Maria II del Portogallo

Regina del Portogallo
Maria II del Portogallo
Queen Maria II by John Simpson.jpg
John Simpson, Ritratto di Maria II, regina del Portogallo, 1837 circa, Museo imperiale del Brasile
Regina di Portogallo e delle Algarve
Stemma
In carica
Predecessore Pietro IV (I)
Michele I (II)
Successore Michele I (I)
Pietro V (II)
Nome completo (PT) Maria da Glória Joana Carlota Leopoldina da Cruz Francisca Xavier de Paula Isidora Micaela Gabriela Rafaela Gonzaga de Bragança
Nascita Rio de Janeiro, 4 aprile 1819
Morte Lisbona, 15 novembre 1853
Luogo di sepoltura Pantheon dei Braganza, Monastero di São Vicente de Fora
Casa reale Braganza
Padre Pietro IV del Portogallo
Madre Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena
Coniugi Augusto di Beauharnais
Ferdinando II del Portogallo
Figli Pietro V
Luigi I
Giovanni Maria
Maria Anna Ferdinanda
Antonia
Ferdinando
Augusto
Religione Cattolicesimo
Firma Assinatura D. Maria II.svg

Maria II di Braganza, o Maria da Glória Joana Carlota Leopoldina da Cruz Francisca Xavier de Paula Isidora Micaela Gabriela Rafaela Gonzaga de Bragança (Rio de Janeiro, 4 aprile 1819Lisbona, 15 novembre 1853), fu regina del Portogallo dal 1826 al 1853.

Ventinovesima sovrana del Portogallo e dell'Algarve, dal 1826 al 1828 e dal 1834 al 1853, e seconda regina regnante di quel paese (la prima fu l'ava Maria I), era figlia del futuro re Pietro IV (e Pietro I come imperatore del Brasile) e della sua prima moglie, l'arciduchessa Maria Leopoldina, figlia di Francesco I d'Austria.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Nacque a Lisbona il 15 novembre 1853 dal futuro re Pietro IV (e Pietro I come imperatore del Brasile) e dalla sua prima moglie, l'arciduchessa Maria Leopoldina, figlia di Francesco I d'Austria.

Crisi di successioneModifica

Nel marzo 1826 alla morte di Giovanni VI del Portogallo si aprì una crisi dinastica. Il re aveva un figlio maschio, ed erede, Pietro, che però aveva affermato l'indipendenza del Brasile nel 1822 e ne era divenuto imperatore col nome di Pietro I del Brasile. Giovanni VI aveva anche un altro figlio, Michele del Portogallo, che però era esiliato in Austria dopo avere tentato alcune insurrezioni contro il padre e la sua politica liberale.[1]

Il re aveva nominato la sua figlia favorita, Isabella Maria di Braganza, come reggente finché "il legittimo erede non fosse tornato nel regno", senza specificare se fosse Pietro, l'imperatore liberale del Brasile, o Michele, il principe assolutista esiliato. In molti propendevano per Pietro, ma nessuno desiderava una nuova unione tra i troni del Brasile e del Portogallo, fatto già avvenuto dal 1808 al 1820, con la creazione del Regno Unito di Portogallo, Brasile ed Algarve, secondo la volontà di Giovanni VI durante il suo soggiorno a Rio de Janeiro durante l'invasione napoleonica.

Informato che sostenitori del fratello erano pronti a riportarlo in patria e proclamarlo re, Pietro optò per un'opzione più consensuale: rinunciò il 2 maggio 1826 al trono del Portogallo, abdicando in favore della propria figlia Maria da Gloria (che allora aveva solo 7 anni), proclamata regina con il titolo di Maria II. Questa al contempo avrebbe dovuto sposare lo zio Michele, che avrebbe dovuto accettare la costituzione liberale e sarebbe stato reggente fino alla maggiore età della moglie-bambina.[2]

Michele finse di accettare, ma giunto nel Portogallo depose Maria e si proclamò re, abrogando la costituzione liberale e costringendo nel frattempo la nipote regina a girovagare per molte corti europee, come quella del nonno a Vienna, e a Londra e Parigi.

Pietro IV abdicò nel 1831 in favore di suo figlio (e fratello minore di Maria) Pietro II del Brasile e dalla sua base alle Azzorre attaccò Michele, costringendolo ad abdicare nel 1834 con la convenzione di Évera-monte. Maria fu subito ristabilita sul trono ed ottenne l'annullamento del matrimonio.[3]

RegnoModifica

 
La regina Maria II (dagherrotipo), 1849

Maria II, reintronizzata, venne allora risposata ad Augusto di Beauharnais, cognato dello stesso Pietro I. Il matrimonio avvenne, per procura, il 1º dicembre 1834, a Monaco, seguito da una seconda cerimonia il 26 gennaio 1835 a Lisbona. Augusto divenne, così, Principe di Portogallo e Duca di Santa Cruz, ma morì di lì a poco, il 28 marzo 1835, a Lisbona.

Il primo gennaio 1836 Maria II sposò l'abile e colto principe Ferdinando II di Sassonia-Coburgo-Gotha-Kohary, della Dinastia di Wettin, cugino del principe consorte inglese Alberto, che governò con lei come Re Consorte, titolo che ottenne nel 1837 dopo la nascita del loro primogenito, ed erede, Pietro. Il consorte tedesco, emulo di Luigi II di Baviera, fece costruire a Cintra il fiabesco castello di Pena, in cui la coppia reale e i loro discendenti dimoreranno a lungo.[4]

Nel 1842 papa Gregorio XVI la insignì della Rosa d'Oro.

 
Moneta del 1849 con l'effigie di Maria II

Il 16 maggio 1846 ci fu un'insurrezione rivoluzionaria schiacciata dalle truppe lealiste il 22 febbraio 1847, evitando così al Portogallo sollevazioni come nel resto d'Europa nel 1848. Durante il suo regno ci fu un grande impegno orientato al miglioramento della sanità pubblica, ponendo un freno alla diffusione del colera nel paese, e all'aumento del livello di alfabetizzazione.[5]

MorteModifica

In seguito alle molte gravidanze i medici informarono la Regina che un ulteriore figlio avrebbe potuto ucciderla e le ricordarono di non dimenticare che quegli stessi rischi avevano ucciso sua madre: "se io muoio, muoio al mio posto", rispose. Maria II infatti morì nel 1853, all'età di 34 anni, dando alla luce il figlio Eugenio, proprio come la madre, morta di febbre puerperale. Fu tumulata nella cripta dei Braganza del monastero di San Vincenzo, a Lisbona, dove riposano quasi tutti i sovrani di quella dinastia, fino all'ultimo re Manuele II.[6]

Maria II è ricordata come una buona madre e persona gentile, comportatasi sempre secondo le sue convinzioni nel tentativo d'aiutare il proprio paese: meritò in seguito il soprannome di Buona madre.

DiscendenzaModifica

Braganza
Sovrani del Portogallo

Giovanni IV (1640-1656)
Figli
Alfonso VI (1656-1683)
Pietro II (1683-1706)
Figli
  • Isabella Luisa (1669-1690)
  • Giovanni (1688)
  • Giovanni (1689-1750)
  • Francesco Saverio (1691-1742)
  • Francesca Saveria (1694)
  • Antonio Francesco (1695-1757)
  • Teresa Maria (1696-1704)
  • Manuele Giuseppe (1697-1766)
  • Francesca Giuseppa
Giovanni V (1706-1750)
Figli
  • Barbara (1711-1758)
  • Pietro (1712-1714)
  • Giuseppe (1714-1777)
  • Carlo (1716-1730)
  • Pietro (1717-1786)
  • Alessandro (1723-1728)
Giuseppe I (1750-1777)
Figli
Maria I (1777-1816) e Pietro III (1777-1786)
Figli
Giovanni VI (1816-1826)
Figli
Pietro IV (I del Brasile) (1826)
Figli
Maria II e Michele (1826-1828)
Michele (1828-1834)
Figli
Maria II e Ferdinando II (1834 - 1853)
Figli
  • Pietro (1837 - 1861)
  • Luigi (1838 - 1889)
  • Maria (1840)
  • Giovanni (1842 - 1861)
  • Maria Anna (1843 - 1884)
  • Antonia Maria (1845 – 1913)
  • Ferdinando Maria (1845 - 1913)
  • Augusto (1847 - 1889)
  • Leopoldo (1849)
  • Maria da Gloria (1851)
  • Eugenio (1853)
Pietro V (1853-1861)
Luigi I (1861-1889)
Figli
Carlo I (1889-1908)
Figli
Manuele II (1908-1932)

Dal matrimonio con il principe Ferndinando II di Sassonia-Coburgo-Gotha-Kohary nacquero i seguenti figli:

ParenteleModifica

Attraverso sua madre, Maria era nipote di Francesco I d'Austria e pronipote del re Ferdinando I delle Due Sicilie e di sua moglie Maria Carolina d'Asburgo-Lorena. Era anche cugina di primo grado di Francesco Giuseppe d'Austria, di Napoleone II e di Massimiliano I del Messico.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Pietro III del Portogallo Giovanni V del Portogallo  
 
Maria Anna d'Asburgo  
Giovanni VI del Portogallo  
Maria I del Portogallo Giuseppe I del Portogallo  
 
Marianna Vittoria di Borbone-Spagna  
Pietro I del Brasile  
Carlo IV di Spagna Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Carlotta Gioacchina di Borbone-Spagna  
Maria Luisa di Borbone-Parma Filippo I di Parma  
 
Luisa Elisabetta di Borbone-Francia  
Maria II del Portogallo  
Leopoldo II d'Asburgo-Lorena Francesco I di Lorena  
 
Maria Teresa d'Asburgo  
Francesco II d'Asburgo-Lorena  
Maria Ludovica di Borbone-Spagna Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena  
Ferdinando I delle Due Sicilie Carlo III di Spagna  
 
Maria Amalia di Sassonia  
Maria Teresa di Borbone-Napoli  
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena Francesco I di Lorena  
 
Maria Teresa d'Asburgo  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze portoghesiModifica

  Fascia dei tre ordini
  Gran Maestro dell'Ordine del Cristo
  Gran Maestro dell'Ordine della Torre e della Spada
  Gran Maestro dell'Ordine di San Giacomo della Spada
  Gran Maestro dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis
  Gran Maestro dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa
  Gran Maestro dell'Ordine di Santa Isabella

Onorificenze straniereModifica

  Dama dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna)
  Rosa d'Oro (Santa Sede)
— 1842

NoteModifica

  1. ^ AA.VV., p.216
  2. ^ AA.VV., p.218
  3. ^ Saraiva, p. 120
  4. ^ Crost, p.45
  5. ^ Ferrarin, p. 98
  6. ^ AA. VV., p.221

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Le grandi dinastie, Mondadori, Milano 1976.
  • C. Crost, Amelie, princesse de France, reine de Portugal, J ET D, 1996.
  • A. R. Ferrarin, Storia del Portogallo, Milano 1940.
  • J. H. Saraiva, Storia del Portogallo, Milano 2007.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3376217 · ISNI (EN0000 0001 2208 3183 · SBN IT\ICCU\MUSV\075788 · Europeana agent/base/148156 · LCCN (ENn82011727 · GND (DE123303788 · BNF (FRcb149536491 (data) · BNE (ESXX1592007 (data) · CERL cnp00574755 · WorldCat Identities (ENlccn-n82011727