Margherita di Valois

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Margherita di Valois (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Regina Margot" rimanda qui. Se stai cercando opere narrative ispirate a questa figura, vedi La regina Margot.
Margherita di Valois
CLOUET MARGUERITE DE VALOIS.jpg
Margherita di Valois, schizzo attribuito a François Clouet (circa 1572).
Regina consorte di Francia e Navarra
Stemma
In carica 2 agosto 1589 - 17 dicembre 1599
Predecessore Luisa di Lorena-Vaudémont
Successore Maria de' Medici
Regina consorte di Navarra
In carica 18 agosto 1572 - 17 dicembre 1599
Predecessore Antonio di Borbone
Successore Maria de' Medici
Altri titoli Figlia di Francia
Duchessa di Valois
Duchessa di Etampes
Duchessa di Senlis
Contessa d'Agenais
Contessa della Rouergue
Contessa di Alvernia
Contessa di Marle
Viscontessa di Carlat
Signora di La Fère
Signora di Rieux
Signora di Rivière
Signora di Verdun
Signora dell'Albigenois
Nascita Castello di Saint-Germain-en-Laye, 14 maggio 1553
Morte Hôtel de la Reine Marguerite, Parigi, 27 marzo 1615
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis, Parigi
Casa reale Valois-Angoulême
Padre Enrico II di Francia
Madre Caterina de' Medici
Consorte Enrico IV di Francia
Religione cattolica
Firma Signature of Marguerite of France (wife of Henri IV of France).JPG

Margherita di Valois (Castello di Saint-Germain-en-Laye, 14 maggio 1553Parigi, 27 marzo 1615) fu Regina consorte di Francia e Navarra come prima moglie di Enrico IV di Francia. Settima figlia e terza femmina di Enrico II di Francia e Caterina de' Medici, fu sorella di tre re di Francia: Francesco II, Carlo IX e Enrico III e della regina di Spagna Elisabetta di Valois.

Le sue simboliche nozze con il re ugonotto Enrico di Navarra furono offuscate dalla strage di san Bartolomeo e dalla successiva prigionia alla corte del marito, costretto all'abiura. Divenuta l'eminenza grigia del fratello minore Francesco d'Alençon, in opposizione al re Enrico III, svolse per suo conto un'ambasciata segreta nelle Fiandre in rivolta. In seguito si recò assieme alla madre nel Midi per pacificarlo e ricongiungersi al marito, nel frattempo fuggito dal Louvre e tornato al calvinismo.

Fedele discepola del neoplatonismo, a Nérac, manifestò doti di intellettuale e di mecenate, creando un vivace circolo di letterati, poeti e artisti nell'austera corte navarrese. Politicamente continuò a svolgere il ruolo di mediatrice tra le due corti e di condurre una vita coniugale felice, ma la sua sterilità e le tensioni politiche causate dalle guerre civili spezzarono il suo matrimonio, mentre i numerosi scandali sessuali nella quale fu coinvolta e che ne compromisero la reputazione, le alienarono la famiglia.

Alla morte del duca d'Alençon nel 1585 Margherita si schierò con la Lega cattolica nemica del marito e del fratello maggiore. Imprigionata nella fortezza di Usson su ordine di Enrico III, vi rimase in esilio per vent'anni, durante i quali scrisse le proprie Memorie. Divenuta virtualmente regina di Francia, al momento opportuno contrattò abilmente le condizioni per l'annullamento del matrimonio, a cui acconsentì solo dopo il versamento di un lauto compenso.

Tornata a Parigi nel 1605, in ottimi rapporti con l'ex marito e la sua nuova famiglia, si distinse ancora per il suo ruolo di mediatrice lasciando i suoi beni all'amato delfino Luigi e aiutando Maria de' Medici nel periodo di reggenza. Nell'ultimo periodo della sua vita divenne famosa per le sue qualità di mecenate, di benefattrice e di rinomata donna di lettere, dibattendo sulla Querelle des femmes. Morì nel 1615, quando ormai era già una leggenda vivente.[1]

Figura controversa, dopo la sua morte gli aneddoti e le calunnie su di lei hanno creato un mito, che si è consolidato attorno al famoso soprannome di regina Margot (La Reine Margot) inventato da Alexandre Dumas père e che ha tramandato nei secoli l'immagine di una donna ninfomane e incestuosa. Alla fine del XX e all'inizio del XXI secolo gli storici hanno iniziato una revisione delle fonti, concludendo che molti elementi della sua reputazione scandalosa derivavano da una propaganda anti-Valois e da una strumentale denigrazione della partecipazione delle donne in politica, creato dalla storiografia borbonica nel XVII secolo.

BiografiaModifica

Giovinezza (1553-1572)Modifica

InfanziaModifica

 
«Madama Margherita» ritratta da François Clouet (1559).
 
Caterina de' Medici e i figli: re Carlo IX, Margherita, Enrico d'Angiò e Francesco d'Alençon. 1561 circa.

Nacque il 14 maggio 1553 nel castello di Saint-Germain-en-Laye, figlia di Enrico II di Francia e di Caterina de' Medici e fu battezzata «Margherita» in onore della zia paterna, sua madrina, mentre Alfonso II d'Este fu il padrino.[2] Fu inizialmente allevata a Saint-Germain, Amboise e Blois assieme agli altri Fils de France, accudita da numerosi servitori. La sua governante fu l'integerrima Charlotte di Curton che, insieme al cardinale di Tournon, le trasmise una salda fede cattolica.

La principessa avrebbe ereditato la bella presenza e la salute resistente dal padre, che le era molto affezionato.[3] Secondo il veneziano Michiel, le sue doti di «grazia, bellezza e vivacità di spirito», l'avrebbero resa «di gran lunga superiore» alle sorelle.[4] Per le sue attrattive, la sua raffinatezza e le sue doti seduttive, Margherita sarebbe stata in seguito denominata la «perla dei Valois».[5]

L'inopinata morte del padre nel 1559 provocò una grande destabilizzazione politica tra le grandi famiglie aristocratiche del regno, divise anche per motivi religiosi. Il breve regno di Francesco II, segnato dal governo dei cattolici Guisa, venne funestato dalla congiura di Amboise, ordita da Antonio di Borbone, re di Navarra e Luigi di Condé, principi del sangue di fede calvinista. Il tentato colpo di stato fu represso nel sangue. L'ascesa al trono di Carlo IX, permise a Caterina de' Medici di prendere le redini del potere, in qualità di reggente.[6]

Nonostante la reggente cercasse un clima distensivo, la tensione politico-religiosa portò allo scoppio della prima guerra civile di religione. In questo periodo, Margherita e il fratello minore Ercole vissero nel sicuro castello di Amboise, allevati da varie dame di corte, tra cui Jeanne di Vivonne e Claudia Caterina di Clermont.[7] Dal 1564 al 1566, per volere della madre, partecipò assieme alla corte a le grand voyage de France: un tour di propaganda monarchica, ideato da Caterina per rinsaldare i legami tra la Corona e la popolazione.[8]

