Apri il menu principale

Marie-Pierre Kœnig

generale e politico francese
Marie-Pierre Kœnig
Eisenhower and Koenig in Paris, 1944.jpg
Parigi 1944. Da sinistra: il generale Omar Bradley, il generale Dwight Eisenhower, il generale Kœnig e il maresciallo dell'aria britannico Arthur Tedder
Soprannome"Mutin"
NascitaCaen, 10 ottobre 1898
MorteNeuilly-sur-Seine, 2 settembre 1970
Luogo di sepolturacimitero di Montmartre, Parigi
Dati militari
Paese servitoFrancia Terza repubblica francese
Francia libera Francia libera
Francia Quarta repubblica francese
Forza armataArmée de terre
ArmaFanteria
CorpoLegione straniera
Anni di servizio1917 - 1950
GradoGenerale d'armata (effettivo)
Maresciallo di Francia (postumo)
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneOffensiva di primavera
Offensiva dei cento giorni
Campagna di Siria
Campagna del Gabon
Campagna di Francia
BattaglieBattaglia di Dakar
Battaglia di Bir Hacheim
Seconda battaglia di El Alamein
Comandante di36° Reggimento di fanteria
15° Battaglione chasseurs
38° Divisione di fanteria
51° Reggimento di fanteria
4° Reggimento di fanteria straniero
2° Reggimento tirailleurs
13° Brigata della legione straniera
Decorazionivedi qui
voci di militari presenti su Wikipedia
Marie-Pierre Kœnig

Ministro della Difesa Nazionale della Francia
Durata mandato 19 giugno 1954 –
14 agosto 1954
Predecessore René Pleven
Successore Emmanuel Temple

Durata mandato 23 febbraio 1955 –
6 ottobre 1955
Predecessore Maurice Bourgès-Maunoury
Successore Pierre Billotte

Dati generali
Partito politico Raggruppamento del Popolo Francese
(1951-1955)
Centro Nazionale dei Social-Repubblicani
(1956-1958)

Marie-Pierre Kœnig (Caen, 10 ottobre 1898Neuilly-sur-Seine, 2 settembre 1970) è stato un generale e politico francese.

BiografiaModifica

Nato da una famiglia d'origine alsaziana, studiò al collége Sainte-Marie e quindi al lycée Malherbe a Caen.

Ottenne il baccalaureato e si arruolò nell'esercito nel 1917. Servì nel 36º Reggimento fanteria di linea; venne nominato aspirante nel febbraio 1918 e raggiunse la sua unità al fronte. Venne promosso sottotenente nello stesso anno.

Era capitano nella Legione straniera quando decise di unirsi alla Francia Libera, nel luglio 1940. A Londra raggiunse Charles de Gaulle e fu promosso colonnello, diventando capo di Stato Maggiore della 1ª Divisione delle forze francesi libere. Nel 1941 partecipò al tentativo di liberazione di Dakar nel corso della battaglia del Gabon, alla battaglia di Cheren e alla campagna di Siria.

Fu quindi promosso generale e prese il comando della 1ª Brigata francese in Egitto, la sua unità fu impegnata nella battaglia di Bir Hakeim, sino a ritirarsi il 19 giugno 1942, con relativamente poche perdite.

In seguito operò come delegato della Francia Libera al quartier generale alleato presso il generale Eisenhower. Nel 1944 ricevette il comando delle forze francesi partecipanti allo sbarco in Normandia, per poi assumere la guida delle Forces françaises de l'intérieur, o FFI, il raggruppamento delle varie formazioni clandestine operanti nella Francia occupata. Il 21 agosto 1944 de Gaulle lo nominò governatore militare di Parigi.

Dopo la guerra Kœnig divenne comandante dell'esercito francese nella Germania occupata sino al 1949, quindi ispettore generale nel Nord Africa e nel 1950 vicepresidente del Conseil supérieur de la guerre. Dopo la messa a riposo fu deputato per il RPF (in seguito URAS e repubblicano-sociali) per il collegio del Basso Reno, dal 1951 al 1958.

Fu ministro della Difesa e delle Forze armate dal 19 giugno al 14 agosto 1954 nel governo guidato da Pierre Mendès France e dal 23 febbraio al 6 ottobre 1955 nel governo guidato da Edgar Faure.

Dopo la morte fu sepolto al cimitero di Montmartre, e nominato Maresciallo di Francia nel 1984 a titolo postumo da François Mitterrand, divenendo così il quarto generale francese elevato a tale dignità dalla fine della guerra, dopo Jean de Lattre de Tassigny, Philippe Leclerc de Hauteclocque e Alphonse Juin.

OnorificenzeModifica

Onorificenze francesiModifica

  Médaille militaire
— 8 settembre 1918
  Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore
— 1934
  Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 1º luglio 1940
  Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
  Compagno de l'Ordre de la Libération
— 25 giugno 1942
  Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— 10 maggio 1945
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
— 25 agosto 1949
  Croix de guerre francese (1914-1918) - 2 citazioni
  Croix de guerre francese (1939-1945) - 4 citazioni
  Croix de guerre des Théâtres d'opérations extérieures - 3 citazioni
  Medaglia della Resistenza con rosetta
  Médaille Coloniale con barrette "Maroc", "Sahara", Libye", Bir-Hakeim, "Tunisie 43-43"
  Croix du Combattant
  Médaille de l'Aéronautique
  Commendatore dell'Ordine al Merito Agricolo
  Médaille des évadés
  Medaglia interalleata francese della vittoria
  Médaille commémorative de la guerre 1914-1918
  Médaille commémorative de la guerre 1939-1945
  Médaille des Services Volontaires dans la France Libre
  Médaille de la Reconnaissance Française

Onorificenze straniereModifica

  Grand'Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio)
  Croix de guerre 1939-1945 con palma (Belgio)
  Cavaliere di Gran Croce di II Classe dell'Ordine del Leone Bianco (Cecoslovacchia)
  Croce di guerra Cecoslovacca del 1939-1945 (Cecoslovacchia)
  Grand'Ufficiale dell'Ordine della Stella d'Anjouan (Comore)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
  Cavaliere di Gran Croce della Corona di Quercia (Lussemburgo)
  Croce di guerra lussemburghese (1939-1945)
  Gran di Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco)
  Ordre du Mérite Militaire Chérifien (Marocco)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo (Monaco)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
  Croce di Guerra norvegese (Norvegia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Virtuti Militari (Polonia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Giorgio I (Regno di Grecia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
  Compagno del Distinguished Service Order (Regno Unito)
  Cavaliere di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
  Commendatore della Legion of Merit (Stati Uniti)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Elefante bianco (Thailandia)
  Gran Commendatore dell'Ordine di Nichan Iftikar (Tunisia)
  Ordine di Suvorov di I Classe (URSS)
  • Medaglia d'oro del Congresso (USA)
  • Medaglia della Resistenza (Polonia)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71433975 · ISNI (EN0000 0000 2765 4355 · LCCN (ENn87147672 · GND (DE124440002 · BNF (FRcb12183128n (data) · WorldCat Identities (ENn87-147672