Apri il menu principale

Maria Rita Viaggi

annunciatrice televisiva e cantautrice italiana

Maria Rita Viaggi (Grosseto, 12 novembre 1960) è un'annunciatrice televisiva e cantautrice italiana, attiva per la Rai dal 1979 al 2003.

Indice

BiografiaModifica

Studentessa di giurisprudenza, ha lasciato l'università poco prima della tesi. Ha intrapreso la carriera nel mondo dello spettacolo ottenendo piccole parti come attrice trasferendosi da Grosseto, sua città natale, a Roma dove è stata annunciatrice televisiva presso l'emittente televisiva locale romana GBR. Ha continuato tale attività in Rai (sempre negli studi di Roma), prima alla neonata Rai 3, nel 1979 e, dopo una breve parentesi in radio, come annunciatrice supplente negli anni ottanta, sostituendo quelle che poi saranno le sue colleghe, le annunciatrici assenti per malattia o per maternità, fino al 2 novembre 1989, data della sua definitiva assunzione. Oltre agli annunci, ha condotto le rubriche meteo del Tg1 e del Tg3 fino al 20 settembre 2003, quando le storiche Signorine buonasera vengono sostituite da sei nuove ragazze, due per ogni rete.

È anche esperta di teologia e di storia delle religioni. Ha inciso CD a sfondo religioso[1] e ha studiato danza classica, recitazione e dizione. Da autodidatta, sa suonare la chitarra e il pianoforte.

Dal 2003 è una delle speaker della Rai. L'8 dicembre dello stesso anno è apparsa su Rai 1 per aprire con una sua canzone («La pupilla di Dio») la diretta del tradizionale omaggio di Giovanni Paolo II alla statua della Madonna Immacolata di Piazza di Spagna, a Roma. Il 21 e 22 dicembre conduce a Villa Borghese due serate di gala dal titolo Natale di Stelle 2003 e Kristianamente musica. Sempre il 22 dicembre è ospite per l'intera giornata del Canale Alice nel programma condotto dall'ex collega Rosanna Vaudetti, dove presenta Il decalogo sublimato del cibo cristiano e la canzone Non uccidere l'Agnello di Dio. Il 3 gennaio 2004 prende parte con altre sue ex colleghe al Gran Galà per i 50 anni della Tv italiana condotto da Pippo Baudo.

DiscografiaModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica