Apri il menu principale

Marco Tardelli

allenatore di calcio e calciatore italiano
Marco Tardelli
Marco Tardelli, Juventus.jpg
Tardelli alla Juventus nella stagione 1976-1977
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore, centrocampista)
Ritirato 1988 - giocatore
Carriera
Giovanili
1970-1972 non conosciuta San Martino di Pisa
Squadre di club1
1972-1974 Pisa 41 (4)
1974-1975 Como 36 (2)
1975-1985 Juventus 259 (35)
1985-1987 Inter 43 (2)
1987-1988 San Gallo 31 (1)
Nazionale
1976-1986 Italia Italia 81 (6)
Carriera da allenatore
1988-1990 Italia Italia U-16
1990-1993 Italia Italia U-21 Vice
1993-1995 Como
1995-1996 Cesena
1996-1997 Italia Italia Vice
1997 Italia Italia U-23
1997-2000 Italia Italia U-21
2000 Italia Italia olimpica
2000-2001 Inter
2002-2003 Bari
2004 Egitto Egitto
2005 Arezzo
2008-2013 Irlanda Irlanda Vice
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Spagna 1982
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Bari 1997
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Slovacchia 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 settembre 2013

Marco Tardelli (Careggine, 24 settembre 1954) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore o centrocampista.

Cinque volte campione d'Italia con la Juventus, in maglia bianconera ha inoltre vinto tutte e tre le principali competizioni UEFA per club, divenendo uno dei primi tre giocatori (assieme ai suoi compagni di squadra e nazionale Antonio Cabrini e Gaetano Scirea) ad aver conseguito tale record, nonché il primo centrocampista in assoluto.[1]

Campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982, è rimasta nella memoria collettiva l'esultanza con cui festeggiò la sua rete in finale alla Germania Ovest: "l'urlo di Tardelli"[2][3] è passato alla storia come l'immagine-simbolo del calcio italiano[4] nonché, a livello mondiale, tra le maggiori icone sportive di sempre.[5][6]

Nel 2004 è risultato 37º nell'UEFA Golden Jubilee Poll, un sondaggio online condotto dalla UEFA per celebrare i migliori calciatori d'Europa dei cinquant'anni precedenti.[7]

Indice

BiografiaModifica

Nacque in una famiglia di modeste condizioni, ultimo di quattro fratelli; il padre era un dipendente dell'ANAS. Durante gli anni trascorsi a Pisa, si guadagnò da vivere lavorando come cameriere in piazza dei Miracoli.[8] Ha due figli: Sara, giornalista,[9] avuta dalla prima moglie, e Nicola, modello, nato dalla relazione con la reporter Stella Pende.[10]

Caratteristiche tecnicheModifica

Di piede destro, da bambino, seguendo e imitando il suo idolo Gigi Riva che era mancino, diventò ambidestro.[11]

Molto rapido nella corsa e abile nella marcatura, venne schierato con proficui risultati sia come terzino che centrocampista.[8] In un'epoca in cui il calcio italiano era conosciuto soprattutto per le sue qualità difensive, spesso legate al catenaccio, Tardelli emerse al contrario come un giocatore grintoso e dotato tecnicamente in mezzo al campo, venendo considerato tra i migliori interpreti al mondo del ruolo nei primi anni 1980.[12]

Venne soprannominato Schizzo per il suo modo caratteristico di giocare.[13]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Pisa e ComoModifica
Un giovane Tardelli a Pisa nei primi anni 1970, ed esultante a Como nella stagione 1974-1975

Cresciuto calcisticamente nel San Martino, venne scartato ai provini da Bologna, Fiorentina, Milan per via della sua corporatura,[11] prima di essere acquistato dal Pisa per la cifra di settantamila lire.[8] Con la società nerazzurra giocò per due anni in Serie C, scendendo in campo 41 volte e segnando 4 gol.

Nel 1974 venne prelevato, su suggerimento di Giancarlo Beltrami, dal Como, società dove trovò come allenatore Pippo Marchioro, con cui instaurerà fin da principio un buon rapporto.[8] Mise a referto con i lombardi, in Serie B, 36 partite e 2 gol.

JuventusModifica

Dopo un corteggiamento da parte di Fiorentina e soprattutto Inter (col presidente nerazzurro Ivanoe Fraizzoli che aveva già formalizzato un accordo coi comaschi per 700 milioni),[11] nel 1975 venne acquistato dalla Juventus per 950 milioni di lire,[13] voluto fortemente dal presidente bianconero Giampiero Boniperti.[8]

 
Tardelli in lotta con Claudio Sala durante il derby torinese del 24 febbraio 1980

Fu subito schierato dall'allenatore Carlo Parola come terzino, alternandolo al più esperto Luciano Spinosi.[8] Esordì con il club torinese il 27 agosto, nella gara di Coppa Italia tra Juve e Taranto, finita 2-0 per i bianconeri.[14] Inizialmente ebbe delle difficoltà a inserirsi in squadra, ma poi seppe ritagliarsi un ruolo anche nel centrocampo bianconero.[8] Fino al 1985 giocò stabilmente con i piemontesi, sempre come titolare inamovibile – esclusa la stagione 1979-1980, in cui mise a referto solo 18 presenze a causa di un infortunio.[15]

Disputò l'ultima partita in maglia bianconera il 29 maggio 1985, nella finale di Coppa dei Campioni vinta per 1-0 contro gl'inglesi del Liverpool, partita teatro della strage dell'Heysel. Chiuse la sua esperienza a Torino dopo 259 incontri conditi da 34 centri, nel corso dei quali mise in bacheca cinque campionati, due Coppe Italia, una Coppa dei Campioni, una Coppa delle Coppe e una Coppa UEFA; un palmarès che tuttora ne fa uno dei soli nove giocatori, nella storia del calcio, capaci di conquistare le tre principali competizioni UEFA per club.[1]

Inter e San GalloModifica
 
Tardelli, all'Inter, festeggia la doppietta al Real Madrid siglata il 2 aprile 1986

Nell'estate 1985 passò ai rivali dell'Inter, in uno scambio di mercato che coinvolse Aldo Serena: la Juventus pagò 6 miliardi di lire in tutto, valutando Tardelli 3,2 miliardi.[16] Dopo due stagioni a Milano globalmente al di sotto delle aspettative, in cui spiccò soprattutto la doppietta del 1986 agli spagnoli del Real Madrid nella semifinale d'andata di Coppa UEFA, si svincolò dal club nerazzurro e nell'estate 1987 si accasò in Svizzera, al San Gallo, vestendo la maglia biancoverde per una stagione prima di porre termine alla sua carriera agonistica.[14]

NazionaleModifica

Fece il suo esordio con la maglia dell'Italia il 7 aprile 1976, all'età di ventuno anni, nell'amichevole di Torino contro il Portogallo (3-1). Divenne poi elemento cardine della selezione guidata da Enzo Bearzot, della quale fu titolare al campionato del mondo 1978 in Argentina e al campionato d'Europa 1980 organizzato in Italia.

Soprannominato da Bearzot Coyote,[13] con 7 presenze e 2 gol fu protagonista della vittoria al campionato del mondo 1982 in Spagna. Qui siglò la rete dell'1-0 nella partita poi vinta 2-1 sull'Argentina nonché la celebre rete del 2-0 nella vittoriosa finale 3-1 contro la Germania Ovest, quella del famoso "urlo" in cui Tardelli corse a perdifiato verso metà campo, agitando i pugni contro il petto, con le lacrime che gli rigavano il viso e urlando a ripetizione «gol!» mentre scuoteva selvaggiamente la testa: «dopo che segnai, tutta la vita mi passò davanti – la stessa sensazione che, si dice, si ha quando stai per morire. La gioia di segnare in una finale di Coppa del Mondo fu immensa, qualcosa che sognavo da bambino, e la mia esultanza fu una sorta di liberazione per aver realizzato quel sogno. Sono nato con quel grido dentro di me, e quello fu l'esatto momento in cui venne fuori»;[6] per ironia della sorte, quel gol – inserito nel 2010 da Goal.com al 2º posto tra le 50 migliori celebrazioni nella storia dei campionati mondiali,[17] e nel 2014 dalla BBC al 4º posto tra i 100 più bei momenti nell'epopea della Coppa del Mondo[18] – rimase il suo ultimo in maglia azzurra.

 
Tardelli e Michel Platini durante l'amichevole tra Italia e Francia dell'8 febbraio 1978

Dopo il ritiro di Dino Zoff avvenuto nel maggio 1983, ereditò la fascia di capitano che vestì in 9 occasioni, ogni qual volta che venne impiegato da titolare. Il 25 settembre 1985 giocò la sua ultima partita in nazionale, l'amichevole di Lecce contro la Norvegia (1-2). Fu infine convocato anche per il campionato del mondo 1986 in Messico, dove nelle quattro gare disputate dagli azzurri sedette tre volte in panchina, senza mai scendere in campo durante la manifestazione.

Con gli Azzurri ha collezionato in totale 81 presenze e segnato 6 reti.

Allenatore e dirigenteModifica

Dopo il ritiro dalla pratica agonistica iniziò per lui la carriera di allenatore. Il 21 settembre 1989 diviene il responsabile dell'Italia Under-16.[19][20] Il 1º agosto 1990 passò a essere il vice di Cesare Maldini nell'Italia Under-21.[21] Il 26 giugno 1993 lasciò il ruolo per diventare allenatore del Como, in Serie C1,[22] ottenendo a fine stagione la promozione in cadetteria dopo i vittoriosi play-off. Il 13 giugno 1995 passò alla guida del Cesena, in Serie B,[23] ruolo da cui venne esonerato il 25 ottobre 1996.[24][25]

 
Tardelli (al centro) nel 1994, tecnico del Como, mentre festeggia con la squadra la vittoria nella finale play-off di Serie C1 e la promozione in Serie B

Il 16 dicembre seguente tornò a fare il vice di Cesare Maldini, stavolta per l'Italia.[26][27] Il 27 aprile 1997 venne annunciato come tecnico dell'Italia Under-23 per i Giochi del Mediterraneo di Bari,[28] manifestazione in cui portò gli azzurri, il 25 giugno dello stesso anno, a conquistare la medaglia d'oro. Il 18 dicembre venne quindi nominato commissario tecnico della nazionale Under-21,[29] con la quale vinse nel 2000 il titolo europeo di categoria.

Il 7 ottobre 2000 diventò allenatore dell'Inter,[30] guidando tre giorni dopo l'ultima volta gli azzurrini.[31] Il 19 giugno 2001 venne esonerato dai nerazzurri alla fine di una negativa stagione caratterizzata, fra l'altro, da pesanti tracolli come lo 0-6 nella stracittadina contro il Milan in campionato, e l'1-6 con il Parma in Coppa Italia.[32] Il 29 dicembre 2002 venne annunciato come nuovo tecnico del Bari,[33] venendo sollevato dall'incarico l'11 novembre 2003.[34]

Il 25 marzo 2004 diventò commissario tecnico dell'Egitto;[35] venne esonerato l'11 ottobre dopo la sconfitta contro la Libia.[36] Il 28 febbraio 2005 diventò allenatore dell'Arezzo, subentrando a Pasquale Marino;[37] Il 21 aprile venne esonerato e sostituito proprio da Marino.[38] Il 14 giugno 2006 entrò nel consiglio di amministrazione della Juventus;[39] il 14 giugno 2007 si dimise, dopo esattamente un anno, a causa di sopraggiunti dissidi con la dirigenza bianconera.[40]

 
Tardelli nel 2013, sulla panchina dell'Irlanda, come vice di Trapattoni

Il 1º maggio 2008 venne chiamato dal suo ex tecnico della Juve e dell'Inter, Giovanni Trapattoni, nel ruolo di vice alla guida dell'Irlanda[41]. L'11 agosto 2011 Trapattoni si operò all'addome, sicché Tardelli lo sostituì alla guida dei Boys in Green in occasione dell'amichevole contro l'Argentina.[42] L'11 settembre 2013, con le dimissioni del Trap, lasciò anche lui la nazionale irlandese.[43]

Dopo il ritiroModifica

Già al termine dell'attività agonistica, iniziò a lavorare saltuariamente come opinionista sportivo; nella stagione televisiva 1988-1989 fu ospite fisso de La Domenica Sportiva, ruolo poi ripreso negli anni 2000 e 2010 quando è opinionista, insieme a ex calciatori quali Giuseppe Dossena, Fulvio Collovati e Sandro Mazzola, anche in altri programmi di Rai Sport come gli speciali di Europei e Mondiali. Nel 2016 ha scritto assieme alla figlia Sara l'autobiografia Tutto o niente - La mia storia.[44]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1972-1973   Pisa C 8 2 CI-S ? ? - - - - - - 8+ 2+
1973-1974 C 33 2 CI-S ? ? - - - - - - 33+ 2+
Totale Pisa 41 4 ? ? - - - - 41+ 4+
1974-1975   Como B 36 2 CI ? ? - - - - - - 36+ 2+
1975-1976   Juventus A 26 2 CI 4 0 CC 3 0 - - - 33 2
1976-1977 A 28 4 CI 4 1 CU 12 2 - - - 44 7
1977-1978 A 26 4 CI 4 1 CC 6 1 - - - 36 6
1978-1979 A 29 4 CI 9 3 CC 2 0 - - - 40 7
1979-1980 A 18 4 CI 2 0 CdC 7 0 - - - 27 4
1980-1981 A 28 7 CI 6 0 CU 3 1 TdC 4 1 41 9
1981-1982 A 22 3 CI 4 1 CC 3 0 - - - 29 4
1982-1983 A 26 5 CI 10 1 CC 8 2 - - - 44 8
1983-1984 A 28 0 CI 6 1 CdC 8 1 - - - 42 2
1984-1985 A 28 2 CI 6 0 CC 8 1 SU 1 0 43 3
Totale Juventus 259 35 55 8 60 8 5 1 379 52
1985-1986   Inter A 19 2 CI 7 2 CU 8 3 TE 0 0 34 7
1986-1987 A 24 0 CI 7 1 CU 6 0 - - - 37 1
Totale Inter 43 2 14 3 14 3 0 0 71 8
1987-1988   San Gallo A 31 1 CS 2 0 - - - - - - 33 1
Totale carriera 410 44 71+ 11+ 74 11 5 1 560+ 67+

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-4-1976 Torino Italia   3 – 1   Portogallo Amichevole -
23-5-1976 Washington Stati Uniti   0 – 4   Italia Torneo del Bicentenario -
31-5-1976 New Haven Brasile   4 – 1   Italia Torneo del Bicentenario -
5-6-1976 Milano Italia   4 – 2   Romania Amichevole -
22-9-1976 Copenaghen Danimarca   0 – 1   Italia Amichevole -
25-9-1976 Roma Italia   3 – 0   Jugoslavia Amichevole -
16-10-1976 Lussemburgo Lussemburgo   1 – 4   Italia Qual. Mondiali 1978 -
17-11-1976 Roma Italia   2 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1978 -
22-12-1976 Lisbona Portogallo   2 – 1   Italia Amichevole -
26-1-1977 Roma Italia   2 – 1   Belgio Amichevole -
8-6-1977 Helsinki Finlandia   0 – 3   Italia Qual. Mondiali 1978 -
8-10-1977 Berlino Ovest Germania Ovest   2 – 1   Italia Amichevole -
15-10-1977 Torino Italia   6 – 1   Finlandia Qual. Mondiali 1978 -
16-11-1977 Londra Inghilterra   2 – 0   Italia Qual. Mondiali 1978 -
3-12-1977 Roma Italia   3 – 0   Lussemburgo Qual. Mondiali 1978 -
21-12-1977 Liegi Belgio   0 – 1   Italia Amichevole -
25-1-1978 Madrid Spagna   2 – 1   Italia Amichevole 1
8-2-1978 Napoli Italia   2 – 2   Francia Amichevole -
8-5-1978 Roma Italia   0 – 0   Jugoslavia Amichevole -
2-6-1978 Mar del Plata Italia   2 – 1   Francia Mondiali 1978 - 1º turno -
6-6-1978 Mar del Plata Italia   3 – 1   Ungheria Mondiali 1978 - 1º turno -
10-6-1978 Buenos Aires Italia   1 – 0   Argentina Mondiali 1978 - 1º turno -
14-6-1978 Buenos Aires Germania Ovest   0 – 0   Italia Mondiali 1978 - 2º turno -
18-6-1978 Buenos Aires Italia   1 – 0   Austria Mondiali 1978 - 2º turno -
21-6-1978 Buenos Aires Paesi Bassi   2 – 1   Italia Mondiali 1978 - 2º turno -
20-9-1978 Torino Italia   1 – 0   Bulgaria Amichevole -
23-9-1978 Firenze Italia   1 – 0   Turchia Amichevole -
8-11-1978 Bratislava Cecoslovacchia   3 – 0   Italia Amichevole -
21-12-1978 Roma Italia   1 – 0   Spagna Amichevole -
24-2-1979 Milano Italia   3 – 0   Paesi Bassi Amichevole 1
26-5-1979 Roma Italia   2 – 2   Argentina Amichevole -
26-9-1979 Firenze Italia   1 – 0   Svezia Amichevole -
17-11-1979 Udine Italia   2 – 0   Svizzera Amichevole 1
16-2-1980 Napoli Italia   2 – 1   Romania Amichevole -
15-3-1980 Milano Italia   1 – 0   Uruguay Amichevole -
19-4-1980 Torino Italia   2 – 2   Polonia Amichevole -
12-6-1980 Milano Italia   0 – 0   Spagna Euro 1980 - 1º turno -
15-6-1980 Torino Italia   1 – 0   Inghilterra Euro 1980 - 1º turno 1
18-6-1980 Roma Italia   0 – 0   Belgio Euro 1980 - 1º turno -
21-6-1980 Napoli Cecoslovacchia   1 – 1 dts
(9-8 dcr)
  Italia Euro 1980 - 3º-4º posto - 4º posto
24-9-1980 Genova Italia   3 – 1   Portogallo Amichevole -
11-10-1980 Lussemburgo Lussemburgo   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 1982 -
1-11-1980 Roma Italia   2 – 0   Danimarca Qual. Mondiali 1982 -
15-11-1980 Torino Italia   2 – 0   Jugoslavia Qual. Mondiali 1982 -
6-12-1980 Atene Grecia   0 – 2   Italia Qual. Mondiali 1982 -
3-1-1981 Montevideo Uruguay   2 – 0   Italia Mundialito -
25-2-1981 Roma Italia   0 – 3   Europa Amichevole -
19-4-1981 Udine Italia   0 – 0   Germania Est Amichevole -
3-6-1981 Copenaghen Danimarca   3 – 1   Italia Qual. Mondiali 1982 -
23-9-1981 Bologna Italia   3 – 2   Bulgaria Amichevole -
17-10-1981 Belgrado Jugoslavia   1 – 1   Italia Qual. Mondiali 1982 -
5-12-1981 Napoli Italia   1 – 0   Lussemburgo Qual. Euro 1984 -
23-2-1982 Parigi Francia   2 – 0   Italia Amichevole -
14-4-1982 Lipsia Germania Est   1 – 0   Italia Amichevole -
28-5-1982 Ginevra Svizzera   1 – 1   Italia Amichevole -
14-6-1982 Vigo Italia   0 – 0   Polonia Mondiali 1982 - 1º turno -
18-6-1982 Vigo Italia   1 – 1   Perù Mondiali 1982 - 1º turno -
23-6-1982 Vigo Italia   1 – 1   Camerun Mondiali 1982 - 1º turno -
29-6-1982 Barcellona Italia   2 – 1   Argentina Mondiali 1982 - 2º turno 1
5-7-1982 Barcellona Italia   3 – 2   Brasile Mondiali 1982 - 2º turno -
8-7-1982 Barcellona Italia   2 – 0   Polonia Mondiali 1982 - Semif. -
11-7-1982 Madrid Italia   3 – 1   Germania Ovest Mondiali 1982 - Finale 1 3º titolo mondiale
27-10-1982 Roma Italia   0 – 1   Svizzera Amichevole -
13-11-1982 Milano Italia   2 – 2   Cecoslovacchia Qual. Euro 1984 -
4-12-1982 Firenze Italia   0 – 0   Romania Qual. Euro 1984 -
12-2-1983 Limassol Cipro   1 – 1   Italia Qual. Euro 1984 -
16-4-1983 Bucarest Romania   1 – 0   Italia Qual. Euro 1984 -
29-5-1983 Göteborg Svezia   2 – 0   Italia Qual. Euro 1984 -
16-11-1983 Praga Cecoslovacchia   2 – 0   Italia Qual. Euro 1984 - Cap.
4-2-1984 Roma Italia   5 – 0   Messico Amichevole -   62’
7-4-1984 Verona Italia   1 – 1   Cecoslovacchia Amichevole - Cap.
22-5-1984 Zurigo Germania Ovest   1 – 0   Italia Amichevole - Cap.
30-5-1984 New York Stati Uniti   0 – 0   Italia Amichevole - Cap.
26-9-1984 Milano Italia   1 – 0   Svezia Amichevole -   62’
8-12-1984 Pescara Italia   2 – 0   Polonia Amichevole - Cap.
5-2-1985 Dublino Irlanda   1 – 2   Italia Amichevole - Cap.
13-3-1985 Atene Grecia   0 – 0   Italia Amichevole - Cap.   80’
3-4-1985 Ascoli Piceno Italia   2 – 0   Portogallo Amichevole - Cap.
2-6-1985 Città del Messico Messico   1 – 1   Italia Amichevole -   88’
6-6-1985 Città del Messico Italia   2 – 1   Inghilterra Amichevole -   84’
25-9-1985 Lecce Italia   1 – 2   Norvegia Amichevole - Cap.
Totale Presenze (12º posto) 81 Reti 6

Statistiche da allenatoreModifica

ClubModifica

Statistiche aggiornate al 20 aprile 2005.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1993-1994   Como C1 34+3[45] 13+2 12+1 9 CI+CI-C 1+6 0+3 0+2 1+1 - - - - - - - - - - 44 18 15 11 40,91 (promozione)
1994-1995 B 38 7 12 19 CI 3 1 0 2 - - - - - - - - - - 41 8 12 21 19,51 19º (retrocessione)
Totale Como 72+3 20+2 24+1 28 10 4 2 4 - - - - - - - - 85 26 27 32 30,59
1995-1996   Cesena B 38 13 10 15 CI 1 0 0 1 - - - - - CAI 7 1 3 3 46 14 13 19 30,43 10º
ago.-ott. 1996 B 8 1 4 3 CI 3 2 0 1 - - - - - - - - - - 11 3 4 4 27,27 Esonerato
Totale Cesena 46 14 14 18 4 2 0 2 - - - - 7 1 3 3 57 17 17 23 29,82
2000-2001   Inter A 33 14 9 10 CI 2 0 1 1 CU 6 1 4 1 SI 0 0 0 0 41 15 14 12 36,59 Subentrato, esonerato
dic. 2002-2003   Bari B 22 8 10 4 CI 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 22 8 10 4 36,36 Esonerato
mar.-apr. 2005   Arezzo B 6 2 1 3 CI 0 0 0 0 - - - - - - - - - - 6 2 1 3 33,33 Subentrato, esonerato
Totale carriera 179+3 58+2 58+1 63 16 6 3 7 6 1 4 1 7 1 3 3 211 68 69 74 32,23

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Juventus: 1976-1977, 1977-1978, 1980-1981, 1981-1982, 1983-1984
Juventus: 1978-1979, 1982-1983
Competizioni internazionaliModifica
Juventus: 1976-1977
Juventus: 1983-1984
Juventus: 1984
Juventus: 1984-1985

NazionaleModifica

Spagna 1982

IndividualeModifica

Italia 1980
2015

OnorificenzeModifica

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Hugo Pietra, Treble chance for Vítor Baía, su uefa.com, 21 maggio 2004.
  2. ^ Paolo Brusorio, Tardelli 30 anni dopo: Io di quell'urlo non mi stuferò mai, su lastampa.it, 9 luglio 2012.
  3. ^ L'11 luglio 1982: l'urlo di Tardelli e Zoff alza la coppa del Mondo, su corriere.it, 10 luglio 2012.
  4. ^ (EN) Amy Lawrence, Kicking and screaming, su theguardian.com, 9 luglio 2006.
  5. ^ (EN) Henry Winter, Marco Tardelli's goal celebration against West Germany is the greatest ever, su telegraph.co.uk, 1º dicembre 2009.
  6. ^ a b (EN) Chris Bevan, The story of the 1982 World Cup, su bbc.co.uk, 20 maggio 2010.
  7. ^ (EN) Erik Garin e Rui Silva, The UEFA Golden Jubilee Poll, su rsssf.com, Rec.Sport.Soccer Statistics Foundation, 21 dicembre 2006.
  8. ^ a b c d e f g Marco Tardelli, su storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 28 novembre 2013.
  9. ^ Paola Medori, «Mi vergognavo dell'urlo di mio papà», su letteradonna.it.
  10. ^ Simone Marchetti, Nicola Tardelli: modello per caso, su d.repubblica.it, 21 giugno 2011.
  11. ^ a b c Daniele Alfieri, Tardelli: "Da piccolo interista. E quando Fraizzoli...", su tuttomercatoweb.com, 30 ottobre 2014.
  12. ^ (EN) Italy's greatest midfielders, su skysports.com, 31 maggio 2010.
  13. ^ a b c Carlo Felice Chiesa, We Are the Champions - I 150 fuoriclasse che hanno fatto la storia del calcio, in Calcio 2000 (Milano), nº 26, gennaio 2000, p. 58.
  14. ^ a b Marco Tardelli, su ilpalloneracconta.blogsport.it. URL consultato il 28 novembre 2013.
  15. ^ Bruno Bernardi, Senza Tardelli che Juve sarà?, in Stampa Sera, 26 novembre 1979.
  16. ^ Panini, p. 10
  17. ^ (EN) Sergio Chesi, Coca-Cola Memorable Celebrations 2: Marco Tardelli's Incredible Italian Scream, su goal.com, 9 giugno 2010.
  18. ^ (EN) World Cup 2014: 100 World Cup moments, su bbc.com, 5 marzo 2014.
  19. ^ L'urlo e i suoi ragazzi, in la Repubblica, 21 settembre 1989.
  20. ^ Il signor nessuno della panchina Italia, in la Repubblica, 9 novembre 1989.
  21. ^ Rocca vice di Vicini De Sisti attacca la federcalcio, in la Repubblica, 1º agosto 1990.
  22. ^ Tardelli lascia l'under 21, allenerà il Como in C/1, in la Repubblica, 27 giugno 1993.
  23. ^ Calcio news, in la Repubblica, 13 giugno 1995.
  24. ^ Tardelli, è finita l'avventura?, in la Repubblica, 24 ottobre 1996.
  25. ^ Calcio news, in la Repubblica, 26 ottobre 1996.
  26. ^ Nizzola chiama Maldini 'vai Cesare, tocca a te', in la Repubblica, 16 dicembre 1996.
  27. ^ Tardelli, un vice di nome 'il modello è Bearzot', in la Repubblica, 17 dicembre 1996.
  28. ^ Maldini comincia con Inzaghi e Baggio, in la Repubblica, 27 aprile 1997.
  29. ^ Under 21 a Tardelli, su raisport.rai.it, 18 dicembre 1997.
  30. ^ Fabio Monti, Roberto De Ponti, Giancarla Ghisi e Giancarlo Padovan, Moratti ha scelto, l'Inter riparte da Tardelli, in Corriere della Sera, 7 ottobre 2000, p. 43 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2015).
  31. ^ Colpo del Bologna Maresca è vicino, in la Repubblica, 10 ottobre 2000.
  32. ^ L'addio di Maldini e Tardelli l'ex ct sta pensando all'Arabia, in la Repubblica, 17 giugno 2001.
  33. ^ Tardelli allenerà il Bari, su eurosport.com, 29 dicembre 2002.
  34. ^ Il Bari licenzia Tardelli, Simoni a Napoli, in Corriere della Sera, 11 novembre 2003, p. 45 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2015).
  35. ^ Calcio, Tardelli nuovo ct dell'Egitto: penso ai Mondiali, su repubblica.it, 25 marzo 2004.
  36. ^ Francesco Romaniello, Marco Tardelli non è più allenatore dell'Egitto, su tuttonapoli.net, 11 ottobre 2004.
  37. ^ Stefano Brandini Dini, L'Arezzo si aggrappa a Tardelli, in La Gazzetta dello Sport, 1º marzo 2005.
  38. ^ Daniele Magnani, Arezzo: esonerato Tardelli, torna Marino, su tuttomercatoweb.com, 21 aprile 2005.
  39. ^ Juve, ecco il nuovo vertice. Dentro Tardelli e Montali, su repubblica.it, 14 giugno 2006.
  40. ^ Marco Tardelli lascia il cda della Juve. A fine mese via anche Bettega, su repubblica.it, 14 giugno 2007.
  41. ^ La sfida del Trap: In Irlanda, con Tardelli, in la Repubblica, 14 febbraio 2008.
  42. ^ Stasera l'amichevole contro l'Argentina. Trapattoni operato, per Irlanda-Argentina Tardelli in panchina al suo posto, su adnkronos.com, 11 agosto 2011.
  43. ^ Trapattoni si è dimesso. "Ma non lascio il calcio", su calciomercato.it, 11 settembre 2013.
  44. ^   Roberto Pavanello, Marco Tardelli: “Senza Sara non avrei mai scritto un libro come questo”, La Stampa, 16 giugno 2016.
  45. ^ Play-off.
  46. ^ Gli azzurri del mundial '82 premiati al CONI con il Collare d'oro al Merito Sportivo, su figc.it, 19 dicembre 2017. URL consultato il 21 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2017).

BibliografiaModifica

  • Calciatori - La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 2 (1985-1986), Panini, 2012.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno2017020752