Mario Equicola

umanista e scrittore italiano

Mario Equicola (Alvito, 1470 circa – Mantova, 26 luglio 1525) è stato un umanista e scrittore italiano.

Mario Equicola

«Ecco Mario d'Olvito»

(Ludovico Ariosto, Orlando furioso, Canto XLVI, 14)

BiografiaModifica

Nato da Battista Caccialupi di Alvito[1], ma secondo un'ipotesi figlio illegittimo di un esponente della famiglia Cantelmo, conti di Alvito[2], assunse in seguito il cognome letterario mutuandolo da quello dell'antico popolo degli Equicoli. Trasferitosi assai giovane dalla natia Alvito a Napoli, fu membro dell'Accademia Pontaniana.

Si recò poi a Firenze, dove studiò con Marsilio Ficino. In seguito si trasferì prima a Ferrara e poi a Mantova al seguito dei suoi mecenati, i Cantelmo, esuli da Alvito in seguito all'invasione degli Spagnoli del feudo. Seguì i mecenati, convinti filo-angioini anche durante il regno degli Aragonesi a Napoli, in Francia, ai primi del Cinquecento[3]: i Cantelmo intendevano chiedere il sostegno del Re di Francia per recuperare il feudo perduto. Tutto fu perduto, gli Spagnoli trionfarono ed ottennero il controllo del meridione d'Italia, trasformando il regno in un vicereame spagnolo. Mario Equicola seguì i suoi mecenati a Mantova, dove operò come segretario e uomo di fiducia sia di Sigismondo che di Margherita Cantelmo, sua moglie. Con complicità di Margherita riuscì ad entrare nelle grazie di Isabella d'Este, marchesa di Mantova ed amica della Cantelmo (lascerà ad Isabella la sua eredità, un convento), della quale divenne precettore.

Servì anche il fratello di Isabella, il cardinale Ippolito grazie al quale ebbe modo di frequentare la Roma dei Papi di inizio Cinquecento.

Ebbe un ruolo di cortigiano di fiducia instaurando con la Marchesana un rapporto di estrema lealtà, la quale si affidò a lui per ambasciate e missioni delicate. Nel 1513, era a Roma come cronista e portavoce dei Gonzaga in occasione del conclave che elesse Leone X al soglio di Pietro.[4]

Nel 1517, l'Equicola accompagnò Isabella d'Este in un pellegrinaggio in Provenza, presso Nanse[5], all'eremo della Maddalena (Saint Maximin - la Sainte-Baume), che attirava all'epoca copiose folle di devoti.[6] Lasciò presso il sepolcro della Maddalena dei versi su una placca come ex-voto su richiesta della Marchesa. I versi dell'Equicola furono riportati in un diario da Antonio De Beatis, segretario del cardinale Luigi d'Aragona.[7] Il gesto dell'umanista alvitano voleva imitare quanto fatto dal Petrarca che visitò il sito secoli prima dedicando una sua ode alla Maddalena.

Nel 1519, con la morte del segretario di Isabella, Benedetto Capilupi, fu promosso a segretario personale di Isabella d'Este e di Federico Gonzaga, suo primogenito.

La sua opera principale è il Libro de natura de amore, composto in latino e tradotto in volgare nel 1525. Il trattato si inserisce nel quadro del neoplatonismo rinascimentale, e mescola elementi derivati da Marsilio Ficino con echi stilnovistici.

Si dedicò alla redazione di una monumentale Storia di Mantova nell'ultima parte della sua vita.

Altra opera importante è rappresentata dalle Istituzioni del comporre in ogni sorta di rima della lingua volgare, pubblicata postuma nel 1541, che contiene un trattato sulla metrica italiana fino al XV secolo.

Invece l'attribuzione all'Equicola del trattato Il novo Cortigiano, che fu scoperto da Domenico Santoro nella biblioteca comunale di Siena, va respinta[8].

Morì a Mantova di "febbre quartana" (come indicano le fonti), probabilmente un caso di malaria, nel 1525.

ScrittiModifica

 
Frontespizio ed. 1563 del De natura d'amore

Altri scritti sono contenuti nel seguente volume:

  • Giovanni Battista Spagnoli, Ad mortalium oblectationem. auctoris effigiem. huic. diuino operi: Stephanus Basignanas Gorgonius: carmelita: theologus: ponendam curauit ... ultima pars operis, Impressum in florentissima Lugdunensi ciuitate, in officina Bernardi Lescuyer, 1516.

CurateleModifica

  • Dario Tiberti, Epithome Plutarichi, Impressus Ferrarie, per magistrum Laurentium de Valentia, 1501.
  • Ambrogio Flandino, Quadragesimalium concionum liber (qui Gentilis inscribitur) sub incude reuerendi patris, ac domini Ambrosij eremitae, Venetijs 1523.

NoteModifica

  1. ^ In un rogito notarile del 1521, conservato nell'Archivio di Stato di Mantova e interamente riportato da S.Kolsy, Mario Equicola. The Real Courtier, Droz, Gèneve 1991, p. 273, è infatti precisato come «filio quondam domini Baptiste Cazaluppi de Albeto».
  2. ^ D. Santoro, Della Vita e delle Opere di Mario Equicola, Jecco, Chieti 1906, pp. 11-18. Dai Cantelmo l'Equicola ricevette, come privilegio perpetuo, la proprietà in Alvito del fondo "La Pambara", con sue pertinenze.
  3. ^ Carlo Vecce, Jacopo Sannazaro in Francia, Antenore, ISBN 9788884550590.
  4. ^ Alessandro Luzio, Isabella d'Este ne'primordi del papato di Leone X e il suo viaggio a Roma nel 1514-1515, L.F. Cogliati, 1906. URL consultato il 15 aprile 2020.
  5. ^ Domenico Santoro, Il viaggio d'Isabella Gonzaga in Provenza. Dall'Iter in Narbonensem Galliam e da lettere inedite di Mario Equicola, Arbor Sapientiae, ISBN 9788894820188.
  6. ^ Mario Equicola e la figura di Maria Maddalena, su archeoclubvaldicomino.org.
  7. ^ Chastel, André., Luigi d'Aragona : un cardinale del Rinascimento in viaggio per l'Europa, Laterza, 1995, ISBN 88-420-4671-X, OCLC 800881269. URL consultato il 15 aprile 2020.
  8. ^ P. Cherchi, EQUICOLA, Mario, in «Dizionario Biografico degli Italiani», 1993, vol. 43.

BibliografiaModifica

  • P. Cherchi, Equicola, Mario, in «Dizionario Biografico degli Italiani», vol. 43, Roma 1993, pp. 34–40.
  • M. Equicola, De mulieribus, a cura di G. Lucchesini - P. Totano, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa-Roma 2004.
  • S. Kolsky, Mario Equicola. The real courtier, Droz, Ginevra 1991.
  • D.E. Rhodes, A bibliography of Mantua, 1507-1521, in “La Bibliofilia”, LVIII (1956), disp. III, pp. 161–175.
  • D.E. Rhodes, Notes on the Chronica di Mantua of Mario Equicola, estratto da Gutenberg Jahrbuch, s. n., s. l 1957, pp. 137–141;
  • L. Ricci (a cura di), La redazione manoscritta del Libro de natura de amore di Mario Equicola, Bulzoni, Roma 1999;
  • D. Santoro, Della vita e delle opere di Mario Equicola, Jecco, Chieti 1906.
  • D. Santoro, Il viaggio d'Isabella Gonzaga in Provenza. Dall'Iter in Narbonensem Galliam e da lettere inedite di Mario Equicola, Tip. Melfi & Joele, Napoli 1913.
  • G. Vacana (a cura di), Mario Equicola, Atti del Convegno nazionale di Studi (Alvito, 5-7 ottobre 1979), Centro studi letterari "Val di Comino", Alvito 1983.
  • C. Vecce (a cura di), Un'apologia per l'Equicola. Le due redazioni della Pro Gallis apologia di Mario Equicola e la traduzione francese di Michel Rote, Gallo, Napoli 1990.
  • Lettere autografe dall'Archivio di Stato di Mantova.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305190984 · ISNI (EN0000 0000 6123 1356 · SBN IT\ICCU\CFIV\016723 · LCCN (ENno89003371 · GND (DE119006162 · BNF (FRcb124408187 (data) · BNE (ESXX916189 (data) · ULAN (EN500317328 · BAV (EN495/6477 · CERL cnp00953296 · WorldCat Identities (ENlccn-no89003371