge nel 1987 il tastierista Beppe D'Onghia. Il ruolo di Marco Nanni all'interno degli Stadio viene da questo momento in poi ridimensionato, anche a causa dell'arrivo del produttore Roberto Costa, tastierista e bassista, infatti nel libro "Chiedi chi sono gli Stadio" Nanni dichiara il suo dispiacere nell'essere stato praticamente estromesso dal lavoro in studio del gruppo a favore di Costa (buona parte del basso di "Canzoni alla radio" è di Roberto Costa) e di venire utilizzato solo nei live o nelle apparizioni televisive. Agli inizi del 1990 decide di abbandonare gli Stadio ed entra negli Skiantos.

Con gli Skiantos 1990-2003Modifica

Con la band demenziale di Freak Antoni, Marco Nanni aveva già collaborato agli inizi registrando il singolo Karabigniere Blues e quando nel 1990 vi entra stabilmente registra album come Signore dei dischi (1992) e Saluti da Cortina (1993) che ottengono un discreto successo. Negli anni 90 ha ancora casuali collaborazioni con Lucio Dalla ma non lascia gli Skiantos dove vi rimane fino al 2003, anno in cui decide di ritirarsi a vita privata. Nel 2016 partecipa a "Giano", il nuovo album solista di Fabio Testoni, chitarrista degli Skiantos, suonando il basso in Storia furba.

Vita privataModifica

Sposato con Maira, ha due figli, Teodoro ed Edoardo, anche loro musicisti (nelle band French Kiss : Aloha Beach e Mt. Zuma, e per CIMINI dal 2017). Vive a Bologna e coltiva la sua passione per le macchinine da collezione.

DiscografiaModifica

Collegamenti esterniModifica