Apri il menu principale
Maria Fida Moro
Mariafidamoro.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 2 luglio 1987 –
22 aprile 1992
Legislature X
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano (1987-1991)
Rifondazione Comunista (1987-1992)
Misto (1992)
Incarichi parlamentari
  • Membro della 2ª Commissione permanente (Giustizia)
  • Membro della 4ª Commissione permanente (Difesa)
  • Membro della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla dignità e condizione sociale dell'anziano
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC (fino al 1991)
PRC (1991-1992)
MSI (1993-1995)
AN (1995-1998)
RI (1999-2002)
PR (dal 2008)
Professione Giornalista

Maria Fida Moro (Roma, 17 dicembre 1946) è una politica e giornalista italiana, figlia primogenita di Aldo Moro e senatrice della Repubblica nella X Legislatura.

Indice

BiografiaModifica

Primogenita dei quattro figli del leader democristiano Aldo Moro, Maria Fida Moro è la madre di Luca Moro, il nipote più volte citato nelle lettere dal carcere brigatista da Moro, che ha il cognome del nonno su sua espressa richiesta, e che all'epoca dei fatti aveva appena due anni.

Ha avuto diverse collaborazioni e militanze con vari partiti italiani. Eletta al Senato della Repubblica in Puglia alle elezioni politiche del 1987 con la Democrazia Cristiana che lascia nel 1990[1], passa al gruppo di Rifondazione Comunista, come indipendente, nel quale permane fino al novembre 1991[2].

Nel 1993 passa al Movimento Sociale Italiano, con cui è candidata a Sindaco di Fermo[3]. Partecipa alla costituzione di Alleanza Nazionale. Nel 1998 ha messo in scena lo spettacolo teatrale L'ira del sole, un 9 di maggio, da lei scritto assieme ad Antonio Maria Di Fresco e interpretato assieme al figlio Luca grazie alla produzione del Teatro Biondo Stabile di Palermo. Alle Elezioni europee del 1999 è candidata con Rinnovamento Italiano-Lista Dini, raccogliendo 987 preferenze e non venendo eletta[4].

Nel gennaio 2007 ha dichiarato d'essere molto vicina al Partito Radicale, a cui ha aderito nel 2008[5]. Ha poi fondato l'Associazione Radicale “Sete di verità - che attraversa le nostre vite”, che si propone di affrontare le verità che asserisce negate dal caso Moro ed episodi quotidiani di informazione non veritiera, “disattenzioni” delle istituzioni, di impossibilità per le vittime e per gli ultimi di avere voce ed ascolto[6]. Ha spesso accusato Francesco Cossiga di essere corresponsabile della morte del padre.[7]

Il 19 luglio 2010 è stata l'unica tra i figli a non partecipare al funerale della madre, Eleonora Moro, a causa di dissidi con i fratelli[8]. Ha subito tre pre-infarti e ha sofferto di alcuni tumori, con ben 26 ricadute in 34 anni.[9] Nel 2013 la Moro, il figlio ed altri han fondato un movimento cristiano sociale denominato "Dimensione Cristiana con Moro", ispirato alla politica dello statista democristiano.[10][11]

In occasione delle Elezioni Amministrative del 2016 a Roma, si candidata per la carica di consigliere comunale in Campidoglio, come capolista di "Più Roma - Democratici e Popolari", lista centrista formata da Centro Democratico e Democrazia Solidale, a sostegno del candidato sindaco Roberto Giachetti, ma raccoglie pochissimi voti e non viene eletta.[12]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ L'annuncio di Maria Fida 'DC, addio', in la Repubblica, 23 ottobre 1990, p. 6. URL consultato il 18 marzo 2011.
  2. ^ Silvana Mazzocchi, 'Addio, siete troppo duri' Maria Fida lascia i Compagni, in la Repubblica, 26 novembre 1991, p. 16. URL consultato il 18 marzo 2011.
  3. ^ Fida Moro candidato Sindaco del MSI a Fermo, in la Repubblica, 16 ottobre 1993, p. 10. URL consultato il 18 marzo 2011.
  4. ^ Europee del 13 giugno 1999, su Ministero dell'Interno - Archivio Storico delle Elezioni. URL consultato il 20 marzo 2011.
  5. ^ Concetto Vecchio, "Se ci fosse luce": blues per Aldo Moro canta il nipote, in platea l'ex br Morucci, in la Repubblica, 29 gennaio 2008. URL consultato il 20 marzo 2011.
  6. ^ Sete di Verità., su cielilimpidi.com. URL consultato il 20 marzo 2011.
  7. ^ Maria Fida Moro: Cossiga responsabile morte di mio padre | uto2
  8. ^ È morta Eleonora, la vedova di Aldo Moro, in ANSA, 19 luglio 2010. URL consultato il 18 marzo 2011.
  9. ^ Maria Fida Moro: "Le divisioni in casa non aiutarono mio padre", su italia.panorama.it. URL consultato il 18 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).
  10. ^ Nasce Dimensione Cristiana con Moro Archiviato il 2 agosto 2013 in Internet Archive.
  11. ^ Maria Fida Moro e il figlio fondano la nuova DC, su ossolanews.it. URL consultato il 18 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2013).
  12. ^ Elezioni, a sostegno di Giachetti ecco la lista 'Più Roma': Maria Fida Moro capolista, su RomaToday. URL consultato il 7 maggio 2016.

Collegamenti esterniModifica