Maroon 5

gruppo musicale statunitense
Maroon 5
Maroon 5 performing in Sydney.jpg
I Maroon 5 in concerto nel 2019
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenerePop rock[1][2]
Funk[3][4]
Elettropop[5][6]
Soul bianco[7][8]
Neo soul[1]
[9][10]
Periodo di attività musicale1995 – in attività
EtichettaA&M Records, 222 Records, Octone Records, Interscope Records, J Records
Album pubblicati12
Studio7
Live3
Raccolte2
Logo ufficiale
Sito ufficiale

I Maroon 5 (IPA: /məˈrun faɪv/)[1][2] sono un gruppo musicale pop rock statunitense, formatosi a Los Angeles nel 1995 e composto da Adam Levine, James Valentine, Matt Flynn e Jesse Carmichael.[2] Riconosciuti con tre Grammy Award,[11] il gruppo ha venduto 135 milioni di copie in tutto il mondo,[12] divenendo uno dei gruppi di maggior successo della storia della musica internazionale.[13][14]

La band è stata inserita al nono posto degli artisti di maggior successo degli anni 2010,[15] divenendo il gruppo con più ingressi nella Top10 della Billboard Hot 100 (15).[16] Nel corso della carriera hanno pubblicato sette album in studio e numerosi singoli di successo, collaborando con artisti di fama internazionale, tra cui Christina Aguilera, Kendrick Lamar, Mary J. Blige, Cardi B, Megan Thee Stallion, Julia Michaels, SZA, Rihanna, Kanye West, Max Martin, Ryan Tedder e Gwen Stefani.

Dopo la pubblicazione dell'album The Fourth World, sotto il nome di Kara's Flowers nel 1997,[17] il gruppo ha ottenuto un contratto discografico con la Octone Records, pubblicando l'album Songs About Jane, sotto il nuovo nome Maroon 5. Con oltre 10 milioni di copie vendute,[18] il progetto discografico viene promosso dai singoli She Will Be Loved, Sunday Morning e This Love, quest'ultimo riconosciuto con il Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo.[11]

Nel 2007 viene rilasciato il singolo Makes Me Wonder che anticipa l'album It Won't Be Soon Before Long, primo della band ad esordire alla prima posizione della classifica di vendite statunitense e britannica.[19][20] Il singolo fa ottenere al gruppo il terzo Grammy come miglior interpretazione vocale di gruppo.[11] Nel settembre 2010 esce il terzo album, Hands All Over, anticipato dal singolo Misery.[21] Dall'album viene estratto il singolo Moves like Jagger, con Christina Aguilera, che esordisce alla prima posizione dalla Billboard Hot 100, con oltre 14 milioni di copie vendute in tutto il mondo.[22]

Il quarto album, Overexposed, viene pubblicato nel 2012,[23] sostenuto dai singoli Payphone, One More Night e Daylight, ottenendo ampio successo commerciale, con oltre 20 milioni di singoli venduti complessivamente nel corso dell'anno.[24] Nel corso del 2014 vengono pubblicati i singoli Animals e Maps, che precedono l'uscita del quinto album in studio V,[25] secondo progetto ad esordire alla prima posizione della Billboard 200.[19] Nel 2015 viene pubblicato il terzo estratto Sugar, che ottiene ampio successo con oltre 8 milioni di copie vendute globalmente.[26]

Nel 2017 viene pubblicato il sesto album, Red Pill Blues,[27] anticipato dalle collaborazioni What Lovers Do con SZA e Girls like You con Cardi B.[28] A seguito della morte dal manager Jordan Feldstein, nel 2019 viene pubblicato il singolo Memories,[29] che anticipa l'album Jordi.[30]

Storia del gruppoModifica

1997-2001: Inizio carriera e i Kara's FlowersModifica

Adam Levine e Ryan Dusick si conoscono al liceo Brentwood di Los Angeles, liceo frequentato anche dagli altri due componenti originari del gruppo Jesse Carmichae e Michael Madden.[31] I quattro ragazzi formano la rock band Kara's Flowers e, sotto la guida dal produttore indipendente Tommy Allen e di John DeNicola,[32] pubblicano l'album The Fourth World nel 1997.[17] Il progetto discografico non ottenne il successo sperato, vendendo 5.000 copie, portando i produttori ad abbandonare il gruppo.[33] A seguito del fallimento discografico, Dusick e Madden frequentarono il college a livello locale alla Università della California a Los Angeles, mentre Levine e Carmichael si trasferirono sulla costa orientale per frequentare il Five Towns College, a Dix Hills di New York.[34]

Nel 2001 i membri si riunirono e incontrarono il produttore Tim Sommer, il quale firmò per un contratto demo con la MCA Records e produsse tre brani. A seguito del rifiuto della MCA nel pubblicare i brani, la band invia numerose demo alla Octone Records, presideduta da James Diener, Ben Berkman e David Boxenbaum. Berkman rimase piacevolmente colpito dal brano Sunday Morning.[33] La band a questo punto firma un contratto con la Octone Records, la quale decise di assumere James Valentine alla chitarra, in modo da porre Lavine come frontman e il gruppo prese il nome di Maroon 5.[35]

2002-2006: Il debutto internazionale con Songs About JaneModifica

 
Maroon 5 in un concerto nel 2005

Nel 2002, il gruppo pubblica il singolo Harder to Breathe, ottenendo un moderato successo negli Stati Uniti.[36] Nel giugno del 2002 pubblicano il primo progetto discografico, Songs About Jane, che inizialmente esordisce nella Top20 della Billboard 200.[37] Il gruppo intraprende una serie di tour insieme ad artisti quali Sheryl Crow, John Mayer, Nikka Costa e Phantom Planet.

Nel 2004 la band lancia il singolo This Love, ottenendo uno straordinario successo internazionale, esordendo nelle Top10 di oltre 30 classifiche, tra cui alla quinta posizione della Billboard Hot 100 e tre della UK Singles Chart,[38] con oltre 2 milioni di copie certificate dalla RIAA.[39] Nel giugno dello stesso anno rilasciano il singolo She Will Be Loved, che prosegue il successo nelle classifiche come il precedente estratto,[19] vendendo oltre 3 milioni di copie negli Stati Uniti.[39] Il terzo estratto, Sunday Morning, riscontra meno successo nella classifiche, vendendo circa un milione di copie.[39]

Il successo di questi brani incrementa notevolmente il successo dell'album nel 2004, che arriva a vendere 10 milioni di copie globalmente,[18] esordendo nuovamente nelle classifiche internazionali, tra cui alla prima posizione della britannica, francese, australiana,[20] e quinta della Billboard 200, 26 mesi dopo la sua pubblicazione; questo fu il periodo più lungo tra la pubblicazione di un album e la sua prima apparizione nella Top 10 da quando i risultati del SoundScan furono inclusi nella Billboard 200 nel 1991.[37]

Nel corso degli anni di tour con la band il batterista, percussionista e corista Ryan Dusick aveva sofferto della vita da tour, aggravando un infortunio al braccio subito negli anni precedenti. Dopo diverse assenze dal tour con Ryland Steen e Josh Day a prendere il suo posto, Dusick lasciò ufficialmente la band nel settembre 2006.[40] Matt Flynn, l'ex batterista di Gavin DeGraw e The B-52s, entrò nella band come ufficiale sostituto di Dusick.[41]

In seguito al successo ottenuto con il progetto discografico, i Maroon 5 vincono il Grammy nella categoria miglior artista esordiente nel 2005,[11] e il Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo per la versione dal vivo di This Love nel 2006.[42] Ottengono inoltre numersone nomine alle principali premiazioni internazionali, venendo riconosciuti con un MTV Video Music Awards,[43] un MTV Europe Music Awards,[44] due Billboard Music Awards e il World Music Award come migliori artisti esordienti.[45]

2007-2009: It Won't Be Soon Before Long e il presunto scioglimento del gruppoModifica

 
Maroon 5 in tour nel 2008

Il 3 aprile 2007 la band pubblica il singolo Makes Me Wonder, che esordisce alla posizione numero 64 della Billboard Hot 100, per spostarsi alla numero uno nella settimana successiva, rompendo il record del più alto avanzamento nella classifica precedentemente detenuto da Kelly Clarkson con il brano A Moment Like This.[46] Nel 2009 il record fu ristabilito dalla Clarkson con il brano My Life Would Suck Without You, che fece un salto in classifica di 97 posizioni.[47]

Nel maggio 2007 viene pubblicato il secondo progetto discografico It Won't Be Soon Before Long, definito da Adam Levine come più forte e sexy del precedente.[48] Il progetto discografico diviene il primo del gruppo ad esordire contemporaneamente alla prima posizione della Billboard 200 e UK Albums Chart.[19][20] Con oltre 2 milioni di copie vendute negli Stati Uniti,[39] il progetto non prosegue il successo del precedente album, tanto che anche gli altri singoli estratti, Wake Up Call, Won't Go Home Without You e Goodnight Goodnight non emergono nelle classifiche di vendita internazionali. Il singolo If I Never See Your Face Again viene ripubblicato in una nuova versione che vede come ospite la cantante Rihanna.[49]

Nonostante lo scarso successo commerciale, la band riceve quattro nomine ai Grammy Award, tra cui al miglior album pop vocale, ottenendo per la seconda volta il Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo per Makes Me Wonder.[11] L'album vince inoltre il Billboard Music Awards come miglior album digitale.

In un primo momento, il gruppo esegue concerti in piccole venue ed apre un tour dei The Police per promuovere il progetto.[50] Successivamente, il gruppo parte tuttavia per un progetto ben più ampio: il vero e proprio It Won't Be Soon Before Long Tour dà luogo a ben 112 concerti, con numerose star come Justin Timberlake, OneRepublic, Kanye West e Sara Bareilles in qualità opening acts.[51] Il 9 dicembre 2008 esce una raccolta di remix, Call and Response: The Remix Album. Il tour continua fino al termine del 2008, toccando tutti e 5 i continenti. Nel gennaio 2009, il gruppo si esibisce alla presenza dell'allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama.[52] Sempre nel 2009, il gruppo viene coinvolto nell'album His Way, Our Way, un progetto atto ad omaggiare lo storico cantante Frank Sinatra.[53]

A seguito dei diversi impegni della band, iniziarono a circolare alcune voci che riportavano il possibile scioglimento della band,[54] Lavine in un'intervista per Rolling Stone, dichiarò:[55]

«Prima o poi vorrei concentrarmi sull'essere una persona completamente diversa perché non so se voglio fare questo fino ai miei 40 e 50 anni e oltre, come i The Rolling Stones; [...] Amo quello che faccio e penso che, sì, potrebbe essere faticoso e complicato a volte proseguire su questa strada, ma non abbiamo alcun piano di scioglimento a breve».

2010-2011: Hands All Over e il successo con Moves like JaggerModifica

La collaborazione della band con Christina Aguilera è stata accolta positivamente dalla critica, apprezzandone musicalità e doti vocali dei cantanti

Il 22 giugno 2010 la band annuncia il nuovo progetto discografico, anticipato dal singolo Misery, brano funk rock che riscuote un discreto successo nelle principali classifiche internazionali.[56] Nel mese di agosto viene pubblicato Give a Little More e successivamente Never Gonna Leave This Bed, i quali non ottengono il successo sperato dalla casa discografica.[57] Il 21 settembre 2010 esce il terzo album, Hands All Over,[58] che debutta alla seconda posizione della Billboard 200 e nelle Top10 di Italia, Australia e Regno Unito.[19][20]

Nel corso del 2011 il brano Misery viene nominato ai Grammy Award alla miglior interpretazione vocale di gruppo,[11] mentre la band viene riconosciuta con un American Music Awards.[59] Nello stesso anno, mentre Adam Levine inizia la sua lunga esperienza di giudice nel programma televisivo The Voice USA, il gruppo inizia a lavorare su una riedizione dell'album.[60]

Il 22 giugno 2011 viene reso disponibile il singolo Moves like Jagger con Christina Aguilera,[61] collaborazione nasce proprio a The Voice USA, dove anche la Aguilera lavora come giudice.[62] Il singolo ottiene un grandissimo successo internazionale, raggiunto la numero 1 della Billboard Hot 100,[63] ricevendo la certificazione di disco di diamante dalla RIAA, con oltre 14 milioni di copie vendute in tutto il mondo.[22] Grazie alla collaborazione Aguilera diventa la quarta artista con una canzone alla prima posizione in tre decadi differenti (anni 1990, anni 2000, anni 2010) pareggiando Britney Spears, Madonna e Janet Jackson.[64] Ampiamente apprezzato dalla critica,[61][65] il brano viene nominato ai Grammy Awards nella categoria alla miglior interpretazione vocale di duo/gruppo e in cinque categorie ai Billboard Music Awards.[11]

Il repak dell'album, Hands All Over (Revised),[66] viene pubblicato nel giugno 2011 e il gruppo parte per un tour mondiale sino al 2012.[67]

2012-2015: Overexposed e VModifica

 
Maroon 5 agli Logie Award del 2012

Il 16 aprile 2012 i Maroon 5 presentano a The Voice USA il nuovo singolo Payphone con Wiz Khalifa.[68] Payphone ha debuttato al numero tre della classifica Billboard Hot 100, raggiungendo alla fine il numero due,[69] esordendo alla prima posizione di numerose classifiche di vendita internazionali, incluse quelle di Italia, Canada e Regno Unito.[20][70] Il singolo ottiene successo sia in termini di vendite, con oltre 9,5 milioni di copie vendute,[24] che nelle principali premiazioni, con nomine ai Billboard Music Awards, MTV Video Music Awards e People's Choice Awards.[71][72]

Il 19 giugno 2012 pubblicano il singolo One More Night, divenendo in poche settimane il terzo brano della band a raggiungere la prima posizione della Billboard Hot 100.[73] Con oltre 7 milioni di copie vendute, diviene l'ottavo brano più venduto del 2012,[24] e riceve due nomine ai World Music Award.[74] Il successo del brano promuove il quarto album, Overexposed, pubblicato il giorno successivo al singolo.[75] Raggiungendo la seconda posizione nella classifice statunitense e britannica,[19][20] l'album diviene tra i progetti discografici di maggior successo dell'anno con oltre 2,5 milioni di copie vendute.[24]

Nel novembre viene estratto il terzo singolo Daylight, conseguendo successo in Australia, dove fa ottenere alla band il tredicesimo brano nella Top10,[76] e negli Stati Uniti. Qui il brano raggiunge la settima posizione a seguito della performance del gruppo ai Grammy Awards del 2013,[77] cerimonia in cui sono nominati sia nella categoria miglior album pop vocale per Overexposed che alla miglior interpretazione pop vocale di duo/gruppo per Payphone.[11]

Il quarto e ultimo estratto, Love Somebody, ha raggiunto il numero 10 della Billboard Hot 100, rendendo Overexposed il primo album in studio dei Maroon 5 a produrre quattro singoli Top10.[78] Il tour atto a promuovere l'album ha toccato 4 continenti ed è durato fino al 2014, cui prende parte in alcune date statunitensi la cantautrice Kelly Clarkson.[79]

 
Maroon 5 in un concerto ad Hong Kong nel 2012

Dopo il tour mondiale, il gruppo annuncia il ritorno di Jesse Carmichael, che era in pausa dal 2012.[80] Il gruppo firma inoltre un contratto con la Interscope Records per poi annunciare l'uscita del quinto progetto discografico.[81] Il 16 giugno 2014 viene reso disponibile il singolo Maps,[82] esordendo nelle top10 di numerose classifiche, tra cui alla prima posizione di quella canadese.[83] Il 25 agosto 2014 viene pubblicato il secondo singolo estratto Animals, il quale raggiunge la posizione 3 della Billboard Hot 100, conseguendo ai Maroon 5 il decimo singolo nella top10 statunitense.[84]

Il 2 settembre 2014 l'album V, viene reso disponibile sulle piattaforme streaming e di vendita.[85] Nel progetto discografico sono presenti numerosi artisti e produttori internazionali, tra cui Gwen Stefani, Sia, Sam Martin, Ryan Tedder, Big Sean e Stargate.[86] L'album ha ottenuto 3 dischi di platino in USA per aver venduto 3 milioni di copie ed esordisce alla prima posizione della Billboard 200.[87] Il 13 gennaio 2015 viene pubblicato il terzo singolo estratto Sugar, che ottiene ampio successo in termini di vendite, divenendo l'undicesimo brano nella top10 statunitense e venendo oltre 3 milioni di copie nel paese.[88] Il brano è stato nominato ai Grammy Award come miglior interpretazione pop vocale di duo/gruppo.[11]

Il 19 maggio 2015 è uscito il quarto singolo dal titolo This Summer's Gonna Hurt like a Motherfucker che anticipa l'uscita della nuova versione dell'album V.[89] Il 15 settembre 2015 viene estratto il quinto singolo, Feelings.[90]

2016-presente: Red Pill Blues e JordiModifica

 
Maroon 5 in un concerto nel 2017

Nel 2016 vengono pubblicati i singoli Don't Wanna Know con Kendrick Lamar e Cold con Future.[91] In questo frangente, grazie al successo dei due singoli estratti,[92] il gruppo dà inizio ad un tour che durerà fino al 2018, promuovendo anche il successivo album del gruppo.[93]

Il 30 agosto 2017 esce il singolo What Lovers Do con SZA, collaborazione che ottiene ampio successo nelle classifiche di vendita, divenendo la tredicesima Top10 della band e prima della cantautrice.[94] Annunciando l'uscita del sesto album in studio, viene reso disponibile il brano Wait, il cui video ottiene una nomina agli MTV Video Music Awards.[95] L'album Red Pill Blues, uscito il 3 novembre 2017,[96] contiene, oltre alle tre collaborazioni precedenti, anche dei brani che vedono la partecipazione di Julia Michaels, ASAP Rocky, LunchMoney Lewis e Gucci Mane.[97]

Il 30 maggio 2018 esce il singolo Girls like You, pubblicato con la collaborazione della rapper Cardi B.[98] Il brano ottiene ampio successo nelle classifiche internazionali, divenendo il quarto numero uno della band nella Billboard Hot 100,[99] rimenendovi per sette settimane consecutive,[100] e vendendo oltre 8 milioni di copie solo negli Stati Uniti.[87] La collaborazione ha vinto quattro Billboard Music Awards, tra cui miglior collaborazione e miglior brano della Hot 100,[101] ed è stata nominata agli MTV Video Music Awards e ai Grammy Award come miglior interpretazione vocale di duo/gruppo.[11]

Nel febbraio 2019, il gruppo si esibisce in qualità di headliner durante l'Halftime Show del Super Bowl del 2019.[102] Nei mesi successivi, il gruppo tiene varie altre performance.[103] Il 20 settembre 2019 esce il singolo Memories, seguito il 9 ottobre dal nuovo video. Il singolo, così come il video, sono stati dedicati allo storico manager della band Jordan Feldstein, morto nel dicembre 2017.[104] Il singolo raggiunge la seconda posizione della Billboard Hot 100, portando i Marion 5 ad essere la seconda band, dopo i The Rolling Stones, ad avere una canzone alla seconda posizione nella classifica in tre decenni diversi (anni 2000, 2010 e 2020).[105]

Il gruppo sarebbe dovuto partire per un tour nell'estate 2020, tuttavia l'impegno è stato posticipato al 2021 a causa della pandemia da COVID-19.[106] A fine giugno 2020, il bassista del gruppo Mickey Madden viene arrestato per violenze domestiche: nei giorni successivi, il musicista dichiara a People di aver deciso di lasciare il gruppo.[107] Il 20 luglio 2020, il gruppo pubblica il primo singolo senza Madden, Nobody's Love.[108]

Il 3 marzo 2021 viene pubblicata la collaborazione con la rapper statunitense Megan Thee Stallion intitolata Beautiful Mistakes.[109] Il brano anticipa l'usicta del settimo album in studio, Jordi,[30] pubblicato 11 giugno 2021, che vede diverse collaborazioni, tra cui H.E.R., Jason Derulo, Stevie Nicks e Juice Wrld.[110] L'album non ottiene il successo del progetto discografico precedente in termine di vendite,[19] riscontrando numerose critiche negative da parte della stampa.[111]

Stile musicale e influenzeModifica

Lo stile musicale dei Maroon 5 è stato generalmente considerato appartenente alla musica pop,[112] pop rock,[25] funk rock,[113] dance pop,[114] arrivando a cimentarsi nel soul bianco e R&B.[115][116]

Adam Lavine ha dichiarato che gli Oasis sono «una delle migliori band di sempre» dichiarando che è una fonte di ispirazione per la band.[117] I Maroon 5 hanno citato Elita 5, Michael Jackson, The Police, The Bee Gees, Justin Timberlake, Stevie Wonder, Tonic, Prince, Tupac Shakur e Marvin Gaye come maggiori influenze.[118][119][120]

FormazioneModifica

 
I Maroon 5 durante un concerto nel 2017

Formazione attualeModifica

Ex componentiModifica

TimelineModifica

Filantropia e controversieModifica

Collaborazioni con UNICEF e associazioni umanitarie e di prevenzione delle malattieModifica

Il gruppo assieme a Unicef hanno lanciato il #Maroon5Day per salvare e migliorare la vita dei bambini più vulnerabili del mondo, mettendo a disposizione l'ingresso ai concerti del gruppo negli Stati Uniti.[121]

Prima di esibirsi al Super Bowl nel 2019 la band ha donato 500 mila dollari all'associazione Big Brothers Big Sisters of America, associazione che aiuta i bambini con famiglie in difficoltà economiche negli Stati Uniti.[122]

I Maroon 5 sono sostenitori dell'ente City of Hope, che si prefigge di incrementare la ricerca e trattamento del cancro, diabete e altre malattie poco conosciute.[123]

Accuse di antifemminismoModifica

A seguito della pubblicazione del brano Animals le associazioni femministe degli Stati Uniti, tra cui il National Sexual Violence Resource Centre, si sono scagliate contro il videoclip della band, nel quale Adam Lavine interpreta un macellaio sociopatico che perde la testa per una sua cliente.[124] Le accuse principali sono state di istigazione allo stalking e al femminicidio.[125]

Controversie sullo stile musicaleModifica

In un'intervista a Variety nel novembre 2018, il frontman della band, Adam Levine, alla domanda se la band è pop, rock o urbana, ha detto: «Qualcosa di unico di questa band è che abbiamo sempre guardato all'hip-hop, all'R&B, a tutte le forme ritmiche di musica, da quando stavamo scrivendo il nostro primo album ad ora. La musica rock non è da nessuna parte, davvero. Non so dove sia. Se c'è, nessuno mi ha invitato alla festa del rock. Tutta l'innovazione e le cose incredibili che stanno accadendo nella musica sono nell'hip-hop».[126] Questa dichiarazione ha provocato critiche diffuse dai fan del rock e da alcune rockstar come il frontman degli Slipknot Corey Taylor.[127] Nonostante questo contraccolpo, la band ha visto un continuo aumento di popolarità e successo commerciale nel 2018, portandoli a diventare uno dei gruppi pop più venduti al mondo.[128]

Benny Blanco e accuse di autenticità dei braniModifica

La band agli inizi della carriera difendevano la loro «autenticità nella scrittura, composizione e scelta dei brani», sebbene il cantautore e produttore Benny Blanco, ha rivelato che almeno alcune delle canzoni della band, come Moves like Jagger, sono il prodotto di sforzi o collaborazioni con cantautori e produttori professionisti.[129] Adam Levine ha replicato: «È quasi come se Benny Blanco avesse il tocco di Mida nel mettere insieme le persone giuste al momento giusto per creare un momento musicale. Lui è per la collaborazione. Ed è così bravo a inchiodare chi fa tutto meglio».[130]

Lavine ha raccontato in un'intervista del 2019 a Variety, il cambiamento avvenuto a partire dal quarto album Overexposed nella scelta di avere un maggior numero di compositori, autori e produttori:[131]

«Siamo stati autosufficienti per tre album; [...] siamo arrivati al punto in cui avevamo bisogno di fare un cambiamento. Avevo esaurito tutte le mie capacità come persona in gradi di trainare il gruppo. Sentivo, forse inconsciamente in quel momento, che avevo bisogno di aiuto. Lavorare con scrittori esterni non era qualcosa che volevo fare. Non avevo permesso nulla al di fuori del mio controllo. [...] Avrei potuto anche fidarmi di più della band, ma non l'ho fatto. Eppure, forse estendermi a scrittori esterni è stato un passo positivo per tutti noi come band. E ha portato a due canzoni davvero massicce fin dall'inizio.»

Problemi giudiziari di Michael MaddenModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Michael Madden.

Nel 2015 Madden viene arrestato con l'accusa possesso e spaccio di droga.[132]

A fine giugno 2020, il bassista del gruppo Michael Madden viene arrestato per violenze domestiche: nei giorni successivi, il musicista dichiara a People di aver deciso di lasciare il gruppo.[107]

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Maroon 5.

RiconoscimentiModifica

American Music Awards
  • 2004 – Candidatura all'artista esordiente favorito[133]
  • 2005 – Candidatura all'artista contemporary/adult favorito[134]
  • 2007 – Candidatura al gruppo pop/rock favorito[135]
  • 2011 – Gruppo pop/rock favorito[136]
  • 2012 – Candidatura all'artista dell'anno[137]
  • 2012 – Gruppo pop/rock favorito[137]
  • 2012 – Candidatura all'album pop/rock favorito per Overexposed[137]
  • 2013 – Gruppo pop/rock favorito[138]
  • 2015 – Candidatura all'artista dell'anno[139]
  • 2015 – Candidatura al gruppo pop/rock favorito[139]
  • 2017 – Candidatura alla collaborazione dell'anno per Don't Wanna Know[140]
  • 2018 – Candidatura al gruppo pop/rock favorito[141]
  • 2019 – Candidatura al gruppo contemporary/adult favorito[142]
  • 2020 – Candidatura al gruppo contemporary/adult favorito[143]
  • 2020 – Candidatura al gruppo pop/rock favorito[143]
BRIT Award
  • 2005 – Candidatura al miglior artista esordiente[144]
  • 2005 – Candidatura al miglior gruppo internazionale[144]
  • 2005 – Candidatura al miglior album internazionale per Songs About Jane[144]
  • 2012 – Candidatura al miglior gruppo internazionale[145]
Grammy Awards

