Mario Bonfantini

scrittore e critico letterario italiano
Mario Bonfantini

Mario Bonfantini (Novara, 15 maggio 1904Torino, 23 novembre 1978) è stato uno scrittore e critico letterario italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio del sindaco di Novara Giuseppe Bonfantini e Maria Ferrari, si laureò all'Università di Torino con una tesi sul poeta barocco Giovan Battista Marino. Dal 1928 al 1930 diresse la rivista La Libra, di Novara; nel 1937 sposò Mary Molino. Antifascista fin dall'inizio del fascismo, sfuggì al campo di sterminio buttandosi fuori dal treno che lo portava in Germania il 22 giugno 1944. Si unì poi alla Resistenza, divenendo uno dei fautori della Repubblica partigiana dell'Ossola. Una volta terminata la Seconda guerra mondiale, Bonfantini divenne professore di Letteratura francese, insegnando a Napoli e a Torino: si occupò prevalentemente di Stendhal e di Baudelaire, pubblicando alcuni volumi di traduzione e saggistica sui due autori.

Bonfantini, grazie all'amicizia con Mario Soldati risalente ai tempi della comune giovinezza torinese, partecipò anche al mondo del cinema, curando, in qualità di sceneggiatore, alcune importanti pellicole, tra cui due appartenenti al filone che venne poi definito calligrafismo, quali Piccolo mondo antico e Malombra. Altri film cui Bonfantini lavorò furono Tragica notte (1942) e, nel dopoguerra, Quartieri alti (1945, non accreditato), Daniele Cortis (1947) e Fuga in Francia (1948).

La biblioteca dello studioso, ricostruita in un'apposita sala con gli arredi originali, è depositata presso l'Istituto Storico della resistenza e della società contemporanea Piero Fornara di Novara, in corso Cavour 15. I testi, catalogati e presenti sul catalogo on line dell'Istituto, sono consultabili in sede.

OpereModifica

CurateleModifica

  • Vita, opere e pensieri di Ch. Baudelaire, Novara, La Libra, 1928
  • Ariosto, Lanciano, Carabba, 1935
  • Le più belle pagine di Massimo d'Azeglio, Milano, Treves, 1936
  • Le sacre rappresentazioni italiane, Milano, Bompiani, 1942
  • Boccaccio, Il Decameron, Milano, Garzanti, 1942
  • Antologia della letteratura italiana, 1942 (con De Blasi e Gervasoni)
  • La letteratura italiana del Novecento, Milano, Cisalpino, 1948
  • Ottocento francese, Torino, De Silva, 1950
  • Niccolò Machiavelli, Opere, Napoli-Milano, Ricciardi, 1954
  • La letteratura francese del XVII secolo, Napoli, ESI, 1955
  • Stendhal, Armance, Lamiel, Racconti e novelle, Torino, Einaudi, 1957
  • Pierre-Joseph Proudhon, La questione sociale, Milano, Veronelli, 1957
  • Stendhal e il realismo, Milano, Feltrinelli, 1958
  • La Valsesia. Arte, natura e civiltà, Novara, Dinamo, 1958
  • Stendhal, Cronache italiane, Torino, Einaudi, 1959
  • Il lago d'Orta, Novara, De Agostini, 1961
  • Storia della letteratura francese, Milano, Mondadori, 1965
  • Breve storia di Francia, Torino, Giappichelli, 1967
  • Mario Soldati, Fuga in Italia e altri racconti, Milano, Mondadori, 1969
  • Le opere e le persone, Padova, Liviana, 1976

NarrativaModifica

  • Un salto nel buio, Milano, Feltrinelli, 1959; nuova edizione, con una nota di Eugenio Montale , a cura di Massimo A. Bonfantini e Roberto Cicala, Novara, Interlinea edizioni, 2005
  • La svolta, Milano, Feltrinelli, 1965
  • Scomparso a Venezia, Torino, Einaudi, 1972
  • Sul Po, Torino, Einaudi, 1974
  • L'amore di Maria e altri racconti, Torino, Einaudi, 1977
  • Racconti in "Scrittori e città", a cura di Roberto Cicala, Novara, Centro Novarese di Studi Letterari-Interlinea edizioni, 1993
  • La svolta e tutti i racconti, con una nota di Eugenio Montale, a cura di Rossana Infantino, Novara, Interlinea edizioni, 2012

TeatroModifica

  • Un eroe, un amore, Corriere di Novara, 1988

TraduzioniModifica

BibliografiaModifica

Antonio Carrannante, Appunti su Mario Bonfantini e la "linea francese", in "Nuova Antologia", gennaio-marzo 2010, pp.354-360

Antonio Carrannante, La lezione di Mario Bonfantini (con un'appendice di pagine ritrovate), in "Campi immaginabili", 2010, I-II, pp. 269-312

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autorità VIAF: (EN69736841 · ISNI: (EN0000 0001 1069 581X · SBN: IT\ICCU\CFIV\002536 · LCCN: (ENn78095352 · GND: (DE119342944 · BNF: (FRcb14855566n (data) · NLA: (EN35708534 · BAV: ADV10306168