Marcovaldo (serie televisiva)

Marcovaldo
Anno1970
Formatoserie TV
Generecommedia
Lingua originaleitaliano
Dati tecniciB/N
Crediti
RegiaGiuseppe Bennati
Soggettoda Marcovaldo ovvero Le stagioni in città di Italo Calvino
SceneggiaturaManlio Scarpelli, Alessandro Continenza, Giuseppe Bennati
Interpreti e personaggi
MontaggioGilberto Gwis, Marcello Martinelli
MusicheSergio Liberovici
ScenografiaDavide Negro
CostumiGianna Gissi
Prima visione
Rete televisivaSecondo Canale

Marcovaldo è una serie televisiva Rai del 1970, per la regia di Giuseppe Bennati, con la collaborazione di Manlio Scarpelli e Sandro Continenza. Il lavoro televisivo è una riduzione dell'omonima raccolta di racconti di Italo Calvino. Il personaggio principale è interpretato da Nanni Loy.

TramaModifica

Italia, secondo dopoguerra. In una non meglio specificata città industriale del Nord vive l'operaio Marcovaldo, dipendente della ditta SBAV, e la sua numerosa famiglia. L'uomo, che vive più o meno felice in un mondo tutto suo, mal si adatta alla quotidianità e cerca continue occasioni di evasione, spesso sostenuto dai suoi figli, mentre la moglie lo avversa e in un certo senso lo opprime. Vari episodi si snodano nella vita quotidiana di Marcovaldo, come ad esempio l'acquisto di un motociclo organizzato dai colleghi senza che lui lo sapesse, il desiderio di dormire all'aperto sulle panchine del marciapiede, il tentativo maldestro di diventare cacciatore con mezzi di fortuna, il coinvolgimento da parte dei figli in un ridicolo quanto rischioso traffico di detersivi.

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione