Apri il menu principale
Beata Suor Maria della Passione
Suor Maria della Passione.jpg
Nuova iconografia della Beata Suor Maria della Passione
 
NascitaNapoli, 23 settembre 1866
MorteSan Giorgio a Cremano, 27 luglio 1912
Venerata daChiesa cattolica
BeatificazionePapa Benedetto XVI, 19 gennaio 2006
Ricorrenza27 luglio

Maria Grazia Tarallo, in religione suor Maria della Passione (Barra(Napoli), 23 settembre 1866San Giorgio a Cremano, 27 luglio 1912), è stata una religiosa italiana. È stata proclamata Beata da Papa Benedetto XVI nel 2006.

Suor Maria della Passione Tarallo.

BiografiaModifica

Maria Grazia Tarallo, nacque a Barra, oggi quartiere periferico di Napoli, ma allora Comune autonomo, il 23 settembre 1866 da Leopoldo Tarallo, giardiniere comunale e da Concetta Borriello, donna dalla grande vitalità. Fu battezzata il giorno seguente nella Chiesa dell'Ave Gratia Plena di Barra. Maria Grazia Tarallo ebbe in famiglia altri sei tra fratelli e sorelle, di cui due morti bambini, sopravvissero Gabriele e Vitaliano maschi e Drusiana e Giuditta diventate anche loro suore della stessa Congregazione, con il nome rispettivamente di Maria del Sepolcro e Maria della S. Lancia. Maria Grazia visse sempre nell'ambito familiare a Barra, ricevendo una rudimentale istruzione prima frequentando una scuola privata e poi quella delle Suore Stimmatine; All'età di cinque anni fece voto di verginità alla Madonna, desiderava ardentemente di ricevere l'Eucaristia che le fu concessa all'età di sette anni, fece la Prima Comunione il 7 aprile 1873 eccezionalmente, con il permesso del parroco che la ritenne matura. A dieci anni ricevette il Sacramento della Confermazione. Era ancora una bambina, quando acquistò la stima e l'ammirazione di molte famiglie di Barra, diventando per il suo fervore nell'orazione, buon esempio alle sue coetanee.

A ventidue anni, quando pensava di essere tutta per Gesù, suo padre, che si opponeva a tale vocazione, cercò di dissuaderla, imponendole di accettare il matrimonio con Raffaele Aruta il quale, convertito da lei, in breve morì, rendendo possibile a Maria Grazia di farsi monaca, così il 1º giugno 1891 entrò nel monastero delle Suore Crocifisse Adoratrici dell'Eucaristia fondato dalla Serva di Dio Maria Pia Notari che testimoniò alla sua vita virtuosa e fama di Santità della Tarallo cui aveva dato il nome da religiosa “Suor Maria della Passione”.

Realizzò in pieno la sua vocazione per l'amore alla Passione di Gesù Crocifisso, all'Eucaristia e alla Vergine Addolorata. Diceva infatti: “Mi chiamo Suor Maria della Passione e debbo somigliare al Maestro”. Ricevette diversi incarichi, tra cui la guida spirituale delle Consorelle come Maestra del Noviziato ma anche altri più umili di cuciniera, guardarobiera, ecc. Visse l'ultimo periodo della sua vita nutrendosi della sola Eucaristia presentendo il giorno della sua morte che avvenne il 27 luglio 1912.

Il cultoModifica

Giovanni Paolo II dichiarò le sue virtù, vissute in modo eroico il 19 aprile 2004. Benedetto XVI il 19 gennaio 2006 ha promulgato la Beatificazione celebrata nella Cattedrale di Napoli il 14 maggio 2006.

Memoria liturgica il 27 luglio.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89218331