Apri il menu principale
Mario Caracciolo
Caracciolo Mario.jpg
26 febbraio 1880 – 21 dicembre 1954
SoprannomeBarone di Feroleto
Nato aNapoli
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataFlag of Italy (1860).svg Regio Esercito
ArmaArtiglieria
Anni di servizio1909 - 1943
GradoGenerale d'armata
GuerreGuerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna del Nordafrica
Comandante diXXI Corpo d'armata
5ª Armata
Studi militariScuola di guerra
voci di militari presenti su Wikipedia

Mario Caracciolo di Feroleto (Napoli, 26 febbraio 1880Roma, 21 dicembre 1954) è stato un generale d'armata italiano.[1]

BiografiaModifica

Sottotenente di artiglieria nel 1909, frequentò la Scuola di Guerra e fu in servizio di stato maggiore presso il comando del Corpo di Stato Maggiore, il comando della Brigata "Novara" ed il comando del IX Corpo d'Armata.

Da capitano partecipò alla guerra italo-turca e successivamente alla prima guerra mondiale, nella quale fu comandante di gruppi di artiglieria di assedio. Da colonnello comandò per circa sei anni il 13º Reggimento artiglieria.

Da generale di divisione ebbe il comando nel 1934 della 22ª Divisione fanteria "Cacciatori delle Alpi" e dal 1935 al 1936 della 1ª Divisione Celere "Eugenio di Savoia"[2]. Fu poi nominato ispettore della mobilitazione di Messina e nel 1938 comandò il XXI Corpo d'Armata in Libia. Dal 1º gennaio 1940 fu nominato Ispettore superiore dei servizi tecnici, carica che conservò anche da comandante designato d'armata.

Dal 10 dicembre 1940 al 15 aprile 1941 comandò la 4ª Armata, poi fino al 5 settembre 1941, la 5ª Armata in Libia. Dall'aprile del 1942 all'armistizio del settembre 1943 comandò la 5ª Armata in patria. Fu promosso generale d'armata nel novembre 1943.

NoteModifica

  1. ^ Biografia su digliander.libero.it
  2. ^ Search for generals

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90216338 · ISNI (EN0000 0004 1967 5024 · SBN IT\ICCU\IEIV\013843
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie