Margaret Clitherow

madre di famiglia, martire cattolica

Margaret Clitherow, nata Margaret Middleton (York, 1556York, 25 marzo 1586) fu una donna inglese martirizzata sotto Elisabetta I, venerata come santa dalla Chiesa cattolica e ricordata come una dei Santi quaranta martiri di Inghilterra e Galles. Talvolta viene chiamata la "perla di York".

Santa Margaret Clitherow
Margaret Clitherow.png
 

Martire inglese

 
NascitaYork, 1556
MorteYork, 25 marzo 1586
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione1929 da papa Pio XI
Canonizzazione25 ottobre 1970
papa Paolo VI
Santuario principaleThe Shambles, York
Ricorrenza25 marzo
Patrono didonne d'affari

BiografiaModifica

Figlia di Thomas e Jane Middleton, nel 1571 sposò il ricco macellaio John Clitherow, da cui ebbe tre figli.[1] Si convertì al Cattolicesimo nel 1574 e fu incarcerata tre volte per non essere andata in chiesa la domenica; il terzo figlio, William, nacque in prigione.[2] È nota soprattutto per aver nascosto numerosi preti e gesuiti a casa propria e in una casa affittata poco distante per questo scopo, prima di essere tradita e consegnata alle autorità. Mandò il figlio maggiore, Henry, a studiare all'English College di Reims per diventare prete e il marito fu chiamato a rispondere per l'espatrio del figlio. Nel marzo 1586, a seguito di una confessione, la casa dei Clitherow fu perquisita, cosa che portò all'arresto di Margaret.[3]

Processata dalla corte d'assise di York, Margaret rifiutò di rispondere: in questo modo evitò un processo che avrebbe potuto portare i figli a testimoniare o ad essere messi sotto tortura. Fu giustiziata il 25 marzo dello stesso anno (giorno dell'annunciazione e venerdì santo) per schiacciamento: Margaret fu denudata, le fu coperto il viso, la si fece sdraiare su una pietra, le si pose sopra la porta di casa sua e la si caricò di pesi finché non le si spezzò la schiena. I due sergenti incaricati dell'esecuzione delegarono il compito a quattro mendicanti e il supplizio durò quindici minuti, anche se il corpo fu lasciato esposto per sei ore. Margaret Clitherow aspettava il quarto figlio quando subì il martirio.

Elisabetta I espresse rammarico per l'esecuzione della Clitherow, ritenendo che il suo sesso le avrebbe dovuto risparmiare il martirio.[4]

CultoModifica

Margaret Clitherow fu beatificata da Pio XI il 15 dicembre 1929 e fu canonizzata da Paolo VI il 25 ottobre 1970 insieme ad altri 39 martiri inglesi e gallesi.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Shrine of St Margaret Clitherow - St Wilfrid's Catholic Church, York, su stwilfridsyork.org.uk. URL consultato il 29 maggio 2018.
  2. ^ Daniel F. McSheffery, su ewtn.com. URL consultato il 29 maggio 2018.
  3. ^ Margaret Clitherow, su ewtn.com. URL consultato il 29 maggio 2018.
  4. ^ The Shambles York England - Margaret Clitherow, su york-united-kingdom.co.uk. URL consultato il 29 maggio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN161928818 · ISNI (EN0000 0001 1499 3291 · CERL cnp00545566 · LCCN (ENn79148320 · GND (DE119036223 · BNF (FRcb16689048v (data) · J9U (ENHE987007385558905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n79148320