Apri il menu principale

Maria De Unterrichter Jervolino

politica italiana
(Reindirizzamento da Maria Jervolino)
Maria De Unterrichter Jervolino
Maria De Unterrichter Jervolino deputato.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Collegio Unico Nazionale
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III Legislatura
Gruppo
parlamentare
DC
Collegio CUN (I), Benevento (II, III)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in lettere
Professione Insegnante di scuola media

Maria De Unterrichter Jervolino (Ossana, 20 agosto 1902Roma, 27 dicembre 1975) è stata un'insegnante e politica italiana della Democrazia Cristiana.

BiografiaModifica

 
Maria De Unterrichter, don Giovanni Battista Montini e Igino Righetti a Bologna, anni trenta.

Maria De Unterrichter è nata il 20 agosto 1902 ad Ossana (Trento), figlia di Arturo De Unterrichter e Santa Belli e sorella di Guido.[1] Ha frequentato il liceo classico Giovanni Prati di Trento e in seguito si è laureata in lettere presso La Sapienza di Roma. È stata insegnante nelle scuole medie.

Primi incarichiModifica

Eletta presidente delle universitarie cattoliche, ha partecipato al congresso di Budapest nel 1924 come delegata italiana e rappresentante dell'associazione Pax Romana. È stata presidente nazionale della FUCI[2] da 1925 al 1929 e poi, in rappresentanza del centro nazionale dell'Unione Donne Cattoliche e del CIFI si è interessata delle questioni religiose e familiari legate all'emancipazione femminile.

Nel 1930 ha sposato Angelo Raffaele Jervolino[1] e da lui ha avuto una figlia, Rosa Russo Iervolino.

Impegni istituzionaliModifica

Nel 1946 fu eletta all'Assemblea Costituente. Fu poi eletta deputato nelle prime tre legislature, dal 1948 al 1963. Dal 1947 al 1975 è stata presidente dell'Opera Nazionale Montessori, che nel 1988 ha istituito un premio in suo nome.[3]

Eletta nella lista della Democrazia Cristiana, nel collegio unico nazionale e successivamente nel collegio di Salerno – Avellino – Benevento. Dal 1946 fu membro della direzione nazionale della Democrazia Cristiana, costantemente rieletta fino al 1954.

Fu eletta all'Assemblea Costituente nel collegio unico nazionale, fece parte della Commissione per i Trattati Internazionali e collaborò con Alcide De Gasperi alle trattative con l'Austria per la redazione dell'Accordo De Gasperi-Gruber sull'Alto Adige.

Nell'ambito dell'attività non legislativa in Assemblea, Maria De Unterrichter intervenne, nella seduta del 3 maggio 1947, per celebrare il ritorno in Italia di Maria Montessori, dopo un lungo periodo trascorso in esilio, dove, però, aveva continuato a divulgare all'interno delle scuole il suo metodo e il suo pensiero.

Nel 1948 la Unterrichter fu eletta alla Camera dei deputati nella prima legislatura repubblicana. Fu assegnata alla seconda Commissione Rapporti con l'Estero, compresi gli economici, Colonie. Fu inoltre membro della direzione del Comitato Permanente per il Mezzogiorno.

Nel II Congresso di Napoli, del novembre 1947 fu eletta delegata nazionale del Movimento Femminile della DC. Responsabile dell'Ufficio problemi assistenziali della Democrazia cristiana, fu membro del comitato permanente per il Mezzogiorno, presieduto dal senatore Sturzo. Lasciò l'incarico come delegata nazionale nel 1954 quando venne nominata sottosegretario alla Pubblica istruzione.

Ritornò a Montecitorio per la seconda legislatura repubblicana, eletta deputato nel 1953, nella circoscrizione di Salerno,- Avellino – Benevento, con 39.093 voti di preferenza. Come sottosegretario di Stato alla Pubblica Istruzione, dal 1954 al 1958, ebbe la delega per le scuole elementari, materne, per le antichità e belle arti, per le accademie e le biblioteche. Anche in questa legislatura fu confermata nella seconda Commissione Rapporti con l'Estero, compresi gli economici, Colonie. Fu rieletta ancora una volta alla camera nel 1958, sempre nella circoscrizione Salerno -Avellino- Benevento, con 52.420 voti di preferenza. Fece parte della III Commissione Affari Esteri, Emigrazione e fu componente della Commissione parlamentare per la vigilanza sulle radiodiffusioni. Presiedette, nel 1958, e successivamente nel 1968, la Commissione ministeriale per l'elaborazione degli orientamenti delle attività educative nelle scuole materne statali.

PedagogistaModifica

Nel 1963, nonostante le insistenze del partito, decise di ritirarsi dalla vita politica per dedicarsi allo studio e alle attività pedagogiche nelle libere organizzazioni. Come membro della Commissione nazionale italiana presso l'UNESCO fece parte del Comitato per l'educazione, le scienze e la cultura.

Fu presidente del comitato italiano dell'Organizzazione Mondiale Educazione Prescolastica (OMEP) della quale successivamente divenne vicepresidente mondiale, eletta a Washington nel 1968, rieletta a Madrid nel 1970, confermata a Londra nel 1973. Cofondatrice con Adriano Olivetti, Adriano Ossicini, Guido e Maria Calogero del CEPAS (Centro di Educazione Professionale per Assistenti Sociali) ne ricoprì la presidenza fino alla morte.

Fu anche vicepresidente mondiale dell'Associazione Internazionale Montessori (AMI) e presidente, dal 1947 al 1975, dell'Ente Opera nazionale Montessori (ONM) il cui compito primario era quello di formare gli educatori ispirati al metodo Montessori e assisterli tecnicamente nelle scuole in cui operavano. Ricoprì, inoltre, numerosi altri incarichi, come membro del consiglio di presidenza del Comitato italiano difesa morale e sociale della donna (CIDD) componente del comitato direttivo dell'Unione Nazionale lotta contro l'analfabetismo (UNLA), della Commissione per le ricompense al valore e al merito civile e membro del Consiglio di amministrazione dell'Istituto Orientale di Napoli. Morì il 27 dicembre 1975.

Uffici di governoModifica

OpereModifica

  • La professione come dovere civico, Roma, Edizioni Vita dell'infanzia, 1961, OCLC 954724333.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN221188448 · ISNI (EN0000 0003 6072 7634 · SBN IT\ICCU\CFIV\177564 · LCCN (ENno2014115374 · WorldCat Identities (ENno2014-115374