Maria Maddalena d'Austria

granduchessa consorte di Toscana
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la figlia dell'imperatore Leopoldo I, vedi Maria Maddalena d'Asburgo.
Maria Maddalena d'Asburgo
Tiberio Titi, maria maddalena d'austria.jpg
Ritratto di Maria Maddalena d'Austria di Tiberio Titi, 1610 circa, Museo del Tesoro di Santa Maria dell'Impruneta, Impruneta
Granduchessa consorte di Toscana
Stemma
In carica 17 febbraio 1609 -
28 febbraio 1621
Predecessore Cristina di Lorena
Successore Vittoria della Rovere
Altri titoli Arciduchessa d'Austria
Gran principessa di Toscana
Nascita Graz, Sacro Romano Impero (oggi Austria), 7 ottobre 1589
Morte Passavia, Granducato di Toscana (oggi Italia), 1º novembre 1631
Luogo di sepoltura Cappelle Medicee, Basilica di San Lorenzo, Firenze
Casa reale Asburgo per nascita
Medici per matrimonio
Padre Carlo II d'Austria
Madre Maria Anna di Baviera
Consorte Cosimo II de' Medici
Figli Maria Cristina
Ferdinando
Giovan Carlo
Margherita
Mattias
Francesco
Anna
Leopoldo
Religione Cattolicesimo

Maria Maddalena d'Austria (Graz, 7 ottobre 1589Passavia, 1º novembre 1631) è stata granduchessa di Toscana come moglie di Cosimo II de' Medici.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Era la figlia di Carlo II, arciduca d'Austria, e di sua moglie, Maria Anna di Baviera.

MatrimonioModifica

Nel 1608 sposò l'erede al trono di Toscana, che l'anno successivo divenne granduca col nome di Cosimo II. Ferdinando I de' Medici, il padre di Cosimo, organizzò questo matrimonio per placare l'animosità della Spagna (dove la sorella di Maria Maddalena era la regina in carica) verso la Toscana, che fino ad allora aveva avuto matrimoni filo-francesi[1].

ReggenteModifica

Dopo la prematura morte del marito nel 1621, si dedicò con la suocera Cristina di Lorena all'educazione dei figli, in particolare del futuro granduca Ferdinando II, ebbe inoltre in eredità il governo della città di San Miniato fino alla morte e si adoperò affinché la cittadina divenisse Diocesi.

Si interessò di scienze e procurò ai suoi figli un'educazione lungimirante scegliendo come precettori alcuni scienziati allievi di Galileo Galilei.

MorteModifica

Durante un viaggio di stato in direzione di Vienna per incontrare il fratello, l'imperatore Ferdinando II, dopo aver visitato l'altro fratello Leopoldo a Innsbruck, Maria Maddalena morì improvvisamente a Passavia, il 1º novembre 1631.

Nel 1857, durante una prima ricognizione delle salme dei Medici, così venne ritrovato il suo corpo:

«[…] sformato cadavere della Principessa, che ne sembrò vestito di veli neri […][2]»

DiscendenzaModifica

Maria Maddalena e Cosimo ebbero otto figli:

  1. Maria Cristina de' Medici (24 agosto 1609-9 agosto 1632), nata deforme o ritardata, fu rinchiusa nel convento delle Monache di Santo Stefano chiamato la Santissima Concezione nel 1619, ma non prese mai i voti;
  2. Ferdinando II de' Medici (14 luglio 1610-23 maggio 1670), sposò Vittoria della Rovere.
  3. Gian Carlo de' Medici (24 luglio 1611-23 gennaio 1663);
  4. Margherita de' Medici (31 maggio 1612-6 febbraio 1679), sposò Odoardo I Farnese;
  5. Mattias de' Medici (9 maggio 1613-14 ottobre 1667);
  6. Francesco de' Medici (16 ottobre 1614-25 luglio 1634);
  7. Anna de' Medici (21 luglio 1616-11 settembre 1676), sposò Ferdinando Carlo d'Austria;
  8. Leopoldo de' Medici (6 novembre 1617-10 novembre 1675).

AscendenzaModifica

Sacro Romano Impero (1519-1740)
Casa d'Asburgo

Carlo V (1519-1556)
Figli
Ferdinando I (1556-1564)
Massimiliano II (1564-1576)
Figli
Rodolfo II (1576-1612)
Mattia (1612-1619)
Ferdinando II (1619-1637)
Figli
Ferdinando III (1637-1657)
Figli
Ferdinando IV (1653-1654)
Leopoldo I (1658-1705)
Figli
Giuseppe I (1705-1711)
Carlo VI (1711-1740)
Maria Teresa (1745-1780)
come consorte di Francesco I (1745-1765)
Modifica

OnorificenzeModifica

  Rosa d'oro
— 1628

NoteModifica

  1. ^ Hale, p 151
  2. ^ Sommi Picenardi G., Esumazione e ricognizione delle Ceneri dei Principi Medicei fatta nell'anno 1857. Processo verbale e note, Archivio Storico Italiano Serie V, Tomo I-II, M. Cellini & c., Firenze 1888 in D. Lippi, Illacrimate Sepolture - Curiosità e ricerca scientifica nella storia della riesumazione dei Medici, Firenze, 2006 online.

BibliografiaModifica

  • (DE) Constantin Wurzbach, Biographisches Lexikon des Kaisertums Österreich, Vienna, 1861, Vol. VII, pp. 56–58 (versione online)
  • Marcello Vannucci, Le donne di casa Medici, Newton Compton Editori, Roma 1999, ristampato nel 2006 ISBN 88-541-0526-0

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7364007 · ISNI (EN0000 0000 5486 4243 · LCCN (ENn86023532 · GND (DE136431070 · BNE (ESXX5381737 (data) · ULAN (EN500353758 · CERL cnp01154700 · WorldCat Identities (ENlccn-n86023532