Apri il menu principale

Marco Pecorari

calciatore italiano
Marco Pecorari
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore, ex difensore
Squadra Chieri
Ritirato 2015
Carriera
Giovanili
1994-1996 Juventus
Squadre di club1
1996-1997 Fiorenzuola 25 (4)
1997-1998 Empoli 3 (0)
1998-1999 Genoa 17 (0)
1999-2003 Crotone 122 (7)
2003-2005 Triestina 74 (8)[1]
2005-2006 Lecce 10 (0)
2006-2007 Ascoli 15 (1)
2007 Spezia 25 (1)[2]
2008 Ravenna 15 (1)
2008-2009 Avellino 31 (3)
2009-2014 Arezzo 91 (4)[3]
2014 Vado 1 (0)
2014-2015 Azzurro e Bianco.svg Cossato? (?)
Carriera da allenatore
2013ArezzoScuola calcio
2015-2016Rosso e Blu.svg LucentoAllievi
2016-2017ChieriGiovanissimi
2017-2018ChieriVice
2018-ChieriJuniores Nazionale
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 settembre 2018

Marco Pecorari (Palmanova, 21 settembre 1977) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, allenatore della Juniores Nazionale del Chieri.

Caratteristiche tecnicheModifica

Pecorari è un difensore centrale abile in marcatura e nel gioco aereo, dote che sfrutta anche in fase offensiva in occasione dei calci piazzati[4].

CarrieraModifica

Cresciuto nel vivaio juventino[4][5], fa il suo esordio da professionista nel Fiorenzuola, nel campionato di Serie C1 1996-1997[6]. Nella stagione successiva i bianconeri lo girano in prestito all'Empoli di Luciano Spalletti, neopromosso in Serie A[7]. Debutta nella massima serie il 4 gennaio 1998 in Lecce-Empoli 2-2, e colleziona in tutto 3 presenze.

Gioca poi una stagione in Serie B con il Genoa, prima di trasferirsi al Crotone dove rimane per quattro stagioni consecutive[4], conquistando la prima promozione in Serie B nella storia della società calabrese nel 2000[8]. Scaduto il contratto con il Crotone, nel 2003 si trasferisce in Serie B alla Triestina[4], dove disputa due stagioni nella serie cadetta.

Nell'estate 2005 è acquistato, sempre a parametro zero, dal Lecce[9], con cui torna a militare in Serie A totalizzando 10 presenze nella stagione 2005-2006. Nel luglio 2006, dopo la retrocessione dei salentini, è passato in prestito all'Ascoli[10] (ancora in Serie A): con i bianconeri disputa 15 partite, realizzando il suo unico gol nella massima serie, il 9 dicembre 2006 sul campo della Reggina. Nel gennaio 2007 il Lecce lo cede definitivamente allo Spezia[11], con cui ha ottenuto la salvezza in Serie B, segnando uno dei gol della sua squadra nella vittoria all'ultima giornata in trasferta contro la Juventus (3-2)[12]. Nel gennaio 2008 si trasferisce al Ravenna e a fine stagione, svincolato, passa all'Avellino[13]. Nell'estate 2009, dopo il fallimento dell'Avellino, viene acquistato dall'Arezzo[14]. Rimane nella società toscana anche nell'annata successiva, che segna il fallimento e la ripartenza dalla Serie D con il nome di Atletico Arezzo. Nella stagione 2011-2012 indossa la fascia di capitano[15], e conduce la squadra al secondo posto in campionato e a play-off, perso contro il San Donà.

A partire dal 2013, in parallelo all'attività di calciatore, entra nello staff delle giovanili della formazione aretina[16].

Nell'estate del 2014 viene acquistato dal Vado, squadra militante nel campionato di Serie D[17]. Nell'inverno 2014 passa al Cossato, squadra militante nel campionato di Promozione[18]; l'anno successivo viene ingaggiato dal Lucento, sempre in Promozione piemontese, ricoprendo anche l'incarico di allenatore degli Allievi[19].

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni giovaniliModifica

Juventus: 1994-1995

Competizioni nazionaliModifica

Crotone: 1999-2000

NoteModifica

  1. ^ 76 (8) se si comprendono i play-out.
  2. ^ 27 (1) se si comprendono i play-out.
  3. ^ 95 (4) se si comprendono i play-off.
  4. ^ a b c d Profilo su Unionetriestina.it
  5. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1996, ed. Panini, pag.226
  6. ^ Stagione 1996-1997 Archiviato il 16 settembre 2016 in Internet Archive. Fiorenzuola1922.com
  7. ^ Mercato, prima chiusura le 18 partiranno così La Repubblica, 12 luglio 1997, pag.42
  8. ^ A Crotone per una conferma La Repubblica, 23 dicembre 2000
  9. ^ La rivoluzione del Lecce in arrivo Arrigoni e Regalia La Repubblica, 31 maggio 2005
  10. ^ Il Lecce cerca in Austria le risposte per Zeman La Repubblica, 30 luglio 2006
  11. ^ Via Giacomazzi, arriva Munari doppio scambio con il Palermo La Repubblica, 1º febbraio 2007
  12. ^ Padoin-gol e Soda scaccia gli incubi La Repubblica, 11 giugno 2007
  13. ^ L'Avellino prende l'ex difensore del Ravenna Marco Pecorari Archiviato il 5 novembre 2013 in Internet Archive. irpinianews.it
  14. ^ Calcio - Il difensore Marco Pecorari si accasa all'Arezzo, irpinianews.it, 11 luglio 2009. URL consultato il 16 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2013).
  15. ^ Pecorari, il capitano controcorrente dell'Arezzo Notiziariocalcio.com
  16. ^ La Juniores all'ex amaranto Sussi. Scuola calcio, anche Pecorari nello staff di istruttori Amarantomagazine.it
  17. ^ L'esperienza di Pecorari per blindare la difesa vadese, La Stampa, 30 agosto 2014
  18. ^ Mercato: Pecorari è del Cossato Archiviato il 13 dicembre 2014 in Internet Archive. Cossatocalcio2010.it
  19. ^ CALCIOMERCATO - Lucento scatenato, quattro colpi già ufficiali[collegamento interrotto] Lucentocalcio.it

Collegamenti esterniModifica