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Andrew Leahey, Maroon 5, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  2. ^ a b c Maroon 5 V Album Review, in Rolling Stone.
  3. ^ Mikael Wood, Intimacy issues? Not for Maroon 5, in Los Angeles Times, 4 giugno 2007. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  4. ^ NOISE: No Rest for the Funky - Las Vegas Weekly, su web.archive.org, 28 giugno 2017. URL consultato il 16 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2017).
  5. ^ Allison Stewart, Quick spin: 'Overexposed,' by Maroon 5, in The Washington Post, 25 giugno 2012. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  6. ^ John Serba, Maroon 5: Charting the course of the band's newly astronomical success, su mlive.com. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  7. ^ Stephen Thomas Erlewine, Maroon 5 – Hands All Over, su allmusic.com, AllMusic. All Media Network. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  8. ^ (EN) Jody Rosen, Maroon 5 – Hands All Over, in Rolling Stone, 20 settembre 2010. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  9. ^ Jayson Greene, Maroon 5: Red Pill Blues, su pitchfork.com, Pitchfork, 8 novembre 2017. URL consultato il 9 novembre 2017.
  10. ^ Maroon 5, 'Overexposed': Track-By-Track Review, su billboard.com, Billboard, 26 giugno 2012. URL consultato il 29 novembre 2017.
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w (EN) Grammy: Maroon 5, su GRAMMY.com, 23 novembre 2020. URL consultato il 4 agosto 2021.
  12. ^ (EN) CONCERT ANNOUNCEMENT: Maroon 5 at Rogers Place Aug. 12 on 2020 Tour, su edmontonjournal. URL consultato il 4 agosto 2021.
  13. ^ (EN) Hugh McIntyre, Maroon 5 Matches Katy Perry And Rihanna For The Most No. 1 Hits On The Pop Chart, su Forbes. URL consultato il 4 agosto 2021.
  14. ^ (EN) Maroon 5 – The Vogue, su thevogue.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  15. ^ (EN) Maroon 5 Highlights Second Reveal of the 2010s' Top 10 Artists Leading Up to Billboard Music Awards, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  16. ^ (EN) Dan Kopf, Let’s admit it, Maroon 5 is the most popular American band of the 21st Century, su Quartz. URL consultato il 4 agosto 2021.
  17. ^ a b (EN) The Fourth World, su EW.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  18. ^ a b (EN) Jeff Leeds, Second CD by Maroon 5 Faces Great Expectations, in The New York Times, 21 maggio 2007. URL consultato il 12 agosto 2020.
  19. ^ a b c d e f g Billboard's Charts Histoy: Maroon 5, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  20. ^ a b c d e f (EN) Official Albums Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  21. ^ (EN) Maroon 5 'Would Have Liked' More Success with 'Hands All Over', su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  22. ^ a b Bruno Mars claims 2 best-selling digital songs of 2011 | News | Music Week, su www.musicweek.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  23. ^ (EN) James Montgomery, Maroon 5 'Born Again' With Pop-Heavy Overexposed, su MTV News. URL consultato il 4 agosto 2021.
  24. ^ a b c d 2012 Singles Sales IFPI, su ifpi.org.
  25. ^ a b (EN) Jon Dolan, Jon Dolan, Maroon 5, 'V' Album Review, su Rolling Stone, 2 settembre 2014. URL consultato il 4 agosto 2021.
  26. ^ HITS Daily Double : Rumor Mill - YTD MARKETSHARE AT THE SEVEN-MONTH MARK, su web.archive.org, 1º agosto 2015. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2015).
  27. ^ (EN) Sam Smith's 'The Thrill of It All' Debuts at No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  28. ^ (EN) Post Malone's 'Psycho' Hits No. 1 on Billboard Hot 100, Maroon 5's 'Girls Like You' Leaps to Top Five, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  29. ^ 9 October 2019, Maroon 5: il significato del video di "Memories" ti farà commuovere, su News Mtv Italia, 9 ottobre 2019. URL consultato il 4 agosto 2021.
  30. ^ a b (EN) Jon Dolan, Jon Dolan, Maroon 5 Get Reflective on 'Jordi', su Rolling Stone, 11 giugno 2021. URL consultato il 4 agosto 2021.
  31. ^ Kara's Flowers bio, su web.archive.org, 17 aprile 2001. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2001).
  32. ^ Dan Internet Archive, How they made it : true stories of how music's biggest stars went from start to stardom!, Milwaukee : Hal Leonard, 2006, ISBN 978-0-634-07642-8. URL consultato il 4 agosto 2021.
  33. ^ a b A&R, Record Label / Company, Music Publishing, Artist Manager and Music Industry Directory, su web.archive.org, 25 agosto 2017. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2017).
  34. ^ (EN) Search Results for "adam levine" | Grove Music Online | Grove Music, su Grove Music Online. URL consultato il 4 agosto 2021.
  35. ^ (EN) TBT: Maroon 5's Thoughts On Phish, su Relix Media, 23 aprile 2020. URL consultato il 4 agosto 2021.
  36. ^ Get down with Maroon 5 - Focus - The Daily Campus - University of Con…, su archive.ph, 8 luglio 2011. URL consultato il 4 agosto 2021.
  37. ^ a b (EN) It Won't Be Soon Before Long by Maroon 5. URL consultato il 4 agosto 2021.
  38. ^ This Love by Maroon 5 - Music Charts, su acharts.co. URL consultato il 4 agosto 2021.
  39. ^ a b c d (EN) Ask Billboard: MAGIC!'s 'Rude' Revives Reggae, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  40. ^ (EN) Susan Visakowitz, Radio success fuels Maroon5's "Wonder" years, in Reuters, 22 aprile 2007. URL consultato il 4 agosto 2021.
  41. ^ (EN) Archive-Corey-Moss, Maroon 5 Back With 'Harder' Album After Adam Levine Gets Sick Of Partying, su MTV News. URL consultato il 4 agosto 2021.
  42. ^ (EN) 49th Annual GRAMMY Awards, su GRAMMY.com, 28 novembre 2017. URL consultato il 4 agosto 2021.
  43. ^ MTV Video Music Awards 2004: Winners, su people.com.
  44. ^ (EN) MTV Europe Awards 2004: The winners, 18 novembre 2004. URL consultato il 4 agosto 2021.
  45. ^ 2004 World Music Awards Winners, su Billboard, 16 settembre 2004. URL consultato il 4 agosto 2021.
  46. ^ (EN) Maroon 5 Makes 'Wondrous' Jump To Lead Hot 100, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  47. ^ (EN) Kelly Clarkson Breaks Record For Hot 100 Jump, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  48. ^ Maroon 5 Dominates iTunes Sales Chart With Three Simultaneous Number One’s, su web.archive.org, 4 settembre 2017. URL consultato il 12 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2017).
  49. ^ TV.com, CSI: NY: Page Turner, su TV.com. URL consultato il 24 luglio 2016.
  50. ^ No Need to 'Wonder' - Maroon 5 Debuts at #1, su web.archive.org, 6 dicembre 2008. URL consultato il 12 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2008).
  51. ^ (EN) Jane Emery, Maroon 5 Announces Their World Tour: It Won't Be Soon Before Long, su LA's The Place Los Angeles, Magazine, 13 luglio 2007. URL consultato il 12 agosto 2020.
  52. ^ (EN) Maroon 5 & John Legend Rock Inaugural ‘Declare Yourself’ Event, su NBC 5 Dallas-Fort Worth. URL consultato il 12 agosto 2020.
  53. ^ (EN) Maroon 5 covers Frank Sinatra's 'The Way You Look Tonight': Hear it here, su EW.com. URL consultato il 12 agosto 2020.
  54. ^ Adam Levine: Maroon 5 not disbanding any time soon - INQUIRER.net, Philippine News for Filipinos, su web.archive.org, 25 marzo 2011. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2011).
  55. ^ Maroon 5 talks about band's "longevity" in new Billboard issue - International Business Times, su web.archive.org, 4 settembre 2010. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2010).
  56. ^ (EN) James Montgomery, Maroon 5 Get Violent In 'Misery' Video, su MTV News. URL consultato il 4 agosto 2021.
  57. ^ Hear Maroon 5 “Give A Little More” On Their New Single, su idolator, 17 agosto 2010. URL consultato il 4 agosto 2021.
  58. ^ (EN) Album review: Maroon 5's 'Hands All Over', su LA Times Blogs - Pop & Hiss, 22 settembre 2010. URL consultato il 4 agosto 2021.
  59. ^ (EN) MTV News Staff, American Music Awards 2012: Complete Winners List, su MTV News. URL consultato il 4 agosto 2021.
  60. ^ www.amazon.com, https://www.amazon.com/Hands-All-Over-Revised-Maroon/dp/B005EVVESM. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  61. ^ a b Maroon 5 - Moves Like Jagger featuring Christina Aguilera, su web.archive.org, 16 settembre 2012. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2012).
  62. ^ Maroon 5 - Moves Like Jagger Lyrics MetroLyrics, su www.metrolyrics.com. URL consultato il 24 luglio 2016.
  63. ^ Maroon 5, Christina Aguilera's 'Jagger' Moves to No. 1 on Hot 100, su Billboard, 31 agosto 2011. URL consultato il 12 agosto 2020.
  64. ^ (EN) Robert Copsey, Maroon 5, Aguilera extend Billboard lead, su Digital Spy, 22 settembre 2011. URL consultato il 4 agosto 2021.
  65. ^ Adam Levine And Christina Aguilera Move Like Jagger On ‘The Voice’, su idolator, 22 giugno 2011. URL consultato il 4 agosto 2021.
  66. ^ Maroon 5 | News: Hands All Over with Aguilera move on, su web.archive.org, 4 gennaio 2012. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2012).
  67. ^ Maroon 5 Announces Fall Tour Dates, su Billboard, 28 giugno 2010. URL consultato il 12 agosto 2020.
  68. ^ ‘The Voice’: Maroon 5 & Wiz Khalifa Dial Up “Payphone”; Two Vocalists Are Cut, su idolator, 17 aprile 2012. URL consultato il 5 agosto 2021.
  69. ^ (EN) Maroon 5's 'Payphone' Charges Onto Hot 100, su Billboard. URL consultato il 5 agosto 2021.
  70. ^ italiancharts.com - Maroon 5 feat. Wiz Khalifa - Payphone, su italiancharts.com. URL consultato il 5 agosto 2021.
  71. ^ (EN) MTV News Staff, Billboard Music Awards 2013: The Complete Winners List, su MTV News. URL consultato il 5 agosto 2021.
  72. ^ (EN) Gil Kaufman, 2012 VMA Nominations: The Complete List, su MTV News. URL consultato il 5 agosto 2021.
  73. ^ (EN) Maroon 5 Reaches No. 1 on Hot 100 with 'One More Night', su Billboard. URL consultato il 5 agosto 2021.
  74. ^ Confidential, NBC gets sour note as World Music Awards with Miley Cyrus and Mariah Carey miss air date, su nydailynews.com. URL consultato il 5 agosto 2021.
  75. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Maroon 5 built 'Overexposed' to be just that, su Los Angeles Times, 24 giugno 2012. URL consultato il 5 agosto 2021.
  76. ^ australian-charts.com - Maroon 5 - Daylight, su australian-charts.com. URL consultato il 5 agosto 2021.
  77. ^ (EN) Macklemore & Ryan Lewis' 'Thrift Shop' No. 1 On Hot 100 for Fourth Week, su Billboard. URL consultato il 5 agosto 2021.
  78. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Maroon 5 takes 'V' to No. 1 on Billboard 200 album chart, su Los Angeles Times, 10 settembre 2014. URL consultato il 5 agosto 2021.
  79. ^ (EN) JadePublished: March 5, 2013, Maroon 5 Overexposed Tour Featuring Neon Trees + Owl City Concert Review — St. Paul, MN, su MIX 94.9. URL consultato il 12 agosto 2020.
  80. ^ (EN) Carolyn Menyes, Maroon 5 announces new album 2014 'V', Interscope deal and return of keyboardist Jesse Carmichael, su Music Times, 19 maggio 2014. URL consultato il 5 agosto 2021.
  81. ^ (EN) Gil Kaufman, Maroon 5 Have 'Great Songs' Recorded For Next Album, su MTV News. URL consultato il 5 agosto 2021.
  82. ^ Maroon 5 Drops New Song "Maps"—Listen Now!, su E! Online, 16 giugno 2014. URL consultato il 5 agosto 2021.
  83. ^ Canadian Hot 100: Maroon 5, su Billboard. URL consultato il 5 agosto 2021.
  84. ^ Maroon 5 - Chart history Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 24 luglio 2016.
  85. ^ V - Maroon 5 Songs, Reviews, Credits AllMusic, su AllMusic. URL consultato il 24 luglio 2016.
  86. ^ (EN) T. H. R. staff, T. H. R. staff, Interscope Geffen A&M Acquires Full Ownership of Label Home to Maroon 5, su The Hollywood Reporter, 7 ottobre 2013. URL consultato il 5 agosto 2021.
  87. ^ a b (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 12 agosto 2020.
  88. ^ (EN) Maroon 5's 'Sugar' Rushes to the Top 10, su www.yahoo.com. URL consultato il 5 agosto 2021.
  89. ^ (EN) Brittany Spanos, Brittany Spanos, Hear Maroon 5's Insulting New 'This Summer's Gonna Hurt', su Rolling Stone, 15 maggio 2015. URL consultato il 5 agosto 2021.
  90. ^ (EN) Theo Leanse, V review – Maroon 5 revel in sugary audience seduction, su the Guardian, 30 agosto 2014. URL consultato il 5 agosto 2021.
  91. ^ Maroon 5 Debut New Single & Lyric Video for 'Cold' Featuring Future! - KiSS 103.1, su www.kiss1031.ca. URL consultato il 7 maggio 2019.
  92. ^ (EN) Maroon 5 & Kendrick Lamar's "Don't Wanna Know" Reaches #1 On US iTunes Sales Chart, su Headline Planet, 14 ottobre 2016. URL consultato il 4 agosto 2021.
  93. ^ (EN) Elias Leight, Elias Leight, Maroon 5 Announce New 2018 Tour Dates, su Rolling Stone, 26 ottobre 2017. URL consultato il 4 agosto 2021.
  94. ^ (EN) Post Malone Rules Billboard Hot 100 for Fifth Week, Sam Smith Hits New High, Maroon 5 & SZA Reach Top 10, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  95. ^ Top 40/M Future Releases | Mainstream Hit Songs Being Released and Their Release Dates ..., su web.archive.org, 4 gennaio 2018. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2018).
  96. ^ RTL 102 5 Hit Radio s.r.l, Maroon 5, annunciato il nuovo album Red Pill Blues, su https://www.rtl.it/, 8 maggio 2019. URL consultato il 7 maggio 2019.
  97. ^ (EN) Zachary Hoskins, Review: Maroon 5, Red Pill Blues, su slantmagazine.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  98. ^ Girls Like You (feat. Cardi B) - Single di Maroon 5 su Apple Music, su archive.fo, 10 luglio 2018. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  99. ^ (EN) Maroon 5 & Cardi B's 'Girls Like You' Hits No. 1 on Hot 100, Eminem & 5 Seconds of Summer New to Top 10, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  100. ^ (EN) Maroon 5 & Cardi B's 'Girls Like You' Leads Billboard Hot 100 For Seventh Week, Halsey & Sheck Wes Hit Top 10, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  101. ^ (EN) 2019 Billboard Music Awards Winners: The Complete List, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  102. ^ Super Bowl 2019: le ultime sull'Halftime Show dei Maroon 5, su GQ Italia. URL consultato il 12 agosto 2020.
  103. ^ (EN) Maroon 5 have us all reminiscing at the Summertime Ball, su Capital. URL consultato il 12 agosto 2020.
  104. ^ 9 October 2019, Maroon 5: il significato del video di "Memories" ti farà commuovere, su News Mtv Italia, 9 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  105. ^ (EN) Moves Like Jagger: Maroon 5 Matches The Rolling Stones for Hot 100 Longevity Record, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  106. ^ (EN) Upcoming Maroon 5 doc will show "how unique they actually are," says director David Dobkin - Music News - ABC News Radio, su abcnewsradioonline.com. URL consultato il 12 agosto 2020.
  107. ^ a b (EN) Maroon 5's Mickey Madden Taking 'Leave of Absence' After Arrest: 'I Do Not Want to Be a Distraction', su PEOPLE.com. URL consultato il 12 agosto 2020.
  108. ^ (EN) Maroon 5 Confirms Late Thursday/Early Friday Release Date For New Song 'Nobody's Love', su Headline Planet, 20 luglio 2020. URL consultato il 12 agosto 2020.
  109. ^ (EN) Condé Nast, Listen to Maroon 5 and Megan Thee Stallion’s New Song “Beautiful Mistakes”, su Pitchfork, 3 marzo 2021. URL consultato il 4 agosto 2021.
  110. ^ (EN) Maroon 5: Jordi review – pop at its most shallow and calculating, su the Guardian, 10 giugno 2021. URL consultato il 4 agosto 2021.
  111. ^ (EN) Jordi by Maroon 5. URL consultato il 4 agosto 2021.
  112. ^ Maroon 5 | Biography | AllMusic, su web.archive.org, 9 settembre 2014. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2014).
  113. ^ NOISE: No Rest for the Funky - Las Vegas Weekly, su web.archive.org, 28 giugno 2017. URL consultato il 4 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2017).
  114. ^ (EN) Allison Stewart, Quick spin: ‘Overexposed,’ by Maroon 5, in Washington Post, 25 giugno 2012. URL consultato il 4 agosto 2021.
  115. ^ Maroon 5: Red Pill Blues review – impeccable pop and middling R&B | Maroon 5 | The Guardian, su amp.theguardian.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  116. ^ (EN) Jody Rosen, Jody Rosen, Hands All Over, su Rolling Stone, 20 settembre 2010. URL consultato il 4 agosto 2021.
  117. ^ Maroon 5: They will be loved, su www.telegraph.co.uk. URL consultato il 4 agosto 2021.
  118. ^ (EN) MTV Music, su MTV. URL consultato il 4 agosto 2021.
  119. ^ Maroon 5 Photo Gallery : Rolling Stone, su rollingstone.com, 24 agosto 2007. URL consultato il 24 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2007).
  120. ^ (EN) Justin Harp, Adam Levine 'reveals musical influences', su Digital Spy, 20 ottobre 2010. URL consultato il 4 agosto 2021.
  121. ^ (EN) U.S. Fund for UNICEF and Maroon 5 Launch #Maroon5Day to Save and Improve the Lives of the World’s Most Vulnerable Children, su UNICEF USA. URL consultato il 6 agosto 2021.
  122. ^ (EN) Maroon 5, Travis Scott donate $500K to charity before Super Bowl halftime show - National | Globalnews.ca, su Global News. URL consultato il 6 agosto 2021.
  123. ^ (EN) City of Hope’s Music, Film and Entertainment Industry to host ‘Closing the Care Gap – Facing Racial Disparities in Health Equity: Ensuring Black Lives Matter’ symposium, su www.cityofhope.org. URL consultato il 6 agosto 2021.
  124. ^ Maroon 5, donne attaccano Adam Levine: "Il video Animals banalizza stalking", su Il Fatto Quotidiano, 2 ottobre 2014. URL consultato il 6 agosto 2021.
  125. ^ (EN) Blood, stalker, sex, tragic: Maroon 5's Animals video insults every woman | Jessica Valenti, su the Guardian, 1º ottobre 2014. URL consultato il 6 agosto 2021.
  126. ^ (EN) Shirley Halperin, How Adam Levine Took Control of His Career After Manager’s Tragic Death, in Variety, 27 novembre 2018. URL consultato il 4 agosto 2021.
  127. ^ (EN) A Brief History of Maroon 5's Corny Collaborations With Rappers, su www.vice.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  128. ^ (EN) 5 Bands That Were Sucked By The Pop Monster And Became Crappy, su odysseyonline. URL consultato il 4 agosto 2021.
  129. ^ (EN) James C. McKinley Jr, Blanco hit maker of Rihanna and Maroon 5, in The New York Times, 4 gennaio 2013. URL consultato il 4 agosto 2021.
  130. ^ 7 Questions With Maroon 5’s Adam Levine, su idolator, 24 settembre 2010. URL consultato il 4 agosto 2021.
  131. ^ (EN) Shirley Halperin, Shirley Halperin, How Adam Levine Took Control of His Career After Manager’s Tragic Death, su Variety, 27 novembre 2018. URL consultato il 6 agosto 2021.
  132. ^ (EN) Maroon 5's Mickey Madden Accepts Community Service Deal Following Cocaine Arrest, su Billboard. URL consultato il 6 agosto 2021.
  133. ^ Rock On The Net: 32nd American Music Awards (presented in 2004), su www.rockonthenet.com. URL consultato il 4 agosto 2021.
  134. ^ (EN) 2005 American Music Awards Winners, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  135. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, 2007 American Music Awards Nominees and Winners, su Los Angeles Times, 9 ottobre 2007. URL consultato il 4 agosto 2021.
  136. ^ (EN) Jane Kellogg, Jane Kellogg, AMAs 2011: Winners and Nominees Complete List, su The Hollywood Reporter, 20 novembre 2011. URL consultato il 4 agosto 2021.
  137. ^ a b c (EN) T. H. R. staff, T. H. R. staff, American Music Awards 2012: The Complete Winners List, su The Hollywood Reporter, 18 novembre 2012. URL consultato il 4 agosto 2021.
  138. ^ American Music Awards 2013 4 premi a Taylor Swift, su Onstage, 25 novembre 2013. URL consultato il 4 agosto 2021.
  139. ^ a b (EN) American Music Awards 2015: Check Out All the Winners Here, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  140. ^ (EN) Here Are All the Winners From the 2017 AMAs, su Billboard. URL consultato il 4 agosto 2021.
  141. ^ (EN) 2018 Winners, su American Music Awards. URL consultato il 4 agosto 2021.
  142. ^ (EN) 2019 Winners, su American Music Awards. URL consultato il 4 agosto 2021.
  143. ^ a b American Music Awards 2020, tutti i vincitori | Rolling Stone Italia, su rollingstone.it, 23 novembre 2020. URL consultato il 4 agosto 2021.
  144. ^ a b c (EN) Brits 2005: The winners, 9 febbraio 2005. URL consultato il 4 agosto 2021.
  145. ^ (EN) Brit Awards 2012: List of winners, in BBC News, 21 febbraio 2012. URL consultato il 4 agosto 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN153905399 · ISNI (EN0000 0001 0791 4268 · LCCN (ENno2003015956 · GND (DE3059376-1 · BNF (FRcb14580019n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003015956
  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock