Apri il menu principale
Maria Teohari

Maria Teohari (Giurgiu, 22 aprile 1885Bucarest, 1975) è stata un'astronoma e insegnante rumena, la prima donna a laurearsi in astronomia in Romania.

Indice

BiografiaModifica

Figlia del medico Christu e di Alexandra Teohari, nacque a Giurgiu ed ebbe altre due sorelle.

Frequentò le classi primarie nella città natale. In quanto la più grande delle tre figlie dei Teohari, divenne responsabile di sostenere la famiglia, insieme a sua madre, dopo la morte improvvisa del padre.[1]

Maria Teohari proseguì gli studi liceali presso la Scuola "Regina Elena" (Elena Doamna) e poi presso la Scuola Centrale, a Bucarest, dove si trasferì con sua madre e due sorelle. Portata per il disegno, la letteratura e le lingue, si interessò invece ad un campo completamente diverso rispetto alle sue inclinazioni: l'astronomia. Così iniziò i suoi studi presso la Facoltà di Scienze con specializzazioni presso gli Osservatori Astronomici di Parigi e Nizza dove, inviata per iniziativa del professore Nicolae Coculescu, fondatore dell'Osservatorio di Bucarest, ottenne una borsa di studio specializzandosi in astronomia. In queste università, svolse attività di osservazione del Sole, piccoli pianeti e asteroidi[2].

AttivitàModifica

Nel 1914 tornò in patria e continò gli studi e la sua attività presso l'Osservatorio Astronomico di Bucarest, diventando la prima astronoma in Romania.

(RO)

«La data respectivă nu exista nicio femeie astronom în România, iar cele de peste hotare erau foarte puţine. Femeile cu aptitudini pentru ştiinţă erau marginalizate în epocă, însă prin perseverenţă şi valoare a reuşit să fie acceptată»

(IT)

«A quel tempo non c'erano astronome in Romania e quelle all'estero erano pochissime. Le donne con competenze scientifiche erano marginalizzate nell'epoca, ma attraverso la perseveranza e il valore è stata accettata»

(Emil Păunescu[3])

Pubblicò nell'Annuario dell'Osservatorio diverse ricerche sulle macchie solari, protuberanze della cometa di Halley e altri fenomeni celesti e sulla rivista "Nature" articoli volti a rendere popolare questo campo[4].

La mancanza di attrezzature adeguate, che portò al peggioramento progressivo della sua vista, la spinse ad abbandonare il lavoro presso l'Osservatorio Astronomico e lavorare come insegnante di astronomia e matematica presso il liceo "Principessa Ileana" (Domnița Ileana) di Bucarest. Nel nuovo percorso educativo pubblicò una serie di libri incentrati sui suoi due temi di insegnamento: la matematica e l'astronomia[2].

Rimase comunque in contatto con l'Osservatorio Astronomico, diventando un vero mentore per i ricercatori nel campo. Fu ufficialmente considerata l'insegnante degli astronomi rumeni nel 20esimp secolo[5].

Poliglota, cunosceva molto bine il tedesco, l'inglese e il francese, le lingue attraverso le quali aveva realizzato traduzioni sin dalla sua infanzia e suonava il pianoforte.

Morì pochi mesi dopo il suo 90esimo compleanno a Bucarest.

NoteModifica

  1. ^ (RO) Bogdan Vladu, Maria Teohari – prima femeie astronom din România, ignorată în oraşul natal, su adevarul.ro, 8 novembre 2013.
  2. ^ a b Marcu George (coord.), Meronia, 2009, p. 218.
  3. ^ Altădată, pe 22 aprilie, su adevarul.ro, 8 novembre 2013.
  4. ^ (RO) Maria Teohari, su enciclopediaromaniei.ro.
  5. ^ (RO) Madalina Diaconu, Românce faimoase (XVII) – Maria Teohari, prima femeie astronom din România, su adevarul.ro, 9 novembre 2015.

BibliografiaModifica

  • I. M. Ștefan, Momente și figuri din istoria astronomiei românești, în colab. cu V. Ionescu-Vlăsceanu, Editura Științifică, București, 1968;

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Maria Teohari, su enciclopediaromaniei.ro., Enciclopedia Romaniei