Apri il menu principale

Marmo di Candoglia

Marmo di Candoglia
Un angolo del tetto del Duomo di Milano, tutto in marmo di Candoglia, mostrante le varietà cromatiche di questa pietra
Un angolo del tetto del Duomo di Milano, tutto in marmo di Candoglia, mostrante le varietà cromatiche di questa pietra
Caratteristiche generali
Stato di aggregazione (in c.s.) solido
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 2,710
Proprietà meccaniche
Resistenza a compressione (kgf/m2) 122
Resistenza a flessione (kgf/m2) 22

Il marmo di Candoglia è un marmo di colore bianco/rosa o grigio che viene estratto nelle cave di Candoglia nel comune di Mergozzo nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, in Val d'Ossola.

Cenni di geologiaModifica

Nell'area di Candoglia sono presenti tre banchi di marmo verticalmente immergenti entro la serie gneissica che limita la formazione dioritica kinzigitica a sud. Il banco settentrionale, il più potente, è quello sfruttato per il Duomo di Milano. La colorazione rosa di questo marmo è causata dalla occorrenza diffusa di ossido di ferro Fe2O3 entro il marmo stesso[1].

La caratteristica mineralogia del sito delle cave del Duomo di Milano ha dato luogo a numerose scoperte mineralogiche come la taramellite, così chiamata in onore del geologo Torquato Taramelli, un raro silicato di bario di colore brunastro avente aspetto a fiammella o ultimamente ritrovato nel 1985 in concrezioni a forma di stella con distribuzione massiva nella matrice di feldspati.

Le caveModifica

La caratteristica escavazione del marmo è stata raffinata nel tempo ma la tecnica è sostanzialmente rimasta invariata con il taglio dei blocchi col metodo del filo in metallo; stupisce e impressiona la profondità della caverna-galleria della Cava Madre che raggiunge al banco superiore di estrazione i 120 m e l'altezza di volta di 30 m per una larghezza di 15 metri. Dimensioni imponenti che hanno imposto opere di sicurezza in cemento armato e reti di consolidamento di tutte le pareti laterali anche se tali opere appagano l'occhio ma non la montagna per le casuali ed impressionanti forze pressorie che ne possono scaturire.

Utilizzo del marmoModifica

Dalle cave del marmo di Candoglia viene cavato solo il marmo per la costruzione del Duomo di Milano, altre cave dell'area erano un tempo sfruttate per l'estrazione della mica, che era usata come isolante elettrico, le scaglie opportunamente lavorate servivano per il fondo dei vecchi ferri da stiro a carbonella.

StoriaModifica

Il suo uso è noto fin dall'epoca romana, le prime cave sono riconducibili all'età augustea e furono sfruttate fino all'età tardo imperiale, dato che reperti, soprattutto sarcofagi, in marmo di candoglia furono rinvenuti a Milano, Pavia e anche a Torino[2]. L'impiego più importante di questo marmo è nella costruzione del Duomo di Milano. Il signore di Milano Gian Galeazzo Visconti concesse nel 1387 l'utilizzo delle cave di Candoglia alla Veneranda Fabbrica del Duomo per estrarvi marmo da destinare alla costruzione della cattedrale.

L'estrazione del marmo dalle cave di Candoglia era difficile e costosa ma diventava economicamente conveniente sia per il risparmio sui costi consentiti dal trasporto fluviale lungo il lago Maggiore il Ticino e i Navigli milanesi (canali artificiali) fino a dove oggi si trova l'attuale via Laghetto, in ricordo della piccola darsena dove i blocchi di marmo venivano infine sbarcati, proprio dietro il fabbricando Duomo, che per l'assenza di dazi, un'altra concessione di Gian Galeazzo Visconti, sul marmo usato dalla fabbrica.
Le imbarcazioni che trasportavano i materiali (esenti da pedaggi) per la fabbrica erano contraddistinte dalla scritta ad Usum Fabricae Operis, da cui deriva l'espressione ad ufo come sinonimo di gratis. Un'altra interpretazione dell'espressione ad ufo è legata alla consuetudine (non documentata) delle chiatte che scendevano dal Toce fino ai Navigli via Ticino, di offrire gratuitamente passaggi gratis alla popolazione: secondo questa versione, andare fino a Milano ad ufo era andarci senza spendere un soldo.

Una legge del 1927, in seguito confermata da una legge regionale piemontese, rinnova il diritto esclusivo dell'ente della Fabbrica del Duomo ad utilizzare i marmi di Candoglia.

NoteModifica

  1. ^ P. 110-112 in G. Fagnani, Rocce e minerali per l'edilizia, Ed. Fusi, Pavia, 1970
  2. ^ (EN) Maria Elena Gorrini e Mirella Robino, Manufatti in marmo di Candoglia a Ticinum e nel suo territorio in epoca romana. Vecchi dati e nuove acquisizioni, in E. Poletti Ecclesia (a cura di), Le vie della pietra. Atti del convegno in occasione del decennale dell'Ecomuseo del Granito di Mergozzo. URL consultato il 12 marzo 2019.

BibliografiaModifica

  • Articolo Il Marmo di Candoglia nel duomo di Milano, in Arte e storia, anno 5 numero 2, Edizioni Ticino Management

Collegamenti esterniModifica