Martin Kamburov

calciatore bulgaro
Martin Kamburov
Martin Kamburov in 2017.jpg
Nazionalità Bulgaria Bulgaria
Altezza 188 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 2022
Carriera
Giovanili
1990-1998Botev Plovdiv
Squadre di club1
1998-1999Botev Plovdiv12 (2)
2000Lokomotiv Plovdiv4 (0)
2000-2001Svilengrad19 (7)
2001Botev Plovdiv9 (1)
2001-2002Spartak Pleven31 (6)
2002-2006Lokomotiv Plovdiv91 (73)
2006-2007Al-Ahli22 (11)
2007Lokomotiv Plovdiv11 (5)
2007-2008Asteras Tripolīs10 (0)
2008-2010Lokomotiv Sofia44 (33)
2010-2012Dalian Shide64 (27)
2013CSKA Sofia11 (3)
2013-2014Lokomotiv Plovdiv35 (20)
2014CSKA Sofia0 (0)
2014-2017Lokomotiv Plovdiv91 (47)
2017-2020Beroe94 (48)
2020-2021CSKA 1948 Sofia15 (9)
2021-2022Beroe28 (10)
Nazionale
2004-2010Bulgaria Bulgaria15 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Martin Kamburov (bulgaro: Мартин Камбуров; Svilengrad, 13 ottobre 1980) è un ex calciatore bulgaro, di ruolo attaccante.

È il primatista di reti nella massima divisione bulgara.[1]

CarrieraModifica

ClubModifica

Inizia la carriera nel Botev Plovdiv, con cui esordisce nella stagione 1998-1999 e realizza, diciottenne, il suo primo gol, nella partita di massima divisione bulgara persa per 3-1 contro il Neftochimic Burgas, il 6 marzo 1999. Passato al Lokomotiv Plovdiv nel 2000, l'anno dopo gioca nello Svilengrad, squadra della sua città natale, e nel 2001 torna al Botev. Nell'estate del 2001 si trasferisce allo Spartak Pleven e nel 2002 torna al Lokomotiv Plovdiv, di cui veste la maglia per i quattro anni seguenti, vincendo il campionato nel 2003-2004 e ottiene il terzo posto nel 2004-2005; in entrambe le annate è capocannoniere della massima serie bulgara, rispettivamente con 26 reti e 27 reti, per un totale di 53 gol in 58 presenze in campionato.

Nel 2006 passa ai sauditi dell'Al-Ahli in cambio di 2 milioni di euro. Ritornato al Lokomotiv Plovdiv dopo qualche mese, nel 2007 si accasa ai greci dell'Asteras Tripolīs, che ne rilevano le prestazioni per 400 000 euro. Nel 2008 torna in patria, al Lokomotiv Sofia, in cambio di 250 000 euro. Segna 17 gol in 15 presenze di campionato alla prima stagione e firma 16 marcature in 29 giornate del torneo bulgaro nella seconda, durante la quale si afferma ancora come capocannoniere del campionato (terza volta in cinque anni).

Nel 2010 si sposta in Cina, al Dalian Shide, per mezzo milione di euro. Nel 2012 fa ritorno in patria, al CSKA Sofia, con cui disputa una 11 partite realizzando un gol. Tornato al Lokomotiv Plovdiv a titolo gratuito nel 2013, vi rimane per una stagione e realizza 20 gol (una tripletta, quattro doppiette e il gol su calcio di rigore che consente al suo club di battere il CSKA Sofia per 2-0), riuscendo a vincere per la quarta volta il titolo di miglior marcatore del torneo bulgaro. Nel 2014 il CSKA Sofia decide di acquistare nuovamente Kamburov ma, dopo averlo utilizzato per un paio di incontri in Europa League (i bulgari sono eliminati dalla competizione dallo Zimbru Chișinău, a causa della regola dei gol fuori casa), l'attaccante rescinde il contratto con la società e fa ritorno al Lokomotiv Plovdiv, per la quarta volta nella propria carriera. Vi rimane per un triennio, segnando 47 gol in campionato; si laurea capocannoniere del campionato bulgaro nel 2015-2016. Nel 2017 è in forza al Beroe, dove resta per tre anni, segnando 48 gol in massima serie e vincendo ancora il titolo di capocannoniere del campionato nel 2019-2020.

Nel 2020 si accasa al CSKA 1948 Sofia, con cui segna 9 reti in una stagione. Nel 2021 torna al Beroe, con cui il 13 settembre 2021 batte il primato di gol nel massimo campionato bulgaro, in precedenza appartenuto a Petăr Žekov, realizzando il 254° gol in campionato in occasione di Beroe-Carsko Selo (1-0).[1]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Lokomotiv Plovdiv: 2003-2004
Lokomotiv Plovdiv: 2004
Al-Ahli: 2007
Al-Ahli: 2007

IndividualiModifica

2003-2004 (25 gol), 2004-2005 (27 gol), 2008-2009 (16 gol), 2013-2014 (20 gol, assieme a Wilmar Jordán Gil), 2015-2016 (18 gol), 2019-2020 (18 gol)

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica