Marco Vettuleno Civica Barbaro

console romano del 136

Marco Vettuleno Civica Barbaro (... – ...; fl. II secolo) è stato un politico romano, vissuto nel II secolo, imparentato con la dinastia degli Antonini.

BiografiaModifica

Il padre di Barbaro fu Sesto Vettuleno Civica Pompeiano[1] - console ordinario per l'anno 136 - oppure Sesto Vettuleno Civica Ceriale[2] - console ordinario del 106. Comunque, la famiglia dei Vettuleni era probabilmente originaria della Sabina[3].

Barbaro era fratellastro di Elio Cesare - in quanto condividevano la madre - e, dunque, zio di Lucio Vero.

La sua carriera pubblica ebbe inizio durante l'adolescenza, col vigintivirato, in particolare rivestendo la carica di triumviro monetale, che solitamente toccava ai rampolli del patriziato oppure a personalità che godevano di particolare favore presso il principe. All'età di venticinque anni rivestì la questura. Infine, all'età di trentadue o trentatre anni - secondo la tradizione - divenne console, insieme a Marco Metilio Regolo.

Dopo il consolato, dovette dedicarsi all'otium: tra il 162 e il 165 avrebbe infatti preso parte alle pubbliche dimostrazioni tenute da Galeno a Roma. Egli era anche in contatto con Erode Attico, come ricorda Filostrato[4].

Attorno al 164 entrò nella ristretta cerchia dei comes dell'imperatore: tale avvenimento è da porre in relazione col viaggio di Lucilla, figlia di Marco Aurelio, a Efeso per sposare Lucio Vero, nel corso del quale fu accompagnata da Civica Barbaro e Ceionia Fabia, rispettivamente zio e sorella del principe[5].

Barbaro fu anche membro dei sodales Antonini, un collegio sacerdotale che si occupava del culto del divo Antonino Pio[6].

NoteModifica

  1. ^ Géza Alföldy, Konsulat und Senatorenstand unter den Antoninen, Habelt Verlag, p. 324.
  2. ^ Anthony Birley, Marcus Aurelius: A Biography, Routledge, New York, 2000, p. 238.
  3. ^ Géza Alföldy, Konsulat und Senatorenstand unter den Antoninen, p. 309.
  4. ^ Bowersock, Greek Sophists in the Roman Empire, Clarendon Press, Oxford, 1969, p. 82.
  5. ^ Historia Augusta, Vita di Marco, p. 9.4.
  6. ^ Géza Alföldy, Konsulat und Senatorenstand unter den Antoninen, p. 328.

BibliografiaModifica

  • Géza Alföldy, Konsulat und Senatorenstand unter den Antoninen, Habelt Verlag, Bonn, 1977.
  • Anthony Birley, Marcus Aurelius: A Biography, Routledge, New York, 1987.
  • Bowersock, Greek Sophists in the Roman Empire, Clarendon Press, Oxford,1969.
  • Scriptores Historiae Augustae

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica