Marco Vicario

attore, regista e sceneggiatore italiano
Marco Vicario nel 1953

Marco Vicario, nato Renato Vicario (Roma, 20 settembre 1925), è un attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.

BiografiaModifica

Figlio di Dante Vicario ed Elvira Moretti, durante gli studi universitari alla facoltà di ingegneria, frequenta anche i corsi di recitazione del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, dove si diploma nel 1949. Debutta nel cinema l'anno successivo, cambiando il nome di battesimo da Renato a Marco, per evitare di essere confuso con un celebre omonimo, attore di fotoromanzi.

Biondo e di gradevole aspetto fisico, anche se non molto fotogenico, nei primi anni Cinquanta prende parte a numerose pellicole, perlopiù di genere avventuroso e melodrammatico, senza mostrare particolari doti nella recitazione, pur se spigliato e misurato. Ben presto abbandona l'attività di attore per intraprendere quella di produttore: numerosi i film prodotti tra il 1960 e il 1988 dall'Atlantica Film, la casa di produzione da lui fondata.

Nel 1959 decide di passare dietro la macchina da presa scrivendo, producendo, dirigendo e distribuendo molti titoli di successo.

Come regista, produttore, sceneggiatore e distributore ha realizzato film di una certa notorietà, tra cui Sette uomini d'oro (che gli ha valso il prestigioso premio Nastro d'argento al miglior produttore, nel 1966), il suo seguito Il grande colpo dei 7 uomini d'oro, Paolo il caldo, Homo Eroticus, Mogliamante e Il cappotto di Astrakan.

Vita privataModifica

È stato sposato con l'attrice Rossana Podestà, da cui ha avuto i figli Stefano Vicario e Francesco Vicario, entrambi registi. Grazie al secondo è nonno dell'attrice e cantautrice Margherita Vicario.

Nel 1985 la nuova compagna Patrizia Castaldi lo rende padre per la terza volta, dando alla luce Matteo Vicario. L'anno successivo Marco e Patrizia si sposano; la loro unione perdura tutt'oggi.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

ProduttoreModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN76506061 · ISNI (EN0000 0000 8156 9776 · SBN IT\ICCU\SBLV\235662 · LCCN (ENno2009018805 · BNF (FRcb13949452g (data) · BNE (ESXX1473589 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009018805