Famiglia ed educazioneModifica

Margherita fu indubbiamente influenzata dalla forte presenza di sua madre Caterina, dalla quale riprese i gusti artistici e apprese l'arte della mediazione politiche.[9] Fu la figlia meno amata dalla madre[10], con la quale instaurò una relazione complessa, composta da un misto di ammirazione e timore.[11] Da un'analisi delle Memorie emerge come avesse una così alta idea di sé dal comportarsi più come un principe, alla pari dei suoi fratelli, che come una donna soggetta alle numerose norme sociali dell'epoca.[12]

Caterina, consapevole delle attrattive di sua figlia, la sfruttò unicamente in funzione di un'unione matrimoniale che rafforzasse la potenza francese in Europa: dal 1562 Margherita fu proposta al principe Don Carlos, all'arciduca Rodolfo, a Filippo II di Spagna vedovo della sorella maggiore Elisabetta di Valois e infine al giovane Sebastiano I del Portogallo.[13]

Durante l'infanzia Margherita ebbe un ottimo rapporto con tutti i fratelli, con cui condivise la crescita. Protettiva verso il fratello minore Francesco d'Alençon[14], calmava le irrequietezze del fratello Carlo IX[15] che, molto affezionato a lei, le dette il soprannome «Margot».[N 1] Il fratello con cui in adolescenza strinse un legame profondo fu Enrico d'Angiò, il figlio prediletto di Caterina (per questo oggetto di gelosie di tutti i fratelli) e di cui Margherita si riterrà sempre esserne l'alter ego, definendosi suo «fratello».[16]

Oltre all'educazione politica e religiosa durante l'infanzia e l'adolescenza Margherita ricevette un'infarinatura in ambito umanistico, prima da Jean Flamin e poi da Henri Le Marignan, futuro vescovo di Digne. Studiò la storia, la poesia, le sacre scritture, i poemi classici e cavallereschi e le lingue: oltre al francese, sarebbe stata capace di parlare fluentemente in latino, italiano e spagnolo e leggere il greco. Eccellerà inoltre nella danza, nella musica e nell'equitazione.[17]

Primi passi in politicaModifica

 
«Madama Margherita», ritratta da François Clouet (1571).

Fin dall'adolescenza dimostrò di essere estremamente ambiziosa, volendo giocare anch'ella un ruolo politico nelle dinamiche del regno.[18] L'occasione le venne offerta nel 1568 dal fratello Enrico, che dopo la battaglia di Jarnac, le affidò il compito di difendere i suoi interessi presso la regina madre, impaurito che il re potesse soppiantarlo nei favori materni, durante la sua assenza per motivi militari.[19]

Si dedicò coscienziosamente a questo incarico, entrando nelle confidenze materne, ma al ritorno Enrico non le mostrò alcuna gratitudine e i rapporti tra madre e figlia si raffreddarono. Margherita incolpò Louis de Béranger du Guast di avere messo discordia tra lei e il fratello, ma forse fu Caterina stessa a escludere la figlia, che si era rivelata una possibile rivale nelle mediazioni tra Carlo IX ed Enrico.[20]

Alla fine della terza guerra civile Margherita incoraggiò un affettuoso scambio di lettere con il giovane Enrico I di Guisa, esponente di spicco dei cattolici intransigenti e nel giugno 1570, si diffuse la voce che avrebbe acconsentito a sposarlo[21], mentre erano in atto delle trattative per sposarla a Don Sebastiano. Come scrisse l'ambasciatore inglese la principessa «avrebbe preferito rimanere in Francia piuttosto che mangiare fichi in Portogallo».[22]

Già restii a queste nozze, ostacolate pure dal re di Spagna, i ministri portoghesi e doña Giovanna approfittarono dell'occasione per screditarla: tuttavia la spia mandata a Parigi per indagare sull'accaduto non trovò prove che potessero compromettere l'onore della principessa.[23] I Valois corsero ai ripari con forza, facendo cadere in disgrazia la famiglia Guisa.

Nel frattempo per mettere a tacere le voci, aiutata dalla sorella Claudia, Margherita affrettò le nozze tra il duca di Guisa e Caterina di Clèves.[24] Le nozze con don Sebastiano sfumarono comunque: i ministri portoghesi accamparono così altre altre scuse di accordi economici insostenibili e la proposta di posticipare il matrimonio di dieci anni, spingendo gli oltraggiati Valois a rompere le trattative.[25]

Ruolo politico (1572-1582)Modifica

Le «nozze vermiglie»Modifica

 
Enrico e Margherita sovrani di Navarra, raffigurati in una miniatura nel Libro delle Ore di Caterina de' Medici. Contrariamente alle interpretazioni storiografiche del XVII secolo, i contemporanei non annotarono alcun tipo di disgusto reciproco tra i due.[26]

Nell'agosto 1570 la pace di Saint-Germain aveva in teoria stabilito definitivamente la riconciliazione nazionale tra cattolici e calvinisti: fu così ipotizzata un'unione che la sancisse simbolicamente. I Montmorency fecero dunque riemergere l'idea, già ipotizzata da re Enrico II, di un'unione tra Margherita e il protestante Enrico di Navarra, primo prince du sang ed erede di vasti possedimenti nel sud-ovest del paese.

Pur conoscendo Enrico fin dall'infanzia Margherita espose alla madre la sua perplessità di cattolica convinta davanti a questo matrimonio, che andava contro le norme ecclesiastiche e che poteva tacciarla di concubinaggio. Dopo non poche esitazioni, rassicurata dai famigliari e a condizione di non doversi convertire al calvinismo, la principessa accettò infine di sposarsi, spinta dall'ambizione di divenire regina.[27]

In prospettiva del matrimonio la Corona si riavvicinò all'ammiraglio di Coligny, principale capo politico ugonotto, reintegrandolo in vari incarichi a corte.[28] Impauriti che ciò favorisse una presa di potere del calvinismo, papa Pio V e Filippo II di Spagna osteggiarono in ogni modo queste nozze, riproponendo l'unione tra Margherita e Don Sebastiano, ma tale prospettiva venne rifiutata dai Valois.

Nel febbraio 1572 la fervente ugonotta Giovanna III di Navarra giunse a corte e rimase favorevolmente colpita da Margherita, lodandone l'avvenenza, l'intelligenza e la stima che aveva in famiglia.[29] Le trattative tra future suocere furono lunghe e difficili, ma infine si decise che le nozze sarebbero state officiate a Parigi dal cardinale di Borbone, in qualità di zio di Enrico, e che nessuno degli sposi si sarebbe convertito.[30] Nel giugno 1572, Giovanna vi morì di tubercolosi, lasciando il trono al figlio.

Il giovane re di Navarra arrivò a Parigi il luglio seguente, scortato da ottocento gentiluomini calvinisti. Le nozze controverse furono officiate il 18 agosto sul sagrato della cattedrale di Notre-Dame, senza attendere la necessaria dispensa papale per la differenza di fede e la parentela fra gli sposi. Come accordato il re di Navarra non assistette alla messa, sostituito dal duca d'Angiò.[31] Secondo i progetti della Corona questo matrimonio avrebbe simboleggiato l'inizio di una nuova era di pace dopo anni di guerre civili: per questo, riportarono gli ambasciatori, i festeggiamenti furono fastosissimi e di gran lunga maggiori rispetto a ogni altro matrimonio precedente.[32]

 
La regina di Navarra protegge il visconte di Léran durante la notte di san Bartolomeo. Dipinto di Alexandre-Évariste Fragonard. Il famoso episodio venne riadattato da Alexandre Dumas nel romanzo La regina Margot.
 
Margherita, regina di Navarra a fianco del fratello minore Francesco, duca d'Alençon, arazzi dei Valois, Galleria degli Uffizi.

La tregua durò poco: il 22 agosto Coligny subì un attentato, rimanendo ferito a un braccio. Fomentata dagli ugonotti, che minacciavano di farsi giustizia da soli, e dalla paura dei cattolici, la tensione crebbe a tal punto che, la notte tra il 23 e il 24 agosto, passata alla Storia come la «notte di san Bartolomeo», su presunto ordine della Corona, i calvinisti presenti a Parigi furono massacrati dai cattolici.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Notte di san Bartolomeo.

La strage avvenne anche nel Louvre, dove il re di Navarra fu costretto a convertirsi per salvarsi la vita. Nelle proprie Memorie, unica testimonianza diretta di un membro della famiglia reale sul massacro[33], Margherita raccontò di avere salvato dei gentiluomini protestanti, fra cui il visconte di Léran, che si era rifugiato nella sua camera da letto per sfuggire agli assassini.[34]

La tragedia ridefinì i rapporti tra Margherita e la famiglia, in particolare con la madre e con il marito. Margherita non avrebbe dimenticato la noncuranza con cui, la sera antecedente alla strage, Caterina l'aveva rispedita dal marito come esca, con l'alto rischio che potesse rimanere uccisa[35], mentre dopo l'eccidio le avrebbe proposto di fare annullare le nozze, ormai inutili, nel caso non fossero state consumate. Ribellandosi alle manipolazioni famigliari, Margherita rifiutò di abbandonare il re di Navarra: «comunque fusse, io volea, poiche dato me l'haveano, restarmene con lui; ben sospettandomi, ch'il volermi da lui separare, era per fargli qualche malo scherzo».[36]

Margherita divenne così la garante del marito, fatto prigioniero a corte e ormai in una situazione di completa subalternità ai voleri della Corona.[37] Il senso di protezione verso il re di Navarra e la sua solidarietà politica basata sul vincolo matrimoniale non le impedirono di ritenersi superiore a lui, sottostimandolo.[38] Ciò avrebbe portato alla creazione di una controversa e chiacchierata relazione di coppia.

Il massacro avrebbe infangato anche la nomea di Margherita. Per la prossimità alla strage il suo matrimonio fu in seguito nominato le «nozze vermiglie»[39] e lei stessa, assieme ad altri membri della famiglia reale, finì bersaglio di feroci libelli protestanti: per esempio ne Le Réveil-matin des Français venne per la prima volta accusata di avere intrattenuto una relazione incestuosa con il fratello Enrico.[40]

Cospirazioni di corteModifica

Nel 1573 la salute di Carlo IX cominciò a declinare, ma il suo erede naturale, il fratello Enrico d'Angiò, che era a favore di una politica di fermezza contro i protestanti, si trovava a Cracovia dopo essere stato eletto re di Polonia. A quel punto il partito dei moderati, detti Malcontent, iniziò a complottare per fare salire sul trono Francesco Ercole di Valois duca d'Alençon, fratello minore di Carlo ed Enrico, ma ritenuto favorevole alla tolleranza religiosa.

Nel 1574, mentre Carlo IX agonizzava, ugonotti e cattolici moderati prepararono un complotto. Inizialmente Margherita rimase fedele a Carlo IX e al duca d'Angiò, ma in seguito si convinse a sostenere il fratello minore, con la speranza di migliorare la propria scomoda situazione in cui la strage di san Bartolomeo l'aveva posta: dal momento del massacro era sospettata sia dai membri della Corona francese che dalle persone vicine al marito. L'avvento di Francesco sul trono le avrebbe permesso di riconquistare importanza a livello politico.[41]

La cospirazione però fallì e due complici furono arrestati e decapitati: fra di loro vi erano Joseph Boniface de La Môle, presunto amante di Margherita ed eroe romantico del romanzo La regina Margot di Dumas padre, e Annibal de Coconas.[42] Dopo il fallimento della congiura Alençon e Navarra furono tenuti prigionieri al castello di Vincennes e fatti chiamare in giudizio dalla regina madre per rispondere del loro comportamento. Fu in questa occasione che Margherita, su richiesta del marito, scrisse per lui un memoriale di difesa, passato alla storia come il Mémoire justificatif pour Henri de Bourbon.[43]

Il 30 maggio 1574 Carlo IX morì. Il duca d'Angiò, fuggito dalla Polonia, rientrò in Francia dove fu incoronato re Enrico III di Francia: non perdonò alla sorella il tradimento.[44]

Mediatrice e ostaggioModifica

Pur lasciati in libertà condizionata i sovrani di Navarra e il duca d'Alençon furono messi sotto sorveglianza a corte ed erano spesso oggetto di scherno dei favoriti del re, i mignon. In particolare vi era una faida di lunga data fra Margherita e Louis Bérgerac Du Guast, prediletto del re. Inizialmente il sovrano cercò una mediazione, ma la regina rifiutò. Du Guast non perse occasione per screditarla e mettere in giro calunnie sul suo conto e a offenderla pubblicamente.[45] Margherita si difendeva da certe accuse, ma rispondeva solo con il pubblico disprezzo nei confronti di Du Guast. Nel novembre 1575 Du Guast fu misteriosamente ucciso in casa di un'amante.[46]

Prima della morte il mignon era riuscito a deteriorare il legame fra Navarra e Alençon facendoli litigare grazie a Charlotte de Sauve, dama d'onore della regina madre, di cui tutti e tre condividevano i favori.[47] Nel 1575 Alençon e successivamente nel 1576 Navarra, riuscirono a eludere i controlli e a scappare dalla corte del re di Francia. Margherita non era stata messa al corrente dei piani di fuga dal marito, poiché la relazione con la De Sauve aveva compromesso anche i rapporti fra i sovrani di Navarra. Dopo le fughe di suo marito e di suo fratello Margherita si ritrovò reclusa al Louvre con delle guardie appostate davanti alle sue stanze, poiché Enrico III la riteneva una complice.[48]

Durante questo periodo, che Margherita occupò dedicandosi principalmente ad ampliare le sue conoscenze letterarie, immergendosi nella lettura di testi neoplatonici[49], ricevette una lettera dal marito che le scrisse opportunisticamente di dimenticare le incomprensioni e di fargli da spia su ciò che accadeva a corte.[50] Nel frattempo il duca d'Alençon, alleatosi agli ugonotti, prese le armi e rifiutò di negoziare con il fratello fintantoché Margherita fosse stata prigioniera. La regina di Navarra fu dunque liberata e assistette ai negoziati di pace accanto a sua madre: si giunse a un risultato molto vantaggioso per i protestanti e per il duca d'Alençon: l'editto di Beaulieu.[51]

Enrico di Navarra reclamò subito la moglie con sé: Caterina ed Enrico III però rifiutarono di lasciarla partire, poiché Margherita sarebbe potuta divenire un ostaggio in mano agli ugonotti e avrebbe potuto rafforzare l'intesa tra Navarra e Alençon.

L'ambasciata nelle FiandreModifica

 
Margherita di Valois, miniatura di Nicholas Hilliard (1577).

Nel 1577, alla ripresa della guerra civile, Margherita, divisa tra le fedeltà al marito e quella al fratello maggiore, chiese l'autorizzazione a partire in missione nel sud dei Paesi Bassi, per conto del fratello minore. I fiamminghi, che si erano ribellati al dominio spagnolo nel 1576, sembravano disposti a offrire un trono a un principe straniero tollerante e disponibile a fornire loro le forze diplomatiche e militari necessarie alla conquista della loro indipendenza. Enrico III accettò la proposta della sorella perché si sarebbe finalmente liberato dello scomodo duca d'Aleçon.[52]

Con il pretesto di un bagno di cure nelle acque termali di Spa Margherita partì in estate con uno sfarzoso seguito. Dedicò due mesi alla sua missione: a ogni tappa del viaggio, durante fastosi ricevimenti, si intratteneva con gentiluomini ostili alla Spagna e facendo le lodi del fratello tentava di persuaderli ad allearsi con lui.[53] Fece anche la conoscenza del governatore dei Paesi Bassi, Don Giovanni d'Austria, il vincitore di Lepanto, con il quale ebbe un incontro cordiale.[54]

Per Margherita il ritorno in Francia fu movimentato, attraverso un paese in piena insubordinazione, quando allo stesso tempo c'era il rischio che gli spagnoli la facessero prigioniera.[55] Alla fine Alençon non era riuscito a fare fruttare i contatti utili che la sorella gli aveva procurato.

Dopo avere realizzato la missione nei Paesi Bassi per conto del fratello minore Margherita ritornò a corte, dove l'atmosfera era assai tesa. Si moltiplicavano gli scontri tra i mignon di Enrico III e i sostenitori di Alençon, alla testa dei quali vi era Louis de Clermont d'Amboise, amante di Margherita, chiamato Bussy d'Amboise.[56]

La situazione rimase stabile fino al 1578, quando Alençon chiese di assentarsi. Enrico III però venne a conoscenza della sua partecipazione a un complotto: lo fece arrestare in piena notte e lo confinò nella sua stanza, dove Margherita lo raggiunse. Bussy invece fu condotto alla Bastiglia. Qualche giorno dopo Francesco riuscì nuovamente a fuggire, con l'aiuto di Margherita, grazie a una corda gettata dalla finestra di sua sorella.[57]

La corte di NéracModifica

Poco dopo Margherita, che aveva negato ogni suo coinvolgimento alla fuga di Francesco, ottenne infine l'autorizzazione a raggiungere suo marito. Enrico III e Caterina speravano che Margherita potesse svolgere il compito di conciliatrice e ristabilire l'ordine nelle travagliate province del sud-ovest. Per adempiere a questo compito fu accompagnata dalla madre e dal suo cancelliere, umanista, magistrato e poeta, chiamato Guy Du Faur de Pibrac. Il viaggio delle due regine fu l'occasione per allestire sontuosi ricevimenti nelle città attraversate e per rafforzare i freddi legami con la famiglia reale. Alla fine della spedizione, si incontrarono con Enrico di Navarra, che mostrò poco entusiasmo a venir loro incontro. Caterina e il genero si accordarono sulle modalità relative all'ultimo editto di pace (conferenza di Nérac del 1579) e Caterina poté tornarsene a Parigi.

Dopo la partenza di Caterina la coppia soggiornò brevemente a Pau, dove Margherita soffrì per la proibizione di praticare il culto cattolico.[58] Gli sposi si stabilirono a Nérac, capitale del ducato d'Albret, che faceva parte del regno di Francia e in cui pertanto non era applicata l'intolleranza religiosa che c'era a Pau, parte del Béarn.

Il poeta Théodore Agrippa d'Aubigné scrisse: «La regina di Navarra ha presto sconfitto gli animi e incatenato le spade». Intorno a Margherita si era formata una vera e propria accademia letteraria. Oltre ad Agrippa, compagno d'armi di Enrico, frequentavano la corte anche Guillaume de Salluste Du Bartas, Guy Du Faur de Pibrac e Michel de Montaigne, che ebbe con la regina molti scambi culturali.[59]

La corte di Nérac fu soprattutto celebre per le avventure amorose che vi avevano luogo in tanto grande numero, che Shakespeare vi trovò l'ispirazione per il suo Pene d'amor perdute. «L'agio porta con sé i vizi, come i serpenti il calore» scrisse Théodore Agrippa d'Aubigné[60], mentre Sully ricordò: «La corte fu un tempo dolce e piacevole; perché non si parlava d'altro che d'amore e di piaceri e di passatempi che da essi dipendevano». Un pettegolezzo di corte attribuì a Margherita una relazione con uno dei più illustri compagni di suo marito, il visconte di Turenne.

 
Il castello di Nérac.

Nel 1579 scoppiò la settima guerra di religione, detta la "guerra degli amanti", perché fu falsamente creduto che fosse stata dichiarata da Margherita, a causa del rancore che ella provava contro il fratello maggiore e per la vita mondana che i re di Navarra conducevano a Nérac. Il conflitto in realtà fu provocato da un'inadeguata attuazione degli accordi presi nell'ultimo editto di pace e da uno scontro avvenuto tra Enrico di Navarra e un luogotenente del re in Guienna, regione sotto la giurisdizione del re di Navarra. Durò poco, in parte anche grazie a Margherita che suggerì di appellarsi ad Alençon per portare avanti le trattative: che portarono rapidamente alla pace di Fleix nel 1580.

Fu allora che Margherita si innamorò di un grande scudiero di suo fratello, Jacques de Harlay, signore de Champvallon. Le lettere che ella gli aveva indirizzato illustrano una concezione dell'amore legata al neoplatonismo, in cui si privilegiava l'unione delle menti a quella dei corpi (sebbene ciò non significava che Margherita rifiutasse l'amore fisico) al fine di giungere alla fusione delle anime.[61][62]

Dopo la partenza di Alençon la situazione di Margherita andò deteriorandosi. Responsabile di questa situazione fu una delle sue damigelle d'onore, Françoise de Montmorency-Fosseux, della quale suo marito si era infatuato quando lei aveva quattordici anni. Una volta rimasta incinta, Françoise non cessò di mettere Enrico contro la moglie, sperando forse di sposare il re di Navarra. Enrico però, come la moglie, pretese che ella nascondesse la sua gravidanza; infine, come scrisse Margherita nelle sue Memorie: «Volle Dio, ch'ella non partorisse che una figlia, la quale per di più era morta».[63]

Ribellione (1582-1592)Modifica

Scandalo a ParigiModifica

Nel 1582 Margherita lasciò Nérac. Certamente la regina non aveva raggiunto gli obiettivi che sua madre e suo fratello maggiore si erano proposti per lei e non aveva rafforzato neppure la sua posizione attraverso una gravidanza. Tuttavia, i veri motivi della sua partenza non sono chiari. Non c'è dubbio che volesse sfuggire a un ambiente ostile, come era diventata la corte di Nérac, forse voleva essere più vicina al suo amante Champvallon, oppure sostenere suo fratello minore.[64] Giunse a Parigi su invito del fratello e della madre, che speravano di attirare nuovamente il re di Navarra a corte, ma ciò non avvenne perché Margherita non aveva alcuna influenza sul marito, che anzi si infuriò con lei per avere fatto maritare Françoise, che aveva seguito la regina a Parigi.[65]

L'accoglienza fu fredda perché il re la riteneva responsabile dell'ultimo conflitto. La situazione continuò a peggiorare: Margherita incoraggiava le satire contro i costumi di Enrico III, che alternava una vita dissoluta a crisi mistiche, ed era lei stessa al centro degli scandali; quando, nel giugno del 1583, cadde malata, le voci affermavano che era rimasta incinta di Champvallon.[66] Inoltre incoraggiò Alençon a riprendere la spedizione nei Paesi Bassi che il re aveva interrotto, temendo una guerra con il re di Spagna.[67]

Infine nell'agosto del 1583 Enrico III cacciò sua sorella dalla corte, un'azione senza precedenti che attirò le attenzioni di tutta l'Europa, soprattutto a causa della partenza di Margherita, accompagnata da molte umiliazioni. Enrico III, attraversando il corteo di sua sorella, la ignorò; poi fece fermare la sua carrozza e arrestò dei servitori di Margherita, fra cui le dame di Duras e Béthune, che lui stesso interrogò di persona riguardo ai rapporti della sorella con Champvallon e con il duca d'Alençon (di cui le due nobildonne erano probabilmente le intermediarie) e di un presunto aborto della sorella.[68]

Un ritorno in Navarra apparve impossibile, poiché il marito di Margherita rifiutò di riprenderla con sé a causa delle numerose voci che circolavano sul suo conto. Il re di Navarra chiese a Enrico III delle spiegazioni in merito e in seguito dei risarcimenti per la spiacevole situazione. Minacciata di ripudio, Margherita rimase a lungo nell'incertezza, attendendo che si concludessero i negoziati tra la corte di Francia e quella di Navarra.[69] I guerrafondai protestanti trovarono in questa situazione il casus belli che attendevano e il re di Navarra ebbe il pretesto per impadronirsi di Mont-de-Marsan, che Enrico III accettò di cedergli per chiudere la questione.[70]

Otto mesi dopo la sua partenza Margherita poté infine riunirsi con il marito, che non aveva fretta di reincontrarla e che le mostrò ben poco interesse, passione che manifestava alla sua amante del momento, la belle Corisande. Ai mali di Margherita si aggiunse la morte di Francesco d'Alençon avvenuta nel giugno del 1584 per tubercolosi, facendole perdere il suo alleato più fedele.[71]

La presa d'armiModifica

Nel marzo del 1585, quando la guerra riprese, Margherita, rifiutata dalla sua famiglia come dal marito, entrò a fare parte della Lega cattolica, che riuniva i cattolici intransigenti e ostili sia a Enrico III di Navarra sia a Enrico III di Francia.[72] Margherita si impossessò di Agen, città che faceva parte della sua dote e di cui lei era contessa, e fece rafforzare le fortificazioni. Reclutando delle truppe si lanciò all'assalto delle città circostanti. Ma, stanchi delle condizioni imposte da Margherita, gli abitanti di Agen si ribellarono e si accordarono con un generale del re; Margherita quindi dovette fuggire dalla città in tutta fretta.

 
Litografia raffigurante il castello di Carlat nel XVI secolo.
 
Ruderi dell'antica fortezza di Usson, dove fu rinchiusa Margherita.

A novembre la regina di Navarra si stabilì assieme all'amante Gabriel Aubiac nel castello di Carlat, di cui era proprietaria e insieme a un gruppo di nobili radunò in fretta un esercito e tentò di impadronirsi della regione dell'Agenais, ma fallì. All'arrivo delle truppe regali, Margherita dovette nuovamente fuggire. Trovò rifugio un po' più a nord, nel castello di Ibois, un tempo appartenuto a sua madre Caterina.

Nell'ottobre del 1586 fu però assediata alle truppe del fratello e per un mese dovette attendere per sapere che cosa ne sarebbe stato di lei. Il mese seguente Enrico III decise infine che la sorella dovesse essere confinata nel castello di Usson, prigione ai tempi di Luigi XI.[73] Egli stesso scrisse: «La cosa migliore che Dio potesse fare per lei e per noi sarebbe di prendersela con Sé».[74]

La regina madre, che in passato aveva aiutato la figlia, parve non provare più interesse per lei, anzi ordinò che Aubiac fosse impiccato davanti ai suoi occhi.[75] Dal momento che Enrico di Navarra, dopo la morte di Alençon, era diventato il legittimo erede al trono di Francia e poiché dal matrimonio con Margherita non erano nati eredi, Caterina de' Medici desiderava che prendesse in moglie la preferita delle sue nipoti, Cristina di Lorena[74], che alla fine sposò il granduca di Toscana.

Prigionia ed esilioModifica

Dal novembre del 1586 al luglio del 1605 Margherita rimase prigioniera nel castello di Usson. La detenzione però non fu particolarmente dura: Jean Timoléon de Beaufort, marchese di Canillac, il suo carceriere, agevolò le sue condizioni, probabilmente corrotto da Margherita.[N 2]

Margherita, entrata in possesso del castello e seppure isolata da ciò che accadeva nel resto del regno, ebbe modo di formare come aveva fatto a Nérac una nuova corte di intellettuali, musicisti e scrittori. Fece restaurare la magione e impegnò il suo tempo a leggere moltissime opere, soprattutto religiose ed esoteriche.[76] Pure la sua condizione finanziaria migliorò quando la vedova di suo fratello Carlo IX, Elisabetta d'Austria, con la quale aveva sempre avuto ottimi rapporti, iniziò a mandarle metà delle sue rendite.[77]

Il 5 gennaio 1589 morì la regina madre Caterina de' Medici; il 2 agosto successivo Enrico III venne assassinato da Jacques Clement, un monaco fanatico. Unico superstite della "guerra dei tre Enrichi" (il duca di Guisa era stato ucciso da Enrico III nel dicembre 1588) e successore per diritto di sangue della corona francese, Enrico di Navarra divenne re di Francia come Enrico IV di Francia e Margherita, seppur prigioniera, divenne virtualmente regina di Francia.

Riconciliazione (1593-1615)Modifica

Il «regale divorzio»Modifica

 
Margherita di Valois, incisione di Simon Charles Miger (XVIII secolo).

Nel 1593 Enrico IV prese dei contatti con Margherita per disporre l'annullamento del loro matrimonio. Per la prima volta Margherita ebbe modo di tenere in mano le sorti della famiglia reale e la sua politica matrimoniale, di cui era stata vittima sin dalla giovinezza. Durante le trattative fra i due coniugi, che durarono sei anni, la situazione finanziaria della regina migliorò, ma venne a conoscenza che il re avrebbe voluto sposare Gabrielle d'Estrées, sua amante dal 1591, e che nel 1594 lo rese padre di Cesare di Borbone-Vendôme. Margherita negò il consenso ad annullare le sue nozze, per avallare un matrimonio che trovava disonorevole per il regno di Francia.

Nel 1594 Margherita ricevette dal suo amico Brantôme, con cui era in contatto epistolare, un panegirico intitolato Discours sur la reine de France et de Navarre. In risposta all'opera del poeta, che su ammissione della regina conteneva alcuni errori e false dicerie su di lei, scrisse le proprie Memorie.[78]

Alla morte di Gabrielle d'Estrées, avvenuta per complicazioni di parto il 10 aprile 1599, Margherita riprese le trattative.

Soltanto il 24 ottobre 1599 accettò l'annullamento, a seguito dell'offerta di generose ricompense: ottenne l'Agenais, la Condomois, Rouergue e il ducato di Valois; in aggiunta ebbe anche diritto a una pensione ed Enrico IV annullò tutti i debiti che aveva conseguito fino a quel momento.

Il papa Clemente VIII poté dunque annullare il loro matrimonio con tre motivazioni: la consanguineità di Margherita ed Enrico, l'assenza di figli e il forzato consenso al matrimonio da parte della sposa. A Margherita fu lasciato il titolo di "regina di Francia" e ottenne quello di "duchessa di Valois". Il 17 dicembre 1600 il re sposò la principessa toscana Maria de' Medici.

In seguito all'annullamento del matrimonio ripresero i buoni rapporti tra i due ex coniugi. Dopo venti anni di esilio Margherita entrò nelle grazie del re di Francia.[79] La sua nuova posizione le permise di ricevere in Usson nuovi visitatori, attirati dalla qualità culturale di questo "Nuovo Parnaso" e dalla generosità della padrona di casa.

Il ritorno a ParigiModifica

 
La «Regina Margherita» nel 1605 circa.

Nel luglio del 1605 Margherita ottenne il permesso di lasciare Usson e di occupare il "Palazzo Madrid" a Boulogne-sur-Seine (oggi chiamata Neuilly-sur-Seine). Ci rimase pochi mesi prima di ritornare a Parigi nell'Hôtel de Sens. Margherita volle ritornare nella capitale non solo per riprendere la vita di corte, ma anche per portare avanti delle importanti questioni finanziarie. Margherita era stata privata della sua eredità materna, dopo la morte di Caterina de' Medici, in virtù di alcuni documenti che la diseredavano. Enrico III aveva infatti ottenuto che tutti i beni della madre andassero a Carlo di Valois, figlio naturale di Carlo IX. Margherita era però in possesso di documenti che la dichiaravano erede universale del patrimonio materno e nel 1606 riuscì a privare il nipote dell'intera eredità.[80]

Dopo la vittoria in tribunale Margherita nominò suo erede universale il Delfino, il futuro Luigi XIII di Francia, a cui si era molto affezionata. Questa fu una mossa politica estremamente importante per la casata dei Borbone, poiché rendeva ufficiale la transizione dinastica fra la casata dei Valois, di cui la regina Margherita era l'ultima discendente legittima, e quella dei Borbone, appena insediatasi sul trono di Francia.[81][82] Ciò non fece che rafforzare l'amicizia che si era creata con la regina Maria, andando a delegittimare le pretese di Enrichetta d'Entragues, sorellastra di Carlo di Valois e amante di Enrico IV, che sosteneva che suo figlio fosse il legittimo erede, per una promessa di matrimonio del re.

 
Hôtel de la Reine Marguerite. Attualmente di questo palazzo esiste solo una cappella nella corte Bonaparte, scuola di Belle Arti.

Nel 1607 fece costruire sulla riva sinistra della Senna, di fronte al Louvre, un palazzo di sua proprietà (L'hôtel de la Reine Marguerite), che oggi non esiste più, fatta eccezione per una cappella nella corte Bonaparte della scuola di Belle Arti. Il palazzo divenne un centro intellettuale parigino, politico e aristocratico. Margherita diede fastosi ricevimenti con spettacoli teatrali e balletti che duravano sino a notte inoltrata e da grande mecenate qual era, aprì un salotto letterario in cui organizzò una società di scrittori, filosofi, poeti e studiosi[83] (tra i quali Marie de Gournay, Philippe Desportes, François Maynard, Étienne Pasquier, Théophile de Viau). La regina inoltre continuò le sue opere di beneficenza e si prese come confessore Vincenzo de' Paoli.

Ultimi anniModifica

Il 13 maggio 1610 Margherita presenziò pure all'incoronazione di Maria a Saint Denis.[84] Il giorno seguente Enrico IV fu assassinato per mano del monaco fanatico François Ravaillac e Maria de' Medici ottenne la reggenza per il figlio minorenne. Fu anche madrina per il battesimo di suo figlio Gastone d'Orléans, avvenuto il 15 giugno 1610.

La reggente le affidò vari ruoli diplomatici, fra cui il ricevimento degli ambasciatori stranieri a corte e negli Stati generali del 1614, in cui Margherita fu incaricata di negoziare con i rappresentanti del clero. Questo fu il suo ultimo incarico pubblico. Margherita di Valois, ultima discendente legittima dell'antica dinastia reale, si spense a sessantuno anni il 27 marzo 1615, a Parigi. Fu sepolta nella cappella dei Valois.[85]

La leggenda della regina MargotModifica

StoriografiaModifica

 
Margherita di Valois in una bambola storica di George S. Stuart.

La storia della principessa Margherita di Valois è oscurata dalla leggenda della "regina Margot", il mito di una donna lasciva nata in una famiglia maledetta. Molte calunnie vennero diffuse durante la vita della principessa, ma quelle presenti nel libello Divorce Satyrique scritto da Théodore Agrippa d'Aubigné contro Enrico IV, furono quelle ad avere più successo e vennero tramandate in seguito come fossero fatti accertati.[86]

Figura in bilico fra due corti, una cattolica e l'altra protestante, e trascinata nelle guerre di religione, Margherita fu bersaglio di una campagna diffamatoria mirata a denigrare attraverso di lei, sua madre, i suoi fratelli e suo marito. Nonostante queste accuse, durante la sua vita, i suoi contemporanei riconobbero che fra tutti i figli di Caterina de' Medici, lei era l'unica ad avere bellezza (era chiamata la "Perla del Valois"), salute, intelligenza ed energia. Notevole latinista, era molto dotta e sapeva risplendere nella società letteraria dell'epoca come nel salotto della marescialla di Retz.

È nel XIX secolo che nacque il mito della regina Margot. Il soprannome fu inventato da Alexandre Dumas che intitolò il suo primo romanzo sulla trilogia dei Valois: La regina Margot (1845), descrivendo nel romanzo la notte di San Bartolomeo e gli intrighi di corte successivi. Lo storico Jules Michelet invece sfruttò la figura della principessa Valois per denunciare la "depravazione" del vecchio regime.

Fra il XIX e il XX secolo alcuni storici, come il conte Léo de Saint-Poincy, cercarono di riabilitare la figura della sovrana, tentando di discernere gli scandali dalla la realtà, raffigurandola come una donna che sfidava le turbolenze della guerra civile tra cattolici e protestanti e che non si era mai sentita inferiore ai suoi fratelli, volendo anzi partecipare agli affari del regno, affrontando quindi oltre alla vita privata anche i comportamenti politici della sovrana. Tuttavia questi studi rimasero marginali e non influenzarono i testi ufficiali.[87]

Nel XX secolo ci fu un exploit di opere divulgative sulla figura della regina, con una sostanziale regressione di ogni criterio storiografico. In particolare, Guy Breton inaugurò nel 1950 una serie di libri di narrativa erotica che minò drasticamente l'immagine della regina Margherita di Valois, raccontando scandali e storie scabrose a uso del grande pubblico.

Solo a partire dagli anni novanta alcuni storici, come Eliane Viennot e Janine Garrison, hanno contribuito a riabilitare l'immagine degli ultimi Valois e ricordare la distinzione tra la figura storica di Margherita di Valois e la leggenda della regina Margot.[81] Tuttavia opere cinematografiche e opere letterarie hanno continuato a perpetrare l'immagine di una donna oscena e lasciva.

Gli errori comuniModifica

La maggior parte di questi errori provengono da falsificazioni della vita della regina durante il XVII e XVIII secolo. Nonostante la loro stravaganza queste notizie sono state più volte riproposte nel tempo da molti autori che, per mancanza di rigore, non hanno controllato la fonte originale. Il contemporaneo della regina, l'austero Théodore Agrippa d'Aubigné, è in gran parte responsabile della maggior parte delle calunnie sul conto della regina.

  • La ninfomania di Margherita: l'origine di questa leggenda proviene da un pamphlet protestante scritto contro Enrico IV, il Divorce Satyrique (1607). Risulta uno degli elementi della leggenda più diffusi.[86] La sua permanenza a Usson viene spesso presentata come un periodo di decadenza dove la regina occupa il suo tempo a copulare con prestanti giovani contadini del luogo.[88] Invece la regina era una sostenitrice dell'amore cortese e del neoplatonismo. Nell'aristocrazia francese era consuetudine per una donna sposata essere "servita", in accordo con il marito, da diversi giovani "galanti". Quanto ai rapporti extraconiugali di Margherita, le lettere indirizzate a Champvallon, il suo più famoso amante, conservate fino a oggi, mostrano come viveva la passione che provava per lui secondo la teoria neoplatonica. In seguito anche un suo ex servitore, passato al servizio del cardinale Richelieu, scriverà di avere conosciuto i figli illegittimi che la regina avrebbe avuto da Champvallon e d'Aubiac: tutto per rafforzare le motivazioni che avrebbero portato all'annullamento delle nozze e quindi all'ascesa dei Borbone sul trono di Francia.[89]
  • I rapporti incestuosi con i fratelli: la calunnia si è presentata la prima volta nel pamphlet protestante scritto contro la famiglia Valois intitolato Le réveil-matin des Français (1574), in cui si dice che avesse perso la verginità con suo fratello Enrico, di cui sarebbe rimasta incinta durante il grande viaggio attraverso la Francia, nei primi anni di regno di Carlo IX.[90]
  • La coercizione al momento del "sì" nuziale: il giorno del matrimonio, il re Carlo IX le avrebbe spinto la testa in modo da farle dare il consenso al matrimonio durante la cerimonia nuziale sul sagrato di Notre Dame. Il fatto è assente nelle Memorie della regina ed è stato raccontato la prima volta ne l'Histoire de France (1646) scritta dallo storico di regime Mézeray.[91]
  • Avrebbe preso con sé la testa decapitata di La Môle: la notizia proviene dal Divorce Satyrique (1607).[92] Il fatto venne reso popolare in epoca romantica da Stendhal nel suo romanzo Il rosso e il nero.
  • Avrebbe fatto uccidere Du Guast, mignon del re: l'accusa proviene dal Historiarum sui temporis di Jacques-Auguste de Thou (tradotto in francese nel 1659), noto per il suo pregiudizio contro i Valois. Secondo Thou, la regina avrebbe convinto il barone di Vitteaux (indicato all'epoca come l'assassino del favorito) a uccidere Du Guast, anche se all'epoca nessuno la incolpò, e molti pensarono a un regolamento di conti.[93] Nel XIX secolo l'accusa sarà ripresa da Jules Michelet nella sua Histoire de France, che tuttavia cambierà metodo di convincimento, ritraendo la regina mentre ricompensa l'assassino con un amplesso nella chiesa di Saint Augustin.[94]
  • I suoi intrighi amorosi scatenarono la settima guerra di religione: l'origine della calunnia è da attribuirsi alla Histoire universelle di d'Aubigné (1617) e alle Memorie del duca di Sully, che cercarono di nascondere le proprie responsabilità e quelle dei protestanti nella ripresa del conflitto.[95] Questa leggenda è stata allegramente ripresa in epoca romantica, tanto che il conflitto fu chiamato la «guerra degli amanti».

AscendenzaModifica

Albero genealogico di tre generazioni di Margherita di Valois
Margherita di Valois Padre:
Enrico II di Francia
Nonno paterno:
Francesco I di Francia
Bisnonno paterno:
Carlo di Valois-Angoulême
Bisnonna paterna:
Luisa di Savoia
Nonna paterna:
Claudia di Francia
Bisnonno paterno:
Luigi XII di Francia
Bisnonna paterna:
Anna di Bretagna
Madre:
Caterina de' Medici
Nonno materno:
Lorenzo de' Medici duca di Urbino
Bisnonno materno:
Piero il Fatuo
Bisnonna materna:
Alfonsina Orsini
Nonna materna:
Madeleine de La Tour d'Auvergne
Bisnonno materno:
Giovanni III de La Tour d'Auvergne
Bisnonna materna:
Giovanna di Borbone

Margherita nella cultura di massaModifica

TeatroModifica

LetteraturaModifica

MusicaModifica

CinemaModifica

FumettoModifica

NoteModifica

EsplicativeModifica

  1. ^ Nonostante il soprannome sia divenuto famoso grazie al romanzo di Alexandre Dumas, pare che solo Carlo chiamasse la sorella con quel diminutivo, derivato probabilmente dal nome del personaggio interpretato da Margherita in una pastorale di Ronsard, recitata dai Fils de France a Fontainebleau nel carnevale 1564 (Viennot, 1994, p. 22.).
  2. ^ Secondo alcune dicerie si disse che fu sedotto dalla regina, sebbene non vi siano prove al riguardo. È probabile che il marchese sia stato corrotto dalla regina, viste le concessioni di terre che Margherita gli fece. O forse il marchese si schierò con la Lega cattolica, tradendo il re di Francia (Viennot, 1994, pp. 180-182.).

RiferimentiModifica

  1. ^ Viennot, 1994, p. 241.
  2. ^ Mariéjol, 1928, p. 1.
  3. ^ Viennot, 1994, p. 13.; Jouanna, Boucher, Biloghi, Le Thiech, 1998, p. 1074.
  4. ^ Albèri, Relazioni degli ambasciatori veneti al Senato, Serie I, Volume III, p. 432.
  5. ^ Frieda, 2005, pp. 280-281.; Tabacchi, 2018, p. 66.
  6. ^ Knecht, 1998, pp. 50-74.
  7. ^ Valois, 1641, p. 18.
  8. ^ Holt, 1985, p. 9.
  9. ^ Viennot, 1994, pp. 22-23.
  10. ^ Frieda, 2005, p. 205.
  11. ^ Garrisson, 1994, p. 35.; Craveri, 2008, p. 61.
  12. ^ Craveri, 2008, p. 66.
  13. ^ Mariéjol, 1928, pp. 6-8, p. 16-17.
  14. ^ Garrisson, 1994, p. 17.
  15. ^ Frieda, 2005, p. 248.
  16. ^ Viennot, 1994, p. 14.
  17. ^ Viennot, 1994, pp. 17-19.
  18. ^ Vaissière, 1940, pp. 7-8.
  19. ^ Valois, 1641, p. 30.
  20. ^ Viennot, 1994, pp. 34-35; Bertière, 1996, p. 232.
  21. ^ Boucher, 1998, pp. 16-18.
  22. ^ Mahoney, 1975, p. 142.
  23. ^ Bertière, 1996, pp. 235-236; Hirschauer, 1922, pp. 130-131.
  24. ^ Craveri, 2008, pp. 61-62.
  25. ^ Mariéjol, 1928, pp. 19-20.
  26. ^ Boucher, 1998, pp. 21-22.
  27. ^ Viennot, 1994, pp. 39-40.
  28. ^ Tabacchi, 2018, p. 67.
  29. ^ Williams, 1907, p. 60; Frieda, 2005, p. 280.
  30. ^ Babelon, 2017, p. 170; Garrisson, 1994, p. 50.
  31. ^ Knecht, 1998, p. 153.
  32. ^ Tabacchi, 2018, pp. 67-68; Albèri, Relazioni degli ambasciatori veneti al Senato, Serie I, Volume IV, pp. 287-288.
  33. ^ Craveri, 2008, pp. 81–82.
  34. ^ Valois, 1641, pp. 56-60.
  35. ^ Garrisson, 1994, p. 60.
  36. ^ Valois, 1641, p. 61.
  37. ^ Goldstone, 2015, p. 176; Garrisson, 1987, pp. 50-51.
  38. ^ Bertiére, 1996, pp. 243-246.
  39. ^ Haldane, 2014, p. 58.
  40. ^ Viennot, 1994, p. 246.
  41. ^ Viennot, 1994, pp. 62-63.
  42. ^ Craveri, 2008, p. 71.
  43. ^ Viennot, 1994, pp. 67-68.
  44. ^ Viennot, 1994, p. 73.
  45. ^ Viennot, 1994, pp. 75-84.
  46. ^ Viennot, 1994, p. 85.
  47. ^ Viennot, 1994, p. 76.
  48. ^ Viennot, 1994, p. 86.
  49. ^ Viennot, 1994, pp. 89-90.
  50. ^ Viennot, 1994, p. 87.
  51. ^ Viennot, 1994, pp. 87-88.
  52. ^ Viennot, 1994, pp. 95-96.
  53. ^ Viennot, 1994, pp. 96-102.
  54. ^ Viennot, 1994, p. 99.
  55. ^ Viennot, 1994, pp. 100-101.
  56. ^ Viennot, 1994, pp. 104-105.
  57. ^ Viennot, 1994, p. 107.
  58. ^ Craveri, 2008, p. 77.
  59. ^ Viennot, 1994, p. 244.
  60. ^ Craveri, 2008, p. 79.
  61. ^ Craveri, 2008, pp. 75-76.
  62. ^ Viennot, 1994, pp. 152-153.
  63. ^ Memorie della regina Margherita di Valois, p. 280
  64. ^ Viennot, 1994, p. 149.
  65. ^ Viennot, 1994, pp. 145-146.
  66. ^ Viennot, 1994, pp. 154-155.
  67. ^ Craveri, 2008, pp. 80-81.
  68. ^ Viennot, 1994, p. 156.
  69. ^ Viennot, 1994, pp. 158-159.
  70. ^ Viennot, 1994, pp. 159-161.
  71. ^ Viennot, 1994, p. 163.
  72. ^ Craveri, 2008, p. 80.
  73. ^ Craveri, 2008, p. 81.
  74. ^ a b Haldane, 2014, p. 231.
  75. ^ Haldane, 2014, p. 229.
  76. ^ Viennot, 1994, p. 188, p. 191.
  77. ^ Viennot, 1994, p. 1783.
  78. ^ Craveri, 2008, pp. 81-82.
  79. ^ Craveri, 2008, pp. 82-83.
  80. ^ Haldane, 2014, p. 266.
  81. ^ a b Casanova, 2014, p. 103.
  82. ^ Craveri, 2008, p. 85.
  83. ^ Craveri, 2008, p. 83.
  84. ^ Haldane, 2014, pp. 271-272.
  85. ^ Haldane, 2014, p. 276.
  86. ^ a b Casanova, 2014, p. 104.
  87. ^ Casanova, 2014, p. 106.
  88. ^ Viennot, 1994, p. 251.
  89. ^ Viennot, 1994, p. 273-274.
  90. ^ Viennot, 1994, p. 246.
  91. ^ Viennot, 1994, p. 280.
  92. ^ Viennot, 1994, pp. 251-252.
  93. ^ Viennot, 1994, pp. 257-258.
  94. ^ Viennot, 1994, p. 345.
  95. ^ Viennot, 1994, pp. 276-277.

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Fonti secondarieModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN78750412 · ISNI (EN0000 0001 2140 7748 · LCCN (ENn50043680 · GND (DE118577700 · BNF (FRcb120277296 (data) · BNE (ESXX826053 (data) · NLA (EN35768288 · CERL cnp00395747 · NDL (ENJA00621066 · WorldCat Identities (ENlccn-n50043680