Marvel vs. Capcom: Infinite

videogioco del 2017
Marvel vs. Capcom Infinite
videogioco
PiattaformaXbox One, PlayStation 4, Microsoft Windows
Data di pubblicazioneGiappone 21 settembre 2017
Flags of Canada and the United States.svg 19 settembre 2017
Zona PAL 19 settembre 2017
GenerePicchiaduro a incontri
OrigineGiappone
SviluppoCapcom, Eighting
PubblicazioneCapcom
SerieMarvel vs. Capcom (serie)
Modalità di gioco[Giocatore singolo]], multigiocatore
SupportoDVD-ROM, Blu-ray Disc
Distribuzione digitaleSteam, Xbox Live, PlayStation Network
Fascia di etàPEGI: 12
Preceduto daUltimate Marvel vs. Capcom 3
(EN)

«We are born of two universes. Each of them imperfect; each afflicted with the cancer of organic life. From their ruins, a new universe shall be forged, in the fire of the stones of reality, and space. All life remade in our image, in steel, free from the sins of the flesh. We are Ultron Sigma. We are your god.»

(IT)

«Siamo figli di due universi... mondi imperfetti, logorati da quella piaga che è la vita organica. Mondi da quali verrà forgiato un nuovo universo, tra le fiamme delle Gemme della Realtà e dello Spazio... dove la vita riemergerà nell'acciaio, plasmata a nostra immagine e libera dai peccati della carne. Siamo Ultron Sigma... Il vostro nuovo dio.»

(Ultron Sigma)

Marvel vs. Capcom: Infinite (マーベル VS. カプコン:インフィニット Māberu VS. Kapukon: Infinitto?) è un videogioco picchiaduro sviluppato dalla Capcom e distribuito nel 2017 per Microsoft Windows, Xbox One e PlayStation 4. È il sesto capitolo della serie Marvel vs. Capcom, e come i precedenti titolo, anche questo presenta combattimenti in cui è possibile far combattere i personaggi della Marvel e della Capcom tra loro in battaglie a squadre; tuttavia, a differenza del precedente capitolo, ogni squadra può comprendere due combattenti invece di tre rispetto ai titoli precedenti, e le mosse assist dei personaggi sono state sostituite dal sistema combo tag, che permette ai giocatori di cambiare tra i due personaggi all'istante per infliggere combo continue. Altra meccanica di ritorno da Marvel Super Heroes è le Gemme dell'Infinito, che donano benefici temporanei e abilità uniche alla squadra, a seconda della gemma selezionata.

Il gioco è stato votato in maniera altalenante: da un lato gli utenti e la critica ne hanno apprezzato i nuovi elementi del gameplay, mentre dall'altro sono state criticate la grafica e il roster dei personaggi. Inoltre, il gioco è stato in ogni caso un fallimento commerciale: sebbene ci si aspettassero almeno due milioni di copie vendute, alla fine del mese di dicembre 2017 è riuscito a venderne soltanto un milione.

TramaModifica

Il videogioco è anche il primo della serie ad avere una modalità storia vera e propria, con una trama cinematica a sé; la trama segue i più grandi eroi degli universi Marvel e Capcom, che devono unire tutte le forze per salvare i loro mondi uniti contro una potente minaccia inedita più grande dal nome del malvagio Ultron Sigma.

Modalità di giocoModifica

Come i suoi predecessori, il gioco è un picchiaduro bidimensionale a incontri dove i giocatori si competono l'un l'altro usando i personaggi della Marvel e della Capcom. Se altri capitoli della serie, come Marvel vs. Capcom 3, consentivano battaglie in 3 contro 3, qui ci sono battaglie 2 contro 2, in maniera simile a Marvel vs. Capcom: Clash of Super Heroes e altri capitoli precedenti della serie. Inoltre, il gioco sostituisce il tradizionale sistema di attacchi assist dai personaggi off-screen con un sistema tag libero noto come "Active Switch", simile al "Team Aerial Combo" di Marvel vs. Capcom 3 e al "Switch Cancel" di Street Fighter X Tekken, nel quale i giocatori possono scambiarsi immediatamente col compagno di squadra in qualsiasi momento, anche se si trovano a mezz'aria o mentre stanno attaccando. Questo permette ai giocatori di creare i propri assist offensivi o difensivi attraverso il sistema scambio e formare combo continue tra i due personaggi.

Oltre a utilizzare le loro "Hyper Combos", le loro mosse più potenti, i personaggi possono sacrificare parte della loro "Hyper Combo Gauge" per eseguire una nuova meccanica, la "Counter Switch", che scambia il personaggio con il suo compagno di squadra mentre l'avversario lo sta attaccando, dando così al giocatore l'opportunità di contrattaccare e liberare il personaggio intrappolato nella combo nemica. La barra Hyper Combo è divisa in quattro tacche, a differenza delle cinque usate in Marvel vs. Capcom 2 e 3.

Il gioco include anche una meccanica inedita e presente solo in Marvel Super Heroes, ovvero le Gemme dell'Infinito. Prima di ogni incontro, il giocatore può scegliere una delle sei Gemme, ognuna delle quali ha un'abilità attivabile in qualsiasi momento nota come "Infinity Surge": ad esempio, la Gemma del Potere produce un effetto respinta quando usata, mentre quella dello Spazio attira l'avversario verso il giocatore. Ogni Gemma presenta anche una seconda abilità, chiamata "Infinity Storm", attivabile una volta riempita a metà la barra dell'Infinito, e che concede un notevole bonus temporaneo, simile al sistema X-Factor di Marvel vs. Capcom 3: per esempio, la Gemma del Potere incrementa il danno e l'abilità delle combo del possessore, mentre quella dello Spazio intrappola l'avversario in un'area confinata che ne limita pesantemente i movimenti.

Le modalità offline includono la Storia, l'Arcade, la Missione, l'Addestramento e il Versus, diviso in Versus Player 2 e Versus CPU, mentre quelle online includono incontri casuali e classificati, ma anche la Lega dei Principianti, una lega speciale progettata per giocatori di basso livello che competono per le graduatorie a livelli superiori.

Personaggi giocabiliModifica

Di sotto sono classificati tutti i personaggi giocabili nel gioco, compresi i DLC.

Personaggi Classici Nuovi DLC
Marvel Capitan America
Doctor Strange
Dormammu
Ghost Rider
Occhio di Falco
Hulk
Iron Man
Nova
Rocket Raccoon
Spider-Man
Thanos
Thor
Capitan Marvel
Gamora
Ultron
Pantera Nera
Soldato d'Inverno
Vedova Nera
Venom
Capcom Arthur
Chris Redfield
Chun-Li
Dante
Firebrand
Frank West
Mike Haggar
Morrigan Aensland
Nathan Spencer
Nemesis
Ryu
Strider Hiryu
Zero
Jedah Dohma
X
Monster Hunter
Sigma

Accoglienza e venditeModifica

Sito media statistica Punteggio
Metacritic 77/100 (XONE)[1]
72/100 (PS4)[2]
69/100 (PC)[3]
Accoglienza
Recensione Giudizio
Destructoid 7.5/10[4]
Game Informer 8.25/10[5]
GameSpot 8/10[6]
GamesRadar+      [7]
IGN 7.7/10[8]
Polygon 7.7/10[9]
VentureBeat 75/100[10]
Metro 8/10[11]

Marvel vs. Capcom: Infinite ha ricevuto un'accoglienza poco superiore alla media nei confronti di Metacritic, che gli ha dato punteggi di 77, 72, e 69 rispettivamente per le versioni Xbox One, PlayStation 4 e Microsoft Windows.[1][2][3]

Il gioco è stato lodato per il suo gameplay, incluso i suoi cambiamenti nel sistema tradizionale tag team e l'aggiunta delle Gemme dell'Infinito.[5][6][8][9] Tamoor Hussain della GameSpot ha dato i suoi complimenti agli sviluppatori per aver semplificato il sistema tag team senza sacrificare la profondità del gameplay[6], e ne ha apprezzato il sistema di combattimento più aperto, ritenendo Infinite un "telo bianco" e le sue meccaniche "come i pennelli per dipingere una squadra di super eroi unica".[6] Anche Chelsea Stark e Jeff Ramos della Polygon ne hanno apprezzato le meccaniche, dichiarando che il sistema tag team ha aperto nuove opzioni per nuove combo.[9] Inoltre, Darry Huskey della IGN ha descritto la decisione di rimpiazzare il terzo personaggio delle squadre con una Gemma dell'Infinito come la "corona" del design di Infinite, dichiarando che "funziona così bene, che fa sembrare davvero obsoleta l'idea di una squadra a tre personaggi".[8] Ben Reeves della Game Informer ha scritto che il sistema di lotta, l'inclusione delle combo automatiche e i super attacchi semplificati hanno dato un caldo benvenuto ai neofiti della serie.[5]

Quanto alla critica, la sua presentazione non è stata certo delle migliori.[4][6][7][9][11][12] Huskey ha ritenuto il design dei personaggi "brutto e malmenato", e la colonna sonora orchestrale "dimenticabile e facilmente ignorata".[6] Stark e Ramos hanno dichiarato che l'estetica erano tra "le più banali mai viste nel franchise", e ritenuto l'interfaccia utente "delle grafiche che non sono mai state cambiate per il prodotto finale".[9] Anche Chris Carter della Destructoid ne ha disprezzato le visuali, descrivendone la grafica come "un crimine contro l'umanità".[4] Sam Prell della GamesRadar ha ritenuto la presentazione di Infinite, in confronto con "l'arte cell-shading di Marvel vs. Capcom 3" e "gli sprite lisci come l'olio di Marvel vs. Capcom 2", "cade nel nulla".[7] Wesley Yin-Poole della Eurogamer ha chiamato lo stile artistico "un tentativo disperato di attecchire il pubblico dell'universo cinematografico della Marvel" e "un abominio da guardare che non attecchisce né ai fan dei film né a quelli dei fumetti".[12]

Infinite è stato criticato anche per il roster dei personaggi giocabili, più piccolo dell'episodio precedente, Ultimate Marvel vs. Capcom 3, e riciclante molti dei suoi personaggi.[7][10][11][12][13] Mike Minotti VentureBeat è rimasto deluso dalla grandezza del roster, soprattutto in confronto ai suoi predecessori, e all'esigua quantità di nuovi personaggi.[10] Yin-Poole ne ha notato anche la mancanza di diversità, e in particolare la carenza di personaggi femminili giocabili.[12] GameCentral della Metro ha ritenuto il roster "colpevole di pigrizia e/o mancanza di budget", e che gran parte delle scelte del roster finale erano prese da avvocati e addetti al marketing.[11] Anche l'omissione di personaggi dai franchise X-Men e Fantastici Quattro è stata molto criticata, speculando che l'allora attiva disputa tra la The Walt Disney Company, Marvel Studios, e 20th Century Fox sui diritti del film fosse il motivo principale dietro la loro esclusione.[8][10][12][13] Prell e Yin-Poole si sono entrambi lamentati della mancanza di personaggi degli X-Men, che al contrario erano presenti in abbondanza negli altri titoli della serie Marvel vs. Capcom.[7][12] In particolare, Yin-Poole ha dichiarato che la loro omissione è stata "una coltellata al cuore dei fan [di Marvel vs. Capcom] - una per la quale non c'è rimedio."[12]

Il gioco è stato nominato "Best Fighting Game of E3 2017" (Miglior Picchiaduro della E3 2017) dalla Game Critics Awards, vinto però da Dragon Ball FighterZ.[14] È stato anche nominato come "Best Fighting Game of 2017" (Miglior Picchiaduro del 2017) dalla IGN, The Game Awards, e al 21° D.I.C.E. Awards annuale, premi tuttavia vinti da Injustice 2.[15][16][17] Inoltre, è stato nominato per "Control Precision" (Precisione dei Controlli) e "Game, Franchise Fighting" (Gioco, Picchiaduro di Franchise) al 17º premio National Academy of Video Game Trade Reviewers annuale, vinti però rispettivamente da Cuphead e Tekken 7.[18][19]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Marvel vs. Capcom: Infinite for Xbox One Reviews, su Metacritic, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  2. ^ a b (EN) Marvel vs. Capcom: Infinite for PlayStation 4 Reviews, su Metacritic, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017.
  3. ^ a b (EN) Marvel vs. Capcom: Infinite for PC Reviews, su Metacritic, 26 settembre 2017. URL consultato il 26 settembre 2017.
  4. ^ a b c (EN) Chris Carter, Review: Marvel vs. Capcom: Infinite, su Destructoid, 18 settembre 2017. URL consultato il 19 settembre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  5. ^ a b c (EN) Ben Reeves, Battle Of The Brands - Marvel Vs. Capcom: Infinite, su Game Informer, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  6. ^ a b c d e f (EN) Tamoor Hussain, Marvel Vs. Capcom: Infinite Review, su GameSpot, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 23 ottobre 2017).
  7. ^ a b c d e (EN) Sam Prell, Marvel vs Capcom: Infinite Review: "Rarely Makes Satisfactory Justification For Its Own Team-Ups Or Face-Offs", su GamesRadar, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  8. ^ a b c d (EN) Darry Huskey, Marvel Vs Capcom: Infinite Review, su IGN, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  9. ^ a b c d e (EN) Chelsea Stark e Jeff Ramos, Marvel vs. Capcom: Infinite review, su Polygon, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 18 settembre 2017).
  10. ^ a b c d (EN) Mike Minotti, Marvel vs. Capcom: Infinite review — corny, smaller roster, but still fun, su VentureBeat, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  11. ^ a b c d (EN) Marvel Vs. Capcom: Infinite review – I Wanna Take You for a Ride, in Metro, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  12. ^ a b c d e f g Wesley Yin-Poole, Marvel vs. Capcom Infinite review, su Eurogamer, 19 settembre 2017. URL consultato il 28 ottobre 2017 (archiviato il 19 settembre 2017).
  13. ^ a b (EN) Aurich Lawson, Marvel vs. Capcom: Infinite isn’t the same without arcade-era pixel art, su Ars Technica, 18 settembre 2017. URL consultato il 18 settembre 2017 (archiviato il 21 settembre 2017).
  14. ^ (EN) Game Critics Awards: Best of E3 2017 (2017 Nominees), su Game Critics Awards. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato il 31 gennaio 2018).
  15. ^ (EN) Best of 2017 Awards: Best Fighting Game, su IGN, 20 dicembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato il 31 gennaio 2018).
  16. ^ (EN) Eddie Makuch, The Game Awards 2017 Winners Headlined By Zelda: Breath Of The Wild's Game Of The Year, su GameSpot, 8 dicembre 2017. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  17. ^ (EN) Eddie Makuch, Game Of The Year Nominees Announced For DICE Awards, su GameSpot, 14 gennaio 2018. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2018).
  18. ^ (EN) Nominee List for 2017, su National Academy of Video Game Trade Reviewers, 9 febbraio 2018. URL consultato il 16 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2018).
  19. ^ (EN) Horizon wins 7; Mario GOTY, su National Academy of Video Game Trade Reviewers, 13 marzo 2018. URL consultato il 14 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2018).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi