Apri il menu principale
I martiri cinesi della Chiesa Cattolica.

Con l'espressione martiri cinesi o martiri in Cina si intende spesso una schiera di 120 Cattolici tra ecclesiastici, religiosi, missionari e laici di diverse nazionalità uccisi nel corso di diverse successive persecuzioni tra il 1648 e il 1930 in varie regioni della Cina, anche se ve ne sono molti altri della Chiesa Ortodossa e di varie denominazioni protestanti, come pure negli anni del regime comunista (dal 1949 in poi).

Divisi in diversi gruppi e beatificati in epoche diverse, sono stati proclamati santi da papa Giovanni Paolo II il 1º ottobre 2000.

Il capofila della schiera dei martiri in Cina è il sacerdote cinese Agostino Zhao Rong, morto in carcere nel 1815; gli altri nomi evidenziati dalla formula di canonizzazione sono quelli di Pietro Zhou Rixin, decapitato durante la rivolta dei Boxer, la vergine quattordicenne Anna Wang, il protomartire di Cina Francisco Fernández de Capillas, missionario domenicano spagnolo, Jean-Gabriel-Taurin Dufresse, vescovo francese della Società per le missioni estere di Parigi, Gregorio Maria Grassi, vescovo francescano italiano, e il missionario gesuita Léon-Ignace Mangin.[1]

Secondo il Calendario romano generale, la memoria dei santi Agostino Zhao Rong e compagni si celebra il 9 luglio.

Di seguito, le date e i luoghi del martirio e i nomi dei martiri:

Indice

Martiri sotto i Tartari ManciùModifica

Martiri sotto gli imperatori Yung-Cheng (1723-1735) e il figlio di lui Qianlong (1735-1796)Modifica

Martiri sotto l'imperatore Kia-Kin (1796-1820)Modifica

Martiri sotto l'imperatore Daoguang (1820-1850)Modifica

Martiri sotto l'imperatore Xianfeng (1850-1861)Modifica

Martiri di MaoKouModifica

Martiri di QingyanzhenModifica

 
S. Paolo Chen

Martiri di GuizhouModifica

Martiri dello ShanxiModifica

NoteModifica

  1. ^ Agostino Zhao Rong e 119 compagni cinesi, su Ufficio delle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice, http://www.vatican.va, 1º ottobre 2000. URL consultato il 3 giugno 2014.

Collegamenti esterniModifica