Apri il menu principale

Maria Bellonci

scrittrice e traduttrice italiana
Maria Villavecchia Bellonci
Premio Premio Strega 1986

Maria Villavecchia Bellonci (Roma, 30 novembre 1902Roma, 13 maggio 1986) è stata una scrittrice e traduttrice italiana, ideatrice insieme a Guido Alberti del Premio Strega.

Nata Maria Villavecchia, aggiunse il secondo cognome in seguito al matrimonio con Goffredo Bellonci, ma pubblicò tutte le sue opere firmandosi Maria Bellonci.

BiografiaModifica

Il suo esordio di scrittrice avvenne nel 1939 con la nota psicobiografia Lucrezia Borgia, edita in lingua italiana da Arnoldo Mondadori Editore ed in lingua inglese da Phoenix.

I suoi libri di argomento storico sono innanzitutto basati su una ricca e minuziosa ricerca storica, attraverso la consultazione dei documenti originali esistenti, a partire dai quali la Bellonci era abilissima nel ricostruire un ritratto vivido e credibile dei personaggi storici descritti. La sua opera acquistò così un preziosissimo valore divulgativo, portando al grande pubblico una versione umana e storicamente documentata, scevra delle numerose leggende accumulatesi nei secoli, di personaggi lontani nel tempo ma molto affascinanti, come i Borgia, gli Este, i Gonzaga, i Della Rovere, oppure Marco Polo, che fu anche oggetto di uno sceneggiato televisivo Rai curato da lei stessa.

Fu all'interno del suo salotto letterario, denominato gli "Amici della domenica", che nacque il Premio Strega, la cui genesi fu rievocata dalla Bellonci in Come un racconto gli anni del premio Strega (1970). Nel 1979 ha ricevuto il Premio San Gerolamo. Nel 1986, anno della sua scomparsa, lei stessa vinse il Premio Strega con Rinascimento privato[1] (Mondadori), biografia di Isabella d'Este, scritta in forma di romanzo autobiografico e che rappresenta il suo capolavoro.

Dal suo romanzo Segreti dei Gonzaga e dal racconto Delitto di Stato contenuto in Tu vipera gentile è stata tratta nel 1982 la miniserie televisiva Delitto di stato, diretta da Gianfranco De Bosio.

OpereModifica

 
Maria Bellonci col marito Goffredo.

TraduzioniModifica

  • Stendhal, Vanina Vanini e altre Cronache italiane (contiene: La duchessa di Paliano, Vittoria Accoramboni, I Cenci, San Francesco a Ripa, Vanina Vanini), Milano, Mondadori, 1961 [Ed. Documento, Roma, 1944].
  • Emile Zola, Nana, Firenze, Sansoni, 1965. - BUR, Rizzoli, Milano, 1981.
  • Alexandre Dumas, La signora delle camelie, 1970.
  • Marco Polo, Il Milione, Roma, ERI, 1982.
  • Jules Verne, Viaggio al centro della terra, Firenze, Giunti, 1983.

NoteModifica

  1. ^ 1986, Maria Bellonci, su premiostrega.it. URL consultato il 16 aprile 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17218867 · ISNI (EN0000 0001 1021 7586 · SBN IT\ICCU\CFIV\024303 · LCCN (ENn79059253 · GND (DE119329522 · BNF (FRcb118910839 (data) · BAV ADV10133121 · NDL (ENJA00432828 · WorldCat Identities (ENn79-